Proiettato ieri sera al cinema Romano 3 di Torino, Sotto lo stesso cielo, lungometraggio prodotto dall’associazione Drama- cinema libero, racconta la vicenda di due ragazzi rumeni, Gigore e Vasile, in fuga dal loro paese d’origine. Abbandonata la Romania di fine anni ’80, i due raggiungono l’Italia sperando in un futuro migliore, ma uno dei due si ritrova in miseria e l’altro si perde nelle scorciatoie della criminalità. Il tempo narrativo fa un balzo in avanti fino al 2002, quando una ragazza rumena arriva in Italia e vive un incubo di violenza e sopraffazione, che culmina con lo stupro incestuoso da parte del fratello, il quale, partito vent’anni prima dalla Romania, non la riconosce. La conclusione della storia è tragica, come è facile intuire, ma per la ragazza rimarrà uno spiraglio di speranza. Il film è stato realizzato con la partecipazione di attori debuttanti, una parte dei quali immigrati rumeni abitanti del comune di Cunico, in provincia di Asti.

Sotto lo stesso cielo è scritto e diretto da Mary Griggion, autrice del racconto da cui questo film è tratto. Nella versione letteraria questa storia ha vinto, nel 2008, il premio letterario torinese “Sotto i cieli di Torino”. La Griggion, durante il lavoro di stesura, è stata aiutata da Piero Cognasso, sindaco di Cunico, il quale ha di recente dichiarato: “I ragazzi rumeni con cui abbiamo lavorato hanno una concezione della puntualità fuori da ogni regola, abbiamo sudato molto nel confronto tra le due forme mentis. Ma ce l’abbiamo fatta, e stasera riusciremo a proiettare il frutto del nostro lavoro”.

Newscinema vi mostra il trailer di questo film dal rilevante interesse sociale, ricordandovi che la prossima proiezione sarà il 14 dicembre al Politeama di Chivasso alle ore 20:30.