Tom McCarthy era presente a Torino per presentare il suo  “Win Win – Mosse Vincenti” e questo è quello che ci ha raccontato.

Secondo lei come la caldaia di Mike in avaria, sta scoppiando anche l’America?

Spero di no anche se è difficile dirlo. Questo film parla proprio del fatto
che le cose non miglioreranno per un bel po’ di tempo non solo negli Stati Uniti ma anche in altri paesi. La sfida che ci aspetta in questo momento è imparare a vivere con la consapevolezza di questa mancanza di miglioramento rispetto alla situazione in cui ci troviamo oggi, cercando un modo per andare avanti lo stesso. Non è mai facile dover abbassare il proprio standard di vita ovunque. Ora negli Stati Uniti stiamo optando per cercare di mantenere quello che abbiamo ed è una prospettiva che comunque spaventa e terrorizza in alcuni casi le persone e proprio quando sono spaventate le persone rischiano di fare scelte pessime e in questo senso il mio film è una sorta di ammonimento.

Il personaggio di Leo?

Leo è l’esempio di una generazione che nella sua esistenza non ha fatto altro che risparmiare perchè in molti casi ha vissuto in modo semplice, anche arrivando a vivere al di sotto di quanto i rispettivi introiti gli consentivano. Oggi è diverso il tipo di vita che noi conduciamo. Non era giusto quel modo di quella generazione, ma oggi se da un lato è vero che i problemi in cui ci troviamo sono causati per lo più dalle banche e assicurazioni, dall’altro è anche responsabilità nostra  che come cittadini, abbiamo creduto a quello che ci hanno fatto credere. Rateizzare, pagare dopo o mai, ci siamo comprati le case senza avere i soldi per poterlo fare grazie ai mutui che ci offrivano le banche. Situazione in cui siamo responsabili in prima persona e dobbiamo assumercene la responsabilità.

Il suo cinema si è andato piano piano attenuandosi nei toni, da Station Agent, L’Ospite Inatteso e poi questo Win win. Perchè questa dolcezza maggiore nel raccontare le storie?

Non lo so, non mi è facile autoanalizzarmi. Spesso non rifletto su alcune cose finchè qualcuno non mi fa una buona domanda e vorrei avere accanto il mio strizzacervelli per rispondere…Comunque quando ho iniziato a lavorare a questo film, all’inizio c’era l’idea di fare un film sulla lotta libera nei licei, poi una riflessione sulle regole personali che uno di dà e i principi morali di ognuno. Intanto in tv e per radio non facevo altro che sentire della pessima situazione in cui ci troviamo e gli errori di tutti, e mi sono chiesto chi vorrebbe andare a vedere un film che parla delle stesse cose e andare al cinema per trovare una storia che già senti tutti i giorni al telegiornale. Quindi ho deciso di dare un manto più accettabile ad una tematica così complessa per cercare di dire delle cose ma allo stesso tempo farle dimenticare, cercando di indurre la riflessione. Quindi il tono di questo film è diverso. La storia riflette la nostra società, il percorso di scelte sbagliate.

Come ha scelto Paul Giamatti?

Con Paul ci conosciamo fin dai tempi dell’ Università. Comunque è vero che lui ha avuto poche occasioni fino ad oggi di interpretare un uomo che ama la vita, che sta bene con se stesso. Mi ricordo la prima volta che abbiamo parlato di questo personaggio e io gli ho detto: Sai che c’è un ostacolo? e lui ha risposto: sì, il mio personaggio è felice…e ci siamo messi a ridere. Lui fa fatica a sorridere e avere un’espressione serena e  il tema del sorriso è centrale nel film. Non tutti hanno la capacità di sorridere naturalmente. Veste orrida giacca da sci in saldo, un fondo di magazzino, proprio per fare ritratto della classe media che vive nelle zone periferiche ma non esprimere alcun giudizio sulla relatà suburbana, nè con atteggiamento accondiscendente, nè condannarle come spesso accade, nè atteggiamento sentimentalista. Non volevo nè abbellirla, nè rovinarla.

Il ruolo centrale sembra il ruolo femminile della moglie di Mike?

E’ vero. ma in realtà all’inizio quello che lei suggerisce è continua a mentire, ovvero ‘riusciremo a farla franca se vai avanti così’ e in quel momento Mike si rende conto dello sfaldamento del suo codice morale e di tutti i suoi principi. Quando la moglie fa questo suggerimento, cade l’ultimo velo e lui sente di doversi far carico e assumersi la responsabilità di quello che ha fatto, cosa che noi ancora non stiamo facendo nella vita reale, come il governo degli stati uniti, la chiesa cattolica etc…Nessuno sarebbe in grado di andare di fronte al tribunale e assumersi le responsabilità di ciò che ha fatto. Alla fine è quello che Mike e la moglie fanno insieme a fine film.