La morte di Ramsay Bolton per mano dei suoi cani è stato uno dei momenti più seguiti dell’ultima stagione di Game of Thrones. L’ elemento grafico è stato l’arma vincente della Image Engine – la società che ha creato molte delle scene memorabili della stagione 6 destinata ad essere ancora più cruenta.

“Hanno trasmesso la scena con più riprese” ha spiegato il supervisore degli effetti visivi della Image Engine Mat Krentz. “Hanno fatto un passaggio del cane su uno schermo verde, poi Ramsay su schermo verde, e poi abbiamo avuto anche un fondo piatto nel quale abbiamo messo insieme tutti gli elementi.” Gli artisti hanno anche creato una mascella di Bolton che è stata animata per rivelare lo strappo della carne tra la pelle e le gengive di Ramsay. L’effetto era troppo raccapricciante anche per gli standard di Game of Thrones, in modo da utilizzare un composito in 2D.

ramsay

Ramsey e il suo cane

Il team creativo della Image Engine ha lavorato anche per i 72 morti apparsi sullo schermo nella passata stagione nel corso di 10 episodi. Questo è il modo in cui il conto dei morti si rompe: 22 con la spada, 14 con la gola tagliata, 1 con un laccio, e 1 da cani.

C’è un sacco di lavoro dietro ogni morte per renderla memorabile. “Alcuni scatti erano veramente dettagliati, come quando qualcuno fracassa la testa direttamente contro un muro” ha spiegato Edwin Holdsworth. “Per ottenere il look giusto per questo abbiamo ripreso la distruzione di vera carne. Abbiamo usato la stessa tecnica per le riprese in cui un personaggio ha la mano da un’altra parte. Tutto sembrava più realistico in questo modo!”.
I risultati più realistici provengono dalla combinazione di effetti pratici e quelli generati dal computer. Ad esempio le ferite di Jon Snow sono state applicate con il trucco e migliorate digitalmente. Lo stesso è avvenuto per il volto tumefatto di suo zio Benjen Stark. Image Engine non si limita a fare il sangue e tutto il necessario per rendere realistiche queste scene, la società è stata anche responsabile di molti degli splendidi dintorni, tra cui la Cittadella, il suo astrolabio gigante, e persino la gelida parete della stanza Guardiani della Notte.

Fonte: Variety