Si è spento all’età di 84 anni a Roma l’attore Paolo Villaggio, il mitico Ragionier Ugo Fantozzi che ha fatto ridere intere generazioni. Classe 1932 Villaggio ha creato una comicità grottesca e originale con personaggi come il Professor Kranz e il timido e impacciato Giandomenico Fracchia, anche se il successo è arrivato con Fantozzi, un italiano medio vittima del posto fisso e di una vita schiava della routine.

Tuttavia Paolo Villaggio non era solo un attore comico, ma ha lavorato con Federico Fellini per il film La Voce della Luna nel 1989 che gli è valso un David di Donatello come Miglior Attore. Incredibile il parallelismo della sua carriera tra cinema comico e commerciale e cinema d’autore, viste le sue collaborazioni con i registi Marco Ferreri, Ermanno Olmi, Mario Monicelli. Insieme a Totò, Alberto Sordi, Carlo Verdone, Nanni Moretti e pochi altri, Paolo Villaggio è stato un interprete talentuoso e geniale che ha lasciato il segno nel cinema italiano, con un posto d’onore che nessuno potrà mai mettere in discussione.

Ha lavorato anche in teatro, ha scritto libri satirici, ed era impegnato politicamente come si evinceva da molti suoi film. Fantozzi contro tutti, Fracchia contro Dracula, Fantozzi, Il Secondo Tragico Fantozzi sono tra i titoli della sua filmografia di maggior successo, ma anche il sodalizio con Renato Pozzetto ci ha regalato sincere risate con la trilogia di Le Comiche negli anni ’90.