La prima cosa bella: i nuovi talenti del cinema italiano, seconda tranche della kermesse astigiana, apertasi il 1 Dicembre, presenta una selezione di nove interessanti opere prime, che sono state presentate sugli schermi nostrani negli ultimi mesi. Tra i titoli più importanti, troviamo: L’estate d’inverno di Davide Sibaldi, 20 Sigarette di Aureliano Amadei, Hai paura del buio di Massimo Coppola, Et in Terra Pax di Matteo Bortugno e Daniele Coluccini, Corpo Celeste di Alice Rohrwacher, Il primo incarico di Giorgia Cecere, 18 anni dopo di Edoardo Leo, Into Paradiso di Paola Randi, Io sono Li di Andrea Segre.

Ogni proiezione sarà presentata dal cast, presente in sala. Questa terza sezione, che andrà avanti fino al 4 Dicembre, è stata preceduta, dal 21 al 24 Ottobre, da altre due sezioni, denominate Asti Short ed Asti Doc. Tra i premi più importanti, che saranno consegnati il 4 Dicembre, ci sono il premio Città di Asti, conferito da Giuseppe Battiston, e il premio alla carriera, assegnato a Cosimo Cinieri, attore, drammaturgo e regista di lunga esperienza.Eventi sempre più richiesti durante i Festival sono le masterclass, ad Asti organizzate da Andrea Bosca, il protagonista di Febbre da fieno e Noi credevamo, e da Lucio Pellegrini, regista di E allora mambo e La vita facile. Le masterclass si terranno il 3 Dicembre nei luoghi dell’Asti Film Festival, il Teatro Alfieri e la Sala Pastrone.