Il riadattamento cinematografico diretto da Steve McQueen di Twelve Years a Slave, autobiografia di Solomon Northup, sta continuando a raggruppare un cast stellare. Lo scorso agosto l’attore (non particolarmente famoso) Chiwetel Ejiofor aveva accettato il ruolo del protagonista, firmando per la parte di Northup, un educato e sposato uomo di colore, cittadino di New York nel 1853. Northup era stato contattato da due uomini per un’offerta di lavoro a Washington D.C., ma non appena egli si presentò all’appuntamento venne rapito e condotto in schiavitù. Due settimane fa, Michael Fassbender (da sempre amico del regista e presente nei suoi precedenti lavori come Hunger e Shame) era entrato a far parte del progetto ed oggi Screen Daily riferisce che anche Brad Pitt ha firmato per una parte nel film.

Pitt sta producendo il progetto del film da parecchi anni attraverso la sua Plan B, però tutt’ora non ci sono dettagli sul ruolo che avrà all’interno del cast. Ovviamente una buona campagna pubblicitaria ed un conseguente successo per Shame, tra poco nelle sale americane, porterebbe alla rivalsa il nome di McQueen e di conseguenza anche quello del suo nuovo progetto ma senza dubbio l’aggiunta di Brad Pitt al cast del film già basta ed avanza per facilitare la ricerca di finanziatori per il progetto. Il film non dovrebbe avere a questo punto alcun problema di finanziamento o distribuzione, quando arriverà sotto forma di progetto al Mercato del Film Americano il prossimo mese.