Dopo essere stata regina assoluta del Festival di Cannes dello scorso mese, che l’ha vista protagonista con svariati lavori in concorso e non, Nicole Kidman taglia oggi l’importante traguardo dei cinquant’anni. Quello dell’attrice australiana è un fascino immune allo scorrere del tempo, che l’ha resa nel corso degli anni una delle interpreti più amate dal pubblico, grazie anche alla sua eccezionale versatilità. Ripercorriamo insieme dieci ruoli che hanno segnato la sua lunga carriera, e che hanno contribuito a rendere Nicole Kidman una delle icone della cinematografia contemporanea. 

Satine – Moulin Rouge

Una musica vertiginosa della Parigi del 19° secolo e la musica del XX secolo accompagnano una storia romantica, forte, intensa e complessa per la regia di Baz Luhrmann. La sensualità e talvolta ironia di Nicole Kidman nei panni della sensuale ballerina Satine, fa sì che il pubblico si innamori di lei, proprio come lo fa il personaggio di Ewan McGregor sullo schermo. Inoltre, il film ha permesso alla Kidman di mostrare uno dei suoi talenti nascosti: cantare.

Rae – Ore 10: Calma Piatta

È il ruolo che ha lanciato la sua carriera internazionale e le ha portato il ruolo nel film del 1990 Days Of Thunder. Protagonista al fianco di Sam Neill come la metà di una coppia che, dopo essere stata sequestrata in mare dopo una tragedia familiare, incontra uno sconosciuto (Billy Zane) e la sua nave affondata. Nel thriller teso e dinamico la Kidman è in grado di trasmettere tanto sullo schermo come una giovane attrice, mentre il suo personaggio cambia da moglie dipendente e onesta in una donna forte ed intraprendente.

Suzanne Stone – To Die For

In un mondo sociale pre-mediatico, Suzanne, guidata dall’ ego e spietata, non si ferma davanti a niente per ottenere più dei suoi 15 minuti di fama, anche se questo significa ottenere l’attenzione di alcuni fanatici adolescenti ossessivi (tra cui Joaquin Phoenix e Casey Affleck) che vogliono uccidere suo marito. La Kidman equilibra le sfumature del personaggio, sfruttando con esattezza i momenti di satira del film e sembra che lei abbia una totale esplosione alla fine.

Anna – Birth, io sono Sean

Jonathan Glazer (Under The Skin) dirige Nicole Kidman come una donna di classe di New Yorker che incontra un ragazzo di nome Sean che afferma di essere la reincarnazione del marito morto. A volte inquietante e inconfutabile, Birth è una storia audace che si basa sulla protagonista convinta dell’impossibile. Con i capelli corti, il fuoco sul volto che trasmette una notevole gamma di emozioni la Kidman regala una performance mozzafiato. Un ruolo coraggioso per l’attrice nei panni di una donna che non solo affronta rabbia e dolore, ma deve farei conti con il complicato pensiero di provare attrazione sessuale per il marito scomparso.

Grace Stewart – The Others

La performance della Kidman nel 2001 in The Others è commovente, inquietante e talvolta terrificante. La Kidman è assolutamente convincente nel suo ruolo di donna in una casa padronale al centro di un thriller con la presenza di fantasmi e un passato invadente che ritorna. Questo è il ruolo che ha avvicinato di più la Kidman ad una musa di Hitchcock.

Grace – Dogville

Dogville diretto dal regista danese Lars von Trier non è un film per tutti. Il film d’autore non convenzionale e minimalista è ambientato su un soundstage vuoto, come un teatro filmato, e la Kidman è al centro di un cast di star  nei panni di Grace, una straniera in una piccola città che afferma di essere in fuga dalla folla. Senza un paesaggio o un bene, nient’altro da guardare, la telecamera si concentra sul volto della Kidman nei primi piani e le sue espressioni, aggiungendo un elemento emotivo profondo alla storia.

Alice Harford – Eyes Wide Shut

Il terzo e ultimo accoppiamento sullo schermo tra la Kidman e Tom Cruise è stato la produzione infamemente lunga di Eyes Wide Shut. Con un calendario di riprese che è durato più di 400 giorni, il regista Stanley Kubrick, morto quattro giorni dopo aver consegnato un taglio finale allo studio, ha mantenuto notoriamente segreto il modo in cui ha diretto la coppia, proibendo loro di condividere le battute e spingerli per creare una tensione palpabile dentro e fuori dallo schermo. Per la Kidman il ruolo è una trasformista che si avventura in una odissea erotica e sessuale, qualcosa di completamente diverso dalla sua esperienza sullo schermo fino a quel momento.

Evelyn Stoker – Stoker

Il dramma gotico Stoker crea un’intensa rivalità femminile tra Evelyn Stoker e la figlia India (Mia Wasikowska). Qui l’attrice è allo stesso tempo malvagia e materna, in quanto trova l’affetto per la figlia – che suo marito ha amato – e vince l’attenzione del suo bel cognato. Come la malvagia madre, la Kidman riesce a consegnare uno dei suoi più potenti monologhi nella sua carriera.

Becca – Rabbit Hole

La performance della Kidman come una madre che affronta la morte accidentale di suo figlio per mano di un giovane autista (interpretato da Miles Teller) è un viaggio emozionante nel processo di lutto: fare nuove amicizie post-tragedia, trattare con gruppi di terapie per trovare una nuova normalità per la famiglia e imparare a trovare comfort in luoghi inaspettati. Con questo triste dramma la Kidman ha guadagnato un’altra candidatura all’Oscar.

Virginia Woolf – The Hours

La performance della Kidman nel 2002 per The Hours ha guadagnato l’ Oscar. Si è trasformata nella scrittrice Virginia Woolf, mettendo da parte la sua bellezza dietro un naso protesico. Al suo fianco un grande cast come Meryl Streep, Julianne Moore e Toni Collette.