Uno dei film più attesi di questa 68 edizione della Mostra del Cinema di Venezia è certamente A Dangerous Method, nuovo capolavoro firmato dal controverso David Cronenberg: oggi, venerdì 2 settembre 2011, si è svolta la conferenza stampa del film con tanto di cast presente in sala composto da Keira Knightley, Viggo Mortensen, Michael Fassbender, Vincent Cassel e il regista David Cronenberg. Il film, ambientato durante la prima guerra mondiale, racconta la storia dello psichiatra Carl Jung (Michael Fassbender) e del rapporto con il suo mentore Sigmund Freud (Viggo Mortensen), reso complicato dalla bella Sabina Spielrein (Keira Knightley), una donna tormentata che si inserirà nella loro relazione maestro/discepolo. Il film, lontano dalle ambientazioni futuristiche di Existenz, si caratterizza come un tipico film di Cronenberg per l’attenzione smisurata nei confronti della psiche umana, una sorta di indagine sulla complessità dell’essere umano e su ciò che lo spinge ad agire. La conferenza stampa si è svolta in un clima di grande simpatia e complicità in una evidente dimostrazione della forte chimica creatasi durante la produzione del film. Potete trovare qui sotto le domande rivolte dalla stampa a David Cronenberg e al cast del film:

Lei, Miss Knightley, sembra la regina dei film di costume, si sente intrappolata in questo ruolo?

Keira Knightley: Amo moltissimo i film di costume così come amo i libri di storia. Ho lavorato e letto moltissimo per questo film, ho perfino parlato con alcuni psicoanalisti.

Quali sono le vostre considerazioni riguardo all’aspetto storico del film?

David Cronenberg: Volevo sapere se la famiglia Yung fosse realmente così brava e c’era moltissimo materiale su cui lavorare. La sceneggiatura era esatta e si atteneva alla realtà.

Che sensazione si prova nel recitare personaggi leggendari?

Viggo Mortensen: Quando si interpreta una figura storica che la gente pensa di conoscere, si ha l’idea di quanto sia importante quel personaggio e si rischia di non riuscire a divertirsi sul set.

Il suo modo di fare film è cambiato, Spider era bellissimo, ma perché ha cambiato stile?

David Cronenberg: A 68 anni, dopo aver fatto tanti film, sono cambiato. C’è un principio alla base, ogni film ti dice ciò di cui hai bisogno, ogni film ha le sue esigenze e io cerco di rispettarle.

Questo è il suo primo film in costume, per lei che ha creato mondi visivi alternativi come è lavorare sul passato?

David Cronenberg: Questo non è il mio primo film in costume, per Il pasto nudo e M.Butterfly ho dovuto fare numerose ricerche, lavorare a questo tipo di film non è una cosa insolita per me. Il cervello umano è cambiato nel corso del tempo per via della tecnologia e di altre cose, per questo motivo fare film di costume è una cosa difficile.

A Dangerous Method verrà proposto al pubblico questa sera in Sala Grande e sarà preceduto dalla sfilata sul red carpet dell’intero cast del film.