Ieri pomeriggio presso l’Auditorium Parco della Musica si è svolta la conferenza stampa di presentazione della nuova edizione del Roma Fiction Festival 2011, che torna con una nuova immagine e nuove date, per celebrare il mondo delle serie tv, fiction e televisione. Renata Polverini, Presidente della Regione Lazio, Fabiana Santini, Assessore Cultura Arte e Sport della Regione Lazio, Giancarlo Cremonesi, Presidente della Camera di Commercio, Fabiano Fabiani, Presidente dell’APT, il Direttore Artistico del Roma Fiction Festival Steve Della Casa e Antony Root, Direttore Industry, hanno incontrato la stampa all’interno della Sala Petrassi, per illustrare la nuova struttura dell’evento e il programma previsto nelle giornate dal 25 al 30 settembre 2011.

Dopo una breve interruzione di Ghione, inviato di Striscia la Notizia, che ha interrogato la Polverini riguardo 100 hostess non pagate, la conferenza ha avuto inizio, all’insegna di un tono polemico e stizzito che ha accompagnato quasi tutti gli interventi, soprattutto per l’argomento del debito del Festival dalle edizioni precedenti, la crisi del settore audiovisivo e la liquidazione della Fondazione Rossellini. “Il Roma Fiction Fest rinasce oggi nell’ambito di un più ampio programma di incremento e di razionalizzazione degli investimenti per il settore dell’audiovisivo” ha dichiarato la Polverini, sottolineando l’intervento di istituire il Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo, il primo vero Film Fund a fondo perduto a sostegno delle produzioni nella storia della Regione Lazio. Giancarlo Cremonesi ha poi continuato, dichiarando proprio che in Italia l’industria dell’audiovisivo è una realtà molto ricca e variegata, opera di un alto numero di piccole imprese e artigiani.

Presente in sala anche l’attore americano John Belushi, che insieme a Gigi Proietti, Lunetta Savino e Vanessa Incontrada, aprirà il Festival nella giornata di domenica 25 settembre, con la proiezione di “La Vita secondo Jim” seguita dalla Master Class in cui incontrerà il pubblico parlando della sua carriera e della televisione, mezzo di comunicazione tra i suoi preferiti. Pregato dai presenti di prendere la parola, al termine di tutti gli interventi dei presenti sul palco, Belushi ha abbassato un po’ il tono, riportando tutti al sorriso e sottolineando che il Roma Fiction Fest è intrattenimento e non va preso così sul serio, infatti fino al suo intervento sembrava di stare più ad un dibattito politico sui debiti del paese, più che alla presentazione di un evento ludico, piacevole da seguire per le famiglie, proprio per staccare dai problemi quotidiani.

“Quando sono entrato qui mi sembrava di essere in un’udienza. E’ bellissimo essere qui con tutte queste persone fantastiche che parlano in maniera così seria dell’intrattenimento”, ha detto Belushi con ironia.

L’attore riceverà per l’occasione, insieme a Lunetta Savino e Gigi Proietti l’Excellence Award, un premio che riconosce il loro grande talento e percorso artistico negli anni. Lo ha confermato Steve Della Casa che ha poi illustrato il programma del Festival, che conta molte anteprime nazionali e internazionali, come “Terranova”, la serie tv prodotta da Steven Spielberg e ispirata al mitico Jurassic Park, che arriverà su Fox dal 4 Ottobre, “Once upon a time”, serie fantasy con Robert Carlyle, il finale della serie tv “Smallville”, “The Slap”. Per rimanere in Italia, saranno presentati “Tutti pazzi per amore 3”, “Distretto di polizia 11”, “A fari spenti nella notte” e molti altri. Inoltre non macheranno omaggi e retrospettive, dedicate a Walter Chiari, Mario Monicelli e incontri face to face con grandi artisti come Pupi Avati, Luca Barbareschi, Luca Bernabei e altri. Molti gli ospiti, italiani e internazionali, che saranno presenti in sala durante le proiezioni e faranno dei master class per raccontarsi al pubblico e aprire una sezione del Festival come approfondimento con i professionisti del settore. “ Tutti elementi distinti che insieme contribuiscono a configurare un festival ricco, pieno di spunti di riflessione ma anche di motivi di attrazione per il grande pubblico. Lo diciamo con orgoglio: pensiamo di aver affinato una nuova formula di festival, inventandola da zero e facendo affidamento sul bagaglio di esperienza degli anni precedenti” ha dichiarato Steve Della Casa.

L’appuntamento è dal 25 al 30 settembre ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti e per consultare il programma potete visitare www.romafictionfest.it. Molte polemiche, poco tempo per organizzarlo, ma un programma interessante…vedremo come andrà questo evento della Capitale, vigilia del Festival del Film di Roma, tappa già molto attesa dopo Venezia.

 

(Per seguire con noi il Roma Fiction Fest e andare direttamente nella sezione dedicata, clicca il banner a destra con Jim Belushi)