La quarta giornata del Giffoni Film festival si apre con un sole cocente, che però non ferma i fan di Harry Potter, che aspettano con ansia che si realizzi uno dei loro sogni. Hanno tutti sciarpe con lo stemma della scuola di Hogwarts, collane con il simbolo dei “Doni della Morte”, magliette “potteriane” e libri pronti per l’autografo, e hanno sfidato lunghe code per partecipare al meet and greet delle 12.00 di oggi (magari accampandosi dalla mattina presto). Infatti al festival era ospite Evanna Lynch, attrice irlandese conosciuta per il ruolo dell’eccentrica Luna Lovegood nella saga creata da J. K. Rowilng, che oggi presentava il nuovo film My name is Emily e incontrava i fan dei film che l’hanno resa famosa nel mondo.

Evanna Lynch ospite al Giffoni Film Festival 2016

Evanna Lynch ospite al Giffoni Film Festival 2016

Non appena è entrata in sala i ragazzi hanno gridato per la gioia, sperando che Evanna rispondesse proprio alla loro domanda e lei, come il suo personaggio, si è dimostrata pronta a rispondere con allegria a tutte le richieste (anche ad una proposta di matrimonio, che però ha rifiutato: sembra che per ora preferisca legarsi ai gatti…) e a leggere tutti i cartelloni preparati dai ragazzi (“I nargilli hanno provato a rubare questo poster ma non ci sono riusciti”). Da molte delle sue risposte ai giurati del Festival si è potuto capire che, pur appartenendo alla casa di Grifondoro secondo i test che ha fatto cinque volte su Pottermore, il sito ufficiale sulla saga di Harry Potter, ha molto in comune con il personaggio della Corvonero Luna: da lei ha imparato ad essere originale, a non temere il giudizio degli altri, a dire la propria opinione. E, come ha ripetuto più volte, non si sente ancora pronta a lasciare il personaggio, tanto che si arrabbierebbe molto se, in un eventuale sequel, il ruolo venisse affidato ad un’altra attrice, e che continua a tormentare il regista e J.K. Rowling perché scrivano uno spinoff sulla vita di Luna…

Evanna Lynch in una scena di Harry Potter 5

Evanna Lynch in una scena di Harry Potter 5

A questo punto i ragazzi nella sala Sordi erano divertiti e stregati dalla simpatica attrice davanti a loro (e anche dalla mamma in realtà, che stava seduta su una sedia di fianco al palco con un’aria molto orgogliosa…), ma sono letteralmente esplosi per la felicità quando “Luna”, dopo aver parlato di come le sarebbe piaciuto recitare nei panni della professoressa Cooman o di un elfo domestico (“hanno una voce stridula proprio come la mia”), ha detto che, avendo una mente molto aperta e credendo che possa esistere la magia, non si stupirebbe affatto se il suo gatto si mettesse a parlare, ma si limiterebbe ad un “Finalmente!”.

Da quel momento le domande sono state tante e diverse: consigli per i giovani attori, commenti su The Cursed Child (l’opera teatrale sulla vita dei personaggi dopo la sconfitta di Voldemort), attori con cui vorrebbe recitare, coppie preferite di Harry Potter e  progetti per il futuro. Evanna Lynch ha risposto a tutte, anche con ironia, raccontando come la lettura sia fondamentale per diventare attori e conoscere le sfumature dei personaggi (lei era una grande fan della saga anche prima di recitare nei film), di come adori la coppia Ron/Hermione (applausi e grida di approvazione), di quanto le piacerebbe recitare con Benedict Cumberbatch (applausi ancora più forti per l’attore di Sherlock, che lei ammira per il tempo che spende con il proprio personaggio) e dei progetti per il suo futuro: recitare ancora per un po’ di anni, in modo da avere i soldi necessari per mantenere tutti i gatti che vuole (moltissimi) e vivere con loro. 

Evanna Lynch in una scena di Harry Potter 6

Evanna Lynch in una scena di Harry Potter 6

Infine, dopo qualche scambio di microfono che ha fatto ridere tutta la sala, una giovane fan ha chiesto che cosa ne pensasse riguardo alla scelta di un’attrice di colore per il ruolo di Hermione in The Cursed Child, fatto che ha creato molte polemiche. Se possibile gli applausi sono stati più di prima quando l’attrice, riferendo anche le opinioni di J. K. Rowling (che considera il suo modello), ha detto quanto ritenesse giusta questa decisione: Hermione è un personaggio simbolo per la lotta per l’uguaglianza (crea il C.R.E.P.A. ovvero il Comitato di Riabilitazione per gli Elfi Poveri e Abbruttiti, dove cerca di dare la libertà agli elfi domestici, a volte contro la loro stessa volontà) ed è perfetto che anche a teatro il suo personaggio comunichi gli stessi valori. Dopo l’ultima domanda, che per i ragazzi sembra arrivare decisamente troppo presto, e dopo qualche selfie e foto, “Luna Lovegood” lascia la sala, ma i fan continuano a parlare di come sia stata simpatica e aperta, di quanto sarebbe stato bello fare una foto con lei o avere un autogarfo e si passano i buffi occhiali che il personaggio usa nel film per trovare i fastidiosi Nargilli a bordo dell’Hogwarts Express. Sono molto soddisfatti del loro incontro e se ne vanno convinti di quello che l’attrice ha detto loro: basta perseverare ed essere positivi e sarà possibile essere qualsiasi cosa desiderino. Magari studenti ad Hogwarts?