Senza un nuovo romanzo di George R.R. Martin a fare da guida per quello che potrebbe succedere nella prossima stagione di Game of Thrones, non ci resta che affidarci ai titoli degli episodi già annunciati. La prima puntata della settima stagione sarà “Dragonstone” ed è accompagnata da una descrizione che recita: “Jon (Kit Harington) organizza la difesa del Nord. Cersei (Lena Headey) cerca di mettersi alla pari e Daenerys (Emilia Clarke) torna a casa”. Tutte cose già ampiamente annunciate, ma sarà certamente interessante capire come si muoveranno i personaggi. Cersei, ad esempio, è attualmente scoperta sul fronte delle alleanze e dovrà necessariamente correre ai ripari per sopravvivere sino all’ottava stagione.

Anche il secondo episodio, “Stormborn,” esplicita un chiaro riferimento ad uno dei soprannomi di Daenerys, nata proprio durante una tempesta. La descrizione di questo anticipa che la regina dei draghi riceverà un inaspettato visitatore (Melisandre, che abbiamo visto sbirciare dalle parti di Dragonstone in uno dei recenti trailer, oppure Jorah ?) mentre Jon dovrà domare una rivolta. Quest’ultimo indizio potrebbe alimentare la teoria che vede Littlefinger (Aidan Gillen) e Sansa (Sophie Turner) complottare contro Snow. Nel frattempo Tyrion (Peter Dinklage) “prepara la conquista di Westeros”.

“The Queen’s Justice” è infine il titolo del terzo episodio della settima stagione. “Daenerys tiene il gioco, Cersei restituisce un regalo e Jaime impara dai propri errori” è quanto scritto nell’enigmatica descrizione ufficiale. Le ultime parole, però, potrebbero far pensare ad un Jaime non più troppo accondiscendente nei confronti di Cersei, come già la scena finale della sesta stagione pareva suggerire. Per scoprirlo, non ci resta che aspettare ancora qualche settimana. L’inverno sta arrivando (in piena estate).