Il 2 giugno 1987 arrivava nelle sale The Untouchables – Gli Intoccabili, il capolavoro di Brian De Palma ispirato dalla autobiografia dell’agente federale Eliot Ness. Sono passati trenta lunghi anni da quel fatidico giorno, e ci ritroviamo oggi a celebrare il compleanno di un cult che nel corso del tempo non ha perso un briciolo del suo carisma e della sua iconicità. Dopo essere entrato nel mondo della malavita con Antonio Montana (Scarface) e prima di narrare le vicende di Carlito Brigante (Carlito’s Way), entrambi personaggi di fantasia, Brian De Palma con questo suo gangster movie decise di raccontare un momento particolare della vera storia di Al Capone, pur con ampie licenze narrative. 

De Niro è Al Capone

“Dio non ama i codardi”

A dar corpo e voce al “gangster dalle mutande di seta” c’è il grande De Niro, in uno dei ruoli chiave della sua carriera. Il celebre attore americano rappresentava secondo il regista la variabile non calcolabile di tutta la storia, grazie al suo modo di esprimersi prettamente americano (memorabile la scena con la mazza da baseball), marcatamente diverso dalle interpretazioni più moderate ed “inglesi” di Costner e Connery. De Niro, che con il regista della New Hollywood collaborava già dai mid-sixties, si rasò i capelli e mise su un bel po’ di peso per impersonare al meglio Al Capone, ma il tempo a sua disposizione non gli permise di raggiungere la taglia desiderata e così fece ricorso al metodo dei cuscini. Proprio come il gangster americano indossò biancheria di seta, e per questo motivo fece discussione con la produzione (che riteneva invece inutilmente dispendiosa la richiesta dell’attore). De Niro non imparò il copione a memoria: i dialoghi venivano quindi studiati insieme a De Palma durante le lunghissime pause per il make-up solo prima di girare le scene. 

Prima di ingaggiare Kevin Costner per il ruolo di protagonista (De Palma pensava invece a Don Johnson, star di Miami Vice), il regista si confrontò con i suoi amici Steven Spielberg e Lawrence Kasdan per un parere da “addetti ai lavori”. Entrambi avevano già collaborato con Costner e rassicurarono il regista: Kevin era il suo uomo. Anche Sean Connery, come racconta De Palma nel documentario omonimo di Noah Baumbach, accettò senza troppe esitazioni, pur di uscire dalla gabbia di James Bond in quegli anni valutava ogni nuova proposta. Dopo aver saputo della scena in cui il suo personaggio viene crivellato di proiettili subito fuori dalla propria abitazione, però, Connery divenne furioso con il regista. A quel punto De Palma ironicamente gli domandò: “Ma come, sei stato James Bond per tutti questi anni e non hai mai preso qualche proiettile ?”. A causa di quella ripresa il povero Connery ebbe pure un problema con della polvere negli occhi, che gli costò una infezione ed un immediato viaggio al pronto soccorso. Nonostante ciò il regista dimostrò comunque di avere un grande coraggio, richiamandolo per un secondo take. 

Il regista Brian De Palma con Ennio Morricone, compositore della colonna sonora

“Non siete mai stato a Chicago”

Ma come spesso avviene sui set di Brian De Palma, molte trovate (divenute poi delle scene cult nel corso degli anni) vennero improvvisate ed ideate sul momento. Tra queste la scena della carrozzina che scende le scale durante una sparatoria, chiaro omaggio a quella celeberrima de La corazzata Potëmkin. La macchina da presa si muove seguendo i protagonisti come se fossero personaggi di un horror (genere a cui il regista deve parecchio), in accordo con lo stile di De Palma, essenziale ma allo stesso tempo studiato per rendere ogni scena eccitante da seguire per lo spettatore. In alcuni momenti la tensione è talmente palpabile che si è indotti a staccare gli occhi dallo schermo. 

Lo sceneggiatore David Mamet fu molto deluso dalla repentina eliminazione di una scena di azione sul treno, secondo lui essenziale per la narrazione. Quella stessa sequenza, opportunamente modificata, fu invece usata dal regista per il successivo Carlito’s Way. Pur non essendoci nessuna conferma, per lungo tempo si è parlato di un seguito mai realizzato dal presunto nome di The Untouchables: Capone Rising, con Nicolas Cage nei panni del giovane gangster. Ma forse è proprio grazie alla sua unicità che Gli Intoccabili ha lasciato una eredità davvero incalcolabile, rappresentando una delle vette più alte mai toccate nel genere “gangster movie”. Il fatto che a distanza di trent’anni siamo ancora qui a parlarne e a tesserne le lodi dimostra inconfutabilmente una cosa: il cult di Brian De Palma non è “solo chiacchiere e distintivo”