The Artist is Present

The Artist is Present

Al Festival internazionale del cinema di Berlino nella sezione “Panorama Audience Award” ha vinto il “Miglior Documentario – Premio del Pubblico” il regista Matthew Akers con il suo “Marina Abramović: the Artist is present” che in Italia è coprodotto e distribuito da GA&A e Feltrinelli Real Cinema. Icona di tutte le forme di espressività legate al corpo, Marina Abramović è oggi una delle protagoniste più affascinanti e magnetiche del nostro tempo, dalla cui vicenda artistico-esistenziale è imprescindibile la storia stessa delle arti performative. Pioniera della performance dagli anni ’70, premiata con il Leone d’Oro alla Biennale del 1997, l’artista ha spesso superato i propri limiti fisici e psicologici, ha messo in pericolo la sua incolumità, infranto schemi e convenzioni, scavato nelle proprie paure e in quelle di chi la osservava, portando l’arte a contatto con l’esperienza fisica ed emotiva, collegandola alla vita stessa.

L’artista serba, che tra il marzo ed il maggio del 2010, ha creato al Moma di New York, la performance più importante della sua carriera, nell’ambito una retrospettiva completa dei suoi 40 anni d’arte, titolo proprio “L’artista è presente” è riuscita a creare l’ennesimo, travolgente, spettacolo, restando seduta ed in silenzio ad un tavolo all’ingresso del museo per tutta la durata dell’esposizione, invitatando i visitatori a prendere posto di fronte a lei consentendo loro di avere un’esperienza personale con la sua persona, un dialogo di soli sguardi, senza parole. Tutto questo è stato filmato e registrato da Matthew Akers che ne ha tirato fuori questo film documentario, osannato dalla critica internazionale, fino alla vittoria berlinese.

Ecco la presentazione della performance di Marina Abramovic: