Questo autunno vedremo Joseph Gordon-Levitt, come non l’abbiamo mai visto prima: nei panni di Bruce Willis. Nel film sci-fi d’azione “Looper”, incentrato su viaggi nel tempo, diretto dal regista di “Brick”, Rian Johnson, Gordon-Levitt interpreta Joe, un assassino che frequenta le fila della mafia uccidendo obiettivi man mano che vengono inviati indietro nel tempo dal futuro, finché un giorno lui stesso ma proveniente dal futuro (interpretato appunto da Willis) arriva per uno sterminio di massa. Di questa contorta ed intricata trama ne ha parlato il regista insieme allo stesso Gordon-Levitt durante l’anteprima di un teaser per la release di settembre al WonderCon, dove i due hanno parlato a riguardo di tutti gli accorgimenti che hanno avuto nel trasformare Gordon-Levitt in un giovane Willis, ottenuto con l’ausilio di protesi ed ore di trucco.

Con Willis nella parte della versione dal futuro di Gordon-Levitt, l’attore più giovane si è dovuto trasformare in due modi per assomigliare al meglio alla sua controparte proveniente dal fututo. Il primo trucco: Tre ore di protesi ogni giorno, che hanno aiutato Gordon-Levitt ad assomigliare a Bruce Willis.

In pratica abbiamo dovuto trovare un modo per ottenere un Joe simile ad un giovane Bruce Willis” ha spiegato Johnson, adattandoci al modo di recitare ed alla corporatura più esile di Gordon-Levitt, che ha descritto come “questo opera recitativa incredibilmente difficile, in cui Joe (Levitt) ha recitato come Bruce Willis ma al tempo stesso ha creato un personaggio unico con la voce dell’attore più anziano“.

Dovremo attendere il 28 settembre prossimo per riuscire a vedere sul grande schermo questa impresa di Gordon-Levitt, ma nel frattempo ecco le prime foto dal set: