Le avventure di Tintin: il segreto dell’Unicorno, il film in 3D diretto da Steven Spielberg e prodotto da Peter Jackson sarà presentato al Festival Internazionale del Film di Roma (27 ottobre – 4 novembre, Auditorium Parco della Musica). A fare le veci sarà il protagonista della pellicola,  Jamie Bell (già visto in Billy Elliot) che sfilerà sul red carpet e presenterà il film nella Selezione Ufficiale | Fuori Concorso / Alice nella città.

“Ho scoperto Le Avventure di Tintin nel 1981, dopo la presentazione del film I predatori dell’Arca perduta – dice Steven Spielberg – Secondo una recensione, per il personaggio di Indiana Jones mi sarei ispirato ad Hergé. Quando poi comprai i libri del disegnatore e li lessi, ne rimasi completamente folgorato e pensai subito che le avventure di Tintin sarebbero state dei film fantastici. Con Jurassic Park – continua il regista – ho superato le frontiere della delle tecnologie d’animazione digitale, ma non ho mai diretto un film d’animazione. Lavorando a Le Avventure di Tintin sapevo che, per onorare al meglio il lavoro di Hergé e restare il più fedele possibile ai suoi disegni e alle tonalità cromatiche che li caratterizzano, era necessario adottare la tecnica del ‘motion capture’, in grado di captare il movimento degli attori creando un mix tra realtà e cartoon”.

“Sono fan di Tintin dall’età di otto anni ed è una vita che leggo le sue avventure senza mai stancarmi, appaiono sempre come storie nuove – racconta Peter Jackson – Sapevo anche che Steven aveva da tempo acquisito i diritti e in qualità di fan, non di produttore, ero in attesa dell’uscita del film, chiedendomi per vent’anni come sarebbe stato realizzato. Quando poi sono stato coinvolto da Spielberg nel progetto, per me è stato un momento fantastico, ho realizzato il mio sogno di bambino”.