L’Ischia Film Festival, uno degli eventi cinematografici più  importanti della stagione estiva,  non  guarda solo al cinema,  anzi. Ieri durante il convegno nazionale “Cinema e cultura”  tenutosi a Roma,  l’ On. Tajani Vicepresidente della  Commissione Europea responsabile per l’industria e l’editoria, è  intervenuto affermando come questo festival oltre a essere  un’importante vetrina per l’Italia  rappresenta anche un gran  potenziale economico, turistico, o meglio cineturistico, e  culturale. Non a caso è l’unico evento italiano in cui trova spazio la BILC, un’importante manifestazione volta ad affrontare il fenomeno del turismo cinematografico con l’intento di creare occasioni di scambio, business e esperienza anche tra tour operator di tutto il mondo.

Nel suo intervento è stato dato largo spazio ai progetti in corso (il lavoro svolto dall’Apulia Film  Commission per attrarre sul proprio territorio le produzioni audiovisive ne è un esempio) e ai  risultati ottenuti sin da 2003. Infatti ad avvalorare il festival, in seguito alle diverse attestazioni di merito all’estero, è giunto anche un prestigioso riconoscimento nazionale che attesta la validità dell’impegno profuso in questi anni da Messina. Ora l’intenzione primaria di cui si fa carico l’Ischia Film Festival è quella di creare una positiva sinergia volta a favorire il potenziamento di questo segmento del turismo culturale, considerando, con buon auspicio,  anche la presenza già confermata di rappresentanti di diversi paesi stranieri.