Jake è un giovane alle prese con gli scompensi ormonali che la adolescenza porta con sè: in crisi quando c’è da conversare con le ragazze, ogni sera apre il suo laptop personale per navigare nel mondo della pornografia sul web. Ben presto scopre di essere più a suo agio nel ruolo di “voyeur” della quotidianità altrui piuttosto che in quello di partecipante attivo della sua vita sociale.

È in una periferia londinese che si consuma la vicenda di emarginazione messa in scena da Rafael Kapelinski, già autore di cortometraggi ma alla sua prima esperienza con un lavoro di novanta minuti. Butterfly Kisses, già vincitore del Crystal Bear alla Berlinale, è stato presentato in concorso come anteprima nazionale al Lucca Film Festival 2017.

Ma se Butterfly Kisses per i suoi primi trenta minuti può sembrare una stanca analisi della adolescenza, i cui simboli già in altre occasioni sul grande schermo sono stati quelli della masturbazione compulsiva e della verginità come gabbia, il debutto del docente inglese nasconde bene sino ai minuti finali le ombre dei suoi protagonisti (e così quelle della loro generazione). Quello che sorprende è il grande uso del bianco e nero (anche se sfugge il motivo della scelta al di là del puro impatto stilistico), accompagnato da una regia sapiente e da una fotografia azzeccata.

A sottolineare le scene principali una colonna sonora davvero ispirata, che spazia dai sound elettronici più rarefatti ai ritmi serrati dei Die Antwoord. Nonostante al centro della narrazione vi siano i giovani protagonisti, le scene più incisive sono quelle riguardanti i loro genitori: militarmente rigidi e delusi dalle prospettive dei propri ragazzi o ubriachi e al verde, che non si fanno scrupoli a chiedere qualche sterlina agli amici dei propri figli.

Ma Kapelinski sembra giocare su di una ambiguità scivolosa. Quale vuole essere il messaggio ? È il porno ad essere anticamera della perversione e della deviazione (come la prima metà vuole suggerire) o è la repressione sessuale il vero nemico (come sembrerebbe invece indicare la seconda metà) ? Questa ambiguità non può esserci in un lavoro dal finale così duro e accusatorio, perché nella realtà nulla è davvero semplice, come lo stesso cineasta spiega nella splendida frase conclusiva. Non è semplice il perdono, non è semplice la condanna.