Dopo il successo raccolto ad inizio anno con la sua presentazione al Sundance Film Festival, l’adattamento cinematografico di Mudbound, romanzo di Hillary Jordan, arriva in questi giorni alla Festa del Cinema di Roma grazie a Netflix, che distribuirà il lungometraggio attraverso la sua piattaforma a partire dal 17 novembre prossimo.

Terza opera della giovane regista afro-americana Dee Rees, da sempre attenta alle tematiche sociali e ai diritti delle minoranze, Mudbound offre uno spaccato dell’America dopo il secondo conflitto mondiale e riflette sulle tensioni ancora esistenti tra gli strati più poveri della società. L’esordio alla regia della Rees, Pariah, trovò parecchi sostenitori al Sundance Festival del 2011, grazie alla potente storia di una ragazza appena diciassettenne alla scoperta della propria sessualità, mentre la breve incursione sul piccolo schermo con il biopic targato HBO sulla vita della cantante blues Bessie Smith le fece ottenere numerose candidature ai Golden Globes e agli Emmy Awards.

Dee Rees torna ancora una volta sui temi del razzismo e dell’emancipazione femminile, analizzando in una prospettiva storica quelle che sono ferite ancora aperte nel tessuto sociale americano. Mudbound racconta la storia della giovane insegnante Laura Chappell, costretta a seguire il marito e a trasferirsi dalla grande e civile Memphis in una vecchia fattoria nel Mississippi. A darle sostegno e forza nell’affrontare ogni giorno una vita nei campi certamente distante da quella da lei sempre sognata, ci sarà l’amicizia con la sua vicina Florence Jackson. Una amicizia destinata però ad essere ostacolata dai pregiudizi di una comunità ancorata ad una visione classista e razzista degli Stati Uniti, per cui una giovane donna bianca non può instaurare un rapporto alla pari con una donna di colore. Un giorno l’improvviso ritorno a casa di Jamie, reduce della seconda guerra mondiale e fratello del marito Henry, susciterà in Laura, ammaliata dal suo fascino e dai modi gentili del ragazzo, sentimenti nuovi e mai provati prima con tale intensità. Qui sotto potete vedere la nostra video intervista alla regista e alla cantante Mary J. Blige che abbiamo incontrato a Londra in occasione dell’anteprima del film.


Protagonista di Mudbound è l’attrice britannica Carey Mulligan, che torna a recitare un ruolo dal forte impegno sociale dopo quello interpretato in Suffragette solo due anni fa, mentre il personaggio del giovane soldato di cui la protagonista si innamorerà ha gli occhi chiari del Garrett Hedlund di On the road. Jonathan Banks, volto ormai celebre grazie al ruolo di Mike in Breaking Bad, veste i panni del padre di Jamie ed è invece Mary J. Blige ad impersonare Florence, la donna di colore con cui Laura stringerà una forte amicizia.