Vuoi convincere le persone ad affidarti il loro denaro?”, chi parla è Bernard Madoff, il broker accusato di una delle più grandi frodi finanziarie di tutti i tempi. Un capitolo tragico della storia americana raccontato dalla ABC in Madoff, la mini-serie in due parti interpretata da Richard Dreyfuss, l’indimenticabile protagonista de Lo squalo e Incontri ravvicinati del terzo tipo: “La televisione ha sbloccato le persone creative – ha rivelato Richard Dreyfuss durante la conferenza stampa di MadoffIl cinema americano è una serie infinita di sequel, la situazione artistica è molto arida”.

Richard Dreyfuss è Madoff nella miniserie della ABC

Presentato in anteprima durante la decima edizione del Roma Fiction Fest, Madoff mette in scena l’ascesa e la caduta di un criminale reo di aver fondato la sua società finanziaria sulla promessa fraudolenta di alti guadagni. Una catena di truffe che ha funzionato fino a che i prelievi, surclassando i depositi, non hanno fatto crollare lo schema Ponzi: “Non ho mai incontrato Madoff. Avrei potuto parlare con lui ma non ho voluto. Non mi avrebbe detto la verità così come non l’ha detta a nessuno. È un mostro! – ha confessato Dreyfuss, amareggiato dallo sguardo edulcorato della ABC – Non ci hanno consentito di citare i nomi di banche coinvolte come la Wells Fargo o la Citibank. È stato dannoso non mostrare la portata distruttiva di Madoff. Come cittadino americano sento di avere partecipato a un atto di codardia. Non sono un impiegato della ABC”.

Sviluppato tra il passato e il presente, Madoff è la risposta della ABC ai drammi della HBO. La differenza tra le due case di distribuzione è il respiro, improntato per la ABC a “semplificare la storia al fine di rendere chiaro quello che succede”. Il punto debole dello show resta la costruzione narrativa che, dal celebre Wall Street di Oliver Stone al recente La grande scommessa di Adam McKay, risulta (a tratti) citofonata: “A Wall Street nessuno viene colto in flagrante perché non c’è interesse a far trionfare la giustizia. Le persone non sanno di avere il diritto di mandare in prigione questi criminali. Abbiamo perso la capacità di indignarci. È una tremenda ammissione di fallimento”.

Richard Dreyfuss in una sequenza thriller di Madoff

Madoff è solo l’ultimo dei grandi ruoli di Richard Dreyfuss, una delle colonne portanti del cinema hollywoodiano: “Non avrei dovuto vincere l’Oscar a ventisette anni. Ha smussato la mia ricerca della perfezione. La recitazione è una parte nobile della mia vita. Non voglio fare il finto modesto, sono orgoglioso del mio lavoro. Ho sempre scelto film vicini ai miei principi. Per quanto riguarda le mie performances credo vadano applauditi anche i doppiatori. Quando mi sono rivisto per la prima volta doppiato sono rimasto shoccato dal loro talento”.

Essendo Madoff collegato al sistema finanziario americano, non è mancato uno sguardo sulla situazione politica: “Donald Trump è l’inevitabile conclusione di una spirale di decadimento. Guidiamo ad alta velocità e l’incidente è l’America. Il nostro paese sta crollando. Trump è l’esempio perfetto del rifiuto di educare e capire. È il bullo del bar, l’ubriaco fastidioso, il tizio che non vorresti mai invitare a cena. Che cosa gli contesto? La sua mancanza di umanità”.

La miniserie Madoff verrà trasmessa in prima TV su Sky Cinema Uno HD il 28 gennaio 2017.

Trailer Madoff