Risorto, recensione in anteprima: la spy story a sfondo biblico con Joseph Fiennes
2.7Overall Score
Regia
Sceneggiatura
Cast
Effetti Speciali
Reader Rating 1 Vote

Dopo il terribile flop di Waterworld e alcune opere poco apprezzate dal pubblico e dalla critica mondiali come Montecristo e Tristano & IsottaKevin Reynolds tenta di riscattarsi con Risorto, un film che racconta l’epica storia a sfondo biblico della Risurrezione attraverso gli occhi del non credente Clavio (Joseph Fiennes), un tribuno militare romano incaricato da Ponzio Pilato (Peter Firth) di risolvere il mistero della scomparsa del corpo di Gesù (Cliff Curtis) nei giorni seguenti alla crocifissione. La missione, nata per smentire le voci sulla risurrezione del Messia, dà però l’occasione a Clavio di vivere sulla sua pelle alcune delle vicende più emozionanti del Nuovo Testamento e di scoprire i miracoli di Gesù.

Risorto è in assoluto uno dei film rischiosi dell’anno. Portare sul grande schermo una storia già brillantemente raccontata da autori come Martin Scorsese e Mel Gibson e tradurla in un’inedita spy-story sono due imprese che avrebbero messo in crisi anche personalità ben più affermate di Kevin Reynolds. Eppure il regista di Fandango, per risollevarsi da un ventennio di flop e tornare così al livello di suoi capolavori del cinema d’avventura come Robin Hood e Rapa Nui, tenta l’impossibile ma il risultato non è diverso dal già citato Tristano & Isotta. Nonostante il cast eccezionale composto da Joseph Fiennes e Tom Felton, il budget considerevole e l’apprezzabile tentativo di raccontare in un modo originale la Risurrezione di Cristo, Risorto non convince del tutto; questo perché i deboli effetti speciali, la banalizzazione degli eventi del Nuovo Testamento e la caricaturizzazione dei personaggi rendono l’opera inspiegabilmente lontana dalla storia originale. Un po’ perché la sceneggiatura, scritta dallo stesso Reynolds, non ha la forza per sorreggere la struttura di un film così complicato e un po’ perché la messa in scena non è all’altezza di un’opera visivamente splendida come La Passione di Cristo del 2004. Risorto è così un film ambizioso ma approssimativo di cui resteranno allo spettatore la bellezza dei set di Malta e Almeria e l’azzardo di mescolare generi totalmente diversi per raccontare una delle storie più conosciute di tutti i tempi.

Risorto verrà distribuito dalla Warner Bros in tutti i cinema italiani il 17 Marzo 2016.

TRAILER