All’interno della sezione Screenings del Robot Festival 2013 è stato proiettato il documentario “We Are Modeselektor”, realizzato da Romi Agel e Holger Wick. I Modeselektor sono una famosa band tedesca di musica elettronica, composta da Gernot Bronsert e Sebastian Szary, che ormai da diversi anni riempiono arene e locali di tutto il mondo, avvolgendo il pubblico nel loro sound ricercato ed eclettico.

La loro musica passa dall’ electro all’hip pop, dall’ iDM al Glitch, dando forma ad un’energia pazzesca alla quale è difficile resistere per un appassionato del genere. Per comprendere tuttavia le origini e le fonti di ispirazione del loro lavoro è indispensabile indagare sul loro background e il percorso che li ha portati al mondo della musica e, questo documentario serve proprio a questo. Agel  e Wick fanno luce sulla vita e il percorso artistico di questi due deejay artisti del suono, che provengono dalla provincia della Germania Orientale e sono arrivati a Berlino per poi conquistare il mondo. Alternando interviste ai protagonisti, ai loro amici, colleghi e alla loro famiglia, il film riesce a dare un quadro generale della band preferita da Thom Yorke, frontman dei Radiohead. Gernot e Sebastian si incontrano per la prima volta nel 1992 a Berlino e da lì hanno iniziato a collaborare, in occasione di alcuni party con il nome di Fundamental Knowledge. Il nome Modeselektor vede la luce solo nel 1996, ispirato alla funzione musicale dello strumento Roland RE-201.

monkey_51371cd3902e82.44881714Già da bambino Gernot teneva il tempo sbattendo i giocattoli, denunciando un notevole senso del ritmo. Così un maestro propose di iscrirverlo a lezioni di piano, ma fu un terribile fiasco” racconta la mamma dell’artista, tra i sorrisi degli altri componenti della famiglia. Infatti lo stesso Gernot poi confessa che il suo amore per la musica elettronica è stato sempre presente, e , anche durante gli anni di università a Berlino, non è riuscito a mettere da parte questa passione stringendo amicizia con musicisti e amanti della musica fino alla formazione della band Illuminati. Poi l’incontro con Sebastian e quindi la consacrazione di un sogno che, ancora oggi, che hanno entrambi una famiglia, vive e convive con la quotidianità. “ Quando torno da un concerto o da un tour e torno a casa, trovo mia moglie e le racconto come è andata e quello che abbiamo fatto e lei ascolta e poi mi chiede se magari posso un attimo passare a comprare il latte, sono felice. E’ bello avere una famiglia perchè la famiglia ti tiene ancorato alla realtà e quindi è importante” dichiara Gernot nella seconda metà del documentario. We are Modeselektor unisce filmati di repertorio che mostrano le serate pazzesche e le performance originali della band, alle dichiarazioni degli artisti e delle persone a loro vicine, creando un ritratto completo di una realtà intrisa di musica e divertimento, che oltre all’energia che trasmette, denota un inguaribile carisma e frizzante umorismo, piacevole da gustare sullo schermo. A metà strada tra il documentario e il video clip, il lavoro di Agel e Wick è interessante ma anche spassoso, e l’idea del Robot Festival di gustare le proiezioni comodamente sdraiati su grandi cuscini colorati, aiuta sicuramente l’atmosfera rilassata, giovane e creativa del festival bolognese.

 

TRAILER