Ryan Murphy, il geniale creatore dei telefilm cult Nip/Tuck, Glee e American Horror Story, torna nuovamente al cinema con due nuovi progetti, il dramma The Normal Heart e un horror dal titolo e dalla trama ancora sconosciuti. Due anni dopo il modesto Mangia Prega Ama Ryan Murphy torna al cinema con The Normal Heart, un film interpretato da Mark Ruffalo, Julia Roberts e Alec Baldwin.

Il film, incentrato sulla esplosione del caso AIDS negli anni ’80, racconterà la storia vera di Ned Weeks (Mark Ruffalo), un attivista gay che lottò duramente per abbattere i pregiudizi contro gli omosessuali. La Roberts, già protagonista di Mangia Prega Ama, interpreterà il medico paraplegico Emma Brookner e Baldwin vestirà i panni del fratello di Ned Weeks, un uomo incapace di accettare l’omosessualità del fratello. Ma non è tutto. In attesa di iniziare le riprese di The Normal Heart, Ryan Murphy ha già firmato con la Sony Pictures un contratto che prevede la stesura di un film horror fianco a fianco con lo sceneggiatore di Apollo 18 Brian Miller. Il film, sviluppato con tematiche horror fantascientifiche non ha ancora un regista ufficiale e nulla è trapelato su un eventuale coinvolgimento di Murphy nella direzione del film. Dopo il successo planetario di American Horror Story, Ryan Murphy torna nuovamente a destreggiarsi tra il genere drammatico e quello horror, dimostrando ancora una volta a pubblico e critica il carattere poliedrico della sua regia: nell’ampio curriculum di Murphy possiamo infatti ritrovare la serie adolescenziale Popular, il telefilm sulla chirurgia plastica Nip/Tuck e il musical Glee.

A dispetto del talento smisurato di Murphy nel confezionare telefilm qualitativamente di impatto e di successo mediatico, il regista appare ancora debole nella realizzazione dei lungometraggi, dal 2006 ad oggi assolutamente perdibili: l’esordio è avvenuto con il dramma Correndo con le forbici in mano, seguito poi dal già citato Mangia Prega Ama. Non resta che attendere The Normal Heart e l’anonimo e misterioso horror fantascientifico per vedere se Murphy oltre ad essere considerato uno geni televisivi contemporanei possa essere inserito anche tra le nuove promesse del cinema hollywoodiano.