Stranger Things è la serie tv di Netflix ha conquistato il pubblico con un ritorno ai classici thriller paranormali anni ’80. I fratelli Duffer hanno creato questa serie come un inno al loro decennio di nascita, e la storia della sua realizzazione è affascinante quasi come la serie stessa. Ecco uno sguardo al dietro le quinte della storia di Stranger Things.

L’inizio del successo dei fratelli Duffer

Matt e Ross Duffer, la coppia di fratelli regista-sceneggiatore che ha creato la serie tv sci-fi, ha dimostrato un precoce interesse per il cinema. Dopo un inizio con una videocamera Hi8 che i loro genitori gl hanno regalato, il duo ha portato avanti il loro comune interesse studiando cinema alla Chapman University. Il loro primo film è stato un horror che non ha avuto un seguito ma ha catturato l’attenzione di M. Night Shyamalan, che ha assunto la coppia per lavorare alla sua serie Wayward Pines. Questa esperienza televisiva ha offerto ai fratelli l’inizio di cui avevano bisogno per lanciare una propria serie come produttori, con l’aiuto di Dan Cohen e Shawn Levy.

the-kids-shaped-themselves

Originariamente doveva essere ambientato a Montauk

Stranger Things è finito con l’ambientarsi ad Hawkins, Indiana, ma i fratelli Duffer originariamente volevano girare a Montauk, New York. La storia di vita reale della regione potrebbe aver ispirato la storia: la leggenda vuole che il Camp Hero Air Force Base della città fosse utilizzato come il luogo di esperimenti governativi per il controllo mentale su bambini rapiti.

I fan della serie potrebbero notare un ambiente familiare

Stranger Things è stato girato nella zona di Atlanta, in Georgia, che è anche sede di una serie di produzioni televisive e cinematografiche diverse e di successo. The Bellwood Quarry, dove il non corpo di Will viene trovato e dove Mike è vittima di bullismo, è stato lo stesso sito visto nella prima stagione di The Walking Dead e nei film di Hunger Games.

La colonna sonora molto importante

Per dare un senso di ciò che avevano in mente per la musica di Stranger Things, i fratelli Duffer hanno mescolato tra loro più di 25 film classici con alcuni di John Carpenter per mostrare l’efficacia della musica elettronica con il loro contenuto horror sullo sfondo. Ha funzionato: la colonna sonora è stata composta da Michael Stein e Kyle Dixon.

title-art-tribute

Caratteri vintage del titolo

La maggior parte dei riferimenti alla cultura pop di Stranger Things sono stati messi di proposito, e il titolo non fa eccezione. Esso utilizza una versione modificata di un font chiamato ITC Benguiat, che è stato usato in un gran numero di copertine di libri classici di Stephen King. Il carattere, che è stato progettato da Ed Benguiat (da qui il nome) è stato reso popolare nel 1978, ed è stato anche visto nelle aperture di film come Star Trek Generazioni e Star Trek: Primo contatto.

I bambini sono stati istruiti sui film degli anni ’80

Trovare le piccole star per il cast di Stranger Things è stato di fondamentale importanza per il potenziale successo della serie. I fratelli Duffer hanno provinato 906 ragazzi e 307 ragazze per i ruoli utilizzando delle scene di Stand By Me. Quando finalmente scelsero Finn Wolfhard, Gaten Matarazzo, Caleb McClaughlin e Noah Schnapp, sono stati soddisfatti del cameratismo immediato che i ragazzi avevano uno con l’altro. Prima che iniziasse la produzione si sono organizzati per rivedere film come Poltergeist e I Goonies per ottenere un senso dell’aspetto grafico della serie futura. I Duffers hanno detto a EW che il primo giorno di riprese, durante il quale hanno girato la prima scena del quartetto che gioca a Dungeons and Dragons insieme, i “ragazzi hanno fatto la scena senza sforzo e con energia…la loro chimica era elettrica, si sentivano come se si conoscevano da sempre.”

winona-ryder-channeled-meryl-streep-for-her-role

Stephen King è un fan della serie

Come la più grande singola fonte di ispirazione, l’ammirazione di Stephen King vale molto. L’autore ha scritto su Twitter che quando ha visto la serie è stato come “guardare Greatest Hits Steve King…in senso buono“, e ha definito il programma di serie A per “puro divertimento”.

Winona Ryder si è ispirata a Meryl Streep per il suo ruolo

Winona Ryder è stata una delle prime scelte per il cast di Stranger Things, ma quando si è avvicinata al progetto, non aveva idea di cosa fosse lo streaming e aveva poca esperienza televisiva per costruire il suo personaggio, ma ha trovato ispirazione dal ruolo di Meryl Streep in Silkwood.