Terry Gilliam ha presentato a Roma il corto prodotto dalla Pasta Garofalo. Il regista di Parnassus e di Paura e delirio a Las Vegas si è mostrato alla stampa con volto rilassato e camicia a fantasia, rispondendo con disinvoltura, ironia e semplicità ai giornalisti e agli studenti in sala.
Il corto che vede tra i protagonisti anche Cristiana Capotondi, in veste di mamma chioccia e preoccupata, e alla colonna sonora Daniele Sepe, regala la visione di una Napoli misteriosa e a tratti inquietante (i richiami alle atmosfere e ai costumi di Parnassus sono evidenti) con un occhio anche ai problemi attuali che l’affliggono. Più volte il regista ha ribadito la sua relazione con la città: “Non è di tipo sessuale, ma credo stia diventando sensuale; trovo che sia bellissima, una città magnifica per me che amo agli estremi; fin dalla prima volta che ci sono stato mi sono lasciato travolgere dalla sua energia, e man mano che mi addentravo in essa, scoprivo la gente, l’umanità che la contraddistingue, il loro desiderio di aiutarti a comprendere il piacere del cibo”.

E se Gilliam lascia aperta la possibilità di tornare farvi visita per una futura pellicola, ammette anche quanto sia stato stimolante e si sia sentito libero nel girare un cortometraggio. “The Wholly Family”, questo è il titolo del corto, si presenta come un esperimento interessante su cui Pasta Garofalo, oramai da anni, preferisce investire, usando cinema e cultura come mezzo attraverso il quale veicolare i valori propri dell’azienda, piuttosto che vendersi tramite la consueta pubblicità. Il corto, dopo un’anteprima web sulla piattaforma MYmovies Live!, verrà proiettato nelle sale cinematografiche di Roma (Quattro Fontane e Greenwich), Milano (Eliseo), Napoli (Filangeri, American hall), Torino (Cinema Massimo) e Firenze (Cinema Fiorella). Infine dal 30 maggio andrà in onda nel prime time su Sky Cinema HitsHd in una serata dedicata a Gilliam, e dal 13 giugno su Fox Cult.