Il 27 aprile 2017 esce nei cinema italiani The Circle, il cyber-thriller tratto dall’omonimo romanzo di Dave Eggers.

Diretto da James Ponsoldt e interpretato da Emma Watson, Tom Hanks, John Boyega e Karen Gillan, The Circle racconta la storia di Mae (Emma Watson), una ragazza che si divide tra un lavoro frustrante e una situazione familiare difficile. Dopo l’inaspettato colloquio a The Circle, Mae rivoluziona la sua vita entrando nella più grande azienda di tecnologia e social media.

Incoraggiata da Eamon Bailey (Tom Hanks), il fondatore della società, Mae inizia la sua scalata al successo rinunciando alla propria privacy. Ma quali sono i rischi di condividere ogni aspetto della quotidianità con il resto del mondo?

the circle

Tom Hanks è il leader di The Circle, la versione oscura di Steve Jobs nel thriller di James Ponsoldt

Un cast sottotono

The Circle annovera nel cast grandi nomi della settima arte. Il due volte premio Oscar Tom Hanks è Eamon Bailey, il fondatore della società che dà il titolo al film. Un oscuro Steve Jobs (nella sua capacità di coinvolgere le masse) che fatica a inquietare come nel best seller originale. Il problema è la sceneggiatura scritta a quattro mani da Ponsoldt ed Eggers che sfuma il personaggio fino a renderlo un villain di cui difficilmente lo spettatore si ricorderà in futuro. Un difetto che accomuna anche gli ottimi Bill Paxton e John Boyega, imprigionati in ruoli che non colmano i buchi dello script.

Lontana dall’anonima Belle de La bella e la bestia e più efficace dell’interpretazione col freno a mano tirato di Hanks, Emma Watson incarna una anti-eroina vincente. Un personaggio ben delineato che consacra (finalmente!) l’attrice inglese tra le promesse della settima arte.

the circle

Emma Watson è Mae, una ragazza disposta a sacrificare la propria privacy per The Circle

Un thriller già visto

Quando The Circle inizia, lo spettatore rivive il fascino ipnotico di Black Mirror, la serie britannica che analizza gli orrori della tecnologia moderna. Nonostante l’indiscutibile influenza del romanzo di Dave Eggers, è impossibile non pensare allo straordinario episodio Nosedive di Joe Wright che affronta la perdita della libertà sui social networks. Un messaggio che James Ponsoldt sfuma fino a rendere invisibile il senso stesso dell’opera, indebolita dall’eccessiva commistione tra generi che spaziano dal dramma sociale al thriller psicologico.

Ponsoldt non è Ron Howard né tanto meno Danny Boyle e non sono sufficienti una trama accattivante e un cast di stelle per realizzare una pellicola che, considerato l’argomento, non va oltre il mero entertainment. Dopo lo straordinario prologo accompagnato da giochi di numeri e da musiche elettroniche, The Circle perde la bussola risultando l’ennesima pellicola che affronta la mania dei social. Un tema che, attraverso l’ossessione per i likes e la caratterizzazione anonima, risulta già visto.

L’estetica impeccabile e il respiro thriller arricchiscono il film di Ponsoldt ma l’epilogo buonista (ed eccessivamente prevedibile) sminuisce una storia che avrebbe potuto (e dovuto) trasmettere di più.

The Circle verrà distribuito da Adler Entertainment e da Good Films nei cinema italiani il 27 aprile 2017.

Trailer – The Circle

Un dramma social che non colpisce
3.0Overall Score
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Reader Rating 1 Vote