Il SNGCI (Sindacato Nazionale dei Giornalisti Cinematografici Italiani) ha assegnato, nell’ambito della kermesse lidense, il Premio Francesco Pasinetti 2011 a Terraferma di Emanuele Crialese. Il riconoscimento è stato consegnato  sulla base della seguente motivazione: “Perché tra cronaca autentica e racconto epico, tra realismo e poesia mette a fuoco, con splendide immagini e un cast eterogeneo di particolare forza espressiva, un capitolo di quotidianità che è già storia dei nostri tempi, andando oltre la terra degli sbarchi, con un messaggio universale di solidarietà”. In effetti  Terraferma è un film che si connota per il suo forte contatto con una tematica calda e attuale per il nostro Paese, ossia quella dell’immigrazione clandestina e della successiva integrazione, che fa da sfondo alla storia di una famiglia di Linosa. Terraferma è  nelle sale dallo scorso 7 settembre, distribuito da 01 Distribution.

L’ultimo terrestre di Gian Alfonso Pacinotti, uscito il 9 settembre in tutta Italia, si è accaparrato il Premio Pasinetti Speciale. In proposito il commento del SNGCI è stato: “Un film diverso, surreale e divertente nel quale la storica provocazione di Orson Welles diventa oggi, tra spunti di fantasia e realtà quotidiana, un apologo sulla solitudine esistenziale in un mondo in cui i veri alieni sono, forse, proprio tra i terrestri. Un film che offre uno sguardo inedito sulla società e sugli affetti, ben sostenuto dagli interpreti e soprattutto da un protagonista che è un’autentica rivelazione”.