Oggi è sbarcato a Venezia anche l’attore americano Nicolas Cage per presentare il film Joe diretto da David Gordon Green, in cui interpreta l’ex detenuto Joe Ransom, un uomo collerico e istintivo con un passato difficile alle spalle che  rincorre la redenzione, cercando di dominare la sua natura tormentata. Incontra un ragazzo sfortunato che ha il volto del giovane attore canadese rivelazione degli ultimi mesi, Tye Sheridan, che riesce a ritrovare il cuore dell’uomo, sepolto da molti anni nella freddezza e nell’oscurità di una vita triste e pericolosa. Questa mattina il regista e il cast hanno parlato di questo film, sceneggiato da Gary Hawkins secondo un adattamento del romanzo di Larry Brown.

1) Come mai ha voluto raccontare questa storia?

David Gordon Green: Le storie del Sud mi hanno sempre interessato perchè ho passato gran parte della mia vita in quei paesaggi. A volte non desidero altro che scappare lì. Abbiamo tratto il film da un racconto di Larry Brown. Io avevo anche lavorato tempo fa ad un documentario su Joe Ransom e l’ho anche incontrato. Quindi mi sentivo ispirato per tornare indietro, e ho trovato il cast e la troupe giusti per fare questo film.

2) Questa storia riguarda la crisi sociale e morale di un uomo e di un paese. Come avete lavorato con un tema così attuale?

Nicolas Cage: Per me si è trattato solo recitare una parte, il film è quello che pensate voi…io ho dato vita al personaggio, ho letto il libro di Larry Brown per abbinarmi alla visione del regista e dare il meglio per interpretare il personaggio. Sono stato in ottime mani.

3) L’America nei film risolve sempre con armi e forza quello che potrebbe risolvere con una denuncia alla polizia. Perchè?

Nicolas Cage: Non posso rispondere  io alla domanda anche se lei pensa che io possa essere il portavoce dell’America contro l’uso delle armi.

4) Lei ha molti fan in Cina. Vorrebbe fare un film cinese?

Nicolas Cage: E’ un buon cinema, hanno grandi registi e ho un buon rapporto con la Cina, mi piace molto. Ho un grande flusso di conversazione, mi seguono molto. Sarò in Cina fra tre settimane nel film Outcast di Christian Hayden realizzato in parte con finanziamenti cinesi. So che mangiano benissimo sul set tutto il giorno :)

5) Cosa le piace del suo personaggio e la sua redenzione?

Nicolas Cage: Joe mi ha dato l’opportunità di lavorare con grandi professionisti che hanno fatto un ottimo lavoro. Di solito passo un anno a leggere e analizzare il copione, invece questo mi è piaciuto subito e mi ha dato modo di affrontare un personaggio al 100% e costruirlo passo dopo passo. Green mi ha offerto una grande opportunità.

6) Cosa pensa di Joe e come ha costruito il personaggio insieme a Cage?

David Gordon Green: In molti film sono interessato alla mascolinità nella vita di un uomo. Capisco Joe. Lui è un uomo ammirevole con difetti fatali, che deve affrontare internamente. Ha la sua legge, trascura il codice della sua cultura perchè ne ha uno suo interno. Parlando con Nick pensavamo un uomo che cerca la redenzione e cerca di mitigare i dolori con una forza esterna, grazie per esempio al personaggio interpretato da Tye Sheridan.

7) Perchè ha scelto Nicolas Cage per il ruolo?

David Gordon Green: Per un regista lavorare con un attore come lui è molto bello. Ho visto tutti i suoi film e li ho amati, ho amato il suo carisma, il suo talento e i rischi che ha corso nella vita e nel lavoro. Si mette sempre in discussione, sfida se stesso e il pubblico. Quando ha risposto alla sceneggiatura, avrei fatto salti mortali per averlo nel film. C’è stato un percorso fatto insieme dal punto di vista creativo che ha ispirato il progetto.

Nicholas Cage: Per lavorare con David farei 4 salti mortali anche io. I suoi film come Snow Angel sono straordinari. Non ha paura di mettersi in gioco e di mettersi a nudo con la sua regia. C’è molto in comune tra noi e spero di lavorare ancora con lui. Ha un occhio straordinario nello scegliere il casting.

Enhanced by Zemanta