Dopo Suburra – La serie Netflix torna a dominare la settantaquattresima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia con Wormwood, la docu-serie realizzata da Errol Morris, il premio Oscar per The Fog of War: Eleven Lessons from the Life of Robert S. McNamara.

Girata con una tecnica mista che fonde il documentario classico con le serie Netflix, Wormwood racconta il caso di Frank Olson (Peter Sarsgaard), un chimico precipitato da un grattacielo negli anni Cinquanta. Etichettata come suicidio, la morte di Olson avvia l’ossessiva ricerca del figlio che, ancora oggi, tenta di dimostrare l’omicidio del padre.

wormwood

Tra finzione e realtà, Errol Morris indaga la misteriosa morte di Frank Olson avvenuta il 13 novembre 1953

Un documentario disturbante

Tra sequenze cinematografiche e interviste reali Wormwood analizza un caso di cui si è parlato troppo poco sulle pagine dei giornali. Una storia di segreti che rivela l’assassinio di Frank Olson, uno scienziato misteriosamente ucciso dopo aver preso parte a un progetto top secret della CIA. Omicidio o suicidio? Le ipotesi si rincorrono attraverso i ricordi di un uomo che, ancora oggi, tenta di dimostrare l’indimostrabile.

Caratterizzato da un’affascinante sospensione tra documentario e fiction, Wormwood destabilizza lo spettatore con una messa in scena che fonde il più classico dei video-verità con guizzi seriali degni del miglior Ryan Murphy. Sin dalla sigla precipitiamo con Olson in uno slow motion che, rallentando la sua caduta, anticipa il tema portante della docu-serie. Una confezione ambiziosa che dà voce a una persona che non ha mai avuto la possibilità di scoprire la verità.

wormwood

Peter Sarsgaard interpreta Frank Olson, lo scienziato ucciso dopo aver partecipato al progetto CIA

Una ricerca ossessiva

Divisa in sei parti, Wormwood è un’odissea di paure girata con il talento documentaristico di Errol Morris. La ricerca si tramuta in ossessione, cinematografica e seriale, tra stralci di giornale, documenti biografici e split-screen. Ricca di guizzi filosofici, Wormwood dimostra, senza prove evidenti, che la morte di Olson è stata architettata dal governo americano.

La notte del 28 novembre 1953, dal tredicesimo piano di un hotel di Manhattan, non è scivolata solo la vita di Olson ma anche quella di suo figlio. Un’esistenza sacrificata tra vendetta, paranoia e ossessione. Morris riapre un caso chiuso e gli dà il volto del sottovalutato Peter Sarsgaard. Un progetto che dimostra il coraggio di Netflix nel produrre una docu-serie diversa da tutto quello che abbiamo visto finora. Duecentocinquantotto minuti di finzione e realtà che, tra investigazioni complesse e sequenze criptate, mettono in luce le infinite possibilità degli ultimi giorni di Frank.

Il cuore di Wormwood non è (solo) la ricerca della verità ma la messa in scena di qualcosa di indimostrabile. Olson, uno dei documentaristi più coraggiosi di sempre, confeziona la docu-serie senza preoccuparsi del pubblico che la recepirà. Wormwood è così un progetto tanto ambizioso quanto fuori dagli schemi. L’ennesima dimostrazione che Netflix sa muoversi secondo schemi tutt’altro che convenzionali e prevedibili.

I sei episodi di Wormwood saranno disponibili su Netflix dal 15 dicembre 2017.

Trailer – Wormwood