Connect with us

News

Al Teatro Valle Occupato “Narrazioni del Presente”, una collaborazione con l’Università Roma Tre

Published

on

Una collaborazione tra Federica Giardini dell’ Università “Roma Tre”/ Teatro Valle Occupato

Il corso si tiene il giovedì dalle 16 alle 19 al Teatro Valle

CALENDARIO:

Venerdì 7 ottobre, h. 11 
Presentazione del corso
, con Federica Giardini e Manuela Cherubini
Lezione aperta di Michela Lucenti del Balletto civile: “Corpo e spazio pubblico”

Giovedì 13 ottobre
Essere raccontati, raccontarsi
Italiani a rischio di default, giovani “non abbastanza umili” nella scelta dei lavori che pure sono richiesti, improduttivi, consumatori e “bamboccioni”. Descrizioni o retoriche politiche? E’ questo il romanzo di formazione in cui riconoscersi? A partire dall’esperienza del Teatro Valle e dalle attività di “autoformazione”, un’analisi del ritorno della “narrazione” come strumento politico.
Interventi: Isabella Pinto, Ilenia Caleo, Manuela Cherubini, Giacomo Ciarrapico, Berardo Carboni
Consigli di lettura: F. Lyotard, Missiva sulla storia universale; C. Salmon, Storytelling; J. Goody, Il furto della storia, J. Rancière, Le parole della storia; A. Rossi Doria, Dare forma al silenzio; Rafael Spregelburd, Non so ancora se il mio problema sia la realtà, la sua rappresentazione, o tutto il resto, A. Gramsci, Indifferenti e Politici inetti.

Giovedì 20, 27 ottobre e 3 novembre  
Drammaturgie del presente. Come si fa
 Come si costruisce un racconto? Come si individuano i personaggi e le loro storie? Quali sono i rapporti tra la realtà e le storie che si vogliono raccontare? Come leggere la pretesa di “oggettività”? Una storia, anziché un travisamento dei fatti, può essere il modo per rendere loro giustizia. Un confronto tra filosofia e arte, per lo svelamento dei meccanismi della fiction.
Chi scrive la storia – autori e personaggi Morte dell’autore, morte del Soggetto? Come in filosofia si è parlato della fine della pretesa di descrivere la Storia a nome dell’umanità intera, così nell’arte si è parlato di morte dell’autore. Cosa significa scrivere una storia collettiva? Una storia che non tolga la parola ad altri? Ha senso preservare l’autorialità? Un percorso attraverso il copyright, la proprietà collettiva, la singolarità.
Interventi: Manuela Cherubini, Ilenia Caleo, Andrea Baranes, Giacomo Ciarrapico, Fulvio Molena, Toni Allotta, Dario Gentili

Presentazione dello Statuto (27 ottobre – Performance: Marco Baliani, Tracce)

Consigli di lettura: G. Spivak, Can the subaltern speak? E. Laclau, La ragione populista; W. Benjamin, Metafisica della gioventù; W. Benjamin, Programma per un teatro proletario di bambini; Javier Daulte, Gioco e impegno – il procedimento. Un’affermazione contro la discussione fra il ludico e l’impegno in teatro; Rafael Spregelburd, La paranoia, K. Vonnegut, La colazione dei campioni.

Giovedì 10 e 17 novembre
Romanzi collettivi: le Carte, lo Statuto Le grandi Carte, dalle Dichiarazioni alle Costituzioni, sono testi collettivi che raccontano la storia dei soggetti che le hanno scritte. A guardare dietro le quinte, anziché testi unidimensionali diventano processi concreti, accessibili, a cui tornare, di cui riappropriarsi. Un’analisi tra fonti storiche e l’esperienza della scrittura dello Statuto del Teatro Valle. La creazione di nuove categorie giuridiche, a partire dall’esperienza performativa del Bene Comune, per la messa in questione della proprietà privata e della proprietà statuale.
Interventi: Isabella Pinto, Ilenia Caleo, Manuela Cherubini, Tania Carribba, Berardo Carboni, Giuseppe Allegri, Ugo Mattei.
Consigli di lettura: R. Cover, Nomos e narrazione; L. Canfora, Una costituzione rivestita di grecità: Grecia, Europa, Occidente; Democrazie, democrazie progressive, democrazie popolari in Democrazia, storia di un’ideologia; Testo dello Statuto del Teatro Valle

Giovedì 24 novembre e 1 dicembre
Le storie e i linguaggi Una storia può essere scritta con stili diversi, dalle architetture onnicomprensive delle filosofie della storia al racconto che convoca una catena di narratori. Come si può raccontare: un percorso tra i diversi media, il linguaggio verbale e non verbale, i diversi generi. In questo orizzonte riflettere sulla relazione “costitutiva” fra arte e tecnologia (come solo una delle tecniche artistiche che da poco più di un secolo abita l’arte), sul loro sodalizio vincolante e sulla relazione invece molto più ambigua che si instaura spesso fra tecnologia e politica – propaganda, sistemi di controllo, telecamere a circuito chiuso. Per una mappa “aperta” alle riflessioni su tecniche e tecnologie.
Interventi: Ilenia Caleo, Fulvio Molena, Comunicattive, Emiliano Campagnola, Daniela Angelucci
Performance: Emiliano Campagnola, NUCT Consigli di lettura: C. Zamboni, A scuola di teatro, in Pensare in presenza; C. Salmon, Storytelling;

Giovedì 15 dicembre
La materia delle storie La storia è fatta di gesti che possono rimanere fuori dalla Storia raccontata. Narrare i gesti del lavoro artigianale e creativo per rimettere in primo piano la “materialità”; senza pudore o timore, contro le retoriche degli “sprechi” e dei “privilegi”. Narrare i gesti per individuare le connessioni fra il lavoro cooperativo, l’orizzontalità che passa attraverso la messa in comune dei propri saperi. Pensare ai saperi come interconnessi tra loro, alle competenze tecnico-artigianali come incorporate nell’invenzione, contro la retorica dello “skill”.
Interventi: Mauro Persichini, Andrea Bouchard, Ilenia Caleo, Catia Papa, Anna Simone
Consigli di lettura: R. Sennett, L’uomo artigiano; G. Deleuze, Che cos’è l’atto di creazione; M.P. Caporicci, P. Masi, Produzione/riproduzione; V. Novarina, Lettera agli attori, La cura del vivere, “Leggendaria”, 89, 2011

Giovedì 22 dicembre  (Incontro conclusivo)

Bibliografia completa AA.VV., La cura del vivere, “Leggendaria”, 89, 2011 W. Benjamin, Metafisica della gioventù, Einaudi, Torino 1997 W. Benjamin, Programma per un teatro proletario di bambini, www.filosofico.net L. Canfora, Una costituzione rivestita di grecità: Grecia, Europa, Occidente; Democrazie, democrazie progressive, democrazie popolari in Democrazia, storia di un’ideologia, Laterza, Roma 2004 M.P. Caporicci, P. Masi, Produzione/riproduzione, in Lessico politico delle donne, Franco Angeli-Fondazione Badaracco, Milano 2002 R. Cover, Nomos e narrazione, Giappichelli, Roma 2008 Javier Daulte, Gioco e impegno – il procedimento. Un’affermazione contro la discussione fra il ludico e l’impegno in teatro, in Patalogo 2008, Ubulibri 2010 G. Deleuze, Che cos’è l’atto di creazione, Cronopio, Napoli 2003; J. Goody, Il furto della storia, Feltrinelli, Milano 2008 Antonio Gramsci, Indifferenti e Politici inetti, in Odio gli indifferenti, chiarelettere 2011 E. Laclau, in La ragione populista, Laterza, Roma 2008 F. Lyotard, Missiva sulla storia universale, in Il postomoderno spiegato ai bambini, Feltrinelli, Milano 1998 V. Novarina, Lettera agli attori, http://www.theatre-contemporain.net/textes/Lettera-agli-attori/ J. Rancière, Le parole della storia, Il Saggiatore, Milano 1994 A. Rossi Doria, in Dare forma al silenzio, Viella, Roma 2007 C. Salmon, Storytelling, Fazi, Roma 2008 R. Sennett, in L’uomo artigiano, Feltrinelli, Milano 2008 Rafael Spregelburd, Non so ancora se il mio problema sia la realtà, la sua rappresentazione, o tutto il resto, in Torino Prospettiva 2010, ed. Titivillus 2010 Rafael Spregelburd, La paranoia, in Eptalogia di Hieronymus Bosch, Ubulibri 2010. Rafael Spregelburd, Non so ancora se il mio problema sia la realtà, la sua rappresentazione, o tutto il resto, in Torino Prospettiva 2010, ed. Titivillus C. Zamboni, A scuola di teatro, in Pensare in presenza, Liguori, Napoli 2009

 

 

 

 

News

Anna Falchi rivela il suo “incontro ravvicinato”: “Ho visto un ufo” | Ecco come è andata

Published

on

Anna Falchi e le sue dichiarazioni sugli ufo | Fonte: ANSA FOTO

Anna Falchi e le sue dichiarazioni sugli ufo | Fonte: ANSA FOTO

L’attrice e modella Anna Falchi ha dichiarato a Vieni da me di aver avuto un incontro da vicino con un ufo quando era piccina. Ecco cosa ha dichiarato. 

La modella e showgirl italiana Anna Falchi ha dichiarato di aver visto un ufo durante una puntata del programma di Caterina Balivo. Nonostante lo scetticismo, Anna è consapevole di provocare polemiche, ma ci tiene a dire la due. Gli incontri, definiti come incontri ravvicinati, come definiti in ufologia, sono avvenuti in due momenti diversi.

La rivelazione di Anna Falchi: “Per ben due volte ho visto un ufo”

Due sarebbero stati gli incontri ravvicinati vissuti da Anna Falchi con gli extraterrestre. Entrambi sarebbero avvenuti quando Anna era solo una bambina. L’attrice e i suoi genitori si sono nascosti aspettando che gli ufo andassero via:

“Ho visto un ufo per due volte, avevo circa 10 anni, a Reggio Emilia” ha dichiarato la Falchi, scatenando la curiosità generale. Una mattina ne trovammo uno parcheggiato in un campo di fronte casa” ha confessato l’attrice a Caterina Balivo, scatenando la curiosità del pubblico in studio, curiosità che la Falchi ha commentato così: “C’è molto scetticismo sull’argomento… Una volta l’ho visto volare, l’anno successivo siamo stati svegliati di mattina da un rumore assordante all’alba. Nel campo davanti a casa nostra era parcheggiato questo disco volante… eravamo io, mia madre e mio fratello. Io e i miei genitori abbiamo immediatamente chiuso le serrande e siamo rimasti lì nascosti, poi non so cos’è successo. Mi hanno preso in giro? C’è scetticismo… Sul web ci sono tante testimonianze. Sono Ufo? Sono mezzi di trasporto che la Nasa sta provando? 

Anna Falchi ha un nuovo amore: ecco di chi si tratta

All’inizio di giugno 2022 è stata comunicata ufficialmente la fine della relazione tra Anna Falchi e Andrea Ruggeri. La coppia aveva deciso di convivere solo un anno fa, ma questo avrebbe acutizzato i problemi tra i due. Dopo 11 anni insieme, hanno deciso di separarsi, un’esperienza difficile che può mettere alla prova la relazione. Anna Falchi, in passato, aveva dichiarato di non essere interessata al matrimonio a seguito della sua esperienza con Stefano Ricucci. Inoltre, aveva anche espresso la sua opinione riguardo alla famiglia, affermando che “la Famiglia del Mulino Bianco non esiste, tanto meno a casa mia”.

Il nuovo amore di Anna Falchi è l'avvocato Walter Rodinà | Fonte: Instagram

Il nuovo amore di Anna Falchi è l’avvocato Walter Rodinà | Fonte: Instagram

Entrambi i partner hanno raggiunto l’età di 50 anni e condividono l’esperienza di essere genitori: lui ha un figlio di 16 anni, mentre lei ne ha uno di 12. L’intesa tra di loro sembra essere ottima e lo dimostrano anche attraverso baci pubblici, una dimostrazione d’affetto significativa. L’uomo è uno sportivo e ha conseguito una laurea in giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Roma, ma si dedica alla comunicazione per grandi aziende.

Continue Reading

News

Ci sarà Katniss nel nuovo film di Hunger Games?

Published

on

Jennifer Lawrence : la vedremo nell'ultimo Hunger Game? | Fonte: ANSA FOTO

Jennifer Lawrence : la vedremo nell’ultimo Hunger Game? | Fonte: ANSA FOTO

Hunger Games: The Ballad Of Songbirds And Snakes è in uscita a fine 2023 e i fan hanno solo una domanda: il personaggio di Katniss sarà presente nella trama? 

Il nuovo film di Hunger Games The Ballad of Songbirds and Snakes è molto atteso dai fan del romanzo di Suzanne Collins ed è ambientato ben 64 anni prima del libro originale Hunger Games, andandosi a definire come Prequel della saga. Il film, in uscita in America il 17 novembre 2023, vedrà da vicino la storia di un giovane Coriolanus Snow, interpretato da Tom Blyth (Billy the Kid, Scott and Sid), innamorato follemente di Rachel Zegler (Shazam Furia degli Dei, West Side Story) nei panni di Lucy Gray Baird, durante la decima edizione degli Hunger Games.

Snow viene scelto come mentore di Baird, il tributo del Distretto 12. Il film si concentrerà su tutta la vita di Snow nella fase antecedente alla sua presidenza di Panem nei film originali. Snow è un giovane complicato che cerca di avere il controllo della sua vita, e la storia del nuovo film descrive come è diventato il leader spietato che conosciamo.

Toto Katniss: Jennifer Lawrence si sarà?

Jennifer Lawrence non sarà presente nel cast e non vedremo il ruolo di Katniss Everdeen: questo potrà deludere i fan della serie, affezionati al personaggio di Katniss e di Jennifer. In un’intervista con People durante il Toronto International Film Festival dello scorso autunno, Jennifer Lawrence ha offerto un consiglio al nuovo cast che ha preso il franchise per il nuovo film prequel. Ha detto: “Ragazzi, vi divertirete un mondo. Divertitevi e basta non preoccuparti di niente”.

L’assenza di Katniss si sentirà nel prequel

La regista Frances Lawrence ha detto in un’intervista con Vanity Fair che Lucy Gray è “l’anti-Katniss” e ha descritto il suo personaggio come un esecutore musicale del Distretto 12, noto per essere una comunità di artisti. La Lawrence ha spiegato che il personaggio di Coriolanus Snow si innamora di Lucy Gray Baird perché non ha mai incontrato una ragazza come lei prima.

The Hunger Games - In uscita nel 2023 | Fonte: Instagram

The Hunger Games – In uscita nel 2023 | Fonte: Instagram

La storia d’amore tra i due personaggi si svolge in un mondo diverso rispetto a quello dei film originali e in un’epoca precedente. Il nuovo film offre un’esperienza di visione unica e diversa rispetto ai film precedenti, esplorando la storia di Snow prima di diventare il leader spietato che tutti conosciamo.

Continue Reading

News

Oscar 2023: tutti i vincitori della 95° edizione | La lista completa

Published

on

vincitori Oscar 2023

I vincitori degli Oscar 2023 – Newscinema.it (Foto: Ansa)

La notte tra il 12 e il 13 Marzo 2023 si è svolta l’attesa Notte degli Oscar 2023 ed ecco la lista completa dei vincitori tra film, attori, registi e altri professionisti della settima arte.

L’evento più atteso dai cinefili di tutto il mondo si è svolto tra la notte del 12 e 13 Marzo 2023 in diretta dal Dolby Theatre di Los Angeles. Questa edizione degli Oscar torna in grande stile con la sfilata delle star sul red carpet, esibizioni musicali e discorsi a cuore aperto, e tante emozioni.

Film cortometraggi e documentari sono stati candidati per portare a casa l’ambita statuetta e professionisti della settima arte come attori, registi, direttori della fotografia e altri artisti dietro le quinte si sono distinti per il loro lavoro nel corso del 2022. Chi di loro ha vinto il premio Oscar? Di seguito potete trovare la lista completa di tutti i vincitori. E se volete sapere dove recuperare i film candidati cliccate qui.

La lista completa dei vincitori degli Oscar 2023

Miglior Film
Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale
Avatar: La Via dell’Acqua
The Banshees of Inisherin
Elvis
Everything Everywhere All at Once
The Fabelmans
Tar
Top Gun: Maverick
Triangle of Sadness
Women Talking

Miglior Regia
Martin McDonagh (“The Banshees of Inisherin”)
Daniel Kwan, Daniel Scheinert (“Everything Everywhere All at Once”)
Steven Spielberg (“The Fabelmans”)
Todd Field (“Tár”)
Ruben Östlund (“Triangle of Sadness”)

Miglior attrice protagonista
Cate Blanchett (“Tár”)
Ana de Armas (“Blonde”)
Andrea Riseborough (“To Leslie”)
Michelle Williams (“The Fabelmans”)
Michelle Yeoh (“Everything Everywhere All at Once”)

Dedico questo premio a mia mamma e tutte le mamme del mondo perché sono loro le vere super eroine e nessuno di noi senza loro sarebbe qui questa sera. Lei mi sta guardando ora in Malesia con amici e parenti“.

Miglior attore protagonista
Austin Butler (“Elvis”)
Colin Farrell (“The Banshees of Inisherin”)
Brendan Fraser (“The Whale”)
Paul Mescal (“Aftersun”)
Bill Nighy (“Living”)

Grazie all’Academy per questo onore e alla A24 per aver creduto in questo film coraggioso e Aronofsky. Solo le Belen riescono ad andare così in profondità, io ho lavorato molti anni nel cinema ma le cose non sono andate sempre bene. A un certo punto è finita ma ora sono qui, come una spedizione sul fondo dell’oceano e tornare in superficie non è facile. La mia famiglia, il mio manager e tante altre persone preziose mi hanno aiutato a farlo“.

Miglior attrice non protagonista
Angela Bassett (“Black Panther: Wakanda Forever”)
Hong Chau (“The Whale”)
Kerry Condon (“The Banshees of Inisherin”)
Jamie Lee Curtis (“Everything Everywhere All at Once”)
Stephanie Hsu (“Everything Everywhere All at Once”)

Non sono sola qui in realtà ma centinaia di persone con me. Il mio dream team ha vinto l’Oscar, alla mia famiglia e a mio marito, alle nostre figlie, a mia sorella, tutti noi abbiamo vinto l’Oscar. E a chi ha sostenuto i film di genere con me in tanti anni. I miei genitori hanno vinto entrambi un Oscar in categorie del genere e ora posso dirlo anche io (con gli occhi al cielo) ‘ho vinto un Oscar”.

Miglior attore non protagonista
Brendan Gleeson (“The Banshees of Inisherin”)
Brian Tyree Henry (“Causeway”)
Judd Hirsch (“The Fabelmans”)
Barry Keoghan (“The Banshees of Inisherin”)
Ke Huy Quan (“Everything Everywhere All at Once”)

Mamma ha 84 anni ed è a casa e sta vedendo la tv ‘ Mamma ho appena vinto un Oscar’. Il mio viaggio è cominciato su una barca e un anno in un campo profughi e sono finito a Hollywood. Dicono che sono storie da film ma in realtà può succedere e questo è il vero sogno americano. Grazie all’Academy e a mia mamma che ci ha portato qui con tanti sacrifici e a mio fratello per essermi vicino. Devo tutto all’amore della mia vita, mia moglie che mese dopo mese e anno dopo anno per 22 anni mi ha sempre detto che un giorno il mio momento sarebbe arrivato e i sogni bisogna crederci e ho quasi rinunciato. Ricordate di tenere vivi i vostri sogni. Grazie per avermi accolto nuovamente, vi voglio bene” ha detto un commosso Ke Huy Quan.

Miglior sceneggiatura originale
The Banshees of Inisherin
Everything Everywhere All at Once
The Fabelmans
Tar
Triangle of Sadness

Miglior sceneggiatura non originale
All Quiet on the Western Front
Glass Onion: A Knives Out Mystery
Living
Top Gun: Maverick
Women Talking

L’ultima battuta del film è una giovane donna che promette al neonato ‘La tua storia sarà diversa dalla nostra’. Un messaggio importante per tutti” Sarah Polley, regista e sceneggiatrice di Women Talking.

Miglior film animato
Pinocchio di Guillermo del Toro
Marcel the Shell with Shoes On
Il gatto con gli stivali 2
Red
Il mostro dei mari

L’animazione è il cinema, non è un genere ma è pronta ad arrivare all’avanguardia e mantenetela viva nelle vostre conversazioni. Dedico questa vittoria a tutta la mia famiglia” ha dichiarato Guillermo Del Toro ricevendo il premio per il suo Pinocchio disponibile su Netflix.

Miglior documentario
All That Breathes
All The Beauty and the Bloodshed
Fire of Love
A House Made of Splinters
Navalny

“Navalny è il leader opposizione nazionale non è potuto essere qui e dedichiamo a lui questo premio e a tutti i prigionieri politici del mondo. Si deve continuare contro i totalitarismi“.

Migliori film internazionale
Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale
Argentin,a 1985
Close
EO
The Quiet One

Miglior colonna sonora
Niente di Nuovo sul fronte occidentale
Babylon
The Banshees of Inisherin
Everything Everywhere All at Once
The Fabelmans

Migliori costumi
Babylon
Black Panther: Wakanda Forever
Elvis
Everything Everywhere All at Once
Mrs. Harris Goes to Paris

Miglior sonoro
Niente di Nuovo sul fronte Occidentale
Avatar: La Via dell’Acqua
The Batman
Elvis
Top Gun: Maverick

Miglior montaggio
The Banshees of Inisherin
Elvis
Everything Everywhere All at Once
Tar
Top Gun: Maverick

Miglior fotografia
Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale
Bardo
Elvis
Empire of Light
Tar

Miglior scenografia
Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale
Avatar: The Way of Water
Babylon
Elvis
The Fabelmans

Migliori effetti speciali
Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale
Avatar: La Via dell’Acqua
Babylon
Elvis
The Fabelmans

Miglior canzone
“Applause” da “Tell It Like a Woman”
“Hold My Hand” da “Top Gun: Maverick”
“Lift Me Up” da “Black Panther: Wakanda Forever”
“Naatu Naatu” da “RRR”
“This Is a Life” da “Everything Everywhere All at Once”

Miglior trucco e costumi
Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale
The Batman
Black Panther
Elvis
The Whale

Miglior cortometraggio
An Irish Goodbye
Ivalu
Le Pupille
Night Ride
The Red Suitcase

Miglior cortometraggio animato
The Boy, The Mole, The Fox and the Horse
The Flying Sailor
Ice Merchants
My Year of Dicks
An Ostrich Told Me the World is Fake and I Think I Believe It

Michelle Yeoh Oscar 2023

Michelle Yeoh agli Oscar 2023 – Newscinema.it (Foto: Ansa)

Commento video dei vincitori degli Oscar 2023

Sul canale YouTube “MADROG CINEMA” lunedì 13 Marzo alle ore 19 commentiamo insieme a tanti ospiti appassionati di cinema i vincitori degli Oscar 2023. Se leggi questo articolo prima puoi seguire la live cliccando il video qui sotto, altrimenti puoi recuperarla quando vuoi sempre allo stesso link.

Continue Reading

iscriviti al nostro canale YouTube

Facebook

Recensioni

Popolari