Connettiti a NewsCinema!

News

Conferenza Stampa di apertura del Roma Fiction Fest

Pubblicato

:

P1040778

Ieri pomeriggio presso l’Auditorium Parco della Musica si è svolta la conferenza stampa di presentazione della nuova edizione del Roma Fiction Festival 2011, che torna con una nuova immagine e nuove date, per celebrare il mondo delle serie tv, fiction e televisione. Renata Polverini, Presidente della Regione Lazio, Fabiana Santini, Assessore Cultura Arte e Sport della Regione Lazio, Giancarlo Cremonesi, Presidente della Camera di Commercio, Fabiano Fabiani, Presidente dell’APT, il Direttore Artistico del Roma Fiction Festival Steve Della Casa e Antony Root, Direttore Industry, hanno incontrato la stampa all’interno della Sala Petrassi, per illustrare la nuova struttura dell’evento e il programma previsto nelle giornate dal 25 al 30 settembre 2011.

Dopo una breve interruzione di Ghione, inviato di Striscia la Notizia, che ha interrogato la Polverini riguardo 100 hostess non pagate, la conferenza ha avuto inizio, all’insegna di un tono polemico e stizzito che ha accompagnato quasi tutti gli interventi, soprattutto per l’argomento del debito del Festival dalle edizioni precedenti, la crisi del settore audiovisivo e la liquidazione della Fondazione Rossellini. “Il Roma Fiction Fest rinasce oggi nell’ambito di un più ampio programma di incremento e di razionalizzazione degli investimenti per il settore dell’audiovisivo” ha dichiarato la Polverini, sottolineando l’intervento di istituire il Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo, il primo vero Film Fund a fondo perduto a sostegno delle produzioni nella storia della Regione Lazio. Giancarlo Cremonesi ha poi continuato, dichiarando proprio che in Italia l’industria dell’audiovisivo è una realtà molto ricca e variegata, opera di un alto numero di piccole imprese e artigiani.

Presente in sala anche l’attore americano John Belushi, che insieme a Gigi Proietti, Lunetta Savino e Vanessa Incontrada, aprirà il Festival nella giornata di domenica 25 settembre, con la proiezione di “La Vita secondo Jim” seguita dalla Master Class in cui incontrerà il pubblico parlando della sua carriera e della televisione, mezzo di comunicazione tra i suoi preferiti. Pregato dai presenti di prendere la parola, al termine di tutti gli interventi dei presenti sul palco, Belushi ha abbassato un po’ il tono, riportando tutti al sorriso e sottolineando che il Roma Fiction Fest è intrattenimento e non va preso così sul serio, infatti fino al suo intervento sembrava di stare più ad un dibattito politico sui debiti del paese, più che alla presentazione di un evento ludico, piacevole da seguire per le famiglie, proprio per staccare dai problemi quotidiani.

“Quando sono entrato qui mi sembrava di essere in un’udienza. E’ bellissimo essere qui con tutte queste persone fantastiche che parlano in maniera così seria dell’intrattenimento”, ha detto Belushi con ironia.

L’attore riceverà per l’occasione, insieme a Lunetta Savino e Gigi Proietti l’Excellence Award, un premio che riconosce il loro grande talento e percorso artistico negli anni. Lo ha confermato Steve Della Casa che ha poi illustrato il programma del Festival, che conta molte anteprime nazionali e internazionali, come “Terranova”, la serie tv prodotta da Steven Spielberg e ispirata al mitico Jurassic Park, che arriverà su Fox dal 4 Ottobre, “Once upon a time”, serie fantasy con Robert Carlyle, il finale della serie tv “Smallville”, “The Slap”. Per rimanere in Italia, saranno presentati “Tutti pazzi per amore 3”, “Distretto di polizia 11”, “A fari spenti nella notte” e molti altri. Inoltre non macheranno omaggi e retrospettive, dedicate a Walter Chiari, Mario Monicelli e incontri face to face con grandi artisti come Pupi Avati, Luca Barbareschi, Luca Bernabei e altri. Molti gli ospiti, italiani e internazionali, che saranno presenti in sala durante le proiezioni e faranno dei master class per raccontarsi al pubblico e aprire una sezione del Festival come approfondimento con i professionisti del settore. “ Tutti elementi distinti che insieme contribuiscono a configurare un festival ricco, pieno di spunti di riflessione ma anche di motivi di attrazione per il grande pubblico. Lo diciamo con orgoglio: pensiamo di aver affinato una nuova formula di festival, inventandola da zero e facendo affidamento sul bagaglio di esperienza degli anni precedenti” ha dichiarato Steve Della Casa.

L’appuntamento è dal 25 al 30 settembre ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti e per consultare il programma potete visitare www.romafictionfest.it. Molte polemiche, poco tempo per organizzarlo, ma un programma interessante…vedremo come andrà questo evento della Capitale, vigilia del Festival del Film di Roma, tappa già molto attesa dopo Venezia.

 

(Per seguire con noi il Roma Fiction Fest e andare direttamente nella sezione dedicata, clicca il banner a destra con Jim Belushi)

 

 

 

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Clint Eastwood | I 90 anni di una leggenda

Pubblicato

:

clint eastwood

Compirà lo storico traguardo soltanto domenica 31, ma non è mai troppo presto per celebrare il novantesimo compleanno di una personalità che ha segnato indelebilmente la Settima Arte, sia dietro che davanti la macchina da presa. Nella speranza che possa seguire le orme del compianto collega portoghese Manoel de Oliveira, il cui ultimo progetto prima della morte venne diretto alla veneranda età di 106 anni, ripercorriamo insieme le tappe più significative di un volto simbolo del cinema, capace di reinventarsi continuamente in una carriera iniziata, citando Sergio Leone, con solo due espressioni – una con il cappello e una senza cappello.

Clint Eastwood | Gli inizi

per un pugno di dollari

Per un pugno di dollari

Ed è proprio al grande maestro italiano che Clint deve la sua fama iniziale, quando venne scelto per il ruolo di protagonista nel film simbolo del filone spaghetti western, ossia l’immortale Per un pugno di dollari (1964). Prima del “remake” non autorizzato del grande classico di Akira Kurosawa La sfida del samurai (1961), il Nostro era conosciuto esclusivamente dal pubblico d’Oltreoceano: dopo alcuni parti da comprimario, il suo primo ruolo importante è quello di main character nella serie western Gli uomini della prateria – andata in onda per otto stagioni – e proprio il suo portamento per la figura del cowboy risulterà un elemento chiave della sua intera carriera. La trilogia del dollaro consacra Eastwood a star di risonanza mondiale e da lì sarà tutto in discesa.

Clint Eastwood | La fama

ispettore callaghan il caso scorpio è tuo

Ispettore Callaghan il caso Scorpio è tuo

Ancora star di frontiera nel solido Impiccalo più in alto (1968) e nello stesso anno è protagonista di L’uomo dalla cravatta di cuoio – inizio di un altro fortunato sodalizio con un regista di culto come Don Siegel – e co-star al fianco di Richard Burton del memorabile war/spy movie Dove osano le aquile. I cachet aumentano notevolmente e l’attore realizza un suo grande sogno, quello di avviare una compagnia di produzione ossia la Malpaso Production, attiva con successo tutt’oggi. Dopo il western leggero, in cui divise il set con la grande Shirley MacLaine, Gli avvoltoi hanno fame – diretto nuovamente da Siegel – gli anni ’70 segnano l’inizio della fortunata saga dell’ispettore Callaghan: cinque titoli che confermano la sua immagine di vendicatore duro e puro, senza compromessi, pur al netto di qualche critica dalle frange più pacifiste dell’opinione pubblica che criticavano l’esaltazione di un personaggio reazionario.

Quel decennio segna anche il debutto dietro la macchina da presa, prima con il misconosciuto Brivido nella notte (1971) e poi con il solido western Lo straniero senza nome (1973), dove palesa influenze proprio dal cinema di Leone e Siegel. Altre prove registiche degne di nota del periodo sono Assassinio sull’Eiger (1975) e Il texano dagli occhi di ghiaccio (1976) è ormai Clint è apprezzato e affermato da entrambi i lati della camera, mentre nel 1979 prende parte ad un sempiterno cult quale Fuga da Alcatraz (1979).

Leggi anche: Al Pacino | La leggenda del cinema compie 80 anni

Clint Eastwood | Gli anni ’80

i ponti di madison county

I ponti di Madison County

Gli eighties gli regalano inizialmente meno soddisfazioni, ma grazie a Callaghan torna sulla breccia e con due film solitamente poco considerati come Corda tesa (1984) e Per piacere… non salvarmi più la vita (1984) torna nei favori del pubblico, che lo premia anche per la sua nuova regia ossia Il cavaliere dal viso pallido (1985), ennesimo e vincente ritorno al western, e per il dissacrante Gunny (1986), anche questo da lui diretto. La parallela carriera d’autore gli porta fortuna alla fine del decennio, quando vince il Golden Globe come miglior regista per il biografico Bird (1988). Un preludio a quanto avverrà pochi anni dopo, quando con il magnifico e dolente western Gli spietati (1992) agguanta ben quattro premi Oscar – tra cui miglior film e regia – su nove nomination. Nell’immediato futuro alterna i due “mestieri”, prendendo parte o realizzando progetti di successo critico e commerciale come Nel centro del mirino (1993) e lo struggente Un mondo perfetto (1993), per dirigere e interpretare poi un grande classico come I ponti di Madison County (1995) al fianco di Meryl Streep.

Clint Eastwood | Dal 2000 in poi

gran torino

Gran Torino

Il nuovo millennio gli consegna il Leone d’oro alla carriera e altre soddisfazioni come le sei nomination agli Oscar per Mystic River (ma in questo caso Clint rimarrà a bocca asciutta). Poco male, perché nel 2005 si rifarà con le quattro statuette per Million Dollar Baby – film e regia incluse. L’Eastwood regista è ormai un fiume in piena e da lì a breve firma un dittico bellico dallo sguardo inedito, raccontando la battaglia di Iwo Jima da due diversi punti di vista in titoli distinti, tra i quali spicca quello in ottica giapponese: Lettere da Iwo Jima (2006) è un’opera coraggiosa e intensa, recitata in lingua nipponica nella sua versione originale. Due anni dopo il Nostro annuncia il primo ritiro dalle scene nelle vesti di attore, coincidente con l’interpretazione in Gran Torino (2008) – magistrale, provvisoria, chiusura di una carriera con un’uscita di scena delle grandi occasioni.

Come tutti sappiamo Clint ha poi cambiato idea, prima prestandosi al mediocre dramma familiare Di nuovo in gioco (2012) e poi nel più recente Il corriere – The mule (2018), ad oggi sua ultima performance davanti allo schermo. Da regista invece continua a sfornare film su film, passando da titoli eccellenti come Changeling (2008), Invictus (2009) e l’ultimo Richard Jewell (2019) ad altri minori quali Hereafter (2010) e Ore 15:17 – Attacco al treno (2018), tenendo comunque sempre alta la sua idea di cinema e di vita. Perché pur da repubblicano incallito, Eastwood non ha mai smesso di mettere in risalto luci e ombre di un Paese con uno stile e relativo approccio risultante un unicum nel panorama mondiale, sospeso tra il classico e la modernità di un uomo – perfetta, instancabile, crasi tra due epoche.

Continua a leggere

Cinema

Tenet | Il nuovissimo trailer del film di Christopher Nolan

Pubblicato

:

tenet

Man mano che ci avviciniamo alla data prevista per l’uscita del film a luglio 2020, i fan stanno ancora cercando nuovi dettagli sul misterioso thriller d’azione di Christopher Nolan, Tenet, e ora Warner Bros. ha reso noto un nuovo trailer ce potete vedere nel player qui sopra.

Tenet | Il nuovo attesissimo trailer è arrivato

Tenet è un thriller internazionale di spionaggio girato in sette paesi. John David Washington (BlacKkKlansman) recita, con un cast di supporto che include Robert Pattinson (Good Time), Elizabeth Debicki (Widows), Dimple Kapadia (Fugly), Aaron Taylor-Johnson (Avengers: Age of Ultron), Michael Caine (The Dark Knight Rises) e Kenneth Branagh (Dunkerque).

Il film è scritto da Nolan e utilizzerà una miscela di film IMAX e 70mm, che è qualcosa per cui è diventato famoso.

Tenet | Il nuovo film di Christopher Nolan

Il regista ha avuto un impatto nel 2001 con il suo film indipendente Memento. Il suo prossimo film, Insomnia, fu anche un successo modesto, ma non è stato fino a quando Batman Begins è uscito nei cinema nel 2005 che Nolan è diventato una forza al botteghino a pieno titolo. The Prestige è stato l’ultimo film di Nolan a incassare meno di $ 200 milioni in tutto il mondo. Altri suoi film includono The Dark Knight, The Dark Knight Rises, Inception, Interstellar e Dunkirk.

Nolan sta producendo Tenet insieme alla sua compagna Emma Thomas ed è attualmente in programma per un rilascio del 17 luglio.

Continua a leggere

Cinema

Il Diavolo veste Prada | 5 curiosità sul film romantic glamour

Pubblicato

:

il diavolo veste prada

Un moderno classico di inizio millennio, capace col suo animo glamour di attirarsi le attenzioni del grande pubblico, che lo ha premiato in massa garantendo un incasso worldwide superiore ai 300 milioni di dollari. Il diavolo veste Prada, adattamento dell’omonimo best-seller di Lauren Weisberger, ha accompagnato lo spettatore nel mondo della moda e nelle dinamiche in esso precostituite, con un taglio da commedia frizzante e un copioso numero di guest-star tra cui il celebre stilista Valentino.

In una trasposizione dominata dall’istrionismo di Meryl Streep e dalla genuina spontaneità della frizzante Anne Hathaway, sono diverse le curiosità che ne hanno caratterizzato la genesi e la relativa produzione: scopriamone alcune insieme.

Il Diavolo veste Prada | Dalla realtà alla finzione

meryl streep

Meryl Streep

L’odioso, ma non poi così tanto, personaggio di Miranda Priestly interpretato dalla Streep – che risulta una sorta di villain/spauracchio del racconto – si basa su una figura reale, ossia la direttrice della popolare rivista Vogue Anna Wintour. La scrittrice del romanzo, Lauren Weisberger, ha infatti lavorato a inizio carriera come sua assistente e ha preso spunto dall’esperienza personale nella stesura del libro. La Wintour non l’avrebbe presa proprio benissimo e secondo alcune voci ha minacciato diversi fashion designer affinché non apparissero in forma di cameo nel film, pena il ban dal magazine di sua proprietà. La diretta interessata ha negato le accuse ma sia Vogue che altri giornali “vicini” non hanno parlato né del romanzo sulle loro pagine.

Leggi anche: 10 donne toste e determinate al cinema

Il Diavolo veste Prada | Questione di tempistiche

La sceneggiatura originale era stata messa in cantiere prima che il romanzo fosse pubblicato, con ben quattro autori a cimentarsi gomito a gomito nell’ideazione dello script: inizialmente la storia aveva un carattere dal taglio più demenziale e pop, sulla scia di quanto aveva fatto Ben Stiller solo qualche anno prima con il cult Zoolander (2001). Difficile immaginare a cosa saremmo andati incontro – probabilmente non saremmo oggi qui a parlarne – fatto sta che in seguito al grande successo dell’opera cartacea i produttori hanno optato per un netto cambio di rotta e trasformato la storia in un’epopea personale alla ricerca dell’eccellenza professionale e sull’antitetico rapporto tra carriera e vita privata.

Leggi anche: I 70 anni di Meryl Streep, l’attrice che è stata tutto ciò che poteva essere

Il Diavolo veste Prada | Amore e odio

anne hathaway

Anne Hathaway

Spesso si sa i rapporti sul set tra gli attori sono dominati anche dalle logiche interpersonali coinvolgenti i loro personaggi: non sono poche le star che durante le riprese sono diventate un tutt’uno con il loro alter-ego: basti pensare alla metamorfosi totale di Jim Carrey per Man on the moon (1999) vista nel documentario Jim & Andy: The Great Beyond (2017). E anche in quest’occasione Meryl Streep deve aver seguito una simile logica. Il primo giorno la celebrata attrice si è complimentata con Anne HathawayCredo tu sia perfetta per il ruolo, sono felicissima di lavorare con te. Ma questa è l’ultima cosa carina che ti dirò“. E così è stato.

Il Diavolo veste Prada | Un vestiario da sogno

Lo stile era fondamentale per un film ambientato nel mondo della moda e serviva perciò un budget copioso per l’acquisto dei vestiti. La costumista Patricia Field aveva però a disposizione “solo” 100mila dollari, troppo poco per le ambizioni della produzione, e ha optato così per il noleggio degli abiti. Grazie a questo escamotage, il valore dei vestiti presenti nel corso dei cento minuti di visione raggiunge la più ragguardevole cifra di un milione. Perché a volte, anche ad Hollywood, bisogna fare di necessità virtù…

Il Diavolo veste Prada | Scelte di casting

Come al solito con un film di grande successo ed entrato nel cuore del grande pubblico è difficile immaginarsi personaggi amati con altre sembianze rispetto agli interpreti effettivamente scelti. Ma anche in quest’occasione sia i panni di Miranda e Andy avrebbero potuto essere indossati da attrici diverse: per la prima si erano vociferati i nomi di Kim Basinger ed Helen Mirren mentre per la seconda era in lizza la bella Rachel McAdams. Sappiamo tutti com’è poi andata a finire…

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Maggio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Giugno

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X