Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

David Shore, autore di Dr. House parla del finale della serie

Pubblicato

:

house

Dopo otto stagioni, una delle serie tv più seguite della Fox, Dr. House arriva alla fine. Il finale, diretto dal creatore e produttore esecutivo David Shore, racconta della solita squadra di medici che è alle prese con un paziente tossicodipendente (guest star James LeGros) che permette al Dr. Gregory House (Hugh Laurie) di esaminare la sua vita, il suo futuro e i suoi demoni personali. Durante questa intervista recente a Shore si riflette sulla fine del popolare show televisivo,  parlando di ciò che egli più ricorda di esso, e come i fan della serie possono aspettarsi un finale agrodolce, perché hanno sopportato l’amicizia House / Wilson, le più grandi sorprese del successo dello show. Shore parla di come è orgoglioso di quello che hanno compiuto per oltre otto stagioni, come è stato dirigere l’episodio finale, e che non ha mai avuto un finale pianificato fin dall’inizio, ma che le cose non hanno virato troppo lontano della sua visione originale. Parla anche del suo piano per continuare in televisione e sviluppare qualcosa di nuovo.

Quando la gente guarderà indietro in questo show, che cosa volete che ricordi di più, a tanti anni da oggi?

Il carattere e quello che il personaggio rappresenta, che in realtà è la ricerca della verità, non solo seguendo ciecamente le cose, e chiedendo che cosa è la realtà e qual è la cosa giusta da fare. Questa ricerca di una verità oggettiva è la cosa che fondamentalmente ho trovato più interessante, per tutta la durata dello show.

Perché pensi che Wilson sia rimasto amico di House, nonostante tutti i maliziosi giochi mentali con lui, nel corso degli anni?

Penso che ci sia qualcosa di chiaramente sbagliato anche in Wilson. Quando stavamo scrivendo il personaggio di Wilson, Robert Sean Leonard stava girando per il web, e ha fatto un ottimo lavoro, sentendo che il pubblico della rete lo voleva un po’ più gentile e un po’ più bello. Volevano che fosse il bravo ragazzo della casa di fronte. Bryan Singer, che stava dirigendo, andò a dargli un biglietto fuori dalla stanza, e io ero seduto nella stanza e pensai: “io credo che sia una cattiva idea. Non può essere troppo morbido. Ci deve essere qualcosa di questo ragazzo che lo faccia essere amico di House. Ci deve essere un po ‘di vantaggio per lui”. E, sono corso fuori dalla stanza per dire a Bryan che non ero d’accordo con questa nota, e per dirlo a Robert. E Bryan ha detto: “Oh, è una nota terribile. Avremo letto lui in quel modo, lo prenderemo per la parte, e poi faremo a modo nostro più tardi”. Così, siamo sempre stati consapevoli del fatto che ci deve essere qualcosa di questo personaggio che è un po’ disturbato, e penso che ci sia.

Che cosa ha portato alla decisione di avere Wilson (Robert Sean Leonard) ammalato?

E ‘una di quelle cose per cui, ogni anno, un paio di volte l’anno, ci sediamo e diciamo, “Che cosa dobbiamo fare per queste persone? Quali situazioni possiamo buttarci dentro?“.  Si gioca tutto su quale tipo di situazione può dar luogo ad opportunità di esplorare il personaggio di House, ed esplorare i personaggi intorno a lui. Così, un sacco di idee sbandierate, ogni anno, e una delle idee che è stata sbandierata, come eravamo abbastanza sicuri che ci stavamo dirigendo verso la fine dello show, era questa idea, e tutto rientra nella categoria di sfidare ed esplorare l’amicizia House / Wilson. Una delle cose che penso che abbiamo fatto molto bene in questo show, se posso dirlo, è proprio il rapporto House / Wilson. Ci sono un sacco di esplorazioni in TV delle relazioni romantiche, e alcune sono buone e alcune  cattive. Penso che ci siano pochissime esplorazioni di amicizia maschile che non sia solo un’ amicizia di tipo gregario e non solo un’opportunità di umorismo, ma che esplori in realtà due amici e il loro rapporto. Penso che sia qualcosa che abbiamo fatto bene, che non si è fatto spesso. Sono orgoglioso di questo. Sembrava l’idea giusta per esplorare, come abbiamo fatto fino alla fine della serie.

Con un finale dal titolo “Everybody Dies,” si evince che non tutti avranno un lieto fine? Che tipo di chiusura possono aspettarsi gli appassionati della serie?

E ‘sicuramente un finale. Non voglio dire di più. Non facciamo un lieto fine, ma cerchiamo anche di non fare semplicemente un finale miserabile.

Quando questo show è diventato un successo atteso, come hai deciso di farlo andare avanti, anno dopo anno?

E ‘stato un successo inaspettato. Siamo sempre stati guidati dall’idea di ciò che ci interessava, e forse il fatto che si trattava di un successo inaspettato e che ci siamo riusciti al di là di quello che abbiamo sperato, ci ha liberato pensando: “Sai cosa? Questo è quello che voglio fare adesso. Se fallisce miseramente, va bene lo stesso“. Penso che sia il modo giusto di fare uno show. Penso che si devono fare le storie che ti interessano sperando in un pubblico che le  voglia seguire, piuttosto che fare le storie che si pensa il pubblico gradirà, che vi piaccia o meno. Penso che ci deve essere qualcosa che si trova avvincente e interessante, e poi si spera che un pubblico sia d’accordo con te. Quindi, non ho mai cercavo 80 episodi lungo la strada. Al massimo, stavo cercando da 10 a 15 episodi. Basta mettere la testa giù e cercare di trovare nuove situazioni e nuove storie.

Ora che hai avuto la possibilità di fare una retrospettiva e qualche pensiero sul passato, quando guardi indietro, che cosa ti sorprende di ciò che lo show House è diventato?

La sorpresa più importante per me è che ha finito con l’essere per più di un pubblico di nicchia, anche se in questo giorno e a questa età, si può avere un pubblico di nicchia molto grande. Fin dall’inizio, dal momento in cui abbiamo lanciato Hugh Laurie, sapevo che sarebbe stato uno spettacolo che sarebbe piaciuto. Ho pensato che forse ad alcune persone, che erano un po’ come me, sarebbe piaciuto. Non avrei mai immaginato che sarebbe stato visto in questo modo, e a tale livello internazionale. Questo è rassicurante per molti motivi.

Cosa pensi degli highlights della serie e degli errori commessi?

Io non ho intenzione di rispondere alla seconda parte di questa domanda. Abbiamo fatto errori. No, sono sicuro che abbiamo commesso degli errori. So che abbiamo commesso degli errori. E ‘una di quelle cose, però, dove si può  andare avanti e non si può davvero valutare precisamente dove e quando abbiamo sbagliato. A prendere le decisioni e le scelte, non si è mai intenzionati di sapere se sono state le scelte ideali, ma si fanno e si effettua la maggior parte di loro. Ci sono cose che abbiamo fatto di cui sono molto orgoglioso. La maggior parte degli episodi che abbiamo fatto, sono estremamente fiero di averli scritti. Penso che il rapporto House / Wilson, fin dal primo giorno, è stato un grande lavoro. Costantemente rinfrescante, lo spettacolo è stata una mossa rischiosa, ma io sono orgoglioso perché ha funzionato più di quanto mi aspettassi. E ‘il tipo di spettacolo che è fondamentalmente uno spettacolo procedurale, ma è abbastanza serializzato con elementi che potrebbero rimanere noiosi, e sono sicuro che alcune persone credono che lo abbia fatto. Non per me. Penso che sia abbastanza fresco, nel dare nuove situazioni e sono grato a chi ci ha permesso di farlo.

C’è un personaggio particolare che è stato particolarmente gratificante vedere evolversi, nelle ultime otto stagioni?

Sono contento che me lo hai chiesto, perché penso che il personaggio di Dr. House abbia ottenuto un sacco di attenzione, e Hugh ha ottenuto un sacco di attenzione, giustamente perché lui è fantastico. Io credo che quel personaggio non funziona a meno che non lo circondino altri personaggi interessanti, intelligenti e complicati, e forse meritano una grande credito ognuno di loro . E ‘stato interessante vedere tutti i nostri attori, in particolare i più giovani, crescere come attori e come esseri umani. Sono stati tutti un piacere da guardare, fin dall’inizio, ma Jesse Spencer e Jennifer Morrison erano particolarmente giovani. Olivia Wilde era giovane, pure lei. E ‘stato interessante vederli maturare. Abbiamo avuto una serie in cui tutti gli attori sono cresciuti tra una stagione e l’altra.

Com’è stato per voi dirigere l’episodio finale di questa serie a cui avete lavorato per un tempo così lungo?

E ‘molto strano. E ‘una di quelle cose in cui la mia risposta non è soddisfacente come vorrei che lo fosse, perché dirigere è un lavoro che consuma molto. Quando stai dirigendo, stai seduto lì e pensi  “Ho bisogno di fare questo colpo. Quante ore abbiamo lasciato nel corso della giornata? Quante ore ci sono dietro? ” Sei solo costantemente preoccupato di fare il lavoro. Così, il 98% del tempo è stato solo per il lavoro.

Quando la prima serie è iniziata, hai avuto qualche tipo di finale in mente?

No. Nella mia mente pensavo solo che sarebbe stato incredibilmente pomposo. L’idea che questo show fosse stato destinato a durare più di 12 episodi, e che avrei potuto progettare un finale, sarebbe stato solo troppo arrogante. E ‘ una serie televisiva americana. Mi aspettavo che sarebbe rimasto in onda, e avrei raccontato solo storie individuali su questa persona, fino a quando mi avrebbero detto che non potevo farlo più.

Quali sono le tre componenti che credi siano state le più efficaci e accattivanti di Dr. House per gli spettatori?

Beh, c’è un alchimia per queste cose, e non sono sicuro che si può individuare una componente. Lui è quello che è, e la gente ha risposto. Non so, se ti ha portato via qualcosa, che cosa sarebbe. Forse sono gli occhi di Hugh Laurie o il senso di umorismo del personaggio, e il fatto che lui è un po’ di un ragazzo quindicenne, insieme con un centinaio di altre cose.

Guardando al futuro, le prospettive per te? Stai pensando di rituffarsi in TV, o stai andando a prendere un po ‘di tempo libero?

Io mi prenderò il tempo per sviluppare qualcosa di nuovo. Prenderò un bel respiro, ma sì, sto pensando di tornare nel business della TV.

Che tipo di spettacolo ti piacerebbe fare in futuro?

Beh, io non voglio ripetermi. Una delle grandi cose su questo business, e una delle cose tragiche su questo business, è che bisogna ricominciare da capo. Quindi, non vedo l’ora di esplorare nuovi personaggi, nuove idee e una nuova impostazione. Ma, io sono quello che sono. Ci saranno elementi su di me, in qualunque cosa io faccia. Una delle grandi cose su questo spettacolo è stato la canalizzazione di una parte del mio subconscio. Ho il sospetto che si  intrufoli in ogni cosa che faccio.

(Fonte: Collider.com)

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Netflix

5 modi per bruciare calorie guardando serie tv

Pubblicato

:

stranger things 3 900x600 1

Anche per gli irriducibili della palestra ci sono i giorni “no”, quelli in cui l’ozio prende il sopravvento e l’unica cosa che si desidera è stendersi sul divano in compagnia di plaid e snack da sgranocchiare e, soprattutto, con il telecomando a portata di mano pronti per le maratone su Netflix… mica quelle di corsa! Ma non disperare, David Lloyd Clubs, il gruppo leader europeo in ambito fitness, propone 5 diversi allenamenti da poter eseguire con gli occhi incollati alle nostre serie preferite, restando in forma davanti alla TV e sentendo meno la fatica!

Corri a gambe levate con Stranger Things: quale miglior modo per sentirti parte del gruppo dei nostri piccoli eroi se non quello di scappare insieme a loro da mille e più mostri? Un classico come il tapis roulant rimane il miglior metodo per un’intensa sessione di cardio davanti a una delle serie più adrenaliniche!

Come le serie della Casa di Carta: che siano squat per avere i glutei di Tokio, addominali per la tartaruga di Denver o flessioni per le braccia di Helsinki, le serie e le ripetizioni sono fondamentali per l’aumento della massa muscolare, della resistenza, della forza e della definizione. Consigliate, 3 serie da 10-15 ripetizioni ciascuna… ma in base all’esperienza e alla preparazione è bene variare. Non dimenticare, poi, il tempo di riposo tra una serie e l’altra. Anzi! Sfruttalo per allenare anche la mente, proprio come il Professore.

Fai un salto… da Friends: anche se i nostri vecchi amici e il loro famoso divano sono inseparabili, noi non possiamo proprio rimanere seduti tra una risata e l’altra. Scegli la corda e, saltando, non solo brucerai tantissime calorie, ma avrai un cuore più sano, aumenterai la resistenza e perfino l’agilità. Unica pecca? Se vivi in un condominio e non sei al primo piano, i tuoi vicini potrebbero non essere amichevoli come Joey e Chandler quando verranno a bussarti alla porta!

Calma i nervi e non farti sopraffare da Black Mirror: brutale, cupa e inquietante. Se questa serie non è proprio la più adatta a rilassarsi dopo una giornata stressante, ma non puoi farne a meno, il nostro consiglio è di bilanciare con un po’ di yoga.
Scegli 4/5 posizioni che ti permettano di tenere lo sguardo fisso sulla TV e trova il tuo equilibrio tra forti emozioni e relax. Il fluire del respiro farà il resto!

Di tutto un po’ per la lotta alla droga di Narcos: forse non lo sai, ma l’addestramento per gli agenti della DEA è rigido, impegnativo e variegato. Dal warm-up in stretching ai circuiti anaerobici, dal cardio ai pesi. Se sei già un abile sportivo, ami i training più intensi e sogni una vita parallela alla lotta contro il crimine, un mix di diversi allenamenti (senza esagerare!), potrebbe essere quello che fa per te. Parti con qualche esercizio di risveglio muscolare, poi via di addominali e squat, qualche plank in tenuta e infine un qualche minuto di stretching. Avrai sollecitato tutto il corpo e, nel mentre, fatto un giro per le strade più pericolose della Colombia o del Messico.

friends

“La costanza è la chiave per raggiungere i risultati desiderati, ma allo stesso tempo l’esercizio fisico non deve essere percepito come un peso. Se la palestra un giorno ci sembra un impegno troppo faticoso, nessuno ci impedisce di optare per una sessione di allenamento diversa, davanti alla tv!”, ha dichiarato Marco Tonarelli, General Manager del David Lloyd Malaspina. “Sudare e tonificare il corpo con il sorriso stampato in faccia è per noi la cosa più importante. Per questo tutti i nostri trainer sono sempre a disposizione per individuare gli esercizi e gli allenamenti più idonei a rispondere alle diverse esigenze delle persone. È il primo passo per strutturare un allenamento personale idoneo!”

Per tutti gli altri giorni in cui invece in cui ti senti pieno di energie, ti aspettiamo al David Lloyd Malaspina! Il club offre oltre 160 corsi alla settimana, con differenti tipologie di allenamento e più di 14 attività diverse, compreso Blaze, il nuovo allenamento HIIT che misura in tempo reale l’efficacia dell’allenamento tramite il monitoraggio costante della frequenza cardiaca.

 

Continua a leggere

Cinema

Stipulato accordo di esclusiva tra Wildside e il collettivo I Diavoli per nuove serie tv e film

Pubblicato

:

wildside i diavoli

Il collettivo I Diavoli sottoporrà – in via prioritaria ed esclusiva – a Wildside di Mario Gianani e Lorenzo Mieli qualsiasi idea, concept, format e soggetto sviluppato, ai fini di una eventuale realizzazione di serie televisive o di film.

Creata nel 2009, Wildside– parte di Fremantle, uno dei principali produttori indipendenti al mondo – ha realizzato film di Bernardo Bertolucci, Marco Bellocchio e Saverio Costanzo; titoli campioni di incasso – tra i quali Come un Gatto in tangenziale di Riccardo Milani – e serie internazionali di successo come In Treatment1992, 1993 e 1994; il debutto in televisione del regista Premio Oscar Paolo SorrentinoThe Young Pope;Il Miracolo di Niccolò AmmanitiL’amica geniale, tratto dalla quadrilogia di Elena Ferrante, per la regia di Saverio Costanzo. Il collettivo I Diavoli (www.idiavoli.com) è guidato da Guido Brera, tra le altre cose cofondatore e CIO di Kairos. Nel 2014 Brera ha pubblicato il suo primo romanzo I Diavoli(Bur), e da allora ha affiancato le sue attività nel mondo della finanza con quelle di scrittore. Nel 2015 è tra i fondatori – insieme con Elisabetta Sgarbi e Umberto Eco – della casa editrice La Nave di Teseo e nel 2017 ha scritto, con Edoardo Nesi, il libro Tutto è in frantumi e danza (La nave di Teseo), su come la crisi finanziaria del 2008 ha influenzato gli equilibri politici e finanziari degli anni successivi, fino ad arrivare alle elezioni presidenziali americane e al referendum sulla Brexit.

96483 ppl

Andrea Scrosati, Group COO di Fremantle ha dichiarato: “Le storie più potenti sono quelle che si basano sulla realtà, che da essa traggono ispirazione e ci offrono un punto di vista originale per comprenderla ed esplorarla. Guido Brera e il team de I Diavoli hanno una capacità straordinaria di indagare su aspetti della realtà che sfuggono a molti, restituendola al racconto. Per questo sono davvero orgoglioso che abbiano scelto Fremantle,e in particolare il team di Wildside, come loro partner creativo e produttivo”.

Guido Brera, fondatore del collettivo I Diavoli ha dichiarato: “Per I diavoli raccontare storie significa leggere tra le righe del reale, illuminarne i lati più oscuri, ma soprattutto giocare d’anticipo, intercettare le tendenze, cogliere nell’oggi ciò che sarà domani. Restituire visioni del futuro a partire dal presente. Lo facciamo incrociando saperi diversi in una geometria narrativa comune, sperimentando una pluralità di chiavi espressive: dai libri al Web, dalla letteratura alla multimedialità. L’accordo di first look con Fremantle, tra le società leader mondiali nel campo della creazione e la produzione, e una realtà produttiva del valore di Wildside rende finalmente possibile raccogliere la sfida oggi più ambiziosa sul terreno delle grandi narrazioni e dell’intrattenimento di qualità: quella dello sviluppo di contenuti audio-visivi per il cinema e la serialità televisiva”.

Mario Gianani, CEO di Wildside ha dichiarato: “Produrre contenuti destinati a una platea ormai globale richiede una lettura sempre più attenta del contemporaneo e per fare questo è indispensabile avere accesso a proprietà intellettuali che si trovano anche al di fuori dei canali tradizionali. L’incontro con Guido Brera e il collettivo I Diavoli da lui creato è stato per noi illuminante, è nata subito una intensa e proficua collaborazione che al momento ci vede impegnati nello sviluppo di quattro progetti che spaziano tra la serialità televisiva e i film destinati al grande schermo”. 

Continua a leggere

News

The New Pope, il nuovo teaser trailer della serie con Jude Law e John Malkovich

Pubblicato

:

69900291 931757117187918 1084495782159056896 n

Il nuovo teaser trailer di The New Pope finalmente è arrivato. La serie originale SKY-HBO-CANAL +, che debutterà in esclusiva per l’Italia su Sky a gennaio, è creata e diretta dal Premio Oscar® Paolo Sorrentino, prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside, parte di Fremantle, e co-prodotta da Haut et Court TV e The Mediapro Studio. Il distributore internazionale è Fremantle.

The New Pope, scritta da Paolo Sorrentino con Umberto Contarello e Stefano Bises, è la seconda serie di Sorrentino ambientata in Vaticano. Tutti i nove episodi sono diretti da Paolo Sorrentino. Il cast, oltre ai due volte nominati agli Oscar® Jude Law e John Malkovich, include Silvio Orlando, Javier Cámara, Cécile de France, Ludivine Sagnier, Maurizio Lombardi, già protagonisti in The Young Pope. New entry nella serie sono Henry Goodman, Ulrich Thomsen, Mark Ivanir, Yuliya Snigir e Massimo Ghini e le guest star Sharon Stone e Marilyn Manson.

The New Pope è una serie Sky Original, legata alla crescita di investimenti in produzioni originali Sky annunciati per il lancio di Sky Studios, la nuova casa di produzione e sviluppo pan-Europea. The New Pope è l’ultima, in ordine di tempo, delle serie esclusive targate Fremantle. Fremantle ha ideato molte serie TV di successo tra cui L’amica geniale prodotta da Wildside in Italia, American Gods prodotta da Fremantle North America, Picnic a Hanging Rock prodotta da Fremantle Australia, The Rain prodotta da Miso e Deutschland 86 prodotta dalla UFA in Germania.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Novembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Dicembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X