Connect with us

Cinema

La Casa dei Libri, la recensione della commedia con Emily Mortimer

Published

on

C’è sempre una spigolosità che emerge nella narrazione de La Casa dei Libri quando meno ce lo si aspetta. La regista Isabel Coixet sembra infatti voler spogliare del proprio sentimentalismo ciò che dovrebbe essere romantico o commovente, riuscendo a creare una commedia tragicomica che ruota attorno ad una ineffabile giovane vedova che giunge a Suffolk nel 1950 e decide di aprire una sua libreria dopo aver messo a nuovo un vecchio edificio. Una decisione apparentemente banale, che invece diviene eroica in un paesino in cui tutti si dimostreranno ostili a questa nuova apertura e cercheranno di impedire a Florence Green (Emily Mortimer) di proseguire con successo la propria attività.

La regista spagnola decide quindi di mettere in scena una storia radicata nel passato dell’Inghilterra, che ha a che fare con la situazione sociale di un Paese dopo la guerra e con la sua divisione in classi ormai sempre più netta, per tirarne fuori l’animo più naive: ovvero la tenacia di chi decide di lottare per la diffusione della cultura e dei libri anche in quei luoghi dove nessuno li legge. La voce narrante (la cui vera identità sarà rivelata solo alla fine) mette in chiaro fin da subito il vero tema del film, che è quello di una riflessione sulla lettura come strumento di piacere (anche sensoriale e non solo cerebrale) e di crescita personale.

La casa dei Libri

La casa dei Libri

La Casa dei Libri: ironia e scandalo

La Casa dei Libri è quindi un film che parla di opere letterarie e del loro impatto sulla società, dell’importanza di aprire un confronto su temi scottanti attraverso la lettura di libri che appaiono fin da subito fondamentali: Fahrenheit 451 di Ray Bradbury come Lolita di Vladimir Nabokov. Quest’ultimo, ad esempio, verrà utilizzato nel film come strumento per sottolineare le ironiche contraddizioni della storia, ovvero che un libro dalla forte componente erotica divenga il simbolo di una libreria gestita invece da una donna che non si sente per nulla sensuale e che non nasconde le proprie perplessità persino davanti a dei vestiti di un colore ritenuto troppo appariscente.

A questa idea di tenacia molto femminile si contrappone una donna dell’alta borghesia disposta ad utilizzare tutti i mezzi a propria disposizione per contrastare la diffusione di una cultura che ritiene non allineata e quindi irricevibile. Si tratta di una diversa dimensione della femminilità rispetto a quella della protagonista, certamente meno tollerabile ma non per questo irreale. I personaggi de La Casa dei Libri cercano tranquillità ed invece sembrano destinati a trovare solo scontri e problemi da risolvere, immersi in una storia in cui pare esserci sempre qualcosa di non detto che necessariamente dovrà prima o poi rivelarsi ed uscire fuori. 

La Casa dei Libri: una narrazione spigolosa

Se il film di Isabel Coixet riesce a rendere su schermo un tono sognante senza mai essere sentimentale, sembra invece fallire nel legare le sorti di questo piccolo negozio di provincia a quelle di una intera società, volendo sempre restituire (senza mai riuscirsi fino in fondo) l’idea che il futuro di un Paese e della sua cultura sia in qualche modo inscindibile da quello della marginale libreria della signorina Green. Non sempre quindi La Casa dei Libri riesce ad essere complesso e raffinato come invece si dimostra essere nella descrizione che fa di alcuni rapporti fra personaggi, come ad esempio quello tra la Green ed il signor Brundish: una delicata corrispondenza comunicata allo spettatore con una invidiabile ma significativa economia di gesti. 

La Casa dei Libri, la recensione della commedia con Emily Mortimer
3.1 Punteggio
Pro
Ottima Emily Mortimer Sottile ironia Rifiuto del sentimentalismo
Contro
Meno complesso di quanto vorrebbe essere Spesso didascalico Alcuni rapporti fra personaggi non approfonditi
Riepilogo Recensione
Il film di Isabel Coixet riesce a rendere su schermo un tono sognante senza mai essere sentimentale, ma non sempre riesce ad essere complesso e raffinato
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

La Casa dei Libri – TRAILER

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Cinema

Mission Impossible 7 | le riprese con Tom Cruise continuano a Venezia

Published

on

tom cruise police newscinema compressed

Continuano senza stop le riprese del settimo capitolo del film Mission Impossible con protagonista Tom Cruise nuovamente nei panni dell’agente Ethan Hunt. Grazie agli scatti che potrete vedere al centro della pagina, avvenuti a opera di Stefano Mazzola, l’attore rigorosamente con la mascherina durante i momenti di pausa, ha salutato tutte le persone accorse lì per lui.

Tom Cruise e le riprese a Roma

Come vi abbiamo mostrato qualche settimana fa, la squadra di Mission Impossible 7 è tornata in Italia, per riprendere a girare a Roma, dopo lo stop forzato del marzo scorso a causa del coronavirus. Cruise diretto dal regista Christopher McQuarrie e dal resto del cast per alcune settimane ha ‘bloccato’ il cuore di Roma, girando molte sequenze d’azione nel Rione Monti e ai Fori Imperiali.

Tra un inseguimento e un altro per le vie del centro, tutta la squadra si è mossa verso il nord Italia, per approdare nella suggestiva Venezia, come viene mostrato in questi scatti.

Leggi anche: Mission Impossible 7 | video dal set a Roma in esclusiva per NewsCinema

Leggi anche: Tom Cruise nello spazio per il prossimo film | svelata la data di partenza

Mission Impossible 7 direzione Venezia

Come era stato preannunciato mesi e mesi fa, nonostante il periodo delicato che il nostro Paese sta attraverso a causa del COVID-19, tutta l’equipe si è spostata a Venezia. Tom Cruise insieme a Pom Klementieff, Hayley Atwell e Simon Pegg, in questi giorni saranno presenti nei tipici canali della città lagunare, per girare le ultime sequenze d’azione, prima di tornare negli Stati Uniti.

Il debutto nelle sale americane del settimo film è previsto per il 19 novembre del 2021. Di conseguenza, l’ottavo già in programma, dovrebbe arrivare agli spettatori di tutto il mondo dal 4 novembre del 2022.

Continue Reading

Cinema

Matthew McConaughey rivela di essere stato vittima di abusi

Published

on

matthew mcconaughey abusato ragazzo rivelazione shock v3 476107 1280x720 1

L’attore Matthew McConaughey affida al suo libro «Greenlights» il racconto di alcune drammatiche esperienze passate che fino a questo momento non aveva rivelato. “A 18 anni fui molestato da un uomo mentre avevo perso i sensi nel retro di un furgone”, racconta l’attore tra le pagine del libro autobiografico.

Le rivelazioni di McConaughey

L’attore premio Oscar grazie alla sua interpretazione in Dallas Buyers Club ha scritto di non essersi “mai sentito una vittima”, ma anzi di “aver avuto molte prove che il mondo stesse cospirando per rendermi felice”. L’attore racconta anche di un altro episodio di cui fu vittima da ragazzo: “Fui ricattato per fare sesso per la prima volta a 15 anni. Ero certo che sarei andato all’inferno per questo rapporto prematrimoniale. Oggi spero davvero che non sia così”.

Il rapporto con il padre

Tutto il suo vissuto doloroso è stato raccontato nelle pagine di «Greenlights», libro in cui McConaughey, oggi sposato con la modella Camila Alves, da cui ha avuto tre figli, racconta anche del matrimonio burrascoso fra i genitori e del difficile rapporto con il padre James. L’attore definisce la figura paterna “burbera e rigida, ma mi ha insegnato come essere un uomo”. Dal 2016 Matthew McConaughey è uno dei sostenitori del programma contro gli abusi sessuali messo in piedi dall’Università del Texas. 

Continue Reading

Cinema

Rebecca | la recensione del remake Netflix con Lily James

Published

on

rebecca film in streaming su netflix trama cast e uscita

Rebecca – La prima moglieè stato il solo film del leggendario Alfred Hitchcock a vincere un Oscar per il Miglior film (un dato incredibile se si considera la lunghissima filmografia del cineasta britannico). Il capolavoro hitchcockiano fu ispirato dal celebre classico della letteratura scritto da Daphne du Maurier nel 1938. Nel corso degli anni quella storia ha subito diversi adattamenti: uno radiofonico a cura di Orson Welles, film e miniserie televisive (con interpreti del calibro di James Mason, Jeremy Brett, Charles Dance e Diana Rigg). Degli oltre 15 romanzi che la scrittrice ha prodotto nei suoi 40 anni di carriera, nessuno è stati più amato di Rebecca, la prima moglie.

Adesso tocca a Ben Wheatley, enfant terrible del cinema indipendente a cui si devono film come Kill List e A Field in England, mettere mano a quel racconto. 

Rebecca | il remake di Ben Wheatley

Se gli appassionati della filmografia di Wheatley faticheranno a riconoscere la sua mano, le sue trovate visive (ad esclusione di qualche digressione onirica francamente evitabile) e la sua voglia di scardinare i meccanismi che governano il cinema di genere, è facile capire cosa abbia spinto il regista britannico ad accettare di dirigere la sceneggiatura scritta a sei mani da Jane Goldman, Joe Shrapnel e Anna Waterhouse. Scegliendo di non fare un remake del precedente adattamento hitchcockiano, ma rimanendo invece fedele al romanzo originale, Wheatley “inganna” il suo pubblico proponendo un film dalla risoluzione della vicenda solo apparentemente più lieta, ma invece caratterizzata da un profondo pessimismo.

image 1

Il personaggio di Maxim (interpretato da Armie Hammer) è infatti un altolocato “white man”, manipolatore e abituato a non pagare mai per i propri misfatti. Nonostante quindi lo sguardo decisamente più benevolo riservato al personaggio femminile di Lily James, le sue scelte sembrano sempre il frutto dell’influenza negativa esercitata da Maxim (le cui parole vengono qui messe costantemente in discussione, a differenza di molti adattamenti precedenti).

Un film diviso in due

Il film è rigidamente diviso in due sezioni: la prima, ambientata a Monte Carlo, costruita come un melodramma in costume, la seconda, che si svolge nella tenuta della Cornovaglia di Manderley, che guarda invece al thriller gotico. Wheatley sceglie quindi di adottare un approccio diverso per ciascuna delle due sezioni. Se le scene in Francia sono presentate con colori vivaci e uno sfondo lussureggiante, quelle inglesi sono più cupe e orrorifiche (atmosfere rispetto alle quali il regista si sente chiaramente più a suo agio). 

rebecca c e sapere film netflix lily james armie hammer v3 475916

Cambiare il senso del racconto

Come già aveva fatto Sofia Coppola con il suo adattamento del romanzo A Painted Devil del 1966, costruendo un period drama in costume impeccabile ed inserendo solo alla fine l’inquadratura in grado di cambiare completamente il senso del racconto rispetto al precedente adattamento cinematografico (La notte brava del soldato Jonathan del 1971 diretto da Don Siegel), così Wheatley trova proprio nel finale la chiave di lettura per attualizzare il romanzo di Daphne du Maurier. E lo fa rendendo evidente allo spettatore la natura fasulla di una serenità che non è tale.

La Casa dei Libri, la recensione della commedia con Emily Mortimer
3.1 Punteggio
Pro
Ottima Emily Mortimer Sottile ironia Rifiuto del sentimentalismo
Contro
Meno complesso di quanto vorrebbe essere Spesso didascalico Alcuni rapporti fra personaggi non approfonditi
Riepilogo Recensione
Il film di Isabel Coixet riesce a rendere su schermo un tono sognante senza mai essere sentimentale, ma non sempre riesce ad essere complesso e raffinato
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari