Connettiti a NewsCinema!

Cinema

Rambo 5: Last Blood, si aggiungono al cast Yvette Monreal e Sergio Peris-Mancheta

Pubblicato

:

Dopo la recente aggiunta dell’attrice spagnola Paz VegaSpanglish ), la star televisiva Yvette MonrealFaking It, The Fosters ) si è unita al cast di Rambo 5: Last Blood. La Monreal interpreterà il ruolo della sorella minore di Vega, Gabrielle, che purtroppo è stata rapita a causa di alcune notizie pubblicate dalla sorella riguardanti dei cartelli di droga messicani. Un altro annuncio riguardante il ruolo del villain in questo quinto capitolo di Rambo è l’attore spagnolo Sergio Peris-Mancheta, noto per la sua interpretazione Gustavo “El Oso” Zapata nel film Snowfall diretto da John Singleton.

Rambo 5, sarà l’ultimo episodio della serie iniziata negli anni ‘ 80, come ha confermato The Hollywood Reporter. Trascorsi dieci anni dall’ultimo film, John RamboSylvester Stallone ) vive in un ranch in Arizona, cercando di riprendere in mano la sua vita e di lavorare occasionalmente. Ben presto la sua tranquillità verrà sconvolta dalla sua amica e manager della tenuta, Maria la quale lo informerà che sua nipote è scomparsa dopo aver attraversato il Messico durante una festa. John senza pensarci due volte, viaggia a sud del confine per trovare la giovane, portandolo ad una ricerca apparentemente senza speranza, ma ben presto si trasformerà in una violenta discesa verso l’inferno. Rambo scopre un’ organizzazione per il traffico sessuale di giovani ragazze. John si troverà a collaborare con un giornalista la cui sorellastra era stata rapita tempo prima. Ora è giunto il momento di far tornare in azione Rambo per salvare la vita delle ragazze e uccidere un malvagio signore del crimine.

Prima immagine nei panni di John Rambo pubblicata direttamente dall’account Instagram di Sylvester Stallone.

Il film Rambo 5 diretto da Adrian Grunberg è stato scritto da Matt Cirulnick  (in precedenza intitolato Rambo: Last Blood ), mentre Avi Lerner e Kevin King si occuperanno della produzione.

Millennium aveva in precedenza pianificato un reboot di Rambo con l’israeliano Ariel Vroman (The Iceman, Criminal ) dietro la macchina da presa e Brooks McLaren come sceneggiatore, con lo scopo di rifare il ruolo creato nel romanzo del 1972 da David Morrell in First Blood e poi reso popolare nei quattro film con Sylvester Stallone.
C’erano anche piani per una proposta sulla serie TV Fox Rambo: New Blood  che furono ben presto abbandonati. Nonostante Stallone sia giunto all’età di 71 anni, a quanto pare non è ancora giunto il momento di dire “addio” a Rambo, sebbene nel 2016 disse di sentirsi troppo vecchio per riprendere questo ruolo.

Le riprese di Rambo 5  attualmente si stanno svolgendo in Bulgaria e in Spagna, per uscire al cinema nei prossimi mesi del 2019.

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Cinema

Cannes 2019: A Hidden Life – L’esistenzialismo malickiano nella sua veste migliore

Pubblicato

:

a hidden life recensione

Redegund, Alta Austria, 1939. Franz (August Diehl) e Fani (Valerie Pachner) s’incontrano e si amano sin dal primo istante. Hanno da coltivare la loro terra e presto arriveranno i figli (tre bellissime bambine). Ma la guerra incombe e Franz partirà per il fronte. Ma quando farà ritorno niente sarà più come prima. Poi, al nuovo richiamo alle armi, alla richiesta di sostenere i nazisti e il Führer Franz dirà di no, opponendosi con tutte le forze a sostenere qualcosa che lui crede essere il male. Un male in cui, una volta entrati, poi non è più possibile tornare indietro.

Terrenze Malick, in concorso a Cannes 2019 con A Hidden Life, torna a una dimensione narrativa e al suo esistenzialismo più riuscito, alle sue corde migliori, ricostruendo su eventi realmente accaduti una storia tragica di scelte giuste che portano inevitabilmente a conseguenze sbagliate. Costantemente in bilico tra la vita e la morte, tra poesia e dannazione, quest’ultimo film del regista statunitense è opera che ruota attorno al libero arbitrio, all’etica, al valore delle scelte, e che oppone una consapevolezza radicale ed estrema a quella “banalità del male” associata alle pratiche della crudeltà e del male gratuiti in stile nazismo.

a hidden life film

In una cornice come sempre bucolica dove domina la purezza della natura (magistralmente ripresa e splendidamente fotografata da Jörg Widmer, con immagini di una nitidezza ammaliante e una piena sensazione immersiva nella scena) e dei flussi naturali dell’esistenza (corsi d’acqua, cieli tersi, erbe rigogliose, vallate profonde) Malick fa aderire perfettamente quell’idillio amoroso tra Franz e Fani, due anime che sembrano frutto di un’affinità elettiva superiore, per poi consumare lentamente la bellezza di un’unione idilliaca in un oceano di dubbi etici, esistenziali, domande senza risposta.

Il male della guerra e del nazismo che si protendono quasi subito sui due protagonisti innescano infatti in Franz il tarlo di un dilemma morale ed esistenziale, ovvero quello di opporsi al Führer  e alla sua follia, e dunque poi quella scelta di opporsi fermamente a qualunque compromesso e coinvolgimento che determinerà una frattura insanabile in quel paradiso naturale inizialmente tratteggiato.

“C’è una differenza tra le sofferenze che non possiamo  eludere e quelle che scegliamo di vivere”

La scelta come presa di coscienza e responsabilizzazione, nella riflessione viscerale e determinata che anche la decisione di un singolo può fare la differenza (anche se così non pare) è il tema portante di A Hidden Life, la parabola struggente riadattata da una citazione di George Eliot, di un destino apparentemente tragico eppure simbolo estremo di libertà, di una connessione così totale con l’amore puro da non poter essere intaccata, in alcun modo, dall’interferenza del male. Nell’immagine di due mani innamorate che si cercano e s’intrecciano e in quel confronto finale dove “io ti amo e qualsiasi cosa farai andrà bene”, Terrence Malick va ancora una volta alla ricerca dell’essenza della vita, e di ciò che ne determina un senso (nel bene così come pure nel male).

1st image radegund

Siamo respiro, un’ombra che fugge via”, parole che rievocano una dimensione estemporanea legata a quegli stralci di riflessioni che Malick ancora una volta compie nel suo tipico voice over, traducendo i suoi pensieri più intimi, volti a tenere insieme quel filo esistenzialista e filosofico che (esattamente come in questo caso) è alla base di ogni suo film. Un’opera lirica ma dal messaggio potente che lega il filo narrativo all’esistenzialismo più insidioso. 

Riflessione sentita tra accettazione passiva dell’esistenza e applicazione attiva del proprio libero arbitrio, tra vita e morte, A Hidden Life s’insinua tra le piaghe dolorose e controverse di un essere umani che contempla sempre l’onore e l’onore della scelta. In un film fluido che scorre via nelle sue tre ore come fossero ritagli tangibili di vita, di pensieri aderiti perfettamente all’emozione, Malick trova qui il suo esistenzialismo più funzionale, dove il libero scorrere delle immagini ha una sua precisa controparte simbolica. Infine, flusso di coscienza in immagini e parole come solo Malick, il regista contemporaneo in assoluto più esistenzialista, riesce a fare.

Continua a leggere

Cinema

Diego Maradona, il ritratto sincero e toccante di un mito con tutte le fragilità dell’uomo

Pubblicato

:

diego maradona film 2019

Il riccio caschetto di capelli neri, i lineamenti morbidi e il sorriso dolce. Il fisico compatto ma atletico. Diego Armando Maradona l’argentino nato a Lanus, cosiddetto Pibe de Oro, a cavallo degli anni ’90 è divenuto per il mondo una sorta di icona, di santino calcistico, ma anche il simbolo di riscatto legato a una città (Napoli) spesso associata a storie di cronaca e attualità negative e controverse. Non è infatti un caso che il documentario sincero e anche toccante del regista Premio Oscar (per Amy, 2016) Asif Kapadia inizi proprio con lo sbarco di Maradona a Napoli, reduce da una stagione molto negativa con il Barcellona, per sentirsi rivolgere da un giornalista alla conferenza stampa di  presentazione, la domanda: “Lei è al corrente del fatto che a Napoli tutto è in mano alla Camorra?”.

Una domanda scioccante che in quel frangente parve insidiosa, provocatoria e fuori luogo, e alla quale l’allora presidente del Napoli Calcio Corrado Ferlaino rispose offeso e amareggiato, intimando al giornalista finanche di abbandonare la sala. Eppure, quella domanda che oggi appare invece quasi profetica su quelli che saranno poi gli sviluppi della storia, individua un po’ la chiave della vita e della carriera di Maradona in quel di Napoli. Dapprima osannato e venerato come un vero e proprio semi-Dio grazie alle inaspettate vittorie che riuscì in breve tempo a regalare alla squadra del Napoli (due scudetti, una coppa Uefa e tanta celebrità) e poi, poco alla volta, mutato in nemico e addirittura diavolo a causa di una serie di vicende e situazioni legate in primis al suo sfolgorante e invidiabile successo, alla connessione stretta che l’argentino aveva instaurato con la famiglia di camorristi Giuliano e alla sua conclamata tossicodipendenza. 

maradona

Ascesa e rovina di un mito calcistico

Attraverso la giustapposizione di immagini di repertorio (partite, interviste, goal memorabili, il tutto selezionato e ri-assemblato dalle circa 500 ore di materiale mai visto dell’archivio personale di Maradona e da lui stesso messo a disposizione), Kapadia narra dunque ascesa e discesa di un mito, un uomo divenuto il sogno di gloria e di riscatto, ma anche (suo malgrado) conferma di una realtà malata, inscindibilmente legata alla camorra e a un successo che spesso e volentieri fagocita le vite, specie per chi come Maradona proviene da realtà profondamente povere e umili, quasi incompatibili con la vita del jet set.

Kapadia inquadra dunque il goleador nella sua doppia veste di uomo fragile e generoso (con l’idea fissa di fare successo per regalare una nuova vita alla propria famiglia) e di campione infallibile, costretto a nascondere le proprie debolezze per stare sempre al passo con il mito. Una dinamica stressante e faticosa che poi crollerà sotto il peso della cocaina, di una dipendenza divenuta sempre più necessaria per colmare il senso di inadeguatezza profondo, legato all’incapacità di restare ancorato alla figura del mito. Il documentario Armando Maradona, però, descrive anche molto bene l’anima di una città calorosa e tentacolare come Napoli. La Napoli tra anni ’80 e ’90, dinamica e colorita, città totalmente affascinata dal mito di un uomo capace di regalarle un frangente indimenticato di successo e notorietà, e che festeggerà per ben due mesi la vittoria del primo scudetto mai conquistato.

Al cinema il 23-24-25 Settembre 2019

Diego Maradona, il ritratto sincero e toccante di un mito con tutte le fragilità dell’uomo
3.5 Punteggio
Riepilogo Recensione
Nel suo essere documentario biografico e specifico sulla vita del campione argentino, Diego Maradona del documentarista Premio Oscar Asif Kapadia mette a fuoco, con indubbie capacità analitiche e narrative, ancora una volta quella trasformazione determinata da un successo imprevedibile e insperato, enorme e fagocitante, un successo spesso distruttivo, specie per chi viene dalla strada e parte dal sogno semplice di regalare una vita migliore a sé e alla propria famiglia. 
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Continua a leggere

Cinema

Dolor Y Gloria, un puzzle emozionale attraverso le memorie e i colori del passato

Pubblicato

:

dolor y gloria

Salvador Mallo (un ottimo Antonio Banderas) è regista di successo, in fase calante e di crisi mistica. Accusa problemi fisici ma, allo stesso tempo, anche una grande instabilità emotiva. E in quella fase di limbo creativo ed esistenziale a riaffiorare preponderanti nella sua mente sono i tanti ricordi, mescolati e confusi, della sua infanzia anni ’60 di povertà a Valencia, del rapporto con la madre Jacinta (Penelope Cruz nella versione giovane), delle prime e ancora acerbe pulsioni amorose, del primo disincanto amoroso vissuto a Madrid, e poi ancora di quella Madrid difficile da vivere ma anche da dimenticare, dei suoi successi come regista e del suo grande e imperituro amore per la scrittura.

Un tempo dunque in cui le reminiscenze tendono ad avere la meglio su tutto il resto, indicando la nostalgia di una vita vissuta nelle sue tante connotazioni emotive ed esistenziali. Un tempo dove il dolore emotivo sembra in qualche modo doppiare quello fisico, generando una serie di sintomatologie corporee che sembrano essere il riflesso di quelle mentali. E nell’idea di recupero di un passato da ritrovare e ricostruire, Mallo inizierà quindi a sentire l’urgenza di mettere nero su bianco quei ricordi e quei tanti personaggi di un passato che appare lontano, e per certi versi anche doloroso, ma che racchiude la bellezza insostituibile di pezzi di vita vissuta, di un mosaico emozionale che non va mai perso ma sempre recuperato.

90011 ppl

L’amore non basta a salvare la persona che si ama

Di nuovo in concorso a Cannes (2019), Pedro Almodóvar torna alle sue corde cinematografiche più care, ovvero sulle orme di una vita vissuta e tutta da ricordare, di sensazioni da far riemergere. Nella sospensione di una rete di memorie fitte e fittamente mescolate tra loro, Almodóvar si sovrappone qui al suo protagonista Salvador Mallo per tratteggiare un racconto altamente autobiografico che attraverso il cinema, la scrittura, l’emozione, e la bellezza del tempo recupera i frangenti migliori e più incisivi della (sua) vita.

Come sempre immerso nella saturazione dei colori, e circondato da quel rosso vivo (rossi gli ambienti, ma anche gli sfondi, e gli oggetti di scena) che è la cifra visiva più riconoscibile del celebre regista spagnolo, Dolor Y Gloria è racconto nostalgico che mescola gioie e dolori dell’essere artista di successo con alle spalle una vita complessa, ma anche ricca proprio di quei tanti colori e sfumature. Facendo leva ancora una volta sulla sua cifra più personale, Almodovàr  insegue infine qui la sua “Addiciòn”, ovvero quell’intrico inscindibile di dipendenze che fanno – sempre – dell’artista un “essere” fortemente  fragile e  dipendente. Dipendente in primis dalla sua arte, e poi da tutto ciò che in qualche modo tenta di colmare un vuoto a volte incolmabile, di riempire uno spazio esistenziale che spesso appare pieno di buchi.

c 2 fotogallery 3098414 0 image

Con Dolor Y Gloria Almodóvar racconta e disegna l’amore nelle sue sfaccettature più diverse (dalle pulsioni sessuali agli affetti più radicati passando per le passioni) e lo mette in scena evidenziandone le grandissime potenzialità ma anche le tante limitazioni. Perché, infine, l’amore può tanto ma non “basta a salvare la persona che si ama”.

Review 0
4 Punteggio
Riepilogo Recensione
In concorso a Cannes 2019, Pedro Almodóvar presenta Dolor Y Gloria, racconto nostalgico e “colorato” sui dolori e sui successi. Un’opera molto calda e personale che ritrova la cifra più intimista del regista spagnolo, costruendo una panoramica emozionale della vita dell’artista e delle tante emozioni che la nutrono. 
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Maggio, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Giugno

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X