Connect with us
american horror story sarah paulson newscinema compressed american horror story sarah paulson newscinema compressed

Cinema

Sarah Paulson | la brillante carriera dell’attrice americana

Published

on

Tra le tante attrici di Hollywood, Sarah Paulson negli ultimi anni è riuscita a conquistare il pubblico di tutto il mondo attraverso alcune serie tv diventate cult. Tra le sue ultime fatiche, vi consigliamo il prodotto seriale Ratched presente su Netflix, prequel del film Qualcuno volò sul nido del cuculo di Milos Forman.

Le prime esperienze di Sarah Paulson

Nata a Tampa da Catharine Gordon Dolcater e Douglas Lyle Paulson II, è cresciuta a New York con la madre, dopo il divorzio dei suoi genitori avvenuto quando aveva solo 5 anni. Le prime esperienze come attrice le ha avute sempre nelle serie tv con American Gothic (1995-96), e Jack & Jill (1999-2001).
Il mondo del cinema non poteva di certo lasciarsi sfuggire l’occasione di portare sul grande schermo un’attrice affascinante come lei. Il debutto cinematografico avviene con What Women Want – Quello che le donne vogliono (2000) insieme a Mel Gibson e Abbasso l’amore (2003).

Oltre alla commedia, anche il genere drammatico è un ottimo banco di prova per lei, con i lungometraggi Path to War (2002) e La scandalosa vita di Bettie Page (2005). Continua a vele spiegate la sua carriera come attrice di serie tv, con la serie drammatica Studio 60 on the Sunset Strip, ottenendo la sua prima candidatura ai Golden Globe. Dopo una breve parentesi nella serie comica Cupido nel 2009, ha preso parte come protagonista del film La fuga di Martha nel 2011, ottenendo una candidatura agli Emmy e ai Golden Globe per la miglior attrice non protagonista in una serie per la sua interpretazione di Nicolle Wallace nel film Game Change (2012).

ahs sarah paulson newscinema compressed

Leggi anche: Ratched | Il trailer dell’attesa serie di Ryan Murphy ora disponibile

La vera svolta: American Horror Story

Esperienza dopo esperienza, la Paulson partecipa a tre episodi della prima stagione di American Horror Story nel 2011, ottenendo un grandioso successo di pubblico e critica. Un’interpretazione che ha lasciato il segno, al punto tale da farla entrare nel cast ufficiale della serie TV di Fox a partire da AHS: Asylum. Il suo nome inizia a essere una presenza fissa nelle cerimonie di premiazione più prestigiose del mondo dello spettacolo.

Dal 2013 al 2018 ha ottenuto una nomination agli Emmy come miglior attrice non protagonista in una miniserie o film per la televisione, riuscendo a vincere nel 2016 il titolo per la serie American Crime Story: Il caso O.J. Simpson. La sua interpretazione come Marcia Clark, avvocato nella storia sul caso O.J. Simpson viene annoverata tra i suoi lavori meglio riusciti e pluripremiati con un Emmy, Screen Actors Guild Award, Golden Globe e il terzo Critics’ Choice Television Award.

Nel 2017 riceve una duplice candidatura di tutto rispetto ai Saturn Award e agli Emmy (la settima) per aver interpretato ben 3 ruoli diversi in American Horror Story: Roanoke. Per l’ottava stagione di AHS, la Paulson, non solo si cimenta in diversi ruoli sempre più folli, ma siede per la prima volta dietro la macchina da presa, debuttando come regista.

Leggi anche: Ratched | La recensione della nuova serie tv di Ryan Murphy

Serie tv ma anche tanto cinema

I suoi impegni sul set della serie AHS non la distolgono da altre proposte, provenienti dal mondo del cinema, prendendo parte a diversi film quali: lue Jay (2016), Rebel in the Rye (2017), The Post (2017), Ocean’s 8 (2018), spin-off di Ocean’s Eleven in cui è protagonista insieme a Sandra Bullock, Cate Blanchett, Anne Hathaway, Rihanna, Helena Bonham Carter, Mindy Kaling e Awkwafina, Bird Box (2018), Glass (2019), in cui interpreta l’antagonista principale, Il cardellino (2019) e Run (2020).

Nel 2020 è protagonista di due serie tv che hanno destato curiosità per le tematiche e il periodo storico nelle quali sono ambientate. La prima è la miniserie Mrs.America diretta da Anna Boden, Ryan Fleck, Amma Asante, Laure de Clermont-Tonnerre, Janicza Bravo nella quale interpreta Alice Macray.

Mentre la seconda, fresca fresca, è Ratched citata a inizio articolo e considerata il prequel del famoso film Qualcuno volò sul nido del cuculo del 1975. Co-prodotta dall’attrice e da Ryan Murphy, la Paulson sempre impeccabile esteticamente e da un punto di vista di sceneggiatura, veste i panni dell’iconica infermiera Mildred Ratched.

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Cinema chiusi fino al 24 novembre: una decisione evitabile?

Published

on

cinema 8 2 2

Il mondo del cinema non ci sta. A differenza di quanto accaduto con il primo lockdown, questa volta gli esercenti e i lavoratori del settore alzano la voce, sostenendo che sia ingiusta la chiusura delle sale cinematografiche, ritenute luoghi sicuri dopo l’attuazione di tutte le misure di distanziamento e per il contenimento dei contagi e chiedono al governo con appelli e petizioni di fare un passo indietro per non privare della cultura i cittadini in una fase così difficile e non mettere definitivamente in ginocchio un comparto già duramente provato. Quello che però in pochissimi si stanno domandando è se chiudere non sia un’opzione migliore per le sale, dando per buoni (e per sufficienti) gli aiuti annunciati dal governo.

I cinema sono luoghi sicuri. E allora perché chiudono?

Innanzitutto una constatazione doverosa: le sale sono luoghi in cui il rischio di contagio è molto limitato. Assicurare il distanziamento è facile, le mascherine vanno indossate sempre, anche durante il film, e in caso di focolai (mai verificatisi, secondo un’indagine degli esercenti stessi) è molto facile tracciare i possibili contagiati perché i posti sono assegnati e numerati (con registrazione degli spettatori all’ingresso). 

Il punto però non sembra essere questo. La decisione della chiusura non è stata presa dall’esecutivo considerando le sale come luoghi pericolosi, ma con lo scopo di alzare il livello di allarme diffuso e di modificare i comportamenti in termini di mobilità e di socialità. Più luoghi vengono chiusi, meno occasioni ci sono per le persone di uscire di casa. A ribadirlo è stato lo stesso ministro Dario Franceschini, intervenuto per rispondere alle critiche delle associazioni di categoria: “La chiusura delle attività dove si ritrovano molte persone non è stata legata a una scelta gerarchica, di importanza, sarebbe assurdo, ma è derivata dall’esigenza di ridurre la mobilità delle persone”.

sala cinematografica

Compromesso politico

Nelle ore immediatamente antecedenti alla firma del Dpcm, un duro scontro è stato documentato dalla stampa tra il ministro dello sport Vincenzo Spadafora e il responsabile della cultura Franceschini. Fonti di governo hanno descritto Spadafora furente per la decisione di chiudere palestre e piscine. Il ministro dello sport avrebbe rimarcato con forza le spese sostenute dagli imprenditori del settore per adeguarsi alle norme anti-Covid, nonché le centinaia di controlli portati avanti dai Nas con zero sanzioni all’attivo. Il ministro avrebbe inoltre rimarcato l’assenza di focolai nati in queste strutture da maggio ad oggi (una situazione non differente, sulla carta, da quella dei cinema). 

Le pressioni per chiudere le palestre sarebbero giunte dall’ala “rigorista” del governo, quella che auspicava le misure più stringenti, che ha proprio in Franceschini uno degli esponenti principali. Il compromesso sarebbe stato quindi questo: riservare parità di trattamento davanti all’evidenza di eguali rischi. In sintesi: se chiudiamo palestre e piscine, allora giù le saracinesche anche di cinema e teatri.

Il problema della programmazione

Ma c’è un ulteriore elemento di riflessione. Quando dietro grandi pressioni le sale cinematografiche riaprirono in seguito al primo lockdown, molti esercenti scelsero di non farlo (la prima riapertura significativa e generalizzata si ebbe a luglio). Il motivo? Non c’erano film appetibili per il grande pubblico da programmare, dal momento che nessuna distribuzione voleva far uscire i propri titoli per non incassare niente. Se le sale restassero aperte oggi, i film ci sarebbero? Quelli americani, gli unici in grado di richiamare davvero un ampio pubblico, no. Non ci sono da mesi e non ci saranno fino al 2021. E se nelle ultime settimane era diventata chiara l’intenzione del cinema italiano di stimolare il ritorno in sala degli spettatori con film più importanti, quelli di maggiore richiamo, non è detto che sarebbe stato ancora vero con un Paese in semi-lockdown e dopo, magari, un primo weekend deludente.

Continue Reading

Cinema

Borat Subsequent Moviefilm | il feroce ritorno di Sacha Baron Cohen

Published

on

d1a7127545594a6d591f68eef598ef747f859ce67abeca242f7f7d2f67c66cd6. ri v ttw

Una doverosa premessa. Borat: Subsequent Moviefilm fa ridere. E farà ridere tutti quelli che apprezzano l’umorismo di Sacha Baron Cohen, fondato sul fastidio e l’imbarazzo, il cui obiettivo principale è quello di spingere sul ribrezzo e la vergogna per mettere a disagio lo spettatore facendogli vedere cose che non vuole vedere. Non potendo contare sulla stessa forza dirompente del primo film, ma dovendosi basare su meccanismi umoristici ormai ampiamente sdoganati (anche dallo stesso Baron Cohen), il sequel di Borat sceglie di approfondire maggiormente la propria componente narrativa (cioè quella che fa da collante tra le varie gag).

Il ritorno di Borat

Sacha Baron Cohen sembra aver compreso benissimo che il senso ultimo di questo secondo film non può essere lo stesso del precedente. Se il primo tirava fuori il peggio dell’America, rendeva esplicito un razzismo spesso latente e malcelato, adesso, dopo l’elezione di Trump, una grande maggioranza della popolazione statunitense non sembra avere più timore nel mettere in luce il lato peggiore di sé. Anche lo spettatore, quindi, “anestetizzato” rispetto all’utilizzo di determinati stereotipi e di luoghi comuni offensivi nei confronti delle minoranze etniche e delle donne, non si scandalizza più.

borat subsequent moviefilm borat subsequent moviefilm 00595 v2r rgb

È sul femminismo, il tema del momento, che il nuovo film punta tutto. Borat deve portare in regalo una scimmia al vice di Trump, ma nel viaggio si imbuca sua figlia, che lui tratta come meno di zero perché donna. Decide quindi di darla in dono. Prima a Mike Pence e poi a Rudy Giuliani, ex sindaco di New York e avvocato personale di Trump.

La principale novità: Tutar Sagdiyev

È Tutar Sagdiyev il motore di tutto. Il personaggio compie nel corso del film un percorso di emancipazione paradossale: da schiava costretta a vivere in gabbia (comprata da un accondiscendente commerciante che consiglia a Borat le bombole di propano più utili per poter asfissiare degli zingari) fino a giornalista “brava come suo padre”. Il punto però è sempre lo stesso: interagire con le persone comuni e mostrare quanto sia facile esporre il loro lato più assurdo davanti ad una videocamera. Come per gli scherzi migliori, l’umorismo sta già nell’idea, prima ancora di capirne le conseguenze. Le situazioni create da Sacha Baron Cohen già da sole dicono qualcosa che è così paradossale da suscitare la risata indipendentemente dalla riuscita della gag.

ca times.brightspotcdn

Un film più feroce

Prendere in giro i bigotti e i razzisti dell’era Trump è davvero un atto sovversivo o un modo per insultare i propri nemici senza provare a comprenderne l’irrazionalità? A questa domanda, che molti spettatori potrebbero porsi, Sacha Baron Cohen decide di rispondere con una ferocia decisamente più visibile rispetto a quella del primo film. Rivendica il diritto ad attaccare frontalmente queste persone, ridicolizzando senza remore quella fetta del popolo americano ancorato a idee estreme.

Nonostante la cattiveria, Borat: Subsequent Moviefilm riesce a trovare il massimo della tenerezza nel massimo del grottesco. Rimarrà impressa a lungo la scena (esilarante e commovente allo stesso tempo) in cui il personaggio di Sacha Baron Cohen, travestito da “giudeo”, con il naso lungo e le sacche di soldi sotto il braccio, cerca un “conforto” da Judith Dim Evans, una sopravvissuta all’olocausto che ha dedicato gli ultimi anni della sua esistenza all’educazione e alla sensibilizzazione.

Nessuna recensione trovata! Inserire un identificatore per la recensione valido.

Continue Reading

Cinema

Mission Impossible 7 | le riprese con Tom Cruise continuano a Venezia

Published

on

tom cruise police newscinema compressed

Continuano senza stop le riprese del settimo capitolo del film Mission Impossible con protagonista Tom Cruise nuovamente nei panni dell’agente Ethan Hunt. Grazie agli scatti che potrete vedere al centro della pagina, avvenuti a opera di Stefano Mazzola, l’attore rigorosamente con la mascherina durante i momenti di pausa, ha salutato tutte le persone accorse lì per lui.

Tom Cruise e le riprese a Roma

Come vi abbiamo mostrato qualche settimana fa, la squadra di Mission Impossible 7 è tornata in Italia, per riprendere a girare a Roma, dopo lo stop forzato del marzo scorso a causa del coronavirus. Cruise diretto dal regista Christopher McQuarrie e dal resto del cast per alcune settimane ha ‘bloccato’ il cuore di Roma, girando molte sequenze d’azione nel Rione Monti e ai Fori Imperiali.

Tra un inseguimento e un altro per le vie del centro, tutta la squadra si è mossa verso il nord Italia, per approdare nella suggestiva Venezia, come viene mostrato in questi scatti.

Leggi anche: Mission Impossible 7 | video dal set a Roma in esclusiva per NewsCinema

Leggi anche: Tom Cruise nello spazio per il prossimo film | svelata la data di partenza

Mission Impossible 7 direzione Venezia

Come era stato preannunciato mesi e mesi fa, nonostante il periodo delicato che il nostro Paese sta attraverso a causa del COVID-19, tutta l’equipe si è spostata a Venezia. Tom Cruise insieme a Pom Klementieff, Hayley Atwell e Simon Pegg, in questi giorni saranno presenti nei tipici canali della città lagunare, per girare le ultime sequenze d’azione, prima di tornare negli Stati Uniti.

Il debutto nelle sale americane del settimo film è previsto per il 19 novembre del 2021. Di conseguenza, l’ottavo già in programma, dovrebbe arrivare agli spettatori di tutto il mondo dal 4 novembre del 2022.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari