Connettiti a NewsCinema!

Le regole del delitto perfetto

Pubblicato

:

L’avvocatessa e docente di diritto penale Annalise Keating, con la collaborazione di cinque studenti scelti per assisterla nei casi giudiziari, risolve una serie di complicati omicidi.

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Cinema

Candyman | Tutto quello che sappiamo sul remake

Pubblicato

:

Jordan Peele è uno dei nomi di punti del cinema horror moderno, capace di dare ai propri lavori una forte impronta di valenza sociale che riflette sulla condizione della popolazione di colore nell’America contemporanea. Titoli come Scappa – Get Out (2017) e Noi (2019) hanno portato una ventata d’aria fresca nel filone, sfruttando la trama puramente di genere per inserire spunti di riflessione non banali.

Chi meglio di lui poteva quindi rimettere mano ad un personaggio cult come Candyman, tra i primi villain dell’orrore di etnia afroamericana? Peele questa volta si è limitato soltanto alla fase di stesura dallo script, ma siamo sicuri che il nuovo film – che, sulla scia dell’ultimo Halloween, si pone come sequel diretto dell’originale e ignora i sequel – offrirà diverse sorprese agli appassionati del franchise, che ritroveranno piacevolmente il “sempiterno” Tony Todd, storica incarnazione della diabolica nemesi, nei panni di una figura non ancora specificata che, stando alle parole dello stesso Peele, è al centro di qualcosa di grandioso.

Un nuovo inizio

tony todd nel candyman originale

Tony Todd nel Candyman originale

Il Candyman 2020 sarà, come detto, una continuazione del primo episodio – Candyman – Terrore dietro lo specchio (1992) – e la fonte di ispirazione per il tessuto narrativo deriva dal racconto The Forbidden di Clive Barker, ideatore del character, già alla base del prototipo. Peele ha voluto fortemente dire la sua sul personaggio e figura infatti anche come produttore della pellicola, la cui uscita è prevista in patria per il 12 giugno di quest’anno, con la regia affidata a Nia DaCosta, anch’essa afroamericana, alla sua seconda esperienza dietro la macchina da presa dopo il western moderno Little Woods (2018).

Nella giornata di ieri è stato ufficialmente diffuso online il primo trailer che sembra promettere un approccio incisivo sia dal punto di vista del puro terrore, con potenziali jump-scare e un’atmosfera torbida in costante sottofodo, che un nuovo scavo sulla questione razziale e sociale, introducendo inoltre con semplicità le dinamiche alla base del racconto.

Leggi anche: Halloween Kills | Cosa sappiamo sul nuovo film della saga

Tra passato e presente

yahya abdul mateen ii è anthony mccoy

Yahya Abdul Mateen II è Anthony McCoy

Una sorta di “urban legend” inizia a diffondersi per un quartiere periferico e coinvolge i vari abitanti in una scia di morte senza fine. La storia, ambientata dieci anni dopo l’originale, ha luogo nel quartiere Cabrini Green di Chicago, già palcoscenico passato, nel quale ora molti edifici fatiscenti sono stati demoliti per far posto a nuovi, eleganti, palazzi per inquilini facoltosi. Tra le strade riprende voce una leggenda metropolitana relativa ad un killer con un uncino al posto di una mano che viene invocato da coloro che pronunciano cinque volte il suo nome, proprio come accaduto tempo prima.

Nel presente filmico l’artista Anthony McCoy si è appena trasferito con la fidanzata Brianna, direttrice di una galleria, in un condominio di lusso della zona. Quando, in seguito all’incontro con un vecchio abitante, scopre il mistero che aleggia sulla comunità, Anthony intende sfruttare questo potere sovrannaturale a proprio vantaggio e come ispirazione per le proprie opere, spalancando una porta che doveva rimanere chiusa e che ora ricomincia a mettere chiunque nel mirino di Candyman. Da notare il legame tra il nuovo protagonista e le origini del villain che, quando era in vita, di mestiere faceva proprio il pittore: una relazione che darà sicuramente il via a colpi di scena e potrebbe rivoluzionare la mitologia della saga.

Nel cast, oltre al già citato Todd in un ruolo ancora segreto, troviamo anche Yahya Abdul-Mateen II, Teyonah Parris, Nathan Stewart-Jarrett, Colman Domingo e Rebecca Spence e Vanessa Williams che fa anch’essa il proprio ritorno dopo la partecipazione al capitolo originale.

Continua a leggere

Backstage e Curiosità

Hollywood | gli attori che hanno recitato con i propri familiari

Pubblicato

:

Solo pochi giorni fa ci ha lasciato Kirk Douglas, una delle leggende della golden age di Hollywood, mentre la scorsa estate è stato il turno di un altro mito come Peter Fonda. Abbiamo scelto questi due nomi che hanno fatto la storia del cinema per introdurre questo articolo relativo alle riunioni familiari sul grande schermo, nel quale andremo alla scoperta di alcune curiosità su parentele più o meno conosciute dal grande pubblico e di relative condivisioni sul set. D’altronde la Mecca del cinema è ricca di famiglie d’arte, con i più giovani eredi che continuano a portare avanti il cognome paterno/materno.

I giovani

john david washington

John David Washington

Tra le sorprese degli ultimi anni citiamo in apertura John David Washington, figlio del premio Oscar Denzel, che è diventato tra gli attori più ricercati del momento dopo la straordinaria performance in BlacKkKlansman (2018) di Spike Lee. Washington jr., che sarà il protagonista dell’attesissimo Tenet di Christopher Nolan, aveva recitato col padre quando aveva soltanto otto anni facendo una comparsata in Malcolm X (1992), figurando poi come produttore (ma senza apparire davanti alla camera) per il post apocalittico Codice Genesi (2010).

sosie e kevin bacon

Sosie e Kevin Bacon

Sosie Bacon è forme meno conosciuta dal grande pubblico, ma ha ben due genitori d’eccellenza: il padre e la madre sono infatti Kevin Bacon e Kyra Sedgwick. L’attrice, oggi ventisettenne, è apparsa con entrambi nel film Loverboy (2005), dove interpretava la versione bambina del personaggio della madre, con la quale ha condiviso anche il set della popolare serie tv The Closer. Sosie ha partecipato recentemente ad altri progetti per il piccolo schermo quali Scream: The TV Series, Here and Now e Tredici.

rumer willis e demi moore

Rumer Willis e Demi Moore

Anche Rumer Willis può vantare di essere la figlia di due divi di Hollywood, ossia Demi Moore e Bruce Willis. Nata nel 1988, l’attrice sin da bambina / adolescente ha recitato insieme ai genitori, con la madre in Amiche per sempre (1995) e Striptease (1996) e con il padre in FBI: Protezione testimoni (2000) e Hostage (2005). Rumer ha una fortunata carriera sia sul piccolo che su grande schermo e ultimamente l’abbiamo vista anche in C’era una volta a… Hollywood (2019).

jaden smith

Jaden Smith

Jaden Smith deve ancora farne di strada per raggiungere il successo del padre Will, tra gli attori più pagati e potenti di Hollywood, ma le premesse sono senza dubbio incoraggianti. Sua madre è anch’essa una nota attrice, Jada Pinkett Smith, e il ragazzo ad oggi conta numerose partecipazioni a pellicole del genitore: lo ricordiamo in particolar modo nel toccante La ricerca della felicità (2006) e nel fantascientifico After Earth (2013).

dakota johnson

Dakota Johnson

Dakota Johnson è stata lanciata al grande successo su grande schermo grazie alla trilogia di 50 sfumature, ma negli anni si è ritagliata ruoli sempre più difficili e complessi. Figlia di due leggende come Melanie Griffith e Don Johnson, la bella attrice ha esordito al cinema insieme alla madre in Pazzi in Alabama (1999), e negli ultimi anni si è distinta in titoli del calibro di A bigger splash (2015), nel remake di Suspiria (2018) – entrambi diretti dal nostro Luca Guadaganino – e in 7 sconosciuti a El Royale (2018).

mamie gummer e meryl streep

Mamie Gummer e Meryl Streep

Mamie Gummer ha un’eredità pesante essendo l’erede di Meryl Streep, premiata tre volte agli Oscar su ventun candidature. Difficile che la ragazza possa ripetere tale exploit, ma l’esordio su grande schermo quando aveva solo tre anni – insieme alla madre in Heartburn (1986) – faceva già capire che la Nostra era destinata al mondo della recitazione. Mamie e Meryl hanno condiviso nuovamente il set in futuro, sia in Un amore senza tempo (2007) che in Dove eravamo rimasti (2015).

Leggi anche: Kirk Douglas muore a 103 anni | Addio alla leggenda di Hollywood

Gli affermati

angelina jolie

Angelina Jolie

Angelina Jolie aveva il cinema nel DNA, essendo figlia di due attori: Jon Voight non ha bisogno di presentazioni, mentre la madre era Marcheline Bertrand, di origini francesi ma naturalizzata statunitense, morta nel 2007. La popolare attrice ha recitato in due occasioni insieme al padre, ossia in Cercando di uscire (1982) – quando aveva solo sette anni – e nell’adattamento da videogioco Lara Croft: Tomb Raider (2001).

laura dern

Laura Dern

Laura Dern, fresca della vittoria dell’Oscar per il ruolo da non protagonista in Storia di un matrimonio (2019), è la figlia di Bruce Dern e Diane Ladd, i quali inizialmente hanno cercato di tenerla lontana dal mondo della recitazione. Ciò nonostante Laura è apparsa in diverse occasioni insieme alla madre, per un totale di nove film: tra i più noti citiamo Cuore selvaggio (1990) e Inland Empire (2006) di David Lynch e Rosa scompiglio e i suoi amanti (1991), quest’ultimo entrato nella storia per essere stato la prima pellicola nel quale madre e figlia hanno ottenuto in contemporanea la candidatura alla statuetta dell’Academy.

emilio estevez e charlie sheen

Emilio Estevez e Charlie Sheen

Charlie Sheen ed Emilio Estevez sono fratelli, nonostante il diverso cognome, e loro padre è un attore di razza quale Martin Sheen. I tre sono apparsi insieme in un unico film, il capolavoro La rabbia giovane (1973), mentre Charlie ed Emilio hanno condiviso il set più volte: tra le comuni partecipazioni ricordiamo Palle in canna (1993), Il giallo del bidone giallo (1990) e Young Guns – Giovani pistole (1988).

bridget fonda

Bridget Fonda

Bridget Fonda si è ufficialmente ritirata dal mondo del cinema nei primi anni del nuovo millennio, ma non poteva non essere citata visto che la sua famiglia ha fatto la storia di Hollywood: suo nonno era la leggenda Henry Fonda, sua zia Jane Fonda e suo padre Peter Fonda. A soli cinque anni Bridget è apparsa insieme al genitore in un cult generazionale come Easy Rider (1969), l’unica partecipazione condivisa con il parentame. L’attrice è oggi sposata col compositore Danny Elfman ed è madre del quindicenne Oliver che forse, un giorno, potrebbe continuare la gloriosa dinastia.

Continua a leggere

Berlinale

Stateless | quello che sappiamo sulla nuova serie con Cate Blanchett

Pubblicato

:

Con l’avvento del coronavirus il tema dell’immigrazione e dei rifugiati è passato momentaneamente in secondo piano, con la psicosi collettiva (amplificata e non poco dal sensazionalismo mediatico) che domina le pagine dei telegiornali. Il festival del Cinema di Berlino, in corso proprio in questi giorni, sembra per ora non risentire eccessivamente del chiacchericcio intorno al flusso epidemico e proprio alla kermesse tedesca, nelle sezione Berlinale series, è stata appena presentata Stateless, nuova serie televisiva ideata, prodotta e interpretata da Cate Blanchett che si concentra proprio sul cruciale argomento, sempre attuale in ogni angolo del mondo, della ricerca di una vita migliore da parte di coloro che vivono nelle aree più povere del pianeta o sono in fuga da situazioni di guerra.

La prima stagione, in sei puntate, è stata acquistata da Netflix che la manderà in onda nel corso dell’anno dopo la trasmissione in anteprima assoluta sulla rete australiana ABC, che ha commissionato il progetto, il prossimo 1 marzo.

Stateless | Una storia dei nostri giorni

2 15

Una drammatica scena di Stateless

Cosa sappiamo ad oggi di Stateless? La sinossi è, come prevedibile vista l’imminente uscita in patria e il debutto a Berlino, già disponibile. La storia racconterà le parallele vicissitudini di quattro personaggi che si ritrovano a condividere le proprie esperienze in centro detentivo per l’immigrazione situato nel deserto australiano. I protagonisti sono Sofie Werner, una hostess di compagnie aeree in fuga da un misterioso culto, il rifugiato di origini afghane Ameer che sta scappando dalla persecuzione nel suo Paese, il padre di famiglia Cam Samford che si trova in gravi difficoltà economiche e deve badare ai tre figli e la burocrate Claire Kowitz, reduce da un recente scandalo.

Tra il quartetto si instaurerà un solido legame nonostante la situazione diventi più difficile per ognuno di loro giorno dopo giorno. La sceneggiatura si ispira a fatti realmente accaduti, avvenuti nel 2004 e coinvolgenti una cittadina tedesca trattenuta illegalmente, liberamente adattati per risultare maggiormente incisivi e coniugare al contempo impegno civile e un maturo intrattenimento per il grande pubblico.

Leggi anche: Cate Blanchett, 5 curiosità sull’attrice ospite alla Festa del Cinema di Roma 2018

Stateless | Un progetto importante

Yvonne Strahovski è Sofie Werner

Cate Blanchett interpreterà un ruolo di supporto, quello di Pat, che segna anche la sua prima effettiva partecipazione davanti alla macchina da presa in un format destinato al piccolo schermo. L’attrice è da tempo ambasciatrice dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani e ha lavorato in prima persona alla creazione della serie, scritta con la collaborazione di Tony Ayres ed Elise McCredie.

Il cast di Stateless è quello delle grandi occasioni, con volti noti del panorama sia televisivo che cinematografico come Yvonne Strahovski (Chuck), Dominic West (The Wire) e Jai Courtney e interpreti meno conosciuti di provenienza autoctona, mentre in cabina di regia si alternano, per tre episodi ciascuna, Jocelyn Moorhouse (The Dressmaker – Il diavolo è tornato) ed Emma Freeman (Glitch). La Blanchett ha dichiarato “Stateless è frutto di un lavoro di anni e la diffusione worldwide su Netflix è il mezzo migliore per diffondere su scala globale spunti di riflessione sulla logica di protezione dei confini attraverso una storia dal carattere universale“.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Febbraio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Marzo

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X