Connettiti a NewsCinema!

Interviste

Sights of Death, un cast hollywoodiano per una fantascienza made in Italy

Pubblicato

:

L’idea è quella di dimostrare che l’Italia può competere con l’industry americana” ha dichiarato Andrea Iervolino che ha fondato la Ambi Pictures con Monika Bacardi ed era ieri a Roma per annunciare l’inizio delle riprese del primo film interamente prodotto dalla loro casa di produzione, Sights Of Death. “Questa è la prima produzione di Ambi per una distribuzione internazionale. Vogliamo riuscire ad unire l’ industry italiana e quella americana per dei film adatti ad una distribuzione internazionale. Il gruppo finanziario di Ambi ha già partecipato ad altre produzioni fino ad oggi, ma questo film è interamente finanziato da noi“. Diretto da Alessandro Capone e realizzato da una troupe tutta italiana, questo atteso film di fantascienza ambientato in un 2047 post-apocalittico nasce da un’idea di Tommaso Agnese che ha firmato la sceneggiatura insieme a Luca D’Alisera, e avrà un cast principale prettamente hollywoodiano. Danny Glover, Rutger Hauer, Stephen Baldwin, Daryl Hannah e Michael Madsen saranno nella Capitale per 4 o 5 mesi, impegnati sul set e ieri erano presenti alla conferenza stampa presso la Casa del Cinema. Di seguito le loro dichiarazioni.

Danny Glover: ” E’ un grandissimo onore essere coinvolto in un progetto cinematografico italiano, perché sono cresciuto con questo cinema, con Fellini, Visconti etc… Soprattutto sono contento di partecipare a questo film che mostra quello che sta succedendo oggi al nostro pianeta, che dipende da noi e da come lo trattiamo oggi. Molte persone oggi si battono per questi problemi dell’ambiente, ma il pianeta dovrà fare i conti con tutto questo a breve, se non ci prendiamo cura noi di esso. Non ci saranno più le arti, cinema, musica, etc…”

madsenMichael Madsen: “E’ la terza volta che vengo in Italia, la prima è stata nel periodo della festa del Ringraziamento e la seconda per la presentazione di Kill Bill, quindi non l’hai vista bene per mancanza di tempo. Il nostro mestiere è bello anche perché ci permette di visitare posti che forse altrimenti non avremo mai visto. Grazie al caro amico Bruno Rosato è bello allontanarsi ogni tanto dai problemi di casa e ho sempre desiderato lavorare in questo paese. Questo film ha una sceneggiatura molto interessante, e io cercherò di aggiungere umorismo al mio personaggio. Poi c’è un grande regista, degli attori straordinari, quindi sono onorato di essere qui“.

Stephen Baldwin: “Mi unisco a quello che hanno detto gli altri, L’Italia è una delle più grandi star al mondo, quindi sono onorato di far parte di questo film. Tutti siamo concentrati sul lavoro, la troupe italiana è stupenda e sta facendo un ottimo lavoro, quindi il risultato sarà lusinghiero e farà tutti contenti. Il mio personaggio è un segno di speranza. Mi piace l’idea della speranza e redenzione nei film, il mio personaggio rappresenta la resistenza, si oppone alle forze del male. Quando Bruno mi ha telefonato, mi ha fatto i nomi del cast, un po’ come mi è successo con I Soliti Sospetti… come potevo non accettare?

hauerAlessandro Capone: “Se questo film fosse un concerto sarebbe come avere tutti primi violini. Abbiamo lavorato su tutte le sfumature possibili. Gli attori che vengono da esperienze e mondi diversi, quindi è un cast curioso. Madsen e Hauer per esempio, formano contrasti di colore affascinanti. Il film è un action post atomico con dei contenuti, con una dignità, non è superficiale. Nel sottotetto si avvertono delle critiche alla situazione del pianeta e la testa del film parla anche della globalizzazione economica del pianeta che porta ad una serie di disastri”. 

Rutger Hauer: “Se sapessi anche una sola cosa negativa del mio lavoro non ve la direi mai. Il futuro che si vede in questo film non è affatto glamour, ma invece pieno di case fatiscenti e posti orribili e cupi”.

Per quanto riguarda la trama del film, infine, Iervolino ha concluso spiegando: “Si tratta di un film di genere che rispetta i criteri dei film di questo tipo dell’industria americana. Ambientato nel 2047, il film unisce la situazione politica mondiale, con un governo unico internazionale per cui tutti i paesi si uniscono in un unico governo. Tanti paesi però si oppongono a questo e vengono distrutti e bombardati e la vita lì è diventata impossibile. Da qui parte il film, da un mondo distrutto, e un soldato arriva in uno di questi paesi per scoprire alcune cose. Madsen è il villain principale, capo dei mercenari e Hauer è un altro capo sempre della parte dei cattivi. Ci sono tanti effetti speciali, visual effect, e il film è girato un po’ nei teatri e un po’ in esterno. Abbiamo scoperto alcuni posti qui a Roma perfetti per il film, come una location che sembra proprio un mondo distrutto e abbandonato in zona Prenestina“.

 

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

RFF13: Il vizio della speranza, conferenza stampa

Pubblicato

:

Un film giustamente etichettato come “femminile” . Il nuovo film di Edoardo De Angelis è dedicato alle donne, alla forza che hanno quando tutto ciò che le circonda, sembra schiacciarle al pavimento e lasciarle morire, senza avere la possibilità di reagire. Il vizio della speranza oltre ad essere il titolo della sua pellicola, è anche un modo efficace per descrivere il vizio, il pensiero fisso che la protagonista Maria mostra nei 97 minuti. Presenti alla conferenza stampa il regista Edoardo De Angelis, con i produttori Pierpaolo Verga, Attilio De Razza e il distributore Giampaolo Letta, lo sceneggiatore Umberto Contarello, il compositore Enzo Avitabile e il cast composto da Pina Turco, Cristina Donadio,  Marina Confalone, Massimiliano Rossi.

Come è nata l’idea del film?

Edoardo De Angelis: Il centro del film è uno: vince chi resiste all’inverno, chi decide di fare qualcosa per cambiare il proprio destino. Chi si ribella all’imperativo “servire” e decide di usare la parola “agire” per uscirne fuori.

Solitamente quando fai i tuoi film, sembra che racconti sempre la solita realtà dura e feroce. In questo caso però c’e qualcosa in più, ci sono diversi registri innovativi come tenerezza, dolcezza. Come fai a mostrare sempre qualcosa di diverso?

Edoardo De Angelis: La tentazione di rifare qualcosa che mi è venuta bene, è tanta. Ma avere nella propria vita, una moglie e un produttore folli, non mi consente di andare verso la comodità. Mi spingono sempre a sperimentare, a battere nuove strade. Questo è doveroso per chi racconta storie, usando nuove forme di linguaggio.

Come è stato lavorare con un regista come Edoardo De Angelis?

Enzo Avitabile: Lavorare con un regista come Edoardo è stato molto facile, perché con lui è un piacere collaborare. Gli elementi di cui abbiamo tenuto conto nella composizione delle musiche e delle canzoni sono tre. Il primo è il modo di dire “I‘ ccà ce sent”, creando composizioni adatte al momento raccontato. Il secondo è la musica come esigenza dell’anima, senza aver alcun tipo di limitazioni. Il terzo è stato avere dei temi senza un vestito fisso, lasciare che la musica fosse un elemento di racconto durante il film, nei momenti di silenzio, rispondendo alle frasi “I’ song” e “I‘ sacce”.

Il vizio della speranza è uno dei vizi più belli che si possa avere. Inizialmente non è una cosa che appartiene a Maria, ma tutto cambia quando c’e un motivo per il quale combattere, per la quale sperare in un futuro migliore. Come ti sei rapportata a questo personaggio e tu, in prima persona, sei una persona che spera?

Pina Turco: La speranza ha dentro di se il seme della fiducia, della fede, serve per scrivere il proprio destino. La nascita di un bambino è la cosa più bella che possa accadere nella vita di un essere umano, sopratutto quando si è una donna. Per quanto riguarda la speranza e la mia persona, posso dire che quando ho accettato di fare questo film, mio marito non era convinto fossi pronta per interpretare un ruolo così complesso, per questo motivo dimostrargli che invece si stava sbagliando, è diventato il mio vizio della speranza.

Come hai fatto ad interpretare un personaggio così spietato?

Marina Confalone: Solitamente, sono abituata a lavorare sempre da sola. Ma ho capito che per poter interpretare nel migliore dei modi il ruolo spietato di Marì, era necessario l’aiuto di Edoardo. In particolar modo, sono stata molto a contatto con Pina, così da creare un rapporto più complice, in un set nel quale è stato bellissimo lavorare, in totale armonia.

Come è stato scrivere la sceneggiatura di un film totalmente al femminile e solo con tre uomini?

Umberto Contarello: Edoardo ha fatto una cosa molto difficile. Volevamo fare un film lirico ma immerso in un mondo nemico della lirica. Il film è nato da un’idea esplicitamente cristiana. Vedendo il film, mi è sembrato lampante l’associazione con l’andamento di una parabola. Per poter parlare di attualità si deve attingere al mondo arcaico. In questo film, viene sfatato il concetto che i bambini si fanno solo in relazione al luogo nel quale si fanno.

Quando hai interpretato il ruolo di Chanel in Gomorra ti sei ispirata ad una donna boss della periferia di Napoli, invece per il ruolo di Alba, da chi hai tratto ispirazione?

Cristina Donadio: Alba, la mamma di Maria è una donna affetta da una catatonia esistenziale. Lei non si rende conto di quello che la figlia sta vivendo e patendo. Sostanzialmente è stato fatto un lavoro di sottrazione nel caratterizzare Alba.

Il personaggio di Carlo Pengue è molto interessante. Come ti sei rapportato a questo ruolo?

Massimiliano Rossi: Ogni volta che mi trovo a lavorare con Edoardo, i personaggi che mi vengono assegnati mi sembrano sempre sconosciuti. Sono concreti solo in forma di pensiero, ma restano comunque inarrivabili. Solitamente, a causa del mio aspetto, vengo preso per interpretare ruolo da cattivo, ma forse per la prima volta, mi trovo nel ruolo di un bravo uomo, esiliato ingiustamente. Carlo Pengue è un essere umano, forse l’unico del film. Uno degli aspetti più belli è il legame tra Carlo e Maria, presente all’inizio e alla fine del film.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Cinema

RFF13: 7 sconosciuti a El Royale, conferenza stampa

Pubblicato

:

La tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma ha ufficialmente preso il via questa mattina con l’anteprima del film 7 sconosciuti a El Royale diretto da Drew Goddard. Il regista, sceneggiatore e produttore televisivo, noto ai più per aver scritto diversi episodi della serie tv Buffy, l’ammazzavampiri, Lost e Alias, ha portato a Roma il suo secondo film da regista.

Ambientato nel 1969, il motel El Royale, situato a cavallo tra il Nevada e la California, è la location dove 7 personaggi, dovranno regolare dei conti rimasti in sospeso con il proprio passato.

Durante la conferenza stampa, oltre al regista Drew Goddard ha preso parte anche l’attrice Cailee Spaeny (la giovane e complicata Rosie soprannominata  Stivaletti ) rispondendo alle diverse domande inerenti al film e non solo…

Cosa rappresenta El Royale e come ci ha lavorato?

Andrew Goddard: Il motel posto a cavallo tra i due stati, riflette le dualità presenti nei sette personaggi, compresi i loro segreti. Amo i personaggi diversi, lavoro molto sull’empatia che si viene a creare sul set. Lavoro con Hemsworth da dieci anni, volevo fargli fare qualcosa di diverso, che non aveva mai fatto prima.

Che esperienza è stata per te?

Cailee Spaeny: È stata una bellissima esperienza, perché è stato eccitante fare lo switch dei due personaggi, tra quello dolce e quello più feroce. Mi ha aiutato molto il fatto che il mio personaggio fosse innamorato.

Come ha costruito la sceneggiatura, con i diversi punti di vista dei personaggi?

Drew Goddard: Amo i diversi personaggi ed è stato complicato mostrare i diversi punti di vista all’intrno della storia. Chris è un talento speciale ed è stato perfetto per interpretare questo personaggio, mettendo in luce un inaspettato lato oscuro.

Drew Goddard e Cailee Spaeny

Quale tipo di possibilità o limite è stato girare in un solo luogo?

Drew Goddard: Le riprese sono durate diversi mesi. Il film è stato girato cronologicamente, e ogni scena e decisione che avveniva, automaticamente influenzava la scena successiva.

Come mai ha scelto di girare in pellicola e non in digitale?

Drew Goddard: Non è stato casuale. È legata ad una scelta emotiva, per creare un effetto che solo la pellicola è in grado di poter fare e perché volevo vedere il girato in un’unica volta.

Ci sono diversi riferimenti a registi come Tarantino, ha preso ispirazione dal suo modo di fare cinema?

Drew Goddard: Ci sono diversi omaggi al cinema di Tarantino e ai Fratelli Coen, perché sono stati dei punti di riferimento nella mia carriera cinematografica. Per questo ho voluto sperimentare, per la prima volta, qualcosa di diverso.

Scrivere per sette personaggi non è facile. In fase di scrittura, già sapevi quali attori avrebbero interpretato questi ruoli?

Drew Goddard: Non ho mai pensato agli attori che avrebbero preso parte al film, anche perché non sapevo il budget che avremmo avuto a disposizione. Pensavo solo alla storia da dover scrivere e successivamente abbiamo pensato a come comporre il cast.

 

Continua a leggere

Cinema

Robin Hood: nuova clip di Taron Egerton alle prese con l’arco e le frecce

Pubblicato

:

Lionsgate ha rilasciato una clip molto interessante e divertente del dietro le quinte dell’imminente film Robin Hood nella quale il regista Otto Bathurst e la star Taron Egerton hanno parlato di alcune scelte apportate alla storia classica e della preparazione atletica alla quale, il giovane Egerton ha dovuto sottoporsi. Il video mostra come il nuovo Robin Hood si è allenato al tiro con l’arco insieme all’arciere danese Lars Andersen per rendere più fluide e credibili le sequenze di combattimento, con acrobazie comprese.

Robin Hood segue la storia di un crociato indurito dalla guerra e un comandante audace di una rivolta contro la corrotta corona inglese in un’avventura emozionante. L’arciere che rubava ai ricchi per darlo ai poveri, una volta tornato nella foresta di Sherwood, si rende conto che la corruzione e la malvagità appartengono a Re Giovanni. Per questo motivo, decide di iniziare a collaborare con una banda di fuorilegge, per sistemare le cose e far tornare nuovamente la serenità a Nottingham.

Gli ingredienti di questo film? Grintose imprese sul campo di battaglia, una coreografia combattiva strabiliante e una storia d’amore senza tempo.

Il cast include Taron EgertonKingsman,  Eddie the Eagle ) come Robin Hood, Jamie Foxx Django Unchained,  Ray ) nei panni di Little John, Jamie DornanCinquanta sfumature di grigio ) nei panni di Will Scarlet, Eve HewsonIl ponte delle spie) come Lady Marion, Tim MinchinCalifornication ) come Frate Tuck, e Paul Anderson ( Peaky Blinders ,  The Revenant ) come Guy of Gisborne.

Robin Hood diretto da Otto Bathurst ( Peaky Blinders ,  Black Mirror ) è tratto da una sceneggiatura di Joby Harold ( Awake ,  King Arthur: Legend of the Sword ). Il film è stato prodotto da Leonardo DiCaprio, Jennifer Davisson Killoran, Basil Iwanyk, Tory Tunnell e Joby Harold.

Robin Hood  arriverà nelle sale il 21 novembre 2018.

Continua a leggere

Facebook

Film in uscita

Ottobre, 2018

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Recensioni

Nuvola dei Tag

Popolari

X