Connettiti a NewsCinema!

Non categorizzato

Oscar, i 15 film con il numero maggiore di nomination

Pubblicato

:

La stagione dei premi è ufficialmente iniziata con i Golden Globes, Screen Actors Guild Awards, e i Critics Choice Awards già terminate con lo svolgimento delle rispettive cerimonie. Ora tutti gli occhi sono rivolti all’ Academy Awards, altrimenti noto come Premio Oscar. Quest’anno l’Academy festeggia l’ ottantesima cerimonia di premiazione, e, nonostante l’ascesa verso il suo centesimo anniversario sia molto veloce, il Premio Oscar continua ad essere la statuetta più influente e desiderata.

Durante il secolo passato, centinaia di film, attori, attrici, produttori, animatori, designer di produzione, sono stati nominati dall’ Academy Award per il loro lavoro nell’industria cinematografica. E ricevere una candidatura non è da tutti, anzi è la realizzazione personale di molte persone che appartengono a questo settore, che alcuni non riusciranno mai a raggiungere.

Una volta ogni tanto, però, arriva un film che incanta il pubblico di tutto il mondo. Quei film tendono a raccogliere più di una sola nomination; talvolta ne ricevono più di una dozzina. Vi siete mai chiesti quali sono quelli che detengono il record? Effettivamente ce ne sono molti. Così, ne abbiamo scelti 15 con il maggior numero di nomination nella storia degli Oscar.

15. The Revenant – 12 nominations

Alejandro G. Iñárritu in seguito al suo successo con Birdman ha diretto il dramma The Revenant. Basato in parte sull’omonimo romanzo di Michael Punke, il film racconta il viaggio vendicativo di Hugh Glass nei primi anni del XIX secolo. Lo sviluppo iniziò nel lontano 2001, con l’acquisizione dei diritti da parte di Akiva Goldsman nei riguardi del manoscritto di Punke. Le cose non iniziano a muoversi, però, finché Iñárritu non decide di imbarcarsi nel progetto dieci anni più tardi.

Il cast di The Revenant è composto da Leonardo DiCaprio, Tom Hardy, Domhnall Gleeson, e Will Poulter, per uno dei migliori film dell’anno. Tanto da essersi aggiudicato il premio per la Migliore Regia e la Miglior Montaggio all’ 88° cerimonia dell’Academy Awards dopo aver ricevuto ben 12 candidature, compresa le migliore fotografia. Tuttavia il film resta degno di nota ancor di più per essere stato in grado di far vincere a DiCaprio il premio Oscar come Miglior Attore. C’è anche da dire che l’attore da anni era a caccia della famigerata statuetta. Traguardo sospirato, soprattutto dopo aver ricevuto ben tre nominations per la stessa categoria, oltre a quella come Miglior Attore non Protagonista, fino a quando non è riuscito a vincere la statuetta d’oro, ottenendo così un riconoscimento ufficiale del suo meritato talento.

Colin Firth e Geoffrey Rush ne Il Discorso del Re.

14. Il Discorso del Re – 12 nominations

Non è un segreto che i film che riguardano periodi drammatici di guerra sono i contendenti maggiori per i riconoscimenti dell’ Academy Awards, specialmente se si tratta di un sottogenere, come Il Discorso del Re di Tom Hooper. A far parte del cast, Colin Firth, Geoffrey Rush e Helena Bonham Carter. Il film racconta la storia vera del Principe Albert (poi re Giorgio VI di Inghilterra) che tenta di superare il suo impedimento nel leggere il suo discorso davanti al popolo, impedimento sottoposto a terapia con l’australiano logopedista Lionel Logue. Tuttavia, come in altre storie vere prima di questa, Il Discorso del Re trabocca di imprecisioni storiche, molti delle quali ruotano attorno alla timeline del film rispetto alla vita reale.

A prescindere dai suoi errori, il film ha colpito l’Academy tanto da guadagnare ben 12 sorprendenti candidature all’ottantatreesima edizione dell’Academy Awards. Il film ha ricevuto le candidature in tutte le grandi categorie, compresi Miglior Fotografia, Miglior Regia, Miglior Attore Protagonista, Migliore supporto agli attori e Miglior attrice non protagonista. Il cast e la troupe sono tornati a casa con quattro vittorie tra cui Miglior Regia, Miglior Attore Protagonista e Miglior Sceneggiatura originale. Alcune persone però, si sono indignate per il fatto che Il Discorso del Re si sia portato a casa il premio per la Migliore Fotografia nonostante The Social Network con  David Fincher, ed è stato probabilmente il più grande scandalo della cerimonia di quell’anno.

13. Lincoln – 12 nominations

Periodo di drammi, ricordate ? Quando uno dei più grandi registi di Hollywood lavora con uno dei più grandi attori per portare sul grande schermo uno dei presidenti degli Stati Uniti più amati, è inevitabile che venga fuori un grande film. Questo è ciò che Steven Spielberg e Daniel Day-Lewis sono riusciti a creare con Lincoln, vagamente basato su Team of Rivals: Il genio politico di Abraham Lincoln, una biografia di Doris Kearns Goodwin. Un film eccezionale, Lincoln che ha ricevuto 12 candidature all’ottantacinquesima cerimonia dell’ Academy Awards, inclusi Miglior Fotografia e Miglior Regia. Tra le 12, sono riusciti a portare a casa due statuette, Migliore Attore Protagonista (per Day-Lewis) e la Miglior Produzione di design.

Day-Lewis è uno degli attori più rispettati del settore. Solitamente non prende parte a molti progetti, ma quando decide di farlo capita spesso che riesca a vincere un premio il suo ruolo. In effetti, quando ha vinto il premio Oscar come Migliore Attore per Lincoln, ha fissato un record per l’Academy riuscendo a vincere lo stesso premio ben tre volte nella stessa categoria (che aveva vinto anche per il suo lavoro in My Left Foot e There Will Be Blood). Day-Lewis sembra essere impegnato a riunire il sodalizio professionale con il suo abituale collaboratore Paul Thomas Anderson per il suo prossimo film, di recente entrato in produzione. La sua quarta statuetta come Miglior Attore potrebbe essere dietro l’angolo.

12. Il curioso caso di Benjamin Button – 13 nominations

Quando la gente pensa al personaggio di F. Scott Fitzgerald, pensano automaticamente a Il Grande Gatsby, il suo più riconoscibile il lavoro, non di certo a Il Curioso Caso di Benjamin Button. Quando gli scrittori Eric Roth e Robin Swicord hanno cercato di portare la breve storia della vita di Fitzgerald, e non avrebbe potuto trovare migliore regista per aiutarli a farlo. David Fincher era veramente l’uomo giusto per questo lavoro.

Il film del 2008 diretto da Fincher, Il Curioso Caso di Benjamin Button, è basato vagamente sulla suddetta e omonima breve storia interpretata da Brad Pitt, un uomo che è nato con i tutti i mali di una persona anziana. La sofferenza del processo inverso di invecchiamento, gli fa trascorre tutta la sua vita, diventando ancora più giovane, fisicamente. Nel film compaiono anche Cate Blanchett come Daisy Fuller e Taraji P. Henson come Queenie, nonché Mahershala Ali, Jason Flemyng, e Tilda Swinton.

Il Curioso Caso di Benjamin Button è stato lodato, ma molte persone trovano difficile immaginare che il film possa aver guadagnato 13 candidature all’ottantunesima edizione dell’ Academy Awards, comprese le Miglior Fotografia, Miglior Regia e Miglior Attore (vincendo solo tre di questi premi). Sebbene Pitt non abbia vinto come Migliore Attore Protagonista per questo film, ha ricevuto un’altra nomina per la stessa categoria tre anni più tardi, per Moneyball. Quasi un decennio più tardi, è ancora a caccia del suo primo Oscar.

11. Chicago – 13 nominations

Rob Marshall ha trascorso gli anni novanta per dirigere e coreografare i films televisivi, come ad esempio Annie, Victor/Victoria, e Mrs. Santa Claus. Quindi, nei primi anni del Duemila, ha gravitato verso lungometraggi. Dopo aver acquisito un paio di candidature ai Tony Awards, Marshall ha alzato la posta indirizzando le sue energie in un adattamento cinematografico del musical di Broadway Chicago, che di per sé è basato sulla riproduzione dello stesso di Maurine Dallas Watkins.

Interpretato da Renée Zellweger, Catherine Zeta-Jones, Richard Gere, Queen Latifah, John C. Reilly e Christine Baranski, tra gli altri, Chicago è un musical ambientato nel cuore dell’Età del Jazz, nel 1920 a  Chicago, ed incentrato su due persone che sono stati accusate di omicidio. Marshall non solo ha diretto il film, ma ha anche preparato la coreografie, e scritto la sceneggiatura insieme a Bill Condon.

Chicago è ricordato anche per il successo di critica e ha raccolto ben 13 candidature alla  settantacinquesima edizione dell’Academy Awards, comprese la Migliore Fotografia, Miglior Regia e Migliore attrice protagonista. In compenso è riuscito a vincerne sei, compreso il Miglior Attrice non protagonista per la Zeta-Jones. Inoltre, il film è diventato il primo musical a tornare a casa con la Migliore Fotografia vittoria di Carol Reed del film Oliver! nel 1968.

10. Il Signore degli Anelli: La compagnia dell’anello – 13 nominations

I tre capitoli de Il Signore degli Anelli diretta da Peter Jackson e basato sugli omonimi romanzi di J.R.R. Tolkein, è considerata come una delle migliori e grandiose trilogie nella storia dei film. È anche uno dei film che ha incassato più soldi, avendo guadagnato timido di 3 miliardi di dollari in tutto il mondo, non rettificando l’inflazione del prezzo del biglietto.

È eccezionale il cast rivoluzionario e gli effetti visivi ed ipnotico che si possono trovare all’interno del primo capitolo della trilogia, tanto da ricevere 13 candidature presso la settantaquattresima edizione degli Academy Awards, compreso il Miglior Regia e Miglior Fotografia. Purtroppo sono stati vinti solo quattro premi: Migliore musica originale, la Migliore Cinematografia, Miglior Trucco e Migliori Effetti visivi. Per un film definito blockbuster come Il Signore degli Anelli per ricevere che molte nomination agli Oscar, specialmente quando si tratta di un film basato sulla fantasia, ma è stato comunque un ottimo risultato in sé e per sé.

Nonostante La compagnia dell’anello ha ricevuto più candidature tra quelli appartenenti alla trilogia, è stata la terza e ultima pellicola, Il ritorno del re, a registrare il record per il maggior numero di vittorie. In poco tempo, tutti e tre i film hanno vinto 11 Oscar è ricevuto varie nominations, compreso Miglior fotografia. Ma poiché la pellicola ha ricevuto soltanto 11 candidature, a malapena centra il bersaglio per ottenere un posto in questo elenco.

9. Shakespeare in Love – 13 nominations

William Shakespeare è uno dei più celebri autori di teatro nella storia. Le persone non hanno nemmeno bisogno di leggere Shakespeare per pensare all’impatto che ha avuto sulla letteratura inglese. Mentre la maggior parte dei film di Shakespeare sono basati sulla sue opere, una volta ogni tanto, c’è un film che lo affronta come uomo – e Shakespeare in love di John Madden è uno di loro. Il film descrive una fittizia vicenda tra il drammaturgo (Joseph Fiennes) e Viola de Lesseps (Gwenyth Paltrow) nel periodo in cui Shakespeare scrive la sua opera più famosa, Romeo e Giulietta.

A far parte del cast c’è Judi Dench, Geoffrey Rush, Colin Firth e Ben Affleck, Shakespeare in love ha raccolto 13 candidature presso la settantunesima edizione degli Academy Awards, presso che in tutte le principali categorie tranne per il Miglior Attore. Mentre l’Academy ritiene non particolarmente elevata l’interpretazione di Fiennes, hanno dato alla Paltrow il Premio come Migliore Attrice, e alla Dench quello come Migliore attrice non protagonista.

Non è un segreto che gli Oscars alla fine assegnano un premio ad un altro film o da un altro attore/attrice rispetto a quello che teoricamente avrebbe dovuto ricevere il premio. Tuttavia, ogni volta che il soggetto arriva fino alla fine, le persone tendono a portare come esempio Shakespeare in Love che ha immeritatamente battuto il film di Steven Spielberg Salvate il soldato Ryan – forse il più realistico di film di guerra mai prodotto – per meglio dice come Miglior Fotografia. Se la pellicola abbia realmente meritato oppure no, il premio come Miglior Fotografia non si può negare che è stato un grande successo.

Tom Hanks in una scena di Forrest Gump.

8. Forrest Gump – 13 nominations

Spesso accade che i grandi film, non tutti lasciamo un impatto importante sull’industria cinematografica andando avanti negli anni, e questo discorso accade anche con i pluripremiati. Forrest Gump è unico in proposito. Ha lasciato un’impronta che sta durando nel tempo a Hollywood e continua a rimanere nella mente e nel cuore degli spettatori dopo oltre vent’anni.

Diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Tom Hanks, Robin Wright, e Gary Sinise, Forrest Gump racconta la storia di un bambino disabile che cresce fino a diventare una delle persone più influenti del XX secolo, che coinvolge se stesso praticamente in ogni grande evento che si è verificato nel corso della sua vita. Forrest Gump ispirato al mondo del cinema e al di fuori di esso, ossia l’Academy, è il motivo per cui ha ricevuto 13 candidature al 67^ edizione degli Academy Awards. Di questi tredici, ne ha vinti sei, comprese Miglior Fotografia, Miglior Regia e Miglior Attore Protagonista. Ma i suoi riconoscimenti non si fermano qui; La biblioteca del congresso degli Stati Uniti ha recentemente selezionato il film per la conservazione, tipo patrimonio dell’umanità, considerandolo  “culturalmente, storicamente o esteticamente significativi”.

Alte soddisfazioni nella carriera di Hanks ad Hollywood, tanto che Forrest Gump ha fornito agli appassionati della cultura pop appassionati una miriade di citazioni che possono essere dette ogni giorno nella vita di un uomo. Quante persone hanno almeno una volta nella vita avete urlato, “Corri, Forrest, corri!” ? Inoltre, il film ha addirittura ispirato la creazione nella realtà di una catena di ristoranti, Bubba Gump Shrimp Company.

7. Chi ha paura di Virginia Woolf? – 13 nominations

È raro che un regista riceva una nomination all’Oscar al suo esordio, ed è ancora più raro che qualcuno lo riesca a vincere. Mike Nichols è stato uno dei pochi fortunati ad avere ottenuto la nomination come Miglior Regista per il suo primo grande film, Chi ha paura di Virginia Woolf?, con un cast di attori leggendari come Elizabeth Taylor e Richard Burton, George Seagal e Sandy Dennis. Il film è basato sul gioco del 1962 che porta lo stesso nome, in cui il titolo stesso è un gioco di parole riferendosi alla canzone Disney “Chi ha paura del lupo cattivo?” dal film animato Tre Piccoli Porcellini. Nel riprodurre il caso tuttavia il lupo cattivo viene sostituito con il nome della romanziera inglese Virginia Woolf.

Chi ha paura di Virginia Woolf? Meritò 13 candidature alla trentanovesima edizione degli Academy Awards. Mentre il film condivide il suo alto numero di candidature con diversi capelli ondulati, è solo uno dei due film nella storia (l’altro essendo Cimarron) ad essere nominato in ogni categoria ammissibile agli Oscar, il che comprendeva le candidature per tutti e quattro i principali attori e attrici. Di tutte le sue candidature, il film è andato via con sole cinque vittorie: Miglior attrice per la Taylor e Miglior attrice non protagonista per la Dennis, nonché la Migliore Direzione artistica, la Migliore cinematografia e Migliori Costumi.

6. Mary Poppins – 13 nominations

Non si può negare che l’impatto di  Walt Disney non solo la produzione cinematografica e il parco a tema industrie, ma per il mondo in generale sia di dimensioni inestimabili. Lui è una figura leggendaria, del quale tutti hanno sentito parlare – ed è conosciuto da tutto il mondo per la creazione notevole di cartoni e film animati da lui prodotta, come ad esempio Topolino e Biancaneve e i Sette Nani.

Di tutti i film da lui prodotti, Mary Poppins è considerato da molti il suo coronamento. Vagamente basato sul romanzo omonimo di P.L. Travers, il film è stato diretto da Robert Stevenson ed interpretato da Julie Andrews, Dick van Dyke, David Tomlinson, e Glynis Johns. È stata una lunga e ardua avventura portare  Mary Poppins sul grande schermo, che dal 2013 è in fase di sceneggiatura da parte di John Lee Hancock, Saved Mr. Banks, con Tom Hanks come Disney ed Emma Thompson come Travers. Oltre a ricevere riconoscimenti universale, il film ha guadagnato 13 candidature presso la trentasettesima Academy Awards, di cui essa ha vinto cinque.

Walt Disney detiene attualmente due record con l’Academy Award: 59 totale candidature e 22 vittorie. La quasi totalità di queste, sono derivanti da premi come Miglior Corto e Miglior Documentario. Mary Poppins rimane il solo film di Walt Disney mai prodotte per essere nominato per la Migliore Fotografia.

5. Da qui all’eternità – 13 nominations

Dieci anni dopo il tristemente famoso attacco a Pearl Harbor, James Jones, Da qui all’eternità, racconta la vita di tre soldati arrivando fino al fatidico giorno del 1941. Fred Zinnemann ha portato il romanzo sul grande schermo pochi anni dopo l’uscita del libro, con un cast d’eccezione, a partire da Burt Lancaster, Montgomery Clift e Frank Sinatra nei panni dei tre uomini militari. Insieme a Deborah Kerr, Donna Reed e George Reeves.

Nonostante abbiano guadagnato ottime recensioni da parte della critica, il film è stato oggetto di aspre critiche per aver omesso diversi punti presenti all’interno della trama del romanzo per volere dell’Esercito degli Stati Uniti e Motion Picture Production (il precursore per la MPAA). Le modifiche però non hanno fermato il film e la serie di vittorie avvenute durante la ventiseiesima edizione degli Academy Awards. Da qui all’eternità ha vinto otto delle sue 13 candidature, inclusi Miglior Fotografia, e Migliore Regia. Sinatra e Reed hanno portato a casa rispettivamente, il premio Oscar come Miglior Attore non Protagonista e Miglior Attrice non Protagonista.

Clark Gable e Vivien Leigh in una scena di Via col vento.

4. Via col vento – 13 nominations

Anche se magari non vi siete mai seduti a vedere Via col vento, senza dubbio ne avrete sentito parlare in qualche maniera. Non si tratta solo di uno dei film più celebri della storia del cinema, ma anche uno dei più grandi. Diretto da Victor Fleming e notoriamente interpretato da Clark Gable e Vivien Leigh, Via col vento ha ricevuto 13 candidature alla ventiduesima edizione degli Academy Awards, il numero più alto di qualsiasi pellicola al momento. Il cast e la troupe sono tornati a casa con otto vittorie, tra le quali Migliore Fotografia e Migliore Regia. Ma il clou della serata è avvenuto con Hattie McDaniel diventando la prima persona afro-americana a vincere il premio Oscar.

Inoltre, la pellicola ha ricevuto due premi d’onore: premio speciale, per l’ uso del colore con l’ Outstanding Achievement , e Technical Achievement Award per l’avanguardia nell’uso coordinato di apparecchiature.” Non dimenticate, che Via col Vento venne rilasciato in un momento in cui la maggior parte dei film erano ancora in bianco e nero.

Oltre ai suoi eccezionali riconoscimenti, Via col vento fu un mostruoso successo al box-office. Certo, film recenti come Avatar e Star Wars: Il risveglio della forza si trovano in cima alla lista dei più alti incassi di tutti i tempi. Ma quando siamo in grado di regolare i numeri di biglietto e l’inflazione dei prezzi, capiamo che Via col Vento conserva il primo posto per il film con il più alto incasso a livello nazionale, con $1,747 miliardi. È sbalorditiva, soprattutto considerando che è raro per un film di successo superare cifre importanti come 500 milioni di dollari sul mercato interno al giorno d’oggi.

3. Eva contro Eva – 14 nominations

Le persone possono riconoscere un film come Casablanca e Via col vento ma più di questi, senza dubbio compare Eva contro Eva, ma sarebbe sciocco trascurare le prodezze raggiunte da questo film del 1950 diretto da Joseph L. Mankiewicz. Interpretato da Bette Davis, Anne Baxter, George Sanders e Celeste Holm, Eva contro Eva segue la storia di una fervida fan che tenta di rubare il tuono della sua attrice preferita.

Il film è stato un incredibile successo quando è uscito, diventando il primo film a ricevere 14 nomination agli Oscar. Guadagnare molte candidature è una cosa, ma diventare l’unico film nella storia ad avere quattro femmine nominate è un qualcosa di completamente diverso. Davis e Baxter erano state entrambe nominate come Migliori attrici, mentre Holm e Thelma Ritter erano state nominate come Migliori attrici non protagonista. Purtroppo, nessuno di loro ha realmente portato a casa l’oro, anche se Sanders è riuscito a portarsi a casa la statuetta, come Miglior attore non protagonista.

Per quasi mezzo secolo, Eva contro Eva è riuscita a tenere il record per la maggior nomination agli Oscar, fino a quando non è arrivato il regista James Cameron con un disaster movie, chiamato Titanic. Ancora, dopo quasi 70 anni, Eva contro Eva riesce a mantenere i suoi record impressionanti dell’Academy Award.

2. Titanic – 14 nominations

Per qualcuno è stato un importante regista fin dai primi anni ottanta, ma James Cameron sicuramente non ha diretto molti film. Finora ne ha fatti appena otto film in un arco di 28 anni, ma la quasi totalità di essi hanno lasciato un impatto sul mondo del cinema. Due dei suoi film sono in cima alla lista degli incassi più alti di tutti i tempi, tralasciando l’inflazione: Titanic e Avatar, gli ultimi due film che ha diretto. Avatar dopo aver compiuto notevoli passi avanti nella tecnologia dell’industria cinematografica, soprattutto in termini di tecnologia 3D, Titanic ha lasciato un impronta importante su Hollywood. Per sempre.

Leonardo DiCaprio famoso come lo squattrinato Jack Dawson e la ricca Kate Winslet come Rose DeWitt Bukater, sono stati diretti da Cameron in Titanic uscito nei cinema nel 1997 riscuotendo un travolgente successo da parte della critica. Anche se il film segue la vera vita dell’ affondamento del RMS Titanic nel 1912, la storia stessa è fittizia, con molti personaggi creati appositamente per il film. Storditi dal film, l’Academy nominò Titanic con ben 14 nomination. È stata la prima volta dopo 47 anni, che un film è riuscito ricevere molte candidature. Ne ha vinte incredibilmente 11 delle sue 14 candidature, incluse Miglior Fotografia e Migliore Regia.

1. La La Land – 14 nominations

Damien Chazelle ha solo due grandi film firmato con la sua regia, ma se continua con questo ritmo, diventerà tra i migliori registi dell’industria cinematografica di Hollywood (se non lo è già). Il suo primo grande successo è stato, Whiplash, basato su un suo breve film con lo stesso nome e che ha finito per ricevere cinque nomination ai premi Oscar, compresa la Miglior Fotografia. Ora, due anni più tardi, Chazelle ritorna all’Oscar con La La Land, che ha guadagnato sorprendentemente 14 candidature, aggiungendosi al trio da record di Titanic ed Eva contro Eva.

Il cast di La La Land, è composto da Emma Stone, Ryan Gosling, e John Legend in un musical ambientato ai giorni nostri, a Los Angeles, e segue la vicenda di un’aspirante attrice e di un musicista jazz, ponendo i riflettori su come cercano di raggiungere il successo nelle loro rispettive professioni e allo stesso tempo, come mantenere la loro relazione, tra le mille difficoltà.

Nominato per ogni grande categoria, inclusi Migliore Fotografie e Migliore Regia, La La Land sta per battere un altro record per il maggior numero di vittorie. La cosa interessante è che nel film, è il personaggio di Gosling quando domanda: “Come puoi essere un rivoluzionario se sei un tipo tradizionalista? È un’ attesa sul passato, ma il jazz è il futuro.” Si tratta di un affascinante questione, soprattutto in quanto descrive accuratamente lo sforzo di Chazelle nel fare qualcosa di nuovo e rivoluzionario pur mantenendo qualche parvenza di tradizionalismo. Non vediamo l’ora di vedere cosa combinerà questo film durante la notte degli Oscar.

Quale di questi film presenti nella nostra lista vi ha sorpreso di più? Quanti premi Oscar pensate che La La Land riuscirà a portarsi a casa? Fateci sapere nei commenti.

 

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

1 Commento

1 Commento

  1. Maria Rosaria Porcaro

    17 febbraio 2017 at 14:30

    La la Land vincerà l’Oscar come miglior film avendo avuto 14 nominations? Altre volte le previsioni sonostate disattese. Personalmente non credo malgrado Emma Stone e Ryan Gosling appaiano perfetti nei loro ruoli ,ma il punto è proprio questo :se si vuole che qualcosa duri non la si espone troppo ai riflettori .

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non categorizzato

Coronavirus | I segnali incoraggianti sull’epidemia

Pubblicato

:

shanghai disneyland

In questo periodo buio, dove l’attuale situazione in cui si trova il nostro Paese ha portato alla chiusura di attività ricreative, culturali e di svago, incluse le nostre amate sale cinematografiche, esuliamo per un momento dall’ambito filmico e cerchiamo di guardare avanti sulla possibile evoluzione del contagio, in questo caso riepilogando le notizie più positive riguardo al coronavirus.

Senza voler minimizzare in nessun modo l’epidemia e le restrizioni prese a riguardo, approfondiamo alcuni eventi che potrebbero portare, il condizionale è più che d’obbligo, ad un cambiamento progressivamente in meglio.

Il vaccino per il coronavirus è vicino?

scienziati al lavoro per il vaccino 1

Scienziati al lavoro per il vaccino

Da tempo si rincorrono le voci sulla scoperta di un vaccino che possa finalmente debellare il morbo, ma ad oggi ancora nessuno è riuscito a sviluppare un antidoto efficace. La nota positiva è che la globalità del fenomeno ha messo al lavoro gli scienziati in ogni angolo del mondo e amplificato la collaborazione tra i vari centri di ricerca. Le ultime voci vedono Israele quale la nazione più vicina all’effettiva soluzione, ma al momento un vaccino è stato sì ottenuto ma per ciò che concerne la bronchite infettiva, un ceppo del coronavirus che si diffonde tra il pollame: sembrerebbe una battuta fuori luogo, ma in realtà è una delle basi da cui si può partire per creare un prodotto che abbia il medesimo risultato sull’uomo.

Colleghi del laboratorio della University of Queensland di Brisbane, in Australia, avrebbero anch’essi sviluppato un vaccino, con i test che inizieranno nei prossimi mesi, mentre studiosi del Massachusetts Moderna hanno già realizzato un vaccino sperimentale la cui sperimentazione non avrà però inizio prima di maggio. Pur se non in tempi rapidi e immediati, l’impegno degli scienziati garantisce prima o poi l’arrivo di una cura.

Leggi anche: Coronavirus | Le conseguenze dell’epidemia per Hollywood 

A Shanghai riapre il Disney Resort

La situazione in Cina, con ogni cautela del caso, pare in netto miglioramento, con un cospicuo calo dei contagiati registrato negli ultimi giorni. Una diminuzione che ha spinto i gestori del Disney Resort di Shanghai, un parco divertimenti a tema Topolino & Co., a riaprire parzialmente, pur con numerose e comprensibili limitazioni. Soltanto alcune attrazioni infatti sono visitabili dal pubblico, il quale dovrà entrare in numero limitato ed esclusivamente in determinati orari per evitare la nascita di un nuovo focolaio. Questo non è certo il momento di divertirsi ma il segnale è comunque indicatore di ottimismo: se nella nazione maggiormente colpita dal coronavirus iniziano a riprendere alcune attività, il peggio potrebbe essere alle spalle.

Coronavirus | anche gli anziani possono guarire

xi jinping in visita ad un centro di ricerca

Xi Jinping in visita ad un centro di ricerca

Come è tragicamente noto, il virus colpisce particolarmente la popolazione anziana che, per basse difese immunitarie o patologie di altro tipo, tende ad essere un terreno più fertile per il morbo. Ciò nonostante molte persone di una certa età vittime del contagio sono perfettamente guarite, come dimostra l’emblematico caso di Zhou, un arzillo nonno cinese di 101 anni che, dopo aver trascorso la quarantena in un ospedale di Wuhan, è tornato a casa per prendersi, parole sue, cura della moglie novantaduenne. Il più vecchio paziente ad oggi confermato che ha sconfitto il morbo: chi meglio di lui può fungere a simbolo di speranza per il mondo intero?

Continua a leggere

Cinema

Shutter Island compie 10 anni | 5 motivi per rivedere il film di Scorsese

Pubblicato

:

home 7

Il 17 febbraio 2010 usciva nelle sale americane una delle opere più sottovalutate e atipiche nella carriera di Martin Scorsese, pronto a cimentarsi in un thriller dai toni mystery ricco di colpi di scena e poggiante su un’atmosfera plumbea e tenebrosa ricca di grande fascino.

Il film, trasposizione del romanzo L’isola della paura del celebrato scrittore Dennis Lehane (dalle cui opere sono stati tratti altri cult quali Mystic River e Gone Baby Gone), ha incassato nel mondo quasi trecento milioni di dollari ed è stato inserito dal National Board of Review americano tra i dieci migliori titoli dell’anno. In occasione della ricorrenza e invitandovi alla revisione o alla scoperta di Shutter Island, analizziamo insieme cinque motivi di vanto dell’adattamento.

Una storia ricca di sorprese

La vicenda ha inizio a metà degli anni ’50, quando gli agenti federali Edward Daniels e Chuck Aule vengono inviati a Shutter Island, nel porto di Boston, per indagare sulla sparizione di una paziente scomparsa nel nulla. Sull’isola ha infatti sede una struttura specializzata nella cura e detenzione di criminali con problemi mentali. La ricerca dei due uomini svelerà non solo un vero e proprio complotto ma li metterà di fronte ai propri demoni personali, con risvolti del tutto inaspettati riguardanti soprattutto la figura di Daniels.

Senza svelare troppo per non rovinarvi la sorpresa, basti sapere che nulla è come sembra e nel corso delle due ore e venti di visione i colpi di scena e un poderoso cliffhanger rivoluzionano completamente quanto visto in precedenza, spingendo il pubblico ad un ulteriore rewatch per cogliere tutti gli indizi disseminati in precedenza e degeneranti in quell’evoluzione così piacevolmente “assurda”.

Un cast delle grandi occasioni

La quarta collaborazione tra Martin Scorsese e Leonardo DiCaprio (la precedente, The Departed – Il bene e il male, aveva garantito al regista il suo primo Oscar) vede il popolare e amatissimo attore con il personaggio forse più ambiguo e complesso dell’intera carriera e i risvolti che si fanno ben presto strada nella narrazione gli permettono di operare su più registri, vedendolo alle prese con sfumature ancora inesplorate.

Ma l’intero cast di Shutter Island ha classe da vendere, cominciando dal “partner” Mark Ruffalo fino ad una Michelle Williams che appare in un paio di struggenti flashback, e con due vecchi leoni quali Ben Kingsley e Max von Sydow alle prese con personaggi altrettanto enigmatici. Tra gli altri interpreti noti al grande pubblico segnaliamo anche la partecipazione di Elias Koteas, John Carroll Lynch, Jackie Earle Haley ed Emily Mortimer, quest’ultima proprio nei panni della pedina scatenante gli eventi.

Leggi anche: The Irishman è al cinema: come è cambiato Scorsese dai tempi di Quei Bravi Ragazzi

Un’ambientazione cupa

L’impatto estetico restituisce appieno quel senso di straniamento che caratterizza la vicenda e la relativa caratterizzazione dei personaggi, con una fotografia tersa che coglie al meglio le inquiete vibrazioni della suggestiva ambientazione. Le riprese hanno avuto luogo tra il Massachusetts e alcune isole del porto di Boston, con alcuni accorgimenti utili a ridurre la presenza di persone o mezzi su schermo: molte scene sono state girate di notte e poi “trasformate”, tramite giochi di luci, in sequenze diurne. Il faro e altri luoghi chiave del racconto, struttura ospedaliera in primis, offrono poi un’atmosfera tenebrosa e malsana che prende alla gola lo spettatore.

Uno sguardo ai classici

Vedere Shutter Island è come fare un salto nel passato, in quegli anni ’50 quando i crime e i noir dominavano il mercato d’Oltreoceano con le storie di investigatori tormentati e senza mezze misure. Il film recupera toni e atmosfere del periodo, dallo stile recitazione all’esposizione dei dialoghi fino allo “schematismo” dei luoghi chiave nei quali avverranno le fondamentali scene madri.

Da Jacques Tourneur a Robert Siodmak sono evidenti le ispirazioni che Scorsese ha omaggiato e reinterpretato in chiave moderna, con un ovvio rimando al cinema di Alfred Hitchcock nella chirurgica evoluzione dei colpi di scena. La cura per le scenografie, i costumi e le ambientazioni completa un quadro complessivo che è puro, consapevole e divertito, citazionismo a suddetta epoca.

Emozioni inaspettate

Shutter Island possiede all’interno del suo essere tutto ciò che un film dovrebbe sempre avere per sorprendere e rispettare il pubblico, ossia la ricerca della meraviglia e quel senso di sospensione capace di mantenere lo spettatore su un costante chi-va-là. La storia infatti non si adagia mai sugli allori e, complice il romanzo alla base, non smette di spiazzare e affascinare nel corso dei sempre più incalzanti eventi, in un crescendo di tensione che si ammanta di potenti squarci emotivi nella gestione psicologica del personaggio di Leonardo DiCaprio, permettendo di rimando un prepotente slancio empatico da parte di chi guarda. Un’operazione cerebrale e raffinata che, oltre all’eleganza e allo spettacolo, non si dimentica un cuore pulsante e sanguigno che lascia con il fiato sospeso fino al giungere dei titoli di coda.

Continua a leggere

Cinema

Piccole Donne: le quattro personalità delle sorelle March lo rendono un classico senza tempo

Pubblicato

:

piccole donne 3

Le sorelle più famose della letteratura tornano al cinema con l’adattamento cinematografico di Piccole Donne diretto da  Greta Gerwig. Tratto dal famoso romanzo del 1868 nato dalla penna di Louisa May Alcott, il film ripercorre la storia delle sorelle March interpretate da Emma Watson (Meg), Saoirse Ronan (Jo), Eliza Scanlen (Beth) e Florence Pugh (Amy) durante gli anni della Guerra Civile Americana.

In un periodo storico dilaniato dal conflitto che prevede il coinvolgimento di tutti gli uomini al fronte, Piccole Donne mostra una famiglia tipica dell’800, nella quale la mamma (Laura Dern) si trova a dover gestire da sola le sue adorabili figlie. A rompere la solita routine, ci sarà la voglia di emancipazione e ribellione mostrata da Jo, la ragazza che farà di tutto per rompere le catene di una società che concepisce la figura della donna solo come moglie e madre. Il suo desiderio di diventare scrittrice – professione alquanto bislacca in quegli anni per una donna – sarà il primo passo per convincere le sorelle a pensarla come lei. Nel cast ci sono anche l’attore del momento Timothée Chalamet nel ruolo di Theodore ‘Laurie’ Laurence, Meryl Streep come la zia March insieme a Louis Garrel nei panni di Friedrich Bhaer.

Che caratterino le sorelle March!

In occasione dell’uscita al cinema di Piccole Donne è stato ideato un test della personalità per scoprire a quale delle quattro sorelle March siete più affini. Meg è la più responsabile; Jo è quella più ardente e ambiziosa; Beth la più timida e sensibile mentre Amy è quella più aperta alla vita sociale. Il lettore spesso ama identificarsi con la figura di Jo, trattandosi del personaggio più combattivo del romanzo. Per ricollegarsi alla psicologia greca si può prendere in prestito la teoria dei quattro temperamenti: sanguigno, collerico, malinconico e flemmatico. Nel caso di Piccole Donne è possibile sintetizzarli come: socievole (sanguigno), ambizioso (collerico), sensibile (malinconico) e pacifico (flemmatico).

Conoscendo la storia di Piccole Donne e il temperamento di ognuna è un gioco da ragazzi associare ogni caratterista elencata al personaggio di riferimento: Amy è sanguigna, Jo è colerica, Beth è malinconica e Meg è flemmatica. Jo è la leader delle sorelle, quella più ambiziosa ed indipendente che cerca di coinvolgere le ragazze in ogni iniziativa artistica che le passa per la mente. Amy al contrario, è la più socievole e quella più attaccata al tessuto sociale dell’epoca. Beth rappresenta la coscienza morale delle sorelle March, la più profonda delle sorelle e infine Meg, cerca di fare da moderatrice e paciere nelle dispute tipiche tra sorelle, vista la mancanza di una figura paterna all’interno della famiglia.

piccole donne

Questa differenza caratteriale non è motivo di giudizi da parte delle ragazze. Questo pensiero è dimostrato in una battuta detta da Amy verso Jo nella quale dice: “Solo perché i miei sogni sono diversi dai tuoi, non significa che non siano importanti“, la quale aveva preferito convolare a nozze e crearsi una famiglia, piuttosto che vivere in nome del teatro e della libertà.

Verso l’età adulta

Le quattro sorelle raccontate dalla Alcott riescono a mostrare il passaggio tra l’infanzia e l’età adulta della donna e la regista Greta Gerwig riesce a mostrarlo in maniera assolutamente convincente anche in questo adattamento cinematografico. Nel romanzo viene mostrato quanto sia dura la consapevolezza che crescere inevitabilmente porta con sé scelte da dover prendere, a volte anche dolorose, difficili e apparentemente impossibili. La Alcott svela cosa significa diventare adulti.

Quando Meg, la più grande delle sorelle March decide di sposarsi, dall’altro lato c’è Jo che decide di andare a vivere a New York per inseguire i suoi sogni, stessa cosa che farà anche Amy andando in Europa ed infine, l’unica a rimanere a casa sarà Beth per motivi di salute. Così come svanisce l’infanzia per far posto all’età adulta, anche il gruppo affiatato delle sorelle March si sgretola per cercare di vivere una vita appagata e in linea con il proprio temperamento.

La differenza tra la versione letteraria della Alcott e quella cinematografica della Gerwig è il modo con il quale ha rappresentato le loro quattro diversità comportamentali, mostrando al contempo, come sia possibile tenere insieme tutti questi temperamenti in un unico abbraccio.

 

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Aprile, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Maggio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X