Connettiti a NewsCinema!

Cinema

Fast & Furious – Hobbs & Shaw, il trailer ufficiale del film

Pubblicato

:

Dopo otto film e quasi 5 miliardi di dollari incassati in tutto il mondo, il franchise di Fast & Furious presenta Hobbs & Shaw, lo stand-alone in cui Dwayne Johnson e Jason Statham tornano a vestire i panni di Luke Hobbs e Deckard Shaw. In seguito al loro primo scontro in Fast & Furious 7 del 2015, tra Hobbs (Johnson), mastodontico veterano del dipartimento di polizia statunitense Diplomatic Security Service, e Shaw (Statham), emarginato fuorilegge ed ex agente scelto dell’esercito inglese, c’è sempre stato un forte scambio di provocazioni e scontri nel tentativo di farsi fuori a vicenda.

Ma quando Brixton (Idris Elba), un anarchico ciberneticamente e geneticamente potenziato, si trova in possesso di una minaccia biologica che potrebbe alterare il genere umano per sempre – ed ha la meglio contro una brillante ed impavida agente dell’MI6 (Vanessa Kirby, The Crown), nonché sorella di Shaw – i due acerrimi nemici dovranno unire le forze per annientare l’unico uomo che potrebbe dimostrarsi più duro di loro due.

Hobbs & Shaw spalanca una nuova porta nell’universo Fast & Furious, trascinando l’azione per tutto il mondo, da Los Angeles a Londra passando per le tossiche e desolate terre di Chernobyl fino alla lussureggiante meraviglia delle isole Samoa. Diretto da David Leitch (Deadpool 2) e scritto da Chris Morgan, architetto narrativo di lunga data di Fast & Furious, il film è prodotto da Morgan, Johnson, Statham e Hiram Garcia. I produttori esecutivi sono Kelly McCormick, Dany Garcia, Steven Chasman, Ethan Smith ed Ainsley Davies.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Amazon Prime Video | I film in esclusiva più attesi di giugno 2020

Pubblicato

:

amazon prime video giugno 2020

Dopo lo speciale relativo ai film originali Netflix in arrivo a giugno, ci concentriamo ora sui titoli in esclusiva che faranno la loro comparsa nel prossimo mese sul catalogo di Amazon Prime Video. Due titoli italiani, un raffinato giallo old-school, il ritorno di un amato personaggio comico e il nuovo corso di un’iconica saga horror sono tra le proposte che ci attendono nel corso delle prossime settimane, scopriamole insieme nel dettaglio.

L’amore a domicilio

lamore a domicilio

L’amore a domicilio

Il protagonista Renato è stato sempre restio ad impegnarsi in relazioni sentimentali serie, timoroso delle conseguenze insite in una vera storia d’amore. Ma il suo approccio sembra destinato a cambiare dopo l’incontro con la bella Anna, incontrata casualmente. La ragazza si trova agli arresti domiciliari e la forzata reclusione di lei fa ritenere a Renato di poter gestire la situazione senza troppe complicazioni. Ma le cose non andranno come previsto…

Il secondo lungometraggio di Emiliano Corapi, a otto anni dall’esordio con Sulla strada di casa (2011), è una commedia romantica potente contare su una sceneggiatura più ispirata della media e su un cast “in palla” capitanato da Miriam Leone e Simone Liberati.

Cena con Delitto: Knives Out

cena con delitto knives out

Cena con delitto – Knives out

Un giallo in piena tradizione classica, che guarda ai colpi di scena alla Agatha Christie con un approccio moderno. La misteriosa morte di un anziano capofamiglia, possedente una fortuna, e l’eredità contesa dai vari figli dell’uomo lascia campo libero ad un gioco di tradimenti e sospetti, con inaspettate verità pronte a venire a galla in un susseguirsi di colpi di scena.

Il regista Rian Johnson è abile a nascondere le carte e a suggerire false piste e la regia veloce e scattante evita tempi morti in una sceneggiatura calibrata alla perfezione, ulteriormente impreziosita dalle magnifiche scelte del cast all-star, comprendente nomi del calibro di Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas, Jamie Lee Curtis, Michael Shannon, Don Johnson, Toni Collette, Lakeith Stanfield, Katherine Langford, Jaeden Martell e Christopher Plummer.

Johnny English Strikes Again

johnny english strikes again

Johnny English strikes again

Svestiti i panni di Mr. Bean, Rowan Atkinson torna invece a vestire quelli di un altro personaggio cult della sua carriera, quell’improbabile agente segreto già interpretato per due volte nel 2003 e nel 2011. In quest’occasione la spia deve affrontare una situazione imprevista dopo che ad un summit internazionale un attacco da parte di hacker ha reso pubbliche le identità di ogni agente segreto di Sua Maestà. Johnny, da tempo in pensione, deve ritornare in servizio, trovandosi alle prese con un mondo tecnologico a lui sconosciuto e incrociando la strada con una sexy collega russa per affrontare un nemico guru del digitale.

Formula che vince non si cambia e Atkinson si approccia al suo alter-ego “action” con una mentalità vecchia scuola, equivocante proprio sui contrasti tra passato e presente non solo a livello di stile ma anche nella gestione delle gag. Un divertimento semplice e spensierato impreziosito dall’efficace cast di contorno, comprendente Ben Miller, Olga Kurylenko, Jake Lacy ed Emma Thompson.

Leggi anche: Amazon Prime Video | 5 film novità da non perdere a Maggio 2020

Il Ladro Di Giorni

il ladro di giorni

Il ladro di giorni

L’undicenne Salvo non vede da quattro anni il padre Vincenzo, dal giorno che venne arrestato nella natia Puglia dai carabinieri. Il ragazzino, affidato agli zii in Trentino, riceve la visita del genitore, che ha finito di scontare la sua condanna, ma fa fatica a riconoscerlo. Vincenzo propone allora al figlio d fare un viaggio verso sud, un’occasione per rinsaldare il loro legame e andare alla riscoperta non solo di loro stessi ma anche delle loro origini.

Un viaggio on the road per riflettere sul rapporto tra un padre e un figlio da tempo distanti e quasi estranei non è certo nuovo al cinema di genere, ma Il ladro di giorni – terzo lungometraggio del regista e sceneggiatore Guido Lombardi e tratto da un suo omonimo romanzo – si propone di unire atmosfere tensive e melanconiche con una particolare attenzione alle ambientazioni del nostro BelPaese. A guidare il cast Riccardo Scamarcio e il giovanissimo Augusto Zazzaro.

Halloween

halloween

Halloween

Da lungo tempo Laurie Strode si sta preparando per affrontare il ritorno della sua atavica nemesi, quel Michael Myers che ha compiuto un crudele massacro la notte di Halloween del 1978. La donna ha condotto da allora una vita di totale solitudine, imponendola anche alla figlia Karen, al fine di proteggersi dallo spietato assassino, e quando questi durante un trasferimento riesce ad eludere la sorveglianza e fuggire, Laurie farà affidamento sulle ingegnose contromosse create nell’arco degli anni all’interno della sua casa nel bosco.

Sequel diretto dell’originale di John Carpenter, ignorante tutti i seguiti realizzati, il nuovo Halloween di David Gordon Green è un gradito ritorno alle atmosfere dell’originale, qui coabitanti con le modernità del filone ma ancorate a quell’idea di slasher duro e puro consona al prototipo. Con un sequel già annunciato, il franchise horror e tornato in grande stile e determinato a restare e lasciare il segno nel moderno panorama horror.

Continua a leggere

Cinema

Netflix | I film originali più attesi di Giugno 2020

Pubblicato

:

Netflix giugno 2020

Il mondo dello streaming è diventato una parziale ancora di salvezza per gli appassionati di cinema, in un periodo dove l’emergenza da Covid-19 ha portato alla mancata distribuzione di titoli più o meno attesi. Le varie piattaforme si sono così contese a suon di quattrini alcuni dei titoli pensati per l’uscita in sala e Netflix a giugno presenta proprio due di questi in esclusiva, ossia il nuovo Spike Lee e la commedia musicale Eurovision Song Contest: La storia dei Fire Saga. Solo un paio dei titoli originali attesi per giugno che vi proponiamo qui sotto e che testimoniano la ricerca di varietà da parte del popolare servizio di streaming.

The last days of american crime

the last days of american crime

The last days of american crime

Molto spesso la fantascienza si appoggia alla realtà nelle sue derive distopiche che aggiornano i mali dell’era contemporanea e The last days of american crime non fa eccezione: la base narrativa è ambientata in un prossimo futuro dove il governo americano ha trovato il modo di sopprimere la criminalità sul nascere. La trasmissione di un segnale è la pericolosa panacea, giacché in grado di eliminare nelle persone qualsiasi istinto maligno ma al contempo di scatenare pericoli ben peggiori.

Al solito appunto non tutto andrà come previsto, come già sa chi ha letto la graphic novel alla base del film. Girato in Australia per la regia di Olivier Megaton, onesto artigiano del cinema action, la pellicola si affida ad un cast eterogeneo vedente nei ruoli principali Edgar Ramirez, Anna Brewster, Michael Pitt e Sharlto Copley.

Da 5 Bloods – Come fratelli

da 5 bloods come fratelli

Da 5 bloods – Come fratelli

Il talento di Spike Lee è pari solo alla sua propensione per le polemiche. Non nuovo a uscite controverse, il regista afroamericano solo pochi giorni fa ha dichiarato a riguardo del suo ultimo film di non aver avuto a disposizione cento milioni di dollari per il de-aging degli attori coinvolti, facendo riferimento a quelli invece spesi per The Irishman (2019) di Martin Scorsese.

In Da 5 Bloods – Come fratelli la storia farà infatti ampio ricorso ai flashback nel raccontare il ritorno da parte di un gruppo di soldati americani in Vietnam. Lo scopo del loro come-back, decenni dopo la fine della guerra, è quello di recuperare il corpo di un loro commilitone caduto in battaglia nonché di rimettere le mani su un tesoro nascosto durante le fasi cruciali del conflitto. Nel cast troviamo Delroy Lindo, Jonathan Majors, Clarke Peters, Norm Lewis, Jean Reno e il Chadwick Boseman di Black Panther (2018).

Leggi anche: Tyler Rake | La recensione del film Netflix con Chris Hemsworth

Eurovision Song Contest: La storia dei Fire Saga

eurovision song contest la storia dei fire saga

Eurovision song contest la storia dei Fire Saga

Il trailer diffuso solo qualche giorni fa sui vari social network ha catalizzato l’attenzione del grande pubblico, e non poteva essere altrimenti visto la follia che traspare dal progetto già nei primi istanti di video. Eurovision Song Contest: La storia dei Fire Saga è un film ispirato all’omonima competizione musicale che si tiene ogni anno per celebrare i vari cantanti di tutt’Europa e racconterà la fittizia storia dei cantanti islandesi Lars Erickssong e Sigrit Ericksdottir, interpretati rispettivamente da Will Ferrell e Rachel McAdams.

Lo stesso Ferrell figura come produttore e ha preso spunto nella creazione dei personaggi dall’edizione 2018 della manifestazione, dove ha partecipato dietro le quinte proprio a tal scopo. La pellicola è diretta da David Dobkin – regista di titoli come 2 cavalieri a Londra (2003) e The Judge (2014) – e il resto del cast conta nomi del calibro di Pierce Brosnan e Demi Lovato.

Wasp Network

wasp network

Wasp network

Dopo Spike Lee, un altro colpo da novanta da parte di Netflix, che si è aggiudicato in esclusiva l’ultimo film del maestro francese Olivier Assayas – tra i suoi lavori più recenti e apprezzati citiamo Sils Maria (2014) e Personal Shopper (2016) – presentato in concorso alla 76ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia pur suscitando reazioni contrastanti da parte della critica.

Il film si propone come una moderna spy-story ed è incentrato sul personaggio di René Gonzalez, un pilota di origini cubane che vola fino a Miami, in Florida, per infiltrarsi in un’organizzazione anticastrista, abbandonando all’Avana la moglie e la figlia. I vari protagonisti sono interpretati da un cast d’eccezione che, oltre all’Édgar Ramírez di Carlos, può vantare nomi del calibro di Penelope Cruz, Ana de Armas, Wagner Moura e Gael García Bernal.

Feel the beat

feel the beat

Feel the beat

Sofia Carson, star della serie televisiva in live action di marchio Disney Descendants, è l’assoluta protagonista di questo dance-movie che tenta di aggiornare la classica tematica di caduta e riscatto nel mondo della danza. La giovane attrice interpreta infatti il personaggio di April, una ragazza partita con grandi sogni nella speranza di ottenere gloria e successo sul palco di Broadway ma costretta a fare i conti con il proprio fallimento. April dovrà così rimboccarsi le maniche e far ritorno nella cittadina natale dove troverà nuovamente voglia di vivere e lottare quando decide di allenare un team di ragazzini che vogliono partecipare ad un imminente contest di ballo.

Secondo lavoro cinematografico, dopo l’apprezzato esordio The black balloon (2008), per la regista prettamente televisiva Elissa Down, che tenta di dire qualcosa di nuovo nell’affollato filone.

Continua a leggere

CineComics

Margot Robbie | 5 personaggi Marvel per cui sarebbe perfetta

Pubblicato

:

Se c’è una cosa sulla quale la maggior parte di noi è d’accordo, in relazione ai film della DC Extended Universe, è che Margot Robbie È Harley Quinn. L’energia contagiosa, la devozione appassionata e l’inconfondibile accento di Brooklyn che porta al ruolo sia in Suicide Squad che in Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn compongono il tipo di ritratto cinematografico tratto da un personaggio dei fumetti che ci capita di vedere solo di tanto in tanto. Per questo viene da interrogarsi su ciò che l’attrice potrebbe portare ai personaggi Marvel.

Naturalmente, data la sua popolarità con la gente della DC, è più che probabile che la possibilità per l’attrice due volte nominata all’Oscar di dar vita ad un personaggio Marvel nel prossimo futuro sia ormai sfumata. Tuttavia, se Laurence Fishburne può apparire in Batman v Superman: Dawn of Justice e poi recitare in Ant-Man and the Wasp due anni dopo e, di contro, Adewale Akinnuoye-Agbaje può prendere parte a Thor: The Dark World prima di interpretare Killer Croc in Suicide Squad, perché Margot Robbie non potrebbe fare lo stesso?

C’è una quantità inimmaginabile di personaggi dell’universo Marvel che deve ancora vedere la luce, e per i quali Margot Robbie sarebbe la scelta ideale. Ecco una selezione di 5 personaggi, 4 eroine e una villain: quale di questi potrebbe portare l’attrice australiana a divenire il volto, dopo DC, anche di casa Marvel?

Dazzler

Non appena entrò nel ruolo di Naomi Lapaglia in The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese, fu chiaro che Margot Robbie era destinata a diventare un’icona della moda, grazie alla facilità con cui poteva perfezionare qualsiasi look. Certo, la moda non viene comunemente associata al personaggio di Dazzler, la cui capacità di creare luce dal suono le è valsa un posto tra gli X-Men e una carriera di cantante, ma il suo senso del fashion è innegabilmente iconico per il mondo dei fumetti ed è un elemento di forte modernità che l’attrice australiana potrebbe portare sul grande schermo.

Senza tralasciare il fatto che Birds of Prey ha rivelato il talento nascosto di Robbie per la canzone, il che la rende ancora più adatta per questo ruolo di mutante, nota anche per la sua prolifica carriera di cantante.

Leggi ancheThe Wolf of Wall Street, la follia dell’eccesso

Gatta Nera

A prima vista, potrebbe sembrare fuori luogo per Margot Robbie, più giovane di sei anni rispetto a Tom Holland (che sembra già molto più giovane di quanto sia), interpretare Felicia Hardy, nota per avere una seria cotta per Spider-Man. Tuttavia, la Marvel Cinematic Universe è notoriamente libera da regole e potrebbe ridefinire la risposta biondo platino della Marvel a Catwoman facendone, magari, una mentore improbabile o, meglio ancora, una collaboratrice riluttante, per la quale Peter Parker prende una sbandata, in un’intrigante inversione di ruoli.

O forse è semplicemente il momento di dare a Gatta Nera, un’eroina con un passato da scassinatrice, il suo film e quale modo migliore di scaldare il pubblico se non quello di affidare a Robbie il ruolo di protagonista?

Emma Frost

Nonostante Harley Quinn avesse già una fanbase consolidata prima di Suicide Squad, grazie a un’impressionante presentazione in Batman: The Animated Series, che ha portato poi a diverse apparizioni in fumetti classici e alla sua serie, la rappresentazione di Margot Robbie è riuscita a rielaborare questo vantaggio, infondendo un certo fascino in grado di rendere estremamente attraente il cattivo, altrimenti caratterizzato dal solo disturbo mentale.

Forse potrebbe infondere lo stesso guizzo al ruolo di Emma Frost, missione che a quanto pare non è riuscita a January Jones in X-Men – L’inizio. Conosciuta anche come la Regina Bianca, la bionda Frost è all’altezza del suo nome, con alcune abilità letteralmente glaciali, che utilizza sia contro, che, in alcuni casi, al fianco degli X-Men.

Leggi anche: Margot Robbie, 10 cose che (forse) non sapete sulla star di Suicide Squad

She-Hulk

Probabilmente non c’è anima al mondo che voglia vedere l’aspetto impeccabile di Margot Robbie alterato ulteriormente rispetto al trucco di Harley Quinn, ma la natura non ortodossa di questa semplice idea intriga a tal punto che viene spontaneo raccomandarle di interpretare un personaggio dei fumetti che nessuno avrebbe il coraggio di proporle.

Poche eroine della Marvel si comportano come Jennifer Walters, meglio conosciuta come She-Hulk. L’interprete della cugina verde e quasi altrettanto forte di Bruce Banner deve ancora essere scelta per la serie tv incentrata su di lei in arrivo su Disney + e se Robbie sarebbe perfetta per lo show, il suo aspetto e il suo talento potrebbero essere proprio ciò di cui il personaggio ha bisogno per brillare davvero.

Leggi ancheBirds of Prey | 10 cose da sapere sul film con Margot Robbie

La Donna Invisibile

In vista di una selezione di casting, per questo ruolo verrebbe spontaneo pensare a Margot Robbie, una delle più talentuose attrici di Hollywood, conosciuta anche per la sua folta chioma di capelli biondi. Se poi si pensa che la Donna Invisibile condivide con la Robbie svariati aspetti, non ultimo la passione per la recitazione, la scelta sembra quasi scontata.

Il talento di Margot Robbie nell’interpretare personaggi femminili forti e coinvolgenti, capaci di spiccare in modo energico in un cast dominato da uomini, la renderebbe una grande Susan Storm, facendo del ritorno sul grande schermo e dell’introduzione dei Fantastici Quattro nell’MCU un motivo d’orgoglio per tutti gli appassionati della prima famiglia Marvel.

Qualunque sarà il destino di questi personaggi sul grande e piccolo schermo, siamo convinti che Margot Robbie potrebbe essere un’interprete in grado di dargli lustro, con la forza e la raffinatezza a cui ci ha abituato nel tempo con le sue grandi prove d’attrice. Soltanto il tempo ci svelerà se le nostre previsioni avevano qualche fondamento.

 

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Maggio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Giugno

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X