Connettiti a NewsCinema!
gli uomini d'oro recensione gli uomini d'oro recensione

Cinema

Gli uomini d’oro, un noir metropolitano liberamente ispirato a una storia di cronaca

Pubblicato

:

Torino, 1996. Luigi (Giampaolo Morelli), guida ogni giorno un portavalori. Controvoglia e con ben altri sogni nel cassetto, l’uomo spera di agguantare quanto prima la baby pensione andata in sorte a tanti suoi coetanei, ma il nuovo ministro, a sorpresa, sposta l’età pensionabile dieci anni più avanti e il suo sogno costaricano sfuma inesorabilmente. Ma continuare a fare quella stessa vita per altri vent’anni sembra impossibile e insopportabile e, dunque, l’occasione a portata di mano, ogni giorno proprio “dietro le sue spalle”, aprirà il varco verso quell’idea di una criminalità improvvisata ma potenziale strumento di una definitiva svolta di vita.

Insieme all’amico di sempre Luciano, coinvolgendo anche l’ostile collega Alvise (Fabio de Luigi) e anche Tony detto Il lupo (Edoardo Leo) ex pugile e gestore di un locale, i quattro uomini tenteranno di portare a casa il colpo perfetto (quello appunto di Uomini d’oro, ovvero capaci di mettere a segno una rapina pulita e senza vittime), e un ricco bottino da spartire per (forse) ricominciare con altra verve le loro vite. Aprire il chiringuito in Costa Rica (Luigi), smettere di porre a repentaglio la propria salute pur di preservare l’immagine borghese della famiglia (Alvise), poter accontentare senza riserva alcuna i desideri della propria donna (Tony). “Ma il crimine non è per tutti anche se tutti possono essere criminali…”. 

gli uomini d'oro

Alla sua seconda regia dopo I peggiori, il giovane regista Vincenzo Alfieri pesca la sua idea di film da una storia di cronaca vera e ne tira fuori un heist movie, noir metropolitano che trasforma volti normalmente associati alla commedia nelle maschere “seriose” di un terzetto di uomini diversi ma comunque tutti alla ricerca di un loro riscatto, e di una loro riaffermata “mascolinità”. Film di ritmo e originale nella struttura che ripercorre genesi e sviluppo del colpo attraverso i punti di vista individuali dei protagonisti, creando quindi una sorta di visione parziale che poi si incrocia e si somma alla visione totale della storia, Gli uomini d’oro convince soprattutto nello sviluppo narrativo della prima parte, impegnato a seguire e ricostruire motivi e contingenze che porteranno poi al colpo.

Decisamente meno bilanciata e meno a fuoco, invece, la parte di scioglimento e risoluzione di avvenimenti legati a questa sorta di thriller che si andrà poi compiendo quale dinamica d’azione. E se Morelli si muove piuttosto a suo agio in un personaggio goliardico e “piacione”, De Luigi disorienta e sorprende nella veste seriosa del borghese un po’ nevrotico con molti pensieri e pochi grilli per la testa, Edoardo Leo resta un po’ incastrato nella singolare austerità di un personaggio bivalente, taciturno ma così sopra le righe da risultare a tratti quasi caricaturale. Nel complesso, un’opera con diversi punti di forza ma un andamento un po’ troppo incostante.

vincenzo alfieri

Alla seconda regia Vincenzo Alfieri firma un’opera che ha un suo appeal narrativo legato in particolar modo al soggetto, e anche alla scelta di inserire sullo sfondo l’elemento calcistico e di scontro/tifoseria che fa costantemente capolino nella scena e determina in maniera più o meno decisiva alcune svolte della trama.  Eppure, la componente strutturale del film tende a essere nel complesso meno convincente di quella formale, e l’ingranaggio narrativo tra fast e foward, tra un punto di vista e l’altro non riesce a stare sempre al passo con la chiarezza e la coerenza necessarie per rendere l’opera lineare e compiuta.   

Review 0
4 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

In me la passione per il cinema non è stata fulminea, ma è cresciuta nel tempo, diventando però da un certo punto in poi una compagna di viaggio a dir poco irrinunciabile. Harry ti presento Sally e Quattro matrimoni e un funerale sono da sempre i miei due capisaldi in fatto di cinema (lato commedia), anche se poi – crescendo e “maturando” – mi sono avvicinata sempre di più e con più convinzione al cinema d’autore cosiddetto di “nicchia”, tanto che oggi scalpito letteralmente nell’attesa di vedere ai Festival (toglietemi tutto ma non il mio Cannes) un nuovo film francese, russo, rumeno, iraniano, turco… Lo so, non sono proprio gusti adatti ad ogni palato, ma con il tempo (diciamo pure vecchiaia) si impara anche ad amare il fatto di poter essere una voce fuori dal coro...

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Aladdin 2 | Cinque domande sul sequel live-action

Pubblicato

:

Solo qualche giorno fa Disney ha ufficialmente annunciato che un sequel del live-action di Aladdin è ufficialmente in cantiere. Il primo adattamento in carne e ossa dell’amatissimo cartoon del 1992 ha diviso la critica e conquistato il pubblico, con un incasso globale che ha superato il miliardo di dollari. Il film diretto da Guy Ritchie vedeva protagonisti Mena Massoud nel ruolo principale, Will Smith nei panni del Genio e Naomi Scott in quelli della bella principessa Jasmine. Si sa ancora poco del secondo capitolo, ma con le informazioni ad ora in nostro possesso vediamo quali sorprese potrebbe regalare.

Will Smith ritornerà come Genio?

Will Smith è stato uno dei punti di forza di Aladdin, capace di non far rimpiangere la performance (allora esclusivamente vocale) di Robin Williams nel classico animato. L’attore è riuscito infatti a mettere molto di sé, e del suo prepotente ego, nel cuore del personaggio, spesso filtrato attraverso l’utilizzo degli ottimi effetti speciali. Chi ha visto il film sa che il Genio, tramite il desiderio finale del protagonista, ha assunto forma umana e si è costruito una propria famiglia. La sceneggiatura dovrebbe quindi optare su altre soluzioni per reinserirlo nel sequel senza snaturare quanto visto nel predecessore, e al momento l’attore non è stato ancora contattato per il suo potenziale ritorno.

Aladdin 2 sarà ancora un musical?

Aladdin e Jasmine sul tappeto volante

La colonna sonora ha conquistato il grande pubblico, tra riproposizioni di hit storiche dell’originale e pezzi nuovi di zecca, nei quali Naomi Scott ha dato sfoggio di tutto il suo talento canoro. Alan Menken, già curatore della colonna sonora del cartoon e del live-action, non è ancora confermato come compositore di questo nuovo episodio, ma in ogni caso è difficile immaginare un film di Aladdin senza la sua anima musical, fatta di canzoni e balli esotici.

Leggi anche: Movie Score, tutte le canzoni del remake di Aladdin

Guy Ritchie tornerà in cabina di regia?

Recentemente il regista inglese è tornato ad un genere a lui congeniale con la commedia criminale The Gentlemen. Aladdin è stato sicuramente il lavoro più atipico di tutta la sua carriera, con atmosfere giocose e bizzarre che lo hanno visto alle prese anche con il musical. Il ritorno di Guy Ritchie dietro la macchina da presa è ancora incerto, e il cineasta è al momento impegnato con le riprese del suo ultimo film Cash Truck, heist-movie dove collabora ancora una volta con il fidato amico Jason Statham.

Torneranno gli altri membri del cast?

3 6

Naomi Scott e Navid Negahban

Il casting di Aladdin ha segnato un importante punto di svolta per aver scelto personaggi che rispettassero etnicamente e culturalmente le etnie di origine (scelta confermata anche nell’atteso live-action di Mulan). Mena Massoud, Naomi Scott e il resto degli interpreti farà quindi ritorno nel sequel? La scelta sembra ovvia, nonostante non vi sia ancora niente di ufficiale, e d’altronde sarebbe impensabile vedere nuovi attori nei relativi ruoli. Un indizio che potrebbe suggerire potenziali risvolti narrativi sarebbe l’ingaggio di Marwan Kenzari, che vestiva i panni del crudele Jafar, il cui destino sembrava sancito alla fine del primo film.

Aladdin 2 sarà ispirato dai sequel animati?

Il cartone del 1992 ha avuto ben due seguiti animati, usciti direttamente per il mercato home video. Il primo di questi, Il ritorno di Jafar, vedeva per l’appunto il come-back del villain nel tentativo di impedire l’ascesa di Aladdin al trono di Agrabah, mentre nel secondo – Aladdin e il re dei ladri – il matrimonio tra il protagonista e Jasmine veniva interrotto da una misteriosa figura del passato. Stando a quanto riportato da Variety, il sequel live-action si baserà su una storia del tutto nuova e originale, con gli sceneggiatori John Gatins e Andrea Berloff pronti a prendere ispirazione dai racconti de Le mille e una notte.

Continua a leggere

Berlinale

Berlino 70 | My Salinger Year, la recensione del film di apertura

Pubblicato

:

my salinger year

Johanna è una giovane aspirante scrittrice che vive in una avvolgente e tenue New York degli anni 90. Il suo sogno è uno di quelli tenuti nel cassetto da tutti coloro che tentano di realizzarsi tra le strade della grande mela, come se quella città, da sempre fonte di ispirazione di cineasti e poeti, avesse dei poteri magici. Quando inizia a lavorare come assistente di Margaret, la famosa agente letteraria di scrittori di successo come J.D. Salinger, Johanna si avvicina un po’ di più al mondo della letteratura, seppur da una diversa prospettiva.

Oltre a rispondere al telefono e assecondare i capricci del capo, le viene assegnato il compito di leggere le numerose lettere indirizzate al celebre scrittore de Il Giovane Holden. Colpita dalle riflessioni e confessioni dei vari ammiratori di Salinger, Johanna comincia a rispondere, andando incontro ad alcune inevitabili conseguenze.

my Salinger year

Sigourney Weaver in My Salinger Year

Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira”. Il regista Philippe Falardeau sembra voler portare sullo schermo queste parole dello scrittore americano con il film My Salinger Year che ha aperto la 70° edizione del festival di Berlino.

Leggi anche: 10 film da vedere a Berlino 2020

La sua protagonista, interpretata da una carismatica e tenera Margaret Qualley, ha l’occasione di ricevere preziosi consigli da Salinger in persona attraverso una serie di telefonate improvvisate. Cosa può volere di più una ragazza che sogna di diventare scrittrice ed è in cerca della sua grande occasione? Il film di Falardeau si nutre di una storia delicata, emozionante, immersa in un’atmosfera che ricorda i film di Woody Allen senza jazz di sottofondo. 

Ispirato al romanzo Un anno con Salinger di Joanna Rakof, My Salinger Year esplora il fascino del mondo della letteratura e dell’editoria di un periodo storico in cui non si avverte la minaccia della scrittura digitale e l’assenza degli smartphone permette ai vari personaggi una maggiore consapevolezza di quello che accade intorno a loro. Mentre di rado appare la presenza misteriosa di J.D. Salinger sempre di spalle per scelta del regista, al centro della sceneggiatura il rapporto tra Margaret e Johanna, due donne così diverse accomunate da un’esperienza comune che le fa crescere e maturare, ognuna a suo modo. La dinamica tra loro sembra ricordare quella di Miranda Priesley (Meryl Streep) e la giovane sognatrice Anne Hathaway. Infatti un difetto del film – se può considerarsi tale – è l’eccessiva similitudine con la commedia di David Frankel del 2006.

Leggi anche: 10 donne toste e determinate al cinema

Margaret Qualley My Salinger Year

Margaret Qualley in My Salinger Year

All’inizio Margaret e Johanna sono come due pianeti diversi che piano piano si connettono e riescono a condividere una visione. My Salinger Year è un film intimo, adorabile e senza pretese, che ci invita a credere nelle proprie ambizioni fino alla fine, magari dando una sbirciatina a chi ce l’ha fatta prima di noi.

Continua a leggere

Approfondimenti horror

Halloween Kills | Cosa sappiamo sul nuovo film della saga

Pubblicato

:

3 7

Due anni fa la saga con protagonista Michael Myers è definitivamente rinata su grande schermo, con l’Halloween diretto da David Gordon Green che si è intelligentemente proposto quale sequel diretto di Halloween – La notte delle streghe (1978), il primo – storico – capitolo firmato da John Carpenter.

Ora lo stesso regista è pronto a tornare anche per questo atteso secondo episodio del nuovo corso, la cui uscita è prevista per l’ottobre di quest’anno, che vedrà ancora una volta protagonista l’iconico personaggio di Laurie Strode, interpretata come sempre da Jamie Lee Curtis. Il franchise dovrebbe vedere la parola fine con il già annunciato Halloween Ends che, secondo le previsioni, vedrà la luce delle sale esattamente un anno dopo nel 2021.

Una serie di ritorni

Michael Myers nell’Halloween 2018

La prima conferma relativa ad Halloween Kills ed Halloween Ends è stata quella di Jamie Lee Curtis, ma anche Judy Greer e Andy Matichak sono pronte a riprendere i loro ruoli nei pani di Karen ed Allyson, così come il Michael Myers originale, Nick Castle, e lo stuntman James Jude Courtney condivideranno di nuovo la maschera del villain. La sceneggiatura sarà ancora una volta frutto dell’impegno del regista David Gordon Green e di Danny McBride, ai quali si affiancherà in quest’occasione Scott Teems, e in fase di produzione vediamo il “solito” Jason Blum con Malek Akkad e Bill Block. Il creatore della saga John Carpenter firmerà nuovamente la colonna sonora.

Dove eravamo rimasti

Halloween ha di fatto cancellato tutte le evoluzioni narrative dei vari sequel, ricollegandosi direttamente alla pellicola originaria degli anni ’70. La fuga di Michael Myers, detenuto per quarantanni in un ospedale psichiatrico, durante un trasferimento in un’altra struttura, preparava il campo al confronto con Laurie, ormai indurita dalla vita e dagli eventi passati e abitante in una cabina nei boschi, ricca di sorprese e trappole in vista del potenziale ritorno di Michael.

Il film si concludeva con Laurie, la figlia Karen e la nipote Allyson, ad osservare la casa in fiamme in cui la leggendaria nemesi avrebbe dovuto morire carbonizzata, ma un grottesco sospiro dopo i titoli di coda faceva ovviamente presagire come questa fosse in realtà sopravvissuta. Su quanto verrà raccontato nei due sequel vi è ancora il riserbo più assoluto e non ci sono informazioni ufficiale: alcune teorie dei fan riguardano il passato di Laurie, altre ancora la presunta identità del nuovo killer e infine c’è chi pensa come Allyson stessa possa cedere alla follia, ma rimangono ad oggi semplici speculazioni alle quali è meglio non dare troppo peso.

Leggi anche: Halloween, la videorecensione del film horror

Qualche indizio

Jamie Lee Curtis è di nuovo Laurie Strode

Lo sceneggiatore Danny McBride ha rivelato a Collider che i nuovi film avranno una “forte, differente linea narrativa“, suggerendo che la storia potrebbe non seguire direttamente quella del precedente film. Nella stessa intervista, il regista David Gordon Green ha poi aggiunto “a questo punto Michael Myers è diventato un tipico mostro del cinema classico, ma la saga avrà una fine“.

In ogni caso dovremmo avere una spiegazione chiara di come il personaggio semplicemente non sia in grado di morire. In un’altra dichiarazione McBride ha continuato “è una storia che ha un inizio, un centro e una fine… il centro è puro caos e l’epilogo è davvero soddisfacente“, lasciando presagire grandi emozioni e sorprese per gli appassionati del franchise. Jamie Lee Curtis, sempre a Collider, ha rivelato che “i sequel esploreranno non solo i traumi della famiglia Strode, ma anche quello degli abitanti di Haddonfield che sono sopravvissuti alla furia di Michael“.

Reazioni che fanno ben sperare

Non è raro che i film di genere effettuino dei test screening in anteprima già in fase di post-produzione, in modo che registi e produttori possano determinare se e cosa possa essere modificato prima dell’uscita nelle sale. Nel gennaio di quest’anno Halloween Kills è stato mostrato a duecento fortunati spettatori e le prime reazioni sono state più che positive, con commenti come “genuinamente impressionante” e “sorprendentemente ricco di emozioni“.

Dark Universe Horror riporta in particolare “Michael Myers è ultraviolento e brutale, i flashback sono incredibilmente ben fatti, il film è come un Halloween sotto acido che vi farà impazzire, citazionista e originale al contempo“. L’utente di Reddit TrickyDude98 ha scritto invece “Ci troviamo davanti ad un sequel impressionante, è la prima volta che un test screening di Halloween funziona alla grande. Il 1978 è tornato nel feeling, nella colonna sonora e nell’attitudine“. Se il buongiorno si vede dal mattino, i fan del franchise possono dormire sonni tranquilli.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Febbraio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Marzo

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X