Connettiti a NewsCinema!

CineBizarre

Jurassic World a La Sapienza di Roma, dinosauri in carne ed ossa

Pubblicato

:

jurassic world Sapienza

Vegetazione copiosa che offre ristoro, fatta di piante rare che vengono da paesi lontani… ed ecco spuntare le fauci mostruose di un animale enorme con un’alta vela variopinta sul dorso, e tra i cespugli una sorta di drago in miniatura dall’aspetto bizzarro; e ancora, un famelico Raptor e l’agile Gallimimus. E, in agguato, il dinosauro più celebre della storia del cinema:Tyrannosaurus rexFatti pochi passi, altri due possenti dinosauri si fronteggiano davanti ad un palazzo, incuranti di chi passa e intenti nella lotta; salendo la gradinata, altre meraviglie preistoriche in una combinazione sapiente di illustrazioni, reperti e realtà virtuale.

«Il Parco è aperto… a Roma Sapienza! questo è quel che penseranno le folle di spettatori romani che vedranno finalmente l’attesissimo film Jurassic World di Universal Pictures, da giovedì 11 giugno 2015 in tutte le sale, visitando poi la mostra Dinosauri in Carne e Ossa – Scienza e Arte riportano alla vita i dominatori di un Mondo perduto, per passare dall’emozione della visione 3D provata al cinema all’emozione 3D da toccare con mano. L’impensabile è qui possibile grazie alle oltre quaranta riproduzioni iperrealistiche di dinosauri e altri animali estinti, tra cui, oltre al celebre T-rex, vi è anche lo Spinosaurus aegyptiacus che ha recentemente conquistato la copertina del magazine “National Geographic” e una mostra interamente dedicata ai nuovi studi che lo hanno visto protagonista.

Del resto vedere di fronte a sé in grandezza naturale i dinosauri visti nell’indimenticabile Jurassic Parkispirato dai bestseller di Michael Crichton è un sogno che ha accompagnato gli studi e il lavoro dello staff della mostra. Alessandro Carpana, presidente di A.P.P.I., ha collaborato nientemeno che con John «Jack» Horner, celebre paleontologo statunitense: «Spulciando nei contenuti speciali dei DVD della saga, vedendo un piccolo ma bel documentario sugli scavi condotti in Montana da Jack Horner, consulente scientifico per Spielberg, ho pensato di contattarlo e di prendervi parte. Da allora sono nate una collaborazione e un’amicizia che hanno portato molti frutti anche a livello professionale. Jurassic Parkrappresenta molto sia a livello emotivo che personale per me, così come per tanti altri futuri paleontologi delle generazioni successive che, chissà, magari hanno deciso di studiare i dinosauri perché il ruggito di quel T-rex ha scosso anche loro!» racconta emozionato Carpana.

Emozioni “Jurassiche” indelebili anche per i curatori: «Le sensazioni che ricordo maggiormente? L’emozione nel vedere i brachiosauri lontani che “si muovono in branco”, il fiato sospeso alla prima apparizione del tirannosauro, e anche l’invidia, tanta invidia, per Alan Grant, che aveva potuto abbracciare la triceratops malata (anche per me era sempre stato il dinosauro preferito fin da bambino!). E poi come non citare l’indimenticabile colonna sonora di John Williams?» rievoca Simone Maganuco, colpito non a caso dalla stessa scena prediletta da Stefania Nosotti: «Ricordo che ho trattenuto il fiato e ho sgranato gli occhi per tutta la durata del film, proprio come Ellie Sattler quando si trova davanti ai brachiosauri al pascolo! Già mi erano parsi vivi più che mai nell’asciutta, magistrale scrittura di Crichton, ma i dinosauri di Spielberg erano di più, erano “oltre”! Qualcosa che non si era mai visto e che all’epoca ancora faticavamo a immaginare».

Scena che ha affascinato anche Anna Giamborino, segretario e responsabile didattico di A.P.P.I., e non solo: «A novembre del 2013 ho avuto modo di partecipare al congresso dell’SVP, la Società di Paleontologia dei Vertebrati Americana. Durante la cena di chiusura congresso furono  proiettate alcune sequenze del film, in particolare la scena in cui Alan Grant ed Ellie Sattler incontrano il brachiosaurus. Fu incredibile vedere paleontologi di generazioni diverse trattenere il fiato e rimanere affascinati ancora una volta, tutti insieme, davanti all’ennesima proiezione del film. Un momento veramente emozionante e unico!». In onore dell’uscita di Jurassic World, quarto episodio della saga, la mostra Dinosauri in Carne e Ossa – Scienza e Arte riportano alla vita i dominatori di un Mondo perduto dedica al film e alle sue suggestioni gli eventi del mese, a cominciare da sabato 16 maggio e domenica 17 maggio con i laboratori Dino-Origami e Dinodisegno tenuti dagli esperti Arianna Nicora e Marco Auditore.

Si prosegue Sabato 23 e domenica 24 maggio con le stupefacenti Ferite da dinosauro dei truccatori cinematografici Roberto Mestroni e Silvia Donato, in grado di riprodurre con colori e materiali plastici i morsi del terribile “Indominus Rex” del film di Universal Pictures; il mese e la mostra finiranno in bellezza domenica 31 maggio con il laboratorio Il mestiere del paleontologo (Euro 4,00 per partecipante, prenotazione in cassa), in cui partecipanti saranno guidati nella procedura di calco di un fossile (tramite l’utilizzo di gesso e plastilina) e nella sua interpretazione. La partecipazione ai laboratori Dino-origami, Dinodisegno e Ferite da dinosauro è gratuita, inclusa nel costo del biglietto d’ingresso alla mostra. Tutte le iniziative si svolgeranno lungo il percorso espositivo, tra il Museo di Paleontologia entro il Dipartimento di Scienze della Terra e il Giardino Sperimentale del Dipartimento di Biologia Ambientale.

 

CineBizarre

Bohemian Rhapsody dietro le quinte: il libro fotografico ufficiale del film

Pubblicato

:

bohemian rhapsody

Il libro ufficiale dell’epico film Bohemian Rhapsody della Twentieth Century Fox, racconta l’affascinante viaggio di Freddie Mercury e dei Queen attraverso il film e contiene centinaia di scatti fotografici sul set e dietro le quinte, che ritraggono i membri della band e del loro entourage, tra cui Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor, John Deacon, Jim Beach, Paul Prenter, Mary Austin, John Reid e altri ancora. Questi incredibili personaggi sono riprodotti nei minimi dettagli per il grande schermo. La nostra redattrice Letizia Rogolino vi mostra il libro e vi offre qualche dettaglio in più nel video qui sotto.

L’autore Owen Williams illustra come la storia, gli eventi, i materiali di scena e i costumi sono stati sviluppati per questo film eccezionale, facendo di questo libro una bellissima testimonianza dell’indimenticabile esperienza cinematografica che è Bohemian Rhapsody. Una lettura avvincente e significativa, un imperdibile souvenir per i fan dei Queen, la loro musica e gli spettatori che hanno condiviso l’esperienza cinematografica indimenticabile che è Bohemian Rhapsody. Il film è stato il più visto in Italia nel 2018 e si è aggiudicato due statuette ai Golden Globes 2019, quella di miglior film drammatico e miglior attore in un film drammatico a Rami Malek. Il film ha ottenuto anche 7 candidature e vinto 2 BAFTA.

Agli Oscar 2019 Bohemian Rhapsody vince quattro statuette: miglior attore protagonista a Rami Malek, miglior montaggio, miglior montaggio sonoro e miglior sonoro. Per acquistare una copia di questo libro basta cliccare qui.bohemian rhapsody libro

Continua a leggere

CineBizarre

5 escape room nel mondo da provare una volta nella vita

Pubblicato

:

escape room

Il nuovo film di Adam Robitel, Escape Room, sta per arrivare nelle sale italiane. Il film, che ha i propri modelli di riferimento in Saw, Final Destination e The Cube, è un horror godibile e dal buon ritmo, in grado di creare una propria mitologia partendo da una già esistente: quella delle escape room, attrazioni ludiche diffuse da tempo in tutto il mondo, nelle quali si viene rinchiusi in una stanza e si ha un certo tempo per uscirne risolvendo una serie di giochi o indovinelli. Robitel sfrutta questo fenomeno per creare un film non particolarmente profondo, ma sufficientemente furbo per poter essere il primo episodio di un futuro franchise. Nell’attesa di rinchiuderci nella escape room cinematografica ideata dal regista di Insidious – L’ultima chiave, scopriamo quali sono le escape room più apprezzate in giro per il mondo.

The Basement

the basement escape room

Questa escape room a tema orrorifico è considerata la migliore fra quelle presenti negli Stati Uniti grazie alla sua qualità cinematografica che deve molto ad Hollywood. I giocatori di The Basement sono le vittime di uno spietato cannibale immaginario dal nome Edward R. Tandy, che li tiene prigionieri nello scantinato della sua abitazione. L’obiettivo è quindi quello di scappare dalla propria cella prima che il killer ritorni dopo 45 minuti. Ognuna delle quattro stanze rappresenta un piano diverso della casa che i giocatori devono esplorare per sfuggire alle grinfie di Tandy. In alcune stanze ci sono anche degli attori in carne ed ossa e il tasso di successo si attesta su di un misero 12,5%.

Sherlocked

The Mr. X Puzzle House

Vincitrice del Golden Lock-in Award come una delle migliori escape room del mondo, Sherlocked ha due sedi nei Paesi Bassi. Quella più famosa è certamente “il Vault”, che offre ai giocatori 90 minuti di enigmi da risolvere per cercare di rubare un oggetto misterioso da una cassaforte apparentemente inespugnabile. Il gioco fa anche uso di attori reali e ciò che lo distingue da tanti altri simili è il suo focus sul lato avventuroso dell’esperienza. Anche questa, come la precedente, è considerata una delle escape room più impegnative. Imperdibile per chiunque abbia sognato, almeno una volta nella vita, di possedere le abilità dei ladri più astuti, quelli in grado di rubare qualsiasi cosa riuscendo sempre a farla franca.

The Mr. X Puzzle House

mr x

The Mr. X Puzzle House di Shanghai è un’esperienza composta da cinque stanze, ognuna delle quali comprendente una serie di diabolici enigmi ed intermezzi drammatici tra una sfida e la successiva. A differenza di altre escape room, nelle cinque stanze che compongono questa esperienza non è prevista nessuna spiegazione preliminare. Si è completamente soli, senza cellulari, senza accendini, senza cibo e senza bevande. Il personale ti osserva dall’esterno, nel caso tu dovessi desiderare di uscire. È un gioco che si può vincere facendo affidamento solo sul proprio intelletto. Sessanta minuti di tempo per uscire dalla stanza.

Escape Hunt

the escape hunt experience

Prendendo in prestito alcuni spunti dal più grande detective del mondo, ovvero Sherlock Holmes, l’Escape Hunt di Parigi offre due scenari in stile vittoriano che rievocano un’atmosfera di tempi ormai andati. Puoi scegliere se inseguire un borseggiatore inafferrabile in un intricato dedalo di strade sotterranee o cercare invece di rintracciare Louise, una ballerina famosa che è scomparsa poco prima di uno spettacolo cruciale per la sua carriera. In entrambi gli scenari si hanno a disposizione sessanta minuti per risolvere il caso. Le camere sono molto dettagliate e decorate con numerosi soprammobili e oggetti di scena per farti sentire davvero un po’ come se fossi Sherlock Holmes.

Roomscape

roomescape stockholm 8

La Roomscape di Stoccolma è una delle escape room più grandi esistenti. L’esperienza si compone di sette narrazioni separate, ciascuna con il suo tema distinto, puzzle ed enigmi originali. Che tu stia salvando il mondo da un’apocalisse zombie, fuggendo da una prigione di massima sicurezza, faticando per preservare l’ultima invenzione di Tesla o combattendo un terrificante scontro con il Killer dello Zodiaco, il tempo è sempre lo stesso: sessanta minuti. C’è uno scenario per ogni gusto, ma nulla impedisce di tentarli tutti e sette di fila.

Continua a leggere

CineBizarre

Vola su Hogwarts con Hagrid: scopri la nuova attrazione degli Universal Studios di Orlando

Pubblicato

:

Hagrid's Magical Creatures Motorbike Adventure

Universal Orlando ha annunciato che sta per aggiungere una nuova attrazione come parte del suo coinvolgente mondo di The Wizarding World of Harry Potter. Vital Thrills riporta infatti è in arrivo Hagrid’s Magical Creatures Motorbike Adventure che sarà disponibile a partire dal 13 giugno 2019.

Questo nuovissimo gioco consente di unirsi all’amabile gigante buono Hagrid per volare nel parco oltre il castello di Hogwarts in un incredibile giro sulle montagne russe che si tuffa nei sentieri di alcune delle creature magiche più rare di Hogwarts. The Wizarding World of Harry Potter è stato inaugurato nel 2010 con Hogsmeade, che segna il momento in cui Universal Orlando Resort ha portato alla vita per la prima volta la meraviglia e l’avventura di Harry Potter. L’espansione del fenomeno globale è proseguita nel 2014 con il lancio di The Wizarding World di Harry Potter – Diagon Alley negli Universal Studios Florida, che ha permesso agli ospiti di vivere momenti ancora più straordinari dal mondo in continua espansione di magia e burrobirra di Harry Potter.

Come bonus aggiuntivo, l’Express di Hogwarts collega entrambe le attrazioni, offrendo agli ospiti l’opportunità di salire sul treno iconico e rivivere il viaggio indimenticabile di Harry. In tal modo Universal Orlando ha creato la prima esperienza multi-parco a livello centrale al mondo.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Novembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Dicembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X