Connect with us
Marigold Hotel

Non categorizzato

Marigold Hotel, recensione

Published

on

the_best_exotic_marigold_hotel_4

In un’India dipinta con i colori, i suoni e le contraddizioni percepite dall’occhio di chi la scopre per la prima volta, si ritrovano sei attempati personaggi alle prese con una vacanza alquanto rocambolesca e assolutamente inaspettata. E’ questa la chiave di lettura attraverso la quale viene narrata dal regista John Madden e dal suo sceneggiatore Ol Parker, la storia interamente ispirata al romanzo di Deborah Moggach These Foolish Things. Marigold Hotel, in uscita nei cinema italiani venerdì 30 Marzo, svela fin dai primi minuti quella che è la sua più curiosa, e probabilmente unica novità : fare di un gruppo di ultrasessantenni, una categoria di personaggi spesso posta al margine della narrazione cinematografica, i protagonisti assoluti di un film dai toni freschi e dal ritmo frenetico. Il film scorre infatti nel complesso veloce, accompagnato da una colonna sonora che fondendo insieme lo stile moderno della musica pop europa e quello tradizionale della musica indiana dà ampio ritmo alle lunghe sequenze d’immagini che mostrano un paesaggio umano profondamente stereotipato e in minima parte volutamente banalizzato dallo sguardo di un gruppo di “giovinastri” occidentali alle prime armi, almeno con il subcontinente indiano!

I colori, i suoni, i sapori forti, la grande densità e ricchezza umana dell’India vengono descritti dalla voce sbalordita della narratrice, una straordinaria Judi Dench, motore trainante del film, che racconta tutti quei particolari volutamente nascosti all’occhio della cinepresa. A questo si lega l’immagine più classica e raccontata del mondo asiatico, quella delle contraddizioni sociali, delle caste e della corsa alla modernizzazione; sullo sfondo di una Jaipur confusionaria e rumorosa, si stagliano due realtà che racchiudono in sè l’immagine di un’India moderna. Un call-center pieno di giovani laureati, il cui accesso pare paradossalmente visto come un privilegio e il Marigold Hotel che rappresenta attraverso il suo manager Sonny, interpretato dall’attore bollywoodiano Dev Patel e che ricalca negli umori, nei sentimenti e nella tenacia il personaggio che ha consacrato il suo successo nel film vincitore di otto statuette, The Millionaire, una generazione giovane che cerca di rifiutare gli aspetti più costrittivi della tradizione culturale a cui appartiene, come ad esempio il matrimonio combinato, senza però abbandonare il profondo amore per la propria terra. Al contrario dei suoi fratelli che hanno deciso di recarsi in Occidente per studiare e costruirsi una carriera decisamente redditizia, Sonny decide di seguire le orme visionarie del padre, prendendo in gestione il vecchio palazzo da lui lasciatogli come sua unica eredità. Il giovane decide così di trasformalo in un hotel indirizzato ad una tipologia di clienti assolutamente particolare; il Marigold Hotel si presenta infatti, nella sua patinata e falsata brochure, come un luogo immerso in un paesaggio mozzafiato, in un palazzo regale e realizzato per accogliere chi si avvia inesorabilmente alla vecchiaia. Peccato però che del fasto illustrato dal depliant sia rimasto soltanto il paesaggio e della regalità del palazzo soltanto la polvere. Abbindolati dai toni e dalle immagini della pubblicità, i sei protagonisti si trovano così catapultati in una realtà completamente diversa da quella che avevano sognato.

Evelyn ( Judi Dench ) e Grahm, interpretato da Tom Wilkinson già attore per Madden ne Il Debito, sono gli unici due personaggi che,superando l’ostacolo delle difficoltà iniziali, riescono ad immergersi totalmente nella dimensione di quel mondo tanto diverso e lontano da quello da cui provengono. Evelyn rimasta vedova e schiacciata dai debiti contratti dal marito, trova a Jaipur il suo riscatto e la sua indipendenza, ottenendo un lavoro come consulente culturale in un call-center. Grahm invece, ritiratosi dalla Corte Suprema dove aveva lavorato in veste di giudice per oltre quarant’anni, ritorna a ripercorrere i passi della giovinezza vissuta in India, mettendosi sulle tracce di un amore mai dimenticato. Più restia ad ogni forma di contatto con il mondo che circonda l’Hotel in cui si sente reclusa è il personaggio di Mauriel, un’anziana domestica inglese dalle forti ristrettezze morali e da un accennato razzismo che si ritrova in India per sottoporsi da una semplice operazione. Bloccata da una sedia a rotelle e dal suo profondo cinismo, il personaggio interpretato da Maggie Smith, si ritrova tuttavia a superare gran parte delle sue durezze grazie al contatto con una giovane donna intoccabile;tra le due s’instaura un rapporto profondamente umano, fatto di sguardi e di parole incomprensibili. Accanto a lei nel rifuggire ogni contatto con la realtà esterna c’è  Jean (Penelope Wilton) accompagnata da suo marito Douglas, il Bill Nighy di I Love Radio Rock , un uomo gentile e bonario in profonda crisi con sua moglie. A chiudere la sfilza di personaggi che si raccontano attraverso il film ci sono Carol e il simpatico Norman. Tra speedate e incontri occasionali, i due cercano di scacciare il peso opprimente della vecchiaia rincorrendo l’occasione di sentirsi amati e desiderati per un’ultima volta. Nelle due ore, forse eccessive, che accompagnano la narrazione  sono tanti i temi ad essere toccati, in alcuni casi in maniera un po’ grossolana e ovvia, ma sempre con un tono ridanciano mai forzato che rende il film piacevole anche ad un pubblico di più giovani.

 

TRAILER ITALIANO

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Speciali

Diane Keaton | la carismatica “donna coi guanti” compie 75 anni

Published

on

Diane Keaton

«Penso che, se Huckleberry Finn fosse stato una bella ragazza, sarebbe stato così. Una ragazza che sembra doversi scusare perché sta al mondo, una provincialotta che viene dalla California, amante dei mercati delle pulci e dei sandwich al tonno; una ragazza che è emigrata a Manhattan, dove lavora come guardarobiera, dopo essere stata licenziata dal chiosco dei dolciumi di un cinema di Orange County per essersi mangiata tutte le caramelle. Ci sono personalità che illuminano una stanza. La sua illuminava un viale». 

Con queste bellissime parole Woody Allen descrive la sua amica Diane Keaton, che oggi compie 75 anni. Il capolavoro Io e Annie valse all’attrice il successo agli Oscar 1978 e la vittoria di un Golden Globe e del Premio BAFTA. Dopodiché, Keaton si dedicò a lavori che le permettessero di non essere più identificata dal pubblico solo ed esclusivamente come la protagonista dei film di Allen. Si affermò come esperta attrice drammatica recitando nella pellicola In cerca di Mr. Goodbar del 1977 e si guadagnò altre tre candidature all’Oscar come miglior attrice per le sue interpretazioni in Reds, ne La stanza di Marvin e in Tutto può succedere – Something’s Gotta Give. I film a cui la Keaton ha preso parte hanno guadagnato oltre 1.1 miliardi di dollari solo nell’America del Nord.

È stata spesso soprannominata “The Glove One” per la sua mania di indossare guanti.

Diane Keaton compie 75 anni

Innamorati, complici, amici per la pelle. Il sentimento che lega da 50 anni Woody Allen e Diane Keaton è stato qualcosa di terribilmente nevrotico, ovviamente, ma anche di dolce e commovente. Prima fidanzati, poi coppia anche sul set in film capolavoro degli anni 70 e infine quasi fratello e sorella, sempre pronti a sostenersi e a difendersi reciprocamente. Specialmente Diane, che negli ultimi anni di bufera Me too contro il regista, ha sempre difeso a spada tratta il suo Woody, fregandosene delle critiche di chi era smanioso di crocifiggerlo per vecchia una accusa di molestie ai danni della figlia adottiva Dylan (su cui diversi giudici si sono già espressi).

Un fuoco incrociato che ha visto scatenarsi anche l’ex moglie Mia Farrow – e l’unico figlio biologico Ronan. Dal canto suo, Woody – nella sua recente autobiografia A proposito di niente – ha parlato bene delle sue ex soltanto in un caso: quello appunto di Diane. È lei la fotografa del meraviglioso ritratto sulla quarta di copertina dell’edizione americana della nuova, contrastatissima biografia di Allen, quella che è infine stata pubblicata da Arcade, dopo che il gruppo Hachette aveva mandato le copie già stampate al macero e rotto il contratto con Allen giacché sgradite all’uomo più potente da quelle parti: Ronan, appunto.

thumbnail io e annie

L’Oscar nel 1978

«Anche se ci eravamo lasciati due anni prima di girare Io e Annie, ero ancora la complice di Woody. Non so spiegare perché continuassimo a funzionare. Forse, come un vecchio divano, eravamo comodi l’uno per l’altra», scrive Diane nella sua autobiografia, Oggi come allora, a proposito del post separazione che ha generato però forse il capolavoro di Woody: l’indimenticabile Io e Annie. Mescolando Ingmar Bergman e i fratelli Marx, il comico analizza la fine della relazione con Diane fra riflessioni filosofiche e una marea di gag irresistibili – entrate di diritto nella storia del cinema. Dalla scena della coda fuori dal cinema a quella del primo incontro fra Alvy e Annie – dove i pensieri dei due sono sottotitolati, il film segna il passaggio dalla comicità anarchica dei primi film all’Allen più riflessivo degli anni 80. Mentre per Diane è la definitiva consacrazione, sigillata da un Oscar come miglior attrice, nel 1978.

diane
diane

La difesa del suo amico di sempre

Per Allen un’ancora di salvezza, vera, quando nel 1993 è nella bufera sentimentale e mediatica e giudiziaria: quando le porte del cinema per lui sono chiuse, sbarrate, Diane è lì, con lui, accanto a lui, dalla sua parte e non solo a parole, è lì con Allen sul set, a metterci in gioco tutto, faccia, nome, carriera, reputazione. Con Allen nei pasticci, ingiuriato, additato, Diane non ci pensa un attimo e corre a recitare con lui Misterioso omicidio a Manhattan. Dice Diane Keaton: “Woody è l’uomo più forte che conosco, è fatto di acciaio”, e certo non è quel fifone pasticcione che vedi sullo schermo, quello è il suo personaggio, ché Allen non è un attore, è uno che sa solo recitare l’alter ego che si è costruito. E infatti non c’è film di Allen in cui il suo personaggio sia qualcuno che non abbia a che fare col mondo delle lettere: Allen sullo schermo è ad esempio uno scrittore (Harry a pezzi), un professore (Mariti e mogli), un editor (Misterioso omicidio a Manhattan), un autore televisivo (Manhattan). Allen non sa interpretare persone che non conosce, non sa, non frequenta, non legge di cosa e come vivono. Ha deviato poche volte (in Scoop è un mago, sua ambizione da bambino, in La maledizione dello scorpione di giada è un investigatore anni ’40, ok, ma tu cosa non faresti pur di baciare Charlize Theron?).

Continue Reading

Cinema

Spider-Man 3 | cosa potrebbe accadere tra Doctor Strange e Peter Parker?

Published

on

doctorspider newscinema compressed

Nel corso degli anni, gli spettatori hanno imparato a conoscere e ad amare molti personaggi Marvel. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che il genere cinematografico dei supereroi ha quasi completamente conquistato i cinema di tutto il mondo con il dominio della Marvel ai botteghini. Tuttavia, gran parte di ciò va al merito di un eroe che tutti amano, che era sul grande schermo anche prima di Iron Man, sto parlando del mitico Spider-Man di quartiere.

I tanti volti di Spider Man

A causa delle diverse sequenze di fumetti e apparizioni di Spider-Man avvenute dal 1962, anno della sua prima pubblicazione, ci sono stati diversi crossover con altri personaggi nella sua storia. Spidey è anche un eroe in particolare che i fan hanno imparato a conoscere diverse volte sullo schermo nel corso degli anni, attraverso i punti di vista e interpretazioni dei diversi attori, registi e studios.

Per questo motivo, Spider-Man ha avuto anche molte facce nel corso degli anni, con interpretati del calibro di Tobey Maguire, Andrew Garfield e Tom Holland. E proprio lui, vestirà nuovamente la tutina rossa e blu de L’Uomo Ragno nel film Spider-Man 3 per ora ancora senza titolo ma previsto nei cinema a dicembre 2021.

Leggi anche: Doctor Strange si unisce a Spider-Man nel terzo capitolo del franchise

spideypic newscinema compressed

Che cosa accadrà in Spider Man 3?

L’ultimo film con Peter Parker incastrato per omicidio e denunciato come Spider-Man ha fatto pensare ai fan che sicuramente ci saranno diversi nemici sul suo cammino. È stato persino rivelato che Jamie Foxx riprenderà il suo ruolo di Electro per Spider-Man 3 , personaggio che aveva avuto modo di interpretare solo una volta prima nel 2014.

Tuttavia, contrariamente alle precedenti aspettative dei fan, notizie più recenti hanno rivelato che Spidey non sarà l’unico eroe ad apparire nel suo terzo film. Da qualche giorno è stato confermato che l’attore Benedict Cumberbatch riprenderà il suo ruolo di Doctor Strange dell’MCU anche in Spider-Man 3 .

Non appena la notizia ha fatto il giro del web, i fan hanno iniziato a collegare i punti tra i franchise dei due eroi e cosa potrebbe accadere nell’attesissimo trequel e persino per l’MCU tutti insieme.

C’è un’idea in particolare che i fan hanno delirato per anni, e con ogni piccola notizia di Spider-Man 3 che arriva come una bomba, sembra essere sempre più probabile che accada: Spider-Man 3 sarà caratterizzato da un live-action Spider-Verse ( inteso come Multiverso).

Leggi anche: Spider-Man: Far From Home è il film Marvel più vicino alla concezione del cinema Pixar

spiderattori newscinema compressed

Le origini cinematografiche dell’Uomo Ragno

Dal 2002 al 2007 il mondo ha imparato a concepire Peter Parker solo con le sembianze dell’attore Tobey Maguire. Poi, nel 2012, il testimone è passato ad Andrew Garfield diventando lo Spider-Man firmato Sony per cercare di riavviare il franchise. Idea abbandonata dopo poco tempo a causa di alcuni problemi in fase di produzione. Cambiamento che ha visto la Sony cedere i suoi diritti su Spider-Man a favore della Marvel Studios, in modo tale da poterlo utilizzare nel loro Marvel Cinematic Universe. Lì, Tom Holland avrebbe interpretato il ruolo di Peter Parker, apparendo al fianco degli Avengers in Captain America: Civil War del 2016 .

Dopo un paio di film indipendenti e un paio di apparizioni in Avengers 3  e 4 , combinate con la performance (promossa dai fan) di Tom Holland, Marvel Studios e Sony hanno deciso di continuare questa partnership. Inoltre, la Sony ha in programma di espandere ulteriormente il suo “Universo dei personaggi Marvel della Sony Pictures” con i suoi prossimi film su Morbius  e Venom. Questo aspetto potrebbe coinvolgere in qualche modo, anche la versione di Holland ne panni di Parker.

A causa di Far From Home, finito con uno dei più grandi cliffhanger di tutti i tempi, è lecito ritenere che non ci vorrà molto prima che il mondo sappia che dietro l’identità di Peter Parker si cela Spider Man. Iniziando a essere considerato come un assassino dai governi mondiali e da chiunque voglia farlo fuori.

Continue Reading

Non categorizzato

TFF38 | A better you e Operation Jane Walk, due corti imperdibili

Published

on

operation jane walk newscinema

Tra le variegate e interessanti proposte offerte dal Torino Film Festival in quest’anno così particolare, ci sono un paio di titoli a dir poco sorprendenti: A better you e Operation Jane Walk. Il fatto che siano entrambi cortometraggi dovrebbe far riflettere sulla qualità della kermesse piemontese, attenta a selezionare esclusivamente prodotti di grande valore. Ma passiamo a parlare nel dettaglio dei suddetti corti…

TFF38 | A better you di Eamonn Murphy

A better you del dublinese Eamonn Murphy è la storia di Douglas, un timido impiegato che ha una cotta per una collega ma non sa come farsi avanti. L’occasione si presenta nel momento in cui riceve due biglietti per una serata di gala e decide di invitarla. Ma la sua timidezza non gli permetterebbe mai di affrontare l’appuntamento da solo, per cui ordina una sua copia esatta e la addestra affinché conquisti la ragazza.

a better you newscinema
Sean T. O Meallaigh in una scena di A better you

Presentato nella sezione in concorso Torino 38 Corti, A better you fa pensare tanto a Black mirror, del quale riprende le suggestioni e il mood, per raccontare una storia d’amore tra le più romantiche.

Leggi anche: TFF 38 | Gunda, parabola animalista tra poesia e realismo

L’ambientazione possiede tutte le caratteristiche di un futuro distopico, popolato da esseri umani più o meno simili a noi, alle prese con elementi tecnologici innovativi ma non necessariamente d’aiuto. Altro titolo a cui immediatamente ci si collega durante la visione è il romanzo di George Orwell 1984, ma sono davvero tanti i riferimenti per un’opera simile. La particolarità e l’indiscutibile valore stanno però nel saper concentrare in 15 minuti un racconto compiuto, emozionante, adorabile.

Se si potesse tradurre in letteratura, A better you sarebbe come una poesia, breve ma indelebile.

Douglas è un uomo semplice, sensibile, spesso vittima degli scherzi dei suoi colleghi. L’atto di coraggio finale lo spingerà a uscire dal guscio e chissà cosa si troverà davanti, quali sorprese la vita saprà riservargli. Tutta la parte in cui il protagonista lavora al suo “clone” è incredibilmente divertente, sebbene una leggera malinconia pervada l’intera narrazione.

TFF38 | Operation Jane Walk

Passiamo invece a un genere alquanto differente, sebbene altrettanto d’effetto. Presentato nella sezione TFFDOC/Paesaggio, Operation Jane Walk di Robin Klengel e Leonhard Müllner è una performance live-action.

Come se fosse un giocatore in prima persona, lo spettatore viene condotto all’interno dell’universo di The Division, videogame “sparatutto” creato da Tom Clancy. Ma attenzione, oltre ogni aspettativa, non c’è violenza alcuna, almeno non ricercata. Lo scopo dei gamer è quello di esplorare pacificamente una New York post-apocalittica, con la sua architettura simbolica e testimone dei tempi passati.

operation jane walk 2 newscinema compressed
Una scena di Operation Jane Walk

L’idea alla base da sola vale l’appellativo di capolavoro. Se non bastasse, dopo i primi 30 secondi si ha la reale percezione del lavoro dietro la progettazione. Man mano che ci si addentra ecco spuntare all’orizzonte, tra la foschia e il buio della notte, i vari edifici che hanno segnato un’epoca e un mondo.

Il nome di Le Corbusier ricorre spesso a indicare quanto la sua presenza sia stata determinante dagli anni del secondo dopoguerra in poi. L’architetto, definito rivoluzionario, aveva intenzione di radere al suolo New York e ricostruirla secondo i suoi piani. Cosa che in qualche modo fece, almeno sino a quando Oscar Niemeyer gli soffiò l’incarico del palazzo delle Nazioni Unite, aprendo la via a uno stile minimalista in vetro.

Nel frattempo si era svolto anche lo scontro tra le idee di Robert Moses, che voleva delimitare Manatthan con i viali e trasformò la Grande Mela nella città delle auto, e Jane Jacobs, che mise in dubbio i suddetti progetti. Infine viene citato Walter Gropius, al quale si deve l’edificio della Pan Am, massima espressione del capitalismo

Leggi anche: TFF38 | Lucky sul tema della paura e della violenza contro le donne

Dall’espansione urbanistica alla rete fognaria (tra le più grandi al mondo), dai brownstones agli stoops, sino ad arrivare alla Trump Tower, New York è uno spettacolo a tutti gli effetti, e in tutte le tinte. Impossibile non volerle rendere omaggio, e che omaggio!

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari