Connettiti a NewsCinema!

Netflix

Netflix, 6 verità non dette sulla piattaforma streaming

Pubblicato

:

Netflix è il servizio di streaming più popolare al mondo con circa 70 milioni di abbonati. Di seguito troverete alcuni fatti poco conosciuti e miti sfatati su questa famosa piattaforma di streaming di cui siamo quasi tutti schiavi.

La vera ragione per cui Blockbuster non compra Netflix

Nel 2000 la società ha offerto a Blockbuster la possibilità di acquistare il business allora nascente per 50 milioni di dollari e questo hanno rifiutato. Numerosi siti riportano questo come uno dei più grandi errori di business di tutti i tempi. Dopo tutto, oggi Netflix vale dieci volte quello che Blockbuster era al suo apice. Tuttavia nel 2000 Netflix non valeva ancora 50 milioni.

La mitica storia delle origini di Netflix

Il fondatore di Netflix, Reed Hastings, ha raccontato decine di volte la storia dell’inizio della sua attività con diversi dettagli, ma un fatto che sembra ricorrente è che lui stava apparentemente cercando di restituire una copia del dvd di Apollo 13 a Blockbuster quando ha avuto l’idea. Hastings fondamentalmente racconta spesso questo episodio perché non ha voglia di raccontare la lunga e complicata storia di come la società è stata in realtà fondata. Inoltre minimizza l’ingresso del co-fondatore di Netflix, Marc Randolph, come se l’idea fosse soprattutto sua.

Il sito ha un bel paio di “micro-generi”

Come ci si aspetterebbe per una società con migliaia di film nei propri archivi, Netflix cataloga meticolosamente ogni film nella sua biblioteca. L’ algoritmo proprietario di Netflix ordina i film sulla base di tutto, dalle ambientazioni storiche a se contiene o meno i vampiri, permettendo loro di soddisfare i gusti quasi ridicolmente specifici. Nel 2014 uno statistico curioso ha lavorato sul codice di Netflix e ha trovato che il sito ha oltre 75.000 differenti “micro-generi” che utilizza per catalogare film e programmi (76.897 per essere più precisi). Questi generi sono in gran parte nascosti all’utente, e la maggior parte delle persone a malapena vede anche solo una frazione di essi durante la navigazione.

Netflix registra tutto quello che fai

Qual è la cosa più importante che Netflix possiede? Forse le licenze ai numerosi film? O forse i diritti di programmazione originale? In realtà sono i dati prodotti da parte degli abbonati durante la visione. Insieme con la raccolta di dati di base da parte degli abbonati (ad esempio, gli spettacoli che guardano, a che ora, e per quanto tempo), Netflix individua quando si mette in pausa, quando si riavvolge il video, o si smette di guardare qualcosa nel tentativo di capire perché. Questi dati di per sé non sono poi così utile, ma quando si fanno i riferimenti incrociati con le informazioni geografiche di base e gli stessi dati prodotti dagli altri 70 milioni di abbonati Netflix, può essere usato per produrre i grafici completi che specificano esattamente che cosa guarda la gente. Netflix mantiene purtroppo questi dati per se, in modo da non lo sapremo mai quante persone smettono di guardare i film con Adam Sandler. Quindi i dati sono uno strumento prezioso per Netflix anche quando produce contenuti originali, che permette al servizio di prevedere con sicurezza esattamente quante persone guardano un particolare programma originale per impostare così un bilancio adeguato.

Interessante politica aziendale

Netflix è sorprendentemente hands-off quando si tratta di gestione dei suoi dipendenti, che è abbastanza inusuale per una società onnipresente, e supporti monolitici dal valore di miliardi di dollari. Infatti i lavoratori a tempo pieno nella sede principale di Netflix hanno fondamentalmente il permesso di scegliere il proprio orario secondo le politiche aziendali. Se ci si vuole assentare per più di 30 giorni di fila, tutto ciò che serve è l’ok da un manager. Il ragionamento dietro questo è che se assumono dipendenti bravi e li trattano come adulti, possono avere fiducia che prenderanno le decisioni giuste. Questa filosofia è ben riassunta dalla politica di Netflix, che va ad “agire nel migliore interesse di Netflix.”

A Netflix non importa se condividi il tuo account con altre persone

Secondo alcuni studi Netflix perde fino a mezzo miliardo di dollari ogni anno semplicemente come risultato di clienti che condividono i loro account con amici e familiari. Ma Netflix non sembra dare particolare peso a questo fatto. Per Netflix non c’è nessuna delle loro regole sell’account di accesso che vieta la condivisione da parte del titolare con altre persone. Più di recente l’azienda ha incoraggiato attivamente gli utenti a condividere l’accesso a un account, offrendo pacchetti di abbonamento che consentono a più utenti di guardare contemporaneamente qualcosa su più dispositivi.

Fonte: Looper

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Highwaymen – L’Ultima imboscata, il trailer del film Netflix con Kevin Costner

Pubblicato

:

highwaymen

A partire dal 29 Marzo sarà disponibile su Netflix il film Highwaymen – L’Ultima imboscata con Woody Harrelson e Kevin Costner nei panni dei due protagonisti principali, per la regia di John Lee Hancock. Potete vedere il trailer nel player qui sopra.

I fuorilegge fanno notizia. I poliziotti fanno la storia. Highwaymen – L’Ultima Imboscata la storia mai raccontata dei detective leggendari che hanno fermato definitivamente Bonnie e Clyde. Quando l’intero FBI e le ultime tecnologie forensi non sono sufficienti per catturare i criminali più noti della nazione, due ex-Texas Rangers devono fare affidamento sul loro istinto e sulle loro abilità per portare a termine la missione.

Continua a leggere

Cinema

Resident Evil, una serie tv in arrivo su Netflix

Pubblicato

:

resident evil

Deadline riporta che il franchise horror Resident Evil sta trattando con Netflix per diventare una nuova serie tv. Constantin Film, lo studio che ha prodotto la serie di film con protagonista Milla Jovovich, basata sulla serie di videogiochi Capcom, rimarrà coinvolto, ma ancora non è stato confermato uno showrunner.

Secondo le ultime notizie, il piano è di espandere l’universo cinematografico di Resident Evil con nuove storie ambientate nel mondo già conosciuto. Presumibilmente, la premessa di base rimarrà la stessa con un’ulteriore enfasi sull’esplorazione della Umbrella Corporation e “il nuovo ordine mondiale causato dall’epidemia del virus T”. La serie includerà anche lo stile d’azione e l’inclinazione della serie cinematografica.

La notizia arriva molto dopo che il regista / produttore James Wan si è ritirato dal produrre un reboot a Dicembre. L’ultimo capitolo dei film di Resident Evil, diretta da Paul W.S. Anderson e interpretato da sua moglie Milla Jovovich, ha guadagnato $ 26,8 milioni a livello nazionale. A livello internazionale, invece, Resident Evil: The Final Chapter ha incassato 285,4 milioni di dollari, con 160 milioni di dollari provenienti dalla Cina. Il sesto film da 40 milioni di dollari, distribuito da Screen Gems di Sony, ha incassato 312,2 milioni di dollari in tutto il mondo.

Basato sui videogiochi estremamente popolari di Capcom, i film di Resident Evil hanno guadagnato $ 1,2 miliardi in tutto il mondo fino ad oggi, rendendo la serie di film che ha incassato di più per essere basata su un videogioco.

Continua a leggere

Netflix

Bandersnatch, 10 riferimenti all’universo di Black Mirror

Pubblicato

:

1547545390 new blackmirror s5 bandersnatch 00416.0

Black Mirror: Bandersnatch si svolge in Inghilterra nel luglio 1984, dove un giovane programmatore di nome Stefan Butler, interpretato da Fionn Whitehead, sogna di adattare un libro in cui è possibile “scegliere la tua avventura“, chiamato Bandersnatch . Scritto dal famigerato scrittore tragico Jerome F. Davies, il giovane Stefan spera che la sua versione del videogioco sia rivoluzionaria. Dal momento che l’universo di Black Mirror è così vasto, ci sono una grande quantità di connessioni tra questo e Bandersnatch. Di seguito potete trovarne 10.

*Attenzione spoiler*

10. Videogiochi

Quando Stefan arriva allo studio Tuckersoft, si possono notare due riferimenti ai precedenti episodi “Metalhead” e “Nosedive“. Qui, sono stilizzati in giochi 8bit intitolati “Metl Hedd” e “Nohzdyve“. Il contenuto di quest’ultimo gioco non è realmente legato all’episodio, mentre il pezzettino di gameplay che vediamo in “Metl Hedd” sembra corrispondere direttamente agli eventi dell’episodio con cui condivide il titolo.

9. Saint Juniper

Durante il film, a seconda delle scelte fatte, Stefan visita diverse volte il dott. R. Haynes, al Saint Juniper. Il Saint Juniper è la versione inglese di San Junipero, l’episodio con lo stesso nome. Senza dimenticare che è il nome dell’ospedale in cui ha lavorato il curatore del “Museo Nero”.

tckr rolo haynes black mirror

8. Dr. R. Haynes

Il curatore del Museo Nero, dall’episodio dello stesso titolo, si chiama Rolo Haynes. È possibile che vi sia una connessione familiare tra i dipendenti che lavorano negli istituti del Saint Juniper nell’universo di Black Mirror? Ad aumentare questo sospetto ci pensa anche una prima versione dei sistemi TCKR coinvolti. Scusate ma TCKR Systems non vi ricorda la Tuckersoft?

7. Glifo dell’Orso Bianco

Il glifo diventato un’ossessione per l’autore di Bandersnatch, Jerome F.Davies, ha lo scopo di replicare la struttura di un diagramma di flusso e si riferisce alla scelta o alla sua illusione. Anche Stefan ne è ossessionato, studiando le foto della scena del crimine nel documentario su Davies. È anche visto come un graffito quando Stefan si trova a prendere l’autobus nelle prime fasi del film. Inoltre fa riferimento anche alle maschere indossate nell’episodio “Orso bianco“. Quando Bandersnatch arriva al momento in cui puoi scegliere di dire a Stefan del glifo, questo è stato stilizzato in un modo che lo rende identico al simbolo di “Orso bianco”.

6. Software BRB

Nel finale di Bandersnatch potrete notare un particolare, ossia una copertina di un giornale che fa riferimento a quattro altri episodi di Black Mirror . La trama principale, ovviamente, riguarda Stefan Butler che fa a pezzi il corpo di suo padre, ma nella sidebar ci sono tre frammenti che si riferiscono ad altri eventi nell’universo di Black Mirror. La prima recita: “Futuristica ‘love machine’ sviluppata dal software BRB. Gli sviluppatori sperano di connettere le persone con la loro corrispondenza perfetta. Per i nostri cuori solitari andare a pagina 20. Questa macchina dell’amore potrebbe essere l’app per appuntamenti che vediamo nell’episodio “Hang the DJ “, mentre il nome della società di software sembra fare riferimento all’episodio “Be Right Back”.

5. Flotta spaziale

Il secondo dettaglio sulla copertina del Sun è intitolato “Space Fleet“. La barra laterale riporta che “il tanto atteso terzo capitolo della Space Fleet è stato mandato in onda. Il famoso programma televisivo di fantascienza continua a conquistare gli spettatori. Recensione completa a pagina 12″. Space Fleet è il programma che ispira Robert Daly (Jesse Plemons) dall’episodio “USS Callister”. Più tardi, durante una diversa trama di Bandersnatch che salta avanti fino ai giorni nostri, il rapporto di UKN TV prende in giro anche una riunione della Flotta Spaziale agli Emmy.

hot shot black mirror

4. Hot Shot

L’ultimo frammento della barra laterale dei giornali riporta alla prima stagione per il suo easter egg. Il titolo è “15 Million Talent Team” e recita: “Il talent show  “Hot Shot”  inizia una nuova serie all’inizio del 1985. Se pensate di avere le carte in regola, leggete i dettagli”. I fan di Black Mirror sicuramente sapranno che non è un semplice talent show: è un riferimento a uno show televisivo nell’episodio “Fifteen Million Merits” che mette le persone l’una contro l’altra in una competizione canora.

3. Adi

Nella scena finale in cui Stefan viene mandato in prigione, vediamo un salto temporale fino ai giorni nostri. Sullo sfondo vediamo una tv sintonizzata su UKN News con diverse notizie che scorrono nella parte inferiore dello schermo. Il primo titolo recita “Granulare to Unveil Prototype Pollinator Drone.” Questo drone impollinatore diventerà in seguito l’ADI (o Automated Drone Insects) visto in “Hated In The Nation“.  Questa segnalazione è arrivata da alcuni fan davvero molto, molto attenti e soprattutto con una vista da aquila.

2. Politica

Nello stesso notiziario viene comunicato un aggiornamento su due politici menzionati in precedenza nella versione britannica di Black Mirror. Il primo è il titolo “L’ex premier Michael Callow vince Celebrity Bake-Off.” Visto per l’ultima volta in “The National Anthem“, Callow è stato costretto a compiere atti indecenti in diretta tv. Inoltre, come è scritto nella frase “Liam Monroe entra a Buckingham Palace”. Il signor Monroe è il candidato conservatore che ha vinto le elezioni supplenti in “The Waldo Moment“. Come potete vedere, sembra che si sia mosso verso il lato politico mentre Callow continua a fare apparizioni tv, si spera meno imbarazzanti.

1. Richiamo della memoria

L’ultimo ed ennesimo riferimento di Black Mirror recita “Dispositivo di richiamo della memoria rivoluzionario della polizia britannica”. Questo diventerà in seguito il Recaller, dall’episodio intitolato “Coccodrillo” che consentirebbe alle polizie e alle compagnie di assicurazione di accedere ai ricordi delle persone per verificare reclami o raccogliere prove.

Continua a leggere

Film in uscita

Febbraio, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Marzo

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X