Connect with us

Netflix

Netflix, 6 verità non dette sulla piattaforma streaming

Published

on

Netflix è il servizio di streaming più popolare al mondo con circa 70 milioni di abbonati. Di seguito troverete alcuni fatti poco conosciuti e miti sfatati su questa famosa piattaforma di streaming di cui siamo quasi tutti schiavi.

La vera ragione per cui Blockbuster non compra Netflix

Nel 2000 la società ha offerto a Blockbuster la possibilità di acquistare il business allora nascente per 50 milioni di dollari e questo hanno rifiutato. Numerosi siti riportano questo come uno dei più grandi errori di business di tutti i tempi. Dopo tutto, oggi Netflix vale dieci volte quello che Blockbuster era al suo apice. Tuttavia nel 2000 Netflix non valeva ancora 50 milioni.

La mitica storia delle origini di Netflix

Il fondatore di Netflix, Reed Hastings, ha raccontato decine di volte la storia dell’inizio della sua attività con diversi dettagli, ma un fatto che sembra ricorrente è che lui stava apparentemente cercando di restituire una copia del dvd di Apollo 13 a Blockbuster quando ha avuto l’idea. Hastings fondamentalmente racconta spesso questo episodio perché non ha voglia di raccontare la lunga e complicata storia di come la società è stata in realtà fondata. Inoltre minimizza l’ingresso del co-fondatore di Netflix, Marc Randolph, come se l’idea fosse soprattutto sua.

Il sito ha un bel paio di “micro-generi”

Come ci si aspetterebbe per una società con migliaia di film nei propri archivi, Netflix cataloga meticolosamente ogni film nella sua biblioteca. L’ algoritmo proprietario di Netflix ordina i film sulla base di tutto, dalle ambientazioni storiche a se contiene o meno i vampiri, permettendo loro di soddisfare i gusti quasi ridicolmente specifici. Nel 2014 uno statistico curioso ha lavorato sul codice di Netflix e ha trovato che il sito ha oltre 75.000 differenti “micro-generi” che utilizza per catalogare film e programmi (76.897 per essere più precisi). Questi generi sono in gran parte nascosti all’utente, e la maggior parte delle persone a malapena vede anche solo una frazione di essi durante la navigazione.

Netflix registra tutto quello che fai

Qual è la cosa più importante che Netflix possiede? Forse le licenze ai numerosi film? O forse i diritti di programmazione originale? In realtà sono i dati prodotti da parte degli abbonati durante la visione. Insieme con la raccolta di dati di base da parte degli abbonati (ad esempio, gli spettacoli che guardano, a che ora, e per quanto tempo), Netflix individua quando si mette in pausa, quando si riavvolge il video, o si smette di guardare qualcosa nel tentativo di capire perché. Questi dati di per sé non sono poi così utile, ma quando si fanno i riferimenti incrociati con le informazioni geografiche di base e gli stessi dati prodotti dagli altri 70 milioni di abbonati Netflix, può essere usato per produrre i grafici completi che specificano esattamente che cosa guarda la gente. Netflix mantiene purtroppo questi dati per se, in modo da non lo sapremo mai quante persone smettono di guardare i film con Adam Sandler. Quindi i dati sono uno strumento prezioso per Netflix anche quando produce contenuti originali, che permette al servizio di prevedere con sicurezza esattamente quante persone guardano un particolare programma originale per impostare così un bilancio adeguato.

Interessante politica aziendale

Netflix è sorprendentemente hands-off quando si tratta di gestione dei suoi dipendenti, che è abbastanza inusuale per una società onnipresente, e supporti monolitici dal valore di miliardi di dollari. Infatti i lavoratori a tempo pieno nella sede principale di Netflix hanno fondamentalmente il permesso di scegliere il proprio orario secondo le politiche aziendali. Se ci si vuole assentare per più di 30 giorni di fila, tutto ciò che serve è l’ok da un manager. Il ragionamento dietro questo è che se assumono dipendenti bravi e li trattano come adulti, possono avere fiducia che prenderanno le decisioni giuste. Questa filosofia è ben riassunta dalla politica di Netflix, che va ad “agire nel migliore interesse di Netflix.”

A Netflix non importa se condividi il tuo account con altre persone

Secondo alcuni studi Netflix perde fino a mezzo miliardo di dollari ogni anno semplicemente come risultato di clienti che condividono i loro account con amici e familiari. Ma Netflix non sembra dare particolare peso a questo fatto. Per Netflix non c’è nessuna delle loro regole sell’account di accesso che vieta la condivisione da parte del titolare con altre persone. Più di recente l’azienda ha incoraggiato attivamente gli utenti a condividere l’accesso a un account, offrendo pacchetti di abbonamento che consentono a più utenti di guardare contemporaneamente qualcosa su più dispositivi.

Fonte: Looper

 

Cinema

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose | il trailer del film di Sydney Sibilia

Published

on

lincredibile storia dellisola delle rose 1770862 00 44 12 00 265202020201026 6811 1dj28fv compressed

Dopo lo straordinario successo ottenuto con la trilogia Smetto Quando Voglio, il regista Sidney Sibilia è pronto a tornare nelle sale cinematografiche italiane. Se la situazione non dovesse migliorare, a causa della chiusura forzata imposta dal Governo dei cinema, il film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose sarà disponibile dal 9 dicembre sulla piattaforma streaming Netflix. Potete vedere il trailer del film, nella parte alta dell’articolo.

La sinossi ufficiale del film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

Primavera 1968. Nell’anno della contestazione studentesca, un giovane ingegnere, Giorgio Rosa (Elio Germano) con un grande sogno e un genio visionario decide di costruire un’isola al largo di Rimini, fuori dalle acque territoriali, e la proclama stato indipendente. Un’isola d’acciaio in cui la libertà individuale è il valore assoluto: non ci sono regole! 

In questa impresa impossibile Giorgio avrà al suo fianco un eterogeneo gruppo di complici: il suo migliore amico, un giovane imprenditore più propenso ai bagordi che all’azienda di papà, un misterioso naufrago in cerca di approdo, un animatore delle notti romagnole in cerca di una nuova vita e una ventenne romantica in cerca di lavoro. E poi Gabriella (Matilda de Angelis), la donna appassionata che Giorgio trascina nella sua ambiziosa avventura e nella sua vita.

L’Isola delle Rose attira ben presto l’interesse della stampa e soprattutto di frotte di ragazzi da mezzo mondo, trasformandosi in mito, in caso internazionale e in un quasi insormontabile problema politico per il Governo italiano che non può tollerare la fondazione di un nuovo Stato in acque così vicine.
Perché un’utopia che diventa realtà non può che avere conseguenze imprevedibili, al di là di ogni immaginazione. 

Leggi anche: Smetto quando Voglio – Reloaded, il primo teaser trailer

roseisland unit 03312rc20200929 6767 153ai0k compressed 1

Leggi anche: Questione di Karma, il trailer con Fabio De Luigi ed Elio Germano

Il cast

Tante eccellenze del cinema italiano hanno preso parte a questo film diretto dal regista salernitano Sidney Sibilia. Elio Germano nei panni di Giorgio Rosa; Matilda De Angelis nei panni di Gabriella, Leonardo Lidi come Maurizio Orlandini; Tom Wlaschiha nei panni di W.R. Neumann; Alberto Astorri come Pietro Bernardini; Violetta Zironi nelle vesti di Bianca. E ancora Jean Baptiste Tomà come François Cluzet, Fabrizio Bentivoglio nei panni di Franco Restivo e infine, Luca Zingaretti nel ruolo di Giovanni Leone.

Continue Reading

Netflix

The Midnight Sky | il nuovo film diretto e con George Clooney [TRAILER]

Published

on

themidnight1 newscinema

Ora che le sale cinematografiche sono state chiuse nuovamente, a causa del coronavirus, il pubblico italiano può ripiegare le proprie attenzioni sulle piattaforme streaming per la visione di film e serie tv. A tal proposito, a pochi giorni dalla chiusura di questo 2020 da dimenticare, il film The Midnight Sky diretto e interpretato da George Clooney sarà disponibile nel catalogo di Netflix.

La sinossi di The Midnight Sky

Questo racconto post-apocalittico segue Augustine (George Clooney), uno scienziato solitario nell’Artide che cerca di impedire a Sully (Felicity Jones) e ai suoi colleghi astronauti di rientrare sulla Terra, colpita da una misteriosa catastrofe globale. Clooney dirige l’adattamento dell’acclamato romanzo di Lily Brooks-Dalton La distanza tra le stelle. Lo interpreta a fianco di David Oyelowo, Kyle Chandler, Demián Bichir e Tiffany Boone.

Leggi anche: George Clooney, la produzione replica a Sgarbi: “Ha detto delle falsità”

themidnight2 newscinema

Leggi anche: George Clooney è la seconda celebrità più ricca al mondo: lo rivela “Forbes”

Il cast di The Midnight Sky

Il film diretto da George Clooney è stato scritto da Mark L. Smith e basato sul romanzo di Lily Brooks-Dalton. Prodotto da Grant Heslov, p.g.a., George Clooney, p.g.a., Keith Redmon, Bard
Dorros, Cliff Roberts
. Tra i produttori esecutivi sono Barbara A. Hall, Todd Shuster, Jennifer Gates, Greg Baxter. Insieme a George Clooney fanno parte del cast: Felicity Jones, David Oyelowo, Tiffany Boone, con Demián Bichir e Kyle Chandler, e per la prima volta sullo schermo Caoilinn Springall.

Continue Reading

Netflix

Elegia Americana | il trailer del film Netflix con Amy Adams e Glenn Close

Published

on

elegia americana newscinema compressed

Netflix a partire dal 24 novembre inserirà all’interno del catalogo un film drammatico basato sul best seller, n.1 del New York Times, scritto da J.D. Vance. Ad aver diretto questa storia, il premio Oscar Ron Howard, intitolando il film Elegia Americana. Come riportato anche nel comunicato stampa, viene descritto come “un potente ricordo personale che offre una finestra sul viaggio personale di sopravvivenza e trionfo di una famiglia.”

Il racconto di una storia attraverso tre generazioni mette in risalto tutte le loro battaglie affrontate nel corso degli anni con sacrifici e gioie. La storia della famiglia di J.D. esplora gli alti e bassi che definiscono l’essenza stessa della sua famiglia.

La sinossi ufficiale di Elegia Americana

J.D. Vance (Gabriel Basso), un ex marine del sud dell’Ohio e ora studente di giurisprudenza di Yale, è sul punto di ottenere il lavoro dei suoi sogni quando una crisi familiare lo costringe a tornare nella casa che ha cercato di dimenticare. J.D. deve affrontare le complesse dinamiche della sua famiglia natale negli Appalachi, incluso il suo instabile rapporto con la madre Bev (Amy Adams), che sta lottando con la dipendenza. Alimentato dai ricordi di sua nonna Mamaw (Glenn Close), la donna forte e intelligente che lo ha cresciuto, J.D. arriva ad abbracciare l’impronta indelebile della sua famiglia nel suo viaggio personale.

Leggi anche: Amy Adams sarà protagonista di una miniserie Netflix

elegia americana2 newscinema compressed

Leggi anche: The Wife – Vivere nell’ombra, la recensione del film con Glenn Close

Il cast del film

Il film diretto da Ron Howard vede la presenza di un cast d’eccezione composto da Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto, Bo Hopkins e Owen Asztalos. Basato sul libro di J.D. Vance è stato scritto da Vanessa Taylor e prodotto da Brian Grazer, Ron Howard, Karen Lunder e come produttori esecutivi Diana Pokorny, Julie Oh, William M. Connor e lo stesso scrittore J.D. Vance.


Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari