Connettiti a NewsCinema!

Festival

Oscar 2018, elenco completo delle nomination

Pubblicato

:

Oggi sono state annunciate le 90 nomination agli Oscar 2018 e potete leggere l’elenco completo qui sotto. Le 90 nomination all’Oscar in tutte le 24 categorie sono state annunciate in una presentazione live in due parti da Tiffany Haddish e Andy Serkis con ospiti speciali Priyanka Chopra, Rosario Dawson, Gal Gadot, Salma Hayek, Michelle Rodriguez, Zoe Saldana, Molly Shannon, Rebel Wilson e Michelle Yeoh.

La Notte degli Oscar 2018 si terrà domenica 4 marzo 2018 al Dolby Theatre presso l’Hollywood & Highland Centre di Hollywood, e sarà trasmessa in diretta televisiva su ABC Television Network. Gli Oscar saranno inoltre trasmessi in diretta televisiva in oltre 225 paesi e territori in tutto il mondo.

Attore Protagonista

TIMOTHÉE CHALAMET
Call Me by Your Name
DANIEL DAY-LEWIS
Phantom Thread
DANIEL KALUUYA
Get Out
GARY OLDMAN
Darkest Hour
DENZEL WASHINGTON
Roman J. Israel, Esq.

Attore non Protagonista

WILLEM DAFOE
The Florida Project
WOODY HARRELSON
Three Billboards outside Ebbing, Missouri
RICHARD JENKINS
The Shape of Water
CHRISTOPHER PLUMMER
All the Money in the World
SAM ROCKWELL
Three Billboards outside Ebbing, Missouri

Attrice Protagonista

SALLY HAWKINS
The Shape of Water
FRANCES MCDORMAND
Three Billboards outside Ebbing, Missouri
MARGOT ROBBIE
I, Tonya
SAOIRSE RONAN
Lady Bird
MERYL STREEP
The Post

Attrice non Protagonista

MARY J. BLIGE
Mudbound
ALLISON JANNEY
I, Tonya
LESLEY MANVILLE
Phantom Thread
LAURIE METCALF
Lady Bird
OCTAVIA SPENCER
The Shape of Water

Film d’ Animazione

THE BOSS BABY
Tom McGrath and Ramsey Naito
THE BREADWINNER
Nora Twomey and Anthony Leo
COCO
Lee Unkrich and Darla K. Anderson
FERDINAND
Carlos Saldanha
LOVING VINCENT
Dorota Kobiela, Hugh Welchman and Ivan Mactaggart

Fotografia

BLADE RUNNER 2049
Roger A. Deakins
DARKEST HOUR
Bruno Delbonnel
DUNKIRK
Hoyte van Hoytema
MUDBOUND
Rachel Morrison
THE SHAPE OF WATER
Dan Laustsen

Costumi

BEAUTY AND THE BEAST
Jacqueline Durran
DARKEST HOUR
Jacqueline Durran
PHANTOM THREAD
Mark Bridges
THE SHAPE OF WATER
Luis Sequeira
VICTORIA & ABDUL
Consolata Boyle

Regia

DUNKIRK
Christopher Nolan
GET OUT
Jordan Peele
LADY BIRD
Greta Gerwig
PHANTOM THREAD
Paul Thomas Anderson
THE SHAPE OF WATER
Guillermo del Toro

Documentario

ABACUS: SMALL ENOUGH TO JAIL
Steve James, Mark Mitten and Julie Goldman
FACES PLACES
Agnès Varda, JR and Rosalie Varda
ICARUS
Bryan Fogel and Dan Cogan
LAST MEN IN ALEPPO
Feras Fayyad, Kareem Abeed and Søren Steen Jespersen
STRONG ISLAND
Yance Ford and Joslyn Barnes

DOCUMENTARIO (SHORT SUBJECT)

EDITH+EDDIE
Laura Checkoway and Thomas Lee Wright
HEAVEN IS A TRAFFIC JAM ON THE 405
Frank Stiefel
HEROIN(E)
Elaine McMillion Sheldon and Kerrin Sheldon
KNIFE SKILLS
Thomas Lennon
TRAFFIC STOP
Kate Davis and David Heilbroner

Montaggio

BABY DRIVER
Paul Machliss and Jonathan Amos
DUNKIRK
Lee Smith
I, TONYA
Tatiana S. Riegel
THE SHAPE OF WATER
Sidney Wolinsky
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Jon Gregory

Film Straniero

A FANTASTIC WOMAN
Chile
THE INSULT
Lebanon
LOVELESS
Russia
ON BODY AND SOUL
Hungary
THE SQUARE
Sweden

MAKEUP AND HAIRSTYLING

DARKEST HOUR
Kazuhiro Tsuji, David Malinowski and Lucy Sibbick
VICTORIA & ABDUL
Daniel Phillips and Lou Sheppard
WONDER
Arjen Tuiten

MUSIC (ORIGINAL SCORE)

DUNKIRK
Hans Zimmer
PHANTOM THREAD
Jonny Greenwood
THE SHAPE OF WATER
Alexandre Desplat
STAR WARS: THE LAST JEDI
John Williams
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Carter Burwell

MUSIC (ORIGINAL SONG)

MIGHTY RIVER
from Mudbound; Music and Lyric by Mary J. Blige, Raphael Saadiq and Taura Stinson
MYSTERY OF LOVE
from Call Me by Your Name; Music and Lyric by Sufjan Stevens
REMEMBER ME
from Coco; Music and Lyric by Kristen Anderson-Lopez and Robert Lopez
STAND UP FOR SOMETHING
from Marshall; Music by Diane Warren; Lyric by Lonnie R. Lynn and Diane Warren
THIS IS ME
from The Greatest Showman; Music and Lyric by Benj Pasek and Justin Paul

Miglior Film

CALL ME BY YOUR NAME
Peter Spears, Luca Guadagnino, Emilie Georges and Marco Morabito, Producers
DARKEST HOUR
Tim Bevan, Eric Fellner, Lisa Bruce, Anthony McCarten and Douglas Urbanski, Producers
DUNKIRK
Emma Thomas and Christopher Nolan, Producers
GET OUT
Sean McKittrick, Jason Blum, Edward H. Hamm Jr. and Jordan Peele, Producers
LADY BIRD
Scott Rudin, Eli Bush and Evelyn O’Neill, Producers
PHANTOM THREAD
JoAnne Sellar, Paul Thomas Anderson, Megan Ellison and Daniel Lupi, Producers
THE POST
Amy Pascal, Steven Spielberg and Kristie Macosko Krieger, Producers
THE SHAPE OF WATER
Guillermo del Toro and J. Miles Dale, Producers
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Graham Broadbent, Pete Czernin and Martin McDonagh, Producers

PRODUCTION DESIGN

BEAUTY AND THE BEAST
Production Design: Sarah Greenwood; Set Decoration: Katie Spencer
BLADE RUNNER 2049
Production Design: Dennis Gassner; Set Decoration: Alessandra Querzola
DARKEST HOUR
Production Design: Sarah Greenwood; Set Decoration: Katie Spencer
DUNKIRK
Production Design: Nathan Crowley; Set Decoration: Gary Fettis
THE SHAPE OF WATER
Production Design: Paul Denham Austerberry; Set Decoration: Shane Vieau and Jeff Melvin

SHORT FILM (ANIMATED)

DEAR BASKETBALL
Glen Keane and Kobe Bryant
GARDEN PARTY
Victor Caire and Gabriel Grapperon
LOU
Dave Mullins and Dana Murray
NEGATIVE SPACE
Max Porter and Ru Kuwahata
REVOLTING RHYMES
Jakob Schuh and Jan Lachauer

SHORT FILM (LIVE ACTION)

DEKALB ELEMENTARY
Reed Van Dyk
THE ELEVEN O’CLOCK
Derin Seale and Josh Lawson
MY NEPHEW EMMETT
Kevin Wilson, Jr.
THE SILENT CHILD
Chris Overton and Rachel Shenton
WATU WOTE/ALL OF US
Katja Benrath and Tobias Rosen

Montaggio Sonoro

BABY DRIVER
Julian Slater
BLADE RUNNER 2049
Mark Mangini and Theo Green
DUNKIRK
Richard King and Alex Gibson
THE SHAPE OF WATER
Nathan Robitaille and Nelson Ferreira
STAR WARS: THE LAST JEDI
Matthew Wood and Ren Klyce

SOUND MIXING

BABY DRIVER
Julian Slater, Tim Cavagin and Mary H. Ellis
BLADE RUNNER 2049
Ron Bartlett, Doug Hemphill and Mac Ruth
DUNKIRK
Mark Weingarten, Gregg Landaker and Gary A. Rizzo
THE SHAPE OF WATER
Christian Cooke, Brad Zoern and Glen Gauthier
STAR WARS: THE LAST JEDI
David Parker, Michael Semanick, Ren Klyce and Stuart Wilson

VISUAL EFFECTS

BLADE RUNNER 2049
John Nelson, Gerd Nefzer, Paul Lambert and Richard R. Hoover
GUARDIANS OF THE GALAXY VOL. 2
Christopher Townsend, Guy Williams, Jonathan Fawkner and Dan Sudick
KONG: SKULL ISLAND
Stephen Rosenbaum, Jeff White, Scott Benza and Mike Meinardus
STAR WARS: THE LAST JEDI
Ben Morris, Mike Mulholland, Neal Scanlan and Chris Corbould
WAR FOR THE PLANET OF THE APES
Joe Letteri, Daniel Barrett, Dan Lemmon and Joel Whist

Sceneggiatura Non Originale

CALL ME BY YOUR NAME
Screenplay by James Ivory
THE DISASTER ARTIST
Screenplay by Scott Neustadter & Michael H. Weber
LOGAN
Screenplay by Scott Frank & James Mangold and Michael Green; Story by James Mangold
MOLLY’S GAME
Written for the screen by Aaron Sorkin
MUDBOUND
Screenplay by Virgil Williams and Dee Rees

Sceneggiatura

THE BIG SICK
Written by Emily V. Gordon & Kumail Nanjiani
GET OUT
Written by Jordan Peele
LADY BIRD
Written by Greta Gerwig
THE SHAPE OF WATER
Screenplay by Guillermo del Toro & Vanessa Taylor; Story by Guillermo del Toro
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Written by Martin McDonagh

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

TFF 37: un nuovo spazio tematico nella sezione TFFdoc

Pubblicato

:

torino film

Il 37° Torino Film Festival (22-30 novembre) annuncia un nuovo spazio tematico nella sezione TFFdoc dal titolo “L’unica cosa che ho è la bellezza del mondo”, composto da quattro documentari e dalla conversazione con lo scrittore e filosofo Franco “Bifo” Berardi.

Si tratta di un’ulteriore riflessione rispetto a quanto affrontato lo scorso anno nel focus TFFdoc/apocalisse: in questo periodo connotato dall’attesa della catastrofe e angosciato dall’ urgenza di evitarla, TFFdoc ha deciso di concedersi il tempo di fermarsi a contemplare ciò che abbiamo intorno, di godere del piacere dello stare nel mondo.

“L’esaurimento non concerne solo le risorse fisiche ma anche l’energia nervosa della popolazione il cui cervello tende all’ esplosione psicotica” (Franco “Bifo” Berardi, L’esaurimento, Nero Magazine, 2019); noi riteniamo che la bellezza, sottraendoci alla logica dell’accumulo, ci possa salvare.

Incontro con Franco “Bifo” Berardi 

Franco “Bifo” Berardi, l’autore di Dopo il futuro. Dal futurismo al cyberpunk (2013), Il secondo avvento. Astrazione apocalisse comunismo (2018), e Futurabilità (2019), terrà un incontro abbinato alla proiezione del documentario di Christian LabhartPassion – Beetwen Revolt and Resignation, con l’obiettivo di guidare lo spettatore e aiutarlo a orientarsi nella follia del mondo contemporaneo, travolto dal global warming, dal consumo eccessivo di merci, dalle continue guerre “locali” e dalle migrazioni senza sosta, che provocano le diseguaglianze globali.

bifo 700x430

Comme si, comm ça diretto da Marie-Claude Treilhou

Nel suo studio pieno di libri Michel Deguy, uno dei più grandi poeti viventi, continua senza tregua a lanciare sfide, a inventare un pensiero critico, a plasmare e trasformare il linguaggio. Adottando la stessa compostezza formale del poeta, il documentario si pone un obiettivo ambizioso: a partire da una conversazione frontale immergersi nel profondo della scrittura poetica, nel vivo del suo pensiero “ecopoeticologico”.

Time and Tide diretto da Marleen Van Der Werf

La quiete della natura. Il piacere dello stare nel mondo. La macchina da presa segue i movimenti del vento che accarezza un paesaggio che diviene emotivo.

Últimas Ondas diretto da Emmanuel Piton

Da qualche parte nel nord della Spagna. Un viaggio psicologico e geografico in quei luoghi che sono tornati selvaggi, un’elegia degli esseri che li hanno segnati con il loro passaggio. Un film di fantasmi che raccontano storie di un tempo che non c’è più.

L’ultimu sognu diretto da Lisa Reboulleau

Nel cuore della foresta corsa, nel centro dell’isola, una donna vaga di notte. Le sue partite di caccia sono oniriche e negli occhi delle bestie che uccide le viene rivelato il futuro funesto degli abitanti del suo villaggio. Lei è una mazzera.

Continua a leggere

Cinema

RomaFF14: Judy, una toccante Renée Zellweger è Judy Garland nel biopic di Rupert Goold

Pubblicato

:

judy recensione

A soli tredici anni Frances Ethel Gumm, poi in arte Judy Garland, viene messa sotto contratto dalla MGM e lanciata verso quella che dovrebbe essere una brillante carriera costellata di successi. E i successi arriveranno, in primis quel Mago di Oz che la condurrà attraverso il sentiero dorato e poi sotto i riflettori del successo, ma arriveranno di pari passo anche i tanti fallimenti e momenti bui, a connotare un’esistenza che finirà di brillare precocemente a soli 47 anni.

judy film

Rupert Goold, regista inglese specializzato in teatro, adatta per il grande schermo il dramma teatrale End of the Rainbow di Peter Quilter, e cuce addosso a un’ottima Renée Zellweger i panni “striminziti” di una stella del cinema hollywoodiano “nata in un baule, nelle quinte di un teatrino di provincia”, e schiacciata dalle regole e dai paradossi del suo stesso successo. Raccontando l’ultima tournee della diva nel night club londinese Talk of the Town, Goold tratteggia la stella, il talento, la voce luminosa, ma anche tutte le ansie, le dipendenze, le depressioni sperimentate a ciclo continuo dall’attrice statunitense. Nel mondo patinato dello spettacolo e sotto le luci di proscenio, Judy racconta i risvolti tragici della storia di una bambina cresciuta troppo in fretta, svezzata a regole ferree e pillole (per spezzare la fame, dormire, tranquillizzarsi – dipendenze poi mai del tutto abbandonate) divenuta una giovane diva osannata ma letteralmente sbranata dai propri demoni interiori e dalla sofferenza. Una sofferenza a cui nemmeno l’amore viscerale per i figli o per l’ultimo marito Micky Deans riuscirà a strapparla. 

Curiosità: Tutti i volti di Londra al cinema

Renée Zellweger si cala a pieno regime, con trasporto e partecipazione espressiva ed emotiva nella bravura così come nei tic e nel male di vivere della celebre interprete di Dorothy, e ne porta alla luce tutti i tratti salienti di quella profonda insicurezza e senso di smarrimento che ne sanciranno poi l’uscita di scena e la precoce scomparsa. Sempre più dipendente da alcol e pillole, meno affidabile e assicurabile, e dunque spendibile per il mercato del crudele e impietoso showbiz, la minuta Judy pagherà a proprie spese il conto di quel mondo luccicante che non ammette fragilità, tentennamenti, diversità, e che è pronto a darti il benservito tra uno spettacolo e l’altro.

Renee Zellweger Judy

Renee Zellweger in Judy

Goold dal canto suo dirige con sensibilità e trasporto, sfruttando l’alternanza di tempi storici che tra ’39 e ’69 sanciscono inizio e fine di questa vita drammatica, il dettaglio (la vita privata) e la panoramica (la vita pubblica) di un’eroina bella e fragile, avvolta dalle spire del successo e rimasta molto probabilmente impigliata in quella ricerca del sogno e di quel luogo magico, oltre l’arcobaleno, dove i sogni riescono in qualche modo anche a diventare realtà (senza che la realtà torni poi a spezzarli) “Somewhere over the rainbow Way up high And the dreams that you dream of Once in a lullaby”. 

Lo sapevi che: Il Mago di Oz diventa un film horror

Nell’adattamento per il grande schermo del dramma teatrale End of the Rainbow di Peter Quilter, Rupert Goold dirige un’ottima Renée Zellweger in Judy, che racconta l’ultima tournee di Judy Garland attraverso luci e ombre di un talento precocemente spezzato dalla malia controversa del successo. Un biopic onesto che ripercorre il sentiero di un’esistenza tragica senza insistere nel pietismo o nel sentimentalismo, ma cercando piuttosto di disegnare il complesso ritratto di bambina, e poi donna, nascosti dietro al volto inquieto della diva.

Continua a leggere

Cinema

RomaFF14: Honey Boy, l’infanzia traumatica di Shia LaBeouf

Pubblicato

:

honey boy recensione

Otis (interpretato dai bravi Noah Jupe nella versione bambina e Lucas Hedges in quella adulta) è un dodicenne prodigio, un talento indiscusso sui set, ma anche un Honey Boy (dolce bambino) come lo chiama il padre alcolista e tossicodipendente (interpretato da Shia LaBeouf) che gli fa da accompagno e “manager”. Padre e figlio vivono in un comprensorio popolare circondati da prostitute e gente che, proprio come loro, vive alla giornata e si ritrova sempre nello stesso cortile.

honey boy

Honey Boy

Divenuto adulto e alle prese con un’avviata carriera da stuntman ma una vita sempre più scombinata, Otis ripercorrerà mentalmente l’infanzia turbata e disturbante vissuta accanto a quel padre problematico e incapace di fare il genitore, e proiettata tutta nel sogno di sfondare mettendo a frutto il suo talento per riscattare quella vita ai margini e anche in qualche modo l’esistenza di quel padre sgregolato e “bambinesco” ma in fondo buono. Cresciuto troppo in fretta e costretto nel paradosso a fare da genitore al proprio padre (sostenendolo anche economicamente con il suo lavoro sul set) Otis è bambino di grande sensibilità e talento che incanalerà nella sua vita adulta tutte le intemperie e le fratture di quell’infanzia, caratterizzata dalla mancanza di punti di riferimento adulti e affidabili, e dalla mancanza di una famiglia unita e di amorevole supporto. 

Storia di formazione autobiografica scritta dallo stesso attore Shia LaBeouf durante un periodo di in clinica per disintossicarsi dall’alcol, Honey Boy è una dura storia di precoci talenti e infanzie spezzate che trova in Shia LaBeouf (estremamente in parte nei panni del padre) e nel piccolo Otis (sguardo a un tempo dolce e sveglio)  il giusto confronto emotivo per parlare in maniera toccante ma non retorica, coinvolgente ma non ricattatoria di famiglie disfunzionali e rapporti padre-figlio burrascosi. Una tematica già ampiamente affrontata nel cinema (più o meno indipendente) ma che nell’occhio dell’esordiente regista israelo-americana Alma Har’el (già autrice di video musicali e documentari) lo sguardo giusto e il giusto equilibrio tra partecipazione e oggettività per indagare il cuore di quelle mancanze che creano dipendenze, e di quei circoli esistenziali viziosi che più si originano precocemente e più sono – in assoluto – difficili da spezzare.

honey boy lucas hedges

Lucas Hedges nel film Honey Boy

Alma Har’el realizza un’opera intima e a suo modo toccante che parla di metabolizzazione del dolore, di imparare a lasciar andare il rancore, e di quel “seme che deve distruggersi per diventare fiore”. Un film piccolo ma onesto che ha tutte gli elementi del film indipendente di qualità e che poggia gran parte del suo carattere emotivo sull’interpretazione funzionale di Shia LaBeouf e del piccolo Noah Jupe.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Gennaio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Febbraio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X