Connect with us

Festival

Oscar 2018, elenco completo delle nomination

Published

on

Oggi sono state annunciate le 90 nomination agli Oscar 2018 e potete leggere l’elenco completo qui sotto. Le 90 nomination all’Oscar in tutte le 24 categorie sono state annunciate in una presentazione live in due parti da Tiffany Haddish e Andy Serkis con ospiti speciali Priyanka Chopra, Rosario Dawson, Gal Gadot, Salma Hayek, Michelle Rodriguez, Zoe Saldana, Molly Shannon, Rebel Wilson e Michelle Yeoh.

La Notte degli Oscar 2018 si terrà domenica 4 marzo 2018 al Dolby Theatre presso l’Hollywood & Highland Centre di Hollywood, e sarà trasmessa in diretta televisiva su ABC Television Network. Gli Oscar saranno inoltre trasmessi in diretta televisiva in oltre 225 paesi e territori in tutto il mondo.

Attore Protagonista

TIMOTHÉE CHALAMET
Call Me by Your Name
DANIEL DAY-LEWIS
Phantom Thread
DANIEL KALUUYA
Get Out
GARY OLDMAN
Darkest Hour
DENZEL WASHINGTON
Roman J. Israel, Esq.

Attore non Protagonista

WILLEM DAFOE
The Florida Project
WOODY HARRELSON
Three Billboards outside Ebbing, Missouri
RICHARD JENKINS
The Shape of Water
CHRISTOPHER PLUMMER
All the Money in the World
SAM ROCKWELL
Three Billboards outside Ebbing, Missouri

Attrice Protagonista

SALLY HAWKINS
The Shape of Water
FRANCES MCDORMAND
Three Billboards outside Ebbing, Missouri
MARGOT ROBBIE
I, Tonya
SAOIRSE RONAN
Lady Bird
MERYL STREEP
The Post

Attrice non Protagonista

MARY J. BLIGE
Mudbound
ALLISON JANNEY
I, Tonya
LESLEY MANVILLE
Phantom Thread
LAURIE METCALF
Lady Bird
OCTAVIA SPENCER
The Shape of Water

Film d’ Animazione

THE BOSS BABY
Tom McGrath and Ramsey Naito
THE BREADWINNER
Nora Twomey and Anthony Leo
COCO
Lee Unkrich and Darla K. Anderson
FERDINAND
Carlos Saldanha
LOVING VINCENT
Dorota Kobiela, Hugh Welchman and Ivan Mactaggart

Fotografia

BLADE RUNNER 2049
Roger A. Deakins
DARKEST HOUR
Bruno Delbonnel
DUNKIRK
Hoyte van Hoytema
MUDBOUND
Rachel Morrison
THE SHAPE OF WATER
Dan Laustsen

Costumi

BEAUTY AND THE BEAST
Jacqueline Durran
DARKEST HOUR
Jacqueline Durran
PHANTOM THREAD
Mark Bridges
THE SHAPE OF WATER
Luis Sequeira
VICTORIA & ABDUL
Consolata Boyle

Regia

DUNKIRK
Christopher Nolan
GET OUT
Jordan Peele
LADY BIRD
Greta Gerwig
PHANTOM THREAD
Paul Thomas Anderson
THE SHAPE OF WATER
Guillermo del Toro

Documentario

ABACUS: SMALL ENOUGH TO JAIL
Steve James, Mark Mitten and Julie Goldman
FACES PLACES
Agnès Varda, JR and Rosalie Varda
ICARUS
Bryan Fogel and Dan Cogan
LAST MEN IN ALEPPO
Feras Fayyad, Kareem Abeed and Søren Steen Jespersen
STRONG ISLAND
Yance Ford and Joslyn Barnes

DOCUMENTARIO (SHORT SUBJECT)

EDITH+EDDIE
Laura Checkoway and Thomas Lee Wright
HEAVEN IS A TRAFFIC JAM ON THE 405
Frank Stiefel
HEROIN(E)
Elaine McMillion Sheldon and Kerrin Sheldon
KNIFE SKILLS
Thomas Lennon
TRAFFIC STOP
Kate Davis and David Heilbroner

Montaggio

BABY DRIVER
Paul Machliss and Jonathan Amos
DUNKIRK
Lee Smith
I, TONYA
Tatiana S. Riegel
THE SHAPE OF WATER
Sidney Wolinsky
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Jon Gregory

Film Straniero

A FANTASTIC WOMAN
Chile
THE INSULT
Lebanon
LOVELESS
Russia
ON BODY AND SOUL
Hungary
THE SQUARE
Sweden

MAKEUP AND HAIRSTYLING

DARKEST HOUR
Kazuhiro Tsuji, David Malinowski and Lucy Sibbick
VICTORIA & ABDUL
Daniel Phillips and Lou Sheppard
WONDER
Arjen Tuiten

MUSIC (ORIGINAL SCORE)

DUNKIRK
Hans Zimmer
PHANTOM THREAD
Jonny Greenwood
THE SHAPE OF WATER
Alexandre Desplat
STAR WARS: THE LAST JEDI
John Williams
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Carter Burwell

MUSIC (ORIGINAL SONG)

MIGHTY RIVER
from Mudbound; Music and Lyric by Mary J. Blige, Raphael Saadiq and Taura Stinson
MYSTERY OF LOVE
from Call Me by Your Name; Music and Lyric by Sufjan Stevens
REMEMBER ME
from Coco; Music and Lyric by Kristen Anderson-Lopez and Robert Lopez
STAND UP FOR SOMETHING
from Marshall; Music by Diane Warren; Lyric by Lonnie R. Lynn and Diane Warren
THIS IS ME
from The Greatest Showman; Music and Lyric by Benj Pasek and Justin Paul

Miglior Film

CALL ME BY YOUR NAME
Peter Spears, Luca Guadagnino, Emilie Georges and Marco Morabito, Producers
DARKEST HOUR
Tim Bevan, Eric Fellner, Lisa Bruce, Anthony McCarten and Douglas Urbanski, Producers
DUNKIRK
Emma Thomas and Christopher Nolan, Producers
GET OUT
Sean McKittrick, Jason Blum, Edward H. Hamm Jr. and Jordan Peele, Producers
LADY BIRD
Scott Rudin, Eli Bush and Evelyn O’Neill, Producers
PHANTOM THREAD
JoAnne Sellar, Paul Thomas Anderson, Megan Ellison and Daniel Lupi, Producers
THE POST
Amy Pascal, Steven Spielberg and Kristie Macosko Krieger, Producers
THE SHAPE OF WATER
Guillermo del Toro and J. Miles Dale, Producers
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Graham Broadbent, Pete Czernin and Martin McDonagh, Producers

PRODUCTION DESIGN

BEAUTY AND THE BEAST
Production Design: Sarah Greenwood; Set Decoration: Katie Spencer
BLADE RUNNER 2049
Production Design: Dennis Gassner; Set Decoration: Alessandra Querzola
DARKEST HOUR
Production Design: Sarah Greenwood; Set Decoration: Katie Spencer
DUNKIRK
Production Design: Nathan Crowley; Set Decoration: Gary Fettis
THE SHAPE OF WATER
Production Design: Paul Denham Austerberry; Set Decoration: Shane Vieau and Jeff Melvin

SHORT FILM (ANIMATED)

DEAR BASKETBALL
Glen Keane and Kobe Bryant
GARDEN PARTY
Victor Caire and Gabriel Grapperon
LOU
Dave Mullins and Dana Murray
NEGATIVE SPACE
Max Porter and Ru Kuwahata
REVOLTING RHYMES
Jakob Schuh and Jan Lachauer

SHORT FILM (LIVE ACTION)

DEKALB ELEMENTARY
Reed Van Dyk
THE ELEVEN O’CLOCK
Derin Seale and Josh Lawson
MY NEPHEW EMMETT
Kevin Wilson, Jr.
THE SILENT CHILD
Chris Overton and Rachel Shenton
WATU WOTE/ALL OF US
Katja Benrath and Tobias Rosen

Montaggio Sonoro

BABY DRIVER
Julian Slater
BLADE RUNNER 2049
Mark Mangini and Theo Green
DUNKIRK
Richard King and Alex Gibson
THE SHAPE OF WATER
Nathan Robitaille and Nelson Ferreira
STAR WARS: THE LAST JEDI
Matthew Wood and Ren Klyce

SOUND MIXING

BABY DRIVER
Julian Slater, Tim Cavagin and Mary H. Ellis
BLADE RUNNER 2049
Ron Bartlett, Doug Hemphill and Mac Ruth
DUNKIRK
Mark Weingarten, Gregg Landaker and Gary A. Rizzo
THE SHAPE OF WATER
Christian Cooke, Brad Zoern and Glen Gauthier
STAR WARS: THE LAST JEDI
David Parker, Michael Semanick, Ren Klyce and Stuart Wilson

VISUAL EFFECTS

BLADE RUNNER 2049
John Nelson, Gerd Nefzer, Paul Lambert and Richard R. Hoover
GUARDIANS OF THE GALAXY VOL. 2
Christopher Townsend, Guy Williams, Jonathan Fawkner and Dan Sudick
KONG: SKULL ISLAND
Stephen Rosenbaum, Jeff White, Scott Benza and Mike Meinardus
STAR WARS: THE LAST JEDI
Ben Morris, Mike Mulholland, Neal Scanlan and Chris Corbould
WAR FOR THE PLANET OF THE APES
Joe Letteri, Daniel Barrett, Dan Lemmon and Joel Whist

Sceneggiatura Non Originale

CALL ME BY YOUR NAME
Screenplay by James Ivory
THE DISASTER ARTIST
Screenplay by Scott Neustadter & Michael H. Weber
LOGAN
Screenplay by Scott Frank & James Mangold and Michael Green; Story by James Mangold
MOLLY’S GAME
Written for the screen by Aaron Sorkin
MUDBOUND
Screenplay by Virgil Williams and Dee Rees

Sceneggiatura

THE BIG SICK
Written by Emily V. Gordon & Kumail Nanjiani
GET OUT
Written by Jordan Peele
LADY BIRD
Written by Greta Gerwig
THE SHAPE OF WATER
Screenplay by Guillermo del Toro & Vanessa Taylor; Story by Guillermo del Toro
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Written by Martin McDonagh

Berlinale

Berlinale 71: Natural Light, la recensione del film premiato per la regia

Published

on

natural light berlinale

Pellicola che ha debuttato il 2 marzo 2021 in World Premiere alla Berlinale 71, Natural Light è diretto da Dénes Nagy. Durata 103 minuti. Una produzione realizzata con la collaborazione di Ungheria, Francia, Germania e Lettonia, che ha vinto l’Orso d’Argento per la Miglior Regia.

Natural Light: sinossi

Il caporale István Semetka, prima semplice contadino ungherese, si trova in una situazione più grande di lui e contro la sua volontà. Facente parte di un’unità speciale il cui scopo è cacciare partigiani nell’Unione Sovietica ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, dovrà fare i conti con il susseguirsi degli eventi, in una morsa che procede per inerzia, tra paure ed impotenza.

Natural Light: recensione

Un war movie che basa la sua funzione primaria non tanto nello scontro, quanto nell’elaborazione personale di un semplice uomo. Il regista ungherese vince meritatamente l’Orso d’Argento proprio per la sua precisa e maniacale direzione. Scenografie accurate, location immersive ed un’attenzione alla ricostruzione storica con l’ausilio esemplare di costumi d’epoca, collaborano all’unisono per dipanare una vicenda che si imprime negli occhi dello spettatore principalmente per goduria visiva. Tecnicamente grandioso, forte di un’estetica calamitica, vive di luci naturali proprio come il titolo suggerisce.

natural light film recensione

Quasi unicamente girato senza l’aiuto di artificiosità, fa della fotografia un enorme punto di forza, spesso sono i focolai, gli incendi, il fuoco stesso l’unica fonte di luce ed è inutile sottolineare la magia che si crea nell’infrangersi sui volti e su ogni superficie, rispecchiando colori impossibili da replicare in modo costruito. Perfetto nel creare un’atmosfera quasi disturbante nella sua sensazionale bellezza, disegna ambientazioni naturali, panoramiche, albe, tramonti che sono quasi un vero e proprio personaggio.

In tutto questo troviamo un dramma, fatto di paure, del superamento di esse e talvolta di immagini qua e là inquietanti, utili a rafforzare ciò che già è potente di suo. Silenzi, sospiri, l’ampio spazio ceduto agli sguardi e ai primissimi piani, che identificano una struttura quasi in sottrazione, in cui la narrazione risulta una rincorsa a vivere il film invece che osservarlo.

Il sonoro in generale è bilanciato accuratamente ed accompagna questi volti consumati, stanchi, sporchi, privati di qualcosa in un percorso visivo cupo e desaturato, in cui la tavolozza sembra avere solo tonalità verdastre, giallognole e marroni. Sbalorditivo dunque principalmente a livello tecnico e per l’essenza che trasmette grazie alla maestria scrupolosa, nel catturare lo spettatore senza alcuna riserva, inutile dire che sul grande schermo ovviamente sarebbe stato superlativo.

Continue Reading

Berlinale

Berlinale 71: Guzen To Sozo (Wheel of Fortune and Fantasy) la recensione

Published

on

Guzen-to-sozo-Wheel-of-Fortune-and-Fantasy-newscinema

Guzen To Sozo (Wheel of Fortune and Fantasy) è stato presentato in anteprima mondiale alla Berlinale 71 il 4 marzo 2021. Diretto e scritto da Ryusuke Hamaguchi, il film giapponese della durata di 121 minuti ha vinto l’Orso d’Argento Gran Premio della Giuria.

Guzen To Sozo (Wheel of Fortune and Fantasy) Sinossi

Diviso in tre differenti archi narrativi autonomi, il film racconta personaggi femminili in diverse circostanze: il primo Magic si basa su un triangolo amoroso, il secondo Door Wide Open si incentra su una seduzione fallita ed infine il terzo, Once Again, narra di un incontro inaspettato. 

Guzen-to-sozo-Wheel-of-Fortune-and-Fantasy-recensione

Guzen To Sozo (Wheel of Fortune and Fantasy), la recensione

Interessante e ben delineato, il film di Ryusuke Hamaguchi tende a farci assaporare diversi sentimenti, dettati da personalità femminili, ma allo stesso tempo caratteristici di un’identità singola. Queste tre storie partono tutte con la stessa idea di base: raccontare il punto di vista femminile in situazioni totalmente divergenti.

Con questi presupposti però, ciò che si può notare è appunto come tre donne che non condividono alcuna circostanza e calate in contesti differenti, risultino allo stesso modo delicate e riservate nell’elaborazione del caso. Il tempo poi è ben scandito in ognuna delle vicende, è presente una parte introduttiva per poi metterci di fronte ad un doveroso sbalzo temporale ed infine riagganciarsi dopo mesi o anni, con le conseguenze che tutto ciò ha comportato.

Uno scorrere del tempo dunque per valutare gli effetti delle scelte fatte in precedenza. Compromessi, false illusioni, rimpianti, tutti aspetti che sono oltre che femminili, propri di ogni essere umano, perciò è come se il regista avesse voluto metterci davanti semplicemente alla vita stessa, a ciò che può accadere a tutti noi.

Se ci si fa caso ogni mini storia concepisce gli attimi inaspettati, ossia getta le sue fondamenta sul concetto di qualcosa che è involontario, non programmato, succede e basta. Degna di merito la scelta di voler dettare delle linee guida similari per poi ramificarsi in elaborazioni singole, si percepisce in maniera chiara l’intento e questo grazie ad una narrazione fluida e corposa.

Inquadrature spesso statiche, senza bisogno di grandi evoluzioni, riescono a farti empatizzare con i personaggi, la macchina da presa scompare quasi nella totalità del minutaggio, un grande pregio per un genere di film che fa del suo vanto l’immersione dello spettatore nel racconto. Concludendo ciò che si può trovare in questa pellicola è poesia, stupore, sensibilità e tutto questo espresso ai nostri occhi con una morbidezza che non è affatto da tutti.

Continue Reading

Cinema

TFF 38: Fried Barry, la recensione del delirante film di Ryan Kruger

Published

on

unnamed 2

Diretto, prodotto e sceneggiato da Ryan Kruger, approda al Torino Film Festival edizione n.38, una  commedia fantascientifica intitolata Fried Barry. Il Sud Africa è il paese d’origine e Gary Green il suo protagonista.

Un uomo tossicodipendente e già di suo alquanto svalvolato, almeno all’apparenza, un giorno di punto in bianco viene scelto  dagli extraterrestri come cavia. L’alieno dentro di lui vuole provare dunque ogni tipo di esperienza umana e così come un’ameba l’uomo/alieno inizia a muoversi per inerzia in giro per la città, facendo ogni cosa e lasciandosi trasportare dagli eventi senza capacità di giudizio, finchè l’ospite avrà finito con questo inutile involucro.

Un film assurdo, con poca possibilità di percezione positiva. Tutta colpa o merito (dipende dal personale gradimento) di Ryan Kruger, visto il suo coinvolgimento nell’opera, avendo ricoperto i ruoli di regista, produttore e sceneggiatore. La scrittura come la messa in scena, peccano di banalità e troppo semplicismo; al nostro protagonista succedono cose davvero incredibili, ma non per spettacolarità quanto più per scadente plausibilità, come se ad ogni angolo della strada ci fosse qualcuno che aspetta proprio lui, per fare sesso o regalargli droghe o chissà cos’altro.

unnamed 3

Situazioni impensabili, personaggi strambi e poca cura per le performance attoriali come per il realismo delle azioni che compiono, con errori riconducibili ad un principiante alle prime armi.
Una nota positiva risiede invece nella fotografia, contraddistinta da un tono quasi finto patinato, mediante un uso accurato di luci e colori, che senz’altro esaltano il film perlomeno visivamente. 

Se si volesse provare a fare una sovralettura con l’intento di trovare un significato recondito e strettamente ispirato, si potrebbe parlare del corpo umano come semplice involucro, che viaggia parallelamente all’animo, all’essenza, a ciò che costituisce la coscienza e la volontà di agire.
Oltre a questo, noi umani abbiamo anche limiti dettati dalla nostra fragilità e dall’essere mortali, che gli alieni (almeno quelli di questo film) non sembrano avere. Pertanto da un lato ci si trova di fronte a limiti fisici, dall’altro ad emozioni che invece sono solo nostre, come l’amore, che per un alieno provare potrebbe voler dire godere di autenticità, un potere sconsiderato ed inaspettato agli occhi di un essere superiore.

Sicuramente il protagonista ha un impatto visivo peculiare, sottolineato da questo sguardo sempre allucinato che vanta una valenza macchiettistica, anche forte dell’aspetto fisico stesso dell’attore Gary Green. Detto questo, credo di aver voluto cercare un qualche messaggio un po’ troppo sofisticato per un prodotto delirante che si rivela essere caratterizzato da un potenziale interessante, ma realizzato davvero male, che non credo rimarrà nell’immaginario comune o meglio ci resterà saldo, ma per essere d’esempio quando ci si riferirà a prodotti di qualità infinitamente bassa.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari