Connect with us

Film Horror

Paura 3D, la recensione dell’horror dei Manetti Bros.

Published

on

Paura-3D-poster-ufficiale-e-nuove-immagini-dellhorror-dei-Manetti-Bros-2

Questa volta i Manetti Bros non si sono limitati a girarci intorno, ma sono finiti con tutte le scarpe nel genere horror più puro e classico con il nuovo film Paura 3D, in sala dal 15 Giugno. Dopo il fantascientifico L’Arrivo di Wang, i due registi tornano sul grande schermo proponendo uno dei primi film italiani in 3D dopo l’ultimo Dracula di Dario Argento, presentato al Festival di Cannes conclusosi da poco. Prodotto dalla Medusa, la Dania Film con la collaborazione della Pepito Produzioni, Paura 3D racconta di tre ragazzi della periferia romana che, annoiati dalla loro vita di quartiere piatta e triste, colgono un’occasione per divertirsi e fare qualcosa di completamente nuovo e spassoso. Uno di loro, Alessandro (Domenico Diele) , meccanico che lavora in un’officina, deve sistemare l’auto di un ricco marchese ( Peppe Servillo ) che vive lì nei dintorni ed è un appassionato collezionista di auto d’epoca. Infatti in quel weekend deve partire per recarsi ad un raduno in Francia e lascia una delle sue macchine in revisione, ma dimentica nel porta oggetti le seconde chiavi della sua villa lussuosa nella campagna romana. I tre ragazzi, dopo pochi minuti di esitazione, prendono in prestito la macchina e si recano alla villa progettando una grande festa che duri tutto il weekend.

La villa offre tutto il divertimento possibile, dalla piscina, ad un giardino immenso, fino ad una ricca collezioni di chitarre, videogiochi e tanto altro; sembra il paese dei balocchi, fino a quando Simone ( Lorenzo Pedrotti) non si avventura in cantina. E l’incubo ha inizio. Nel buio di quei cunicoli scavati nel cemento si nasconde un segreto macabro e crudele, che ha il nome di Sabrina. ‘Ci sono occasioni nella vita che sarebbe meglio non cogliere‘ è proprio su questa riflessione che i Manetti Bros costruiscono una trama dinamica, fluida e ben articolata, narrando una storia che coinvolge lo spettatore fin dal primo minuto e lo trascina nell’oscurità e nell’angoscia più vera, soprattutto grazie ad una regia che fa vivere la telecamera. Quest’ultima viaggia con inquadrature oblique, dall’alto verso il basso, dai primi piani ai campi lunghi che descrivono minuziosamente l’atmosfera in cui i personaggi vivono e agiscono. Il ritmo è degno dei film di Hitchcock e Dario Argento, ai quali i Manetti non nascondono di essersi ispirati per molte scelte stilistiche e di regia.

Paura 3D è un film horror nel vero senso del termine, ma porta in alto la bandiera del cinema di genere italiano che può offrire prodotti di qualità, che non hanno nulla da invidiare al mercato internazionale. Ispirato al fatto di cronaca di Natascha Kampush, tenuta prigioniera per otto anni in Austria qualche tempo fa, questo film offre puro intrattenimento, ma anche una riflessione personale dei registi sui possibili sentimenti e pensieri che attraversano la mente e il cuore di una persona che vive un’esperienza così estrema e violenta. Francesca Cuttica nei panni di Sabrina regala la migliore performance del film dal punto di vista recitativo. Nonostante la difficoltà del ruolo che si trova ad intraprendere, riesce a trasmettere quello che deve trasmettere: ansia, terrore, ma anche compassione per la sua condizione di quell’ inevitabile inadeguatezza al mondo esterno che ormai l’ha divorata. Cresciuta con la figura di questo carceriere come una sorta di figura paterna, ormai la ragazza appare incapace di distinguere la realtà, il buono, il giusto, per ricominciare la sua vita come le persone ‘normali’. Qualcosa di profondo ha sconvolto la sua essenza e la sua anima, facendola cadere in un buio freddo e spietato che non è solo intorno a lei, ma dentro di lei. Oltre alla Cuttica, degna di nota anche l’interpretazione di Servillo, volto della band musicale Avion Travel e qui alle prese con una figura difficile, tormentata e deviata, nello stesso tempo malvagia e fragile.

I Manetti Bros portano dei personaggi interessanti all’interno di una cornice altrettanto interessante, realizzando un film che spaventa, diverte, emoziona, sconvolge e non perde mai mordente dall’inizio alla fine. La tecnologia 3D è convincente e di buon livello, fin dai titoli di testa molto originali e affascinanti che già ci avvertono che stiamo per entrare in un mondo in bilico tra incubo e favola.

TRAILER

[nggallery id=137]

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Venezia 78: Last Night in Soho, la recensione del film

Published

on

A Venezia 78 abbiamo avuto l’occasione di vedere in anteprima Last Night in Soho, il nuovo film di Edgar Wright con Anya Taylor Joy, Matt Smith e Thomasin McKenzie. Qui di seguito la video recensione di Lorenzo e Letizia in diretta dal festival.

Last Night In Soho (L’Ultima Notte a Soho) è un thriller psicologico con scene oniriche accompagnate in maniera travolgente e geniale da una colonna sonora vibrante e coinvolgente scelta con cura. Un’inattesa rivisitazione del lato oscuro della swinging London degli anni 60′.

Last Night in Soho uscirà nelle sale italiane il 4 novembre e segue le vicende di una giovane ragazza, appassionata di moda, che misteriosamente scopre il modo di trovarsi negli anni ’60, dove si imbatte nel proprio idolo, un’affascinante cantante che spera di sfondare. Ma Londra negli anni 60′ non è sempre come appare e le cose sembrano andare a rotoli con delle conseguenze.

Un incubo a occhi aperti che regala inquadrature ipnotiche e glamour. Dopo Baby Driver Wright si conferma un regista interessante e curioso che sa come catturare l’attenzione dello spettatore.

Continue Reading

Cinema

Brightburn, il trailer del Superman horror di James Gunn

Published

on

brightburn

Per molti mesi abbiamo sentito parlare del casting di un nuovo film horror di James Gunn ancora senza titolo, prodotto da Sony Pictures e Screen Gems. Ora lo studio ha rivelato il primo trailer del film ufficialmente intitolato BrightBurn. Se un bambino di un altro mondo si fosse schiantato sulla Terra, ma invece di diventare un eroe per l’umanità, avesse dimostrato di essere qualcosa di molto più sinistro? Con Brightburn, il filmmaker visionario di Guardians of the Galaxy e Slither presenta una sorprendente e sovversiva interpretazione di un genere radicalmente nuovo: il supereroe horror.

BrightBurn è diretto da David Yarovesky (The Hive) e scritto da Mark Gunn e Brian Gunn. Elizabeth Banks è al fianco di David Denman, Jackson A. Dunn (Shameless), Matt Jones e Meredith Hagner (Younger, Set it Up). James Gunn produce, con i produttori esecutivi Mark Gunn, Brian Gunn, Dan Clifton, Simon Hatt e Nic Crawley. All’inizio di quest’anno, The H Collective ha stipulato un accordo con la Sony Pictures Worldwide Acquisitions (SPWA) per distribuire e commercializzare film a livello globale. “Siamo orgogliosi di presentare questo trailer prima ai fan! È ancora più emozionante perchè celebriamo anche il primo anniversario di The H Collective“, ha dichiarato il CEO di The H Collective, Nic Crawley.

The H Collective, lanciato a ottobre 2017, è una società globale di finanza, produzione, marketing e distribuzione cinematografica che produce e finanzia una gamma diversificata di film di alta qualità tra cui horror, action comedy e franchise IP. La H Collective ha recentemente acquisito la franchigia xXx con One Race Films di Vin Diesel e è in pre-produzione nella quarta puntata del franchise.

Continue Reading

Cinema

Halloween: nuova clip e come James Jude Courtney ha imparato ad uccidere da un vero killer

Published

on

In occasione della festa più terrificante dell’anno ormai alle porte e dell’uscita di un film molto atteso soprattutto dagli appassionati di film horror, ecco a voi la prima terrificante clip tratta dal film Halloween, che mostra l’attacco di Micheal Myers all’interno di un bagno.

L’attore James Jude Courtney, che interpreta il nuovo Micheal Myers ha dichiarato di aver imparato ad uccidere da un vero assassino, per capire i movimenti e la psicologia di un uomo che per lavoro, pone fine alla vita di un’altra persona. Courtney in un’intervista a VanityFair ha raccontato di aver ricevuto dei consigli da un suo amico sicario, il quale lo ha “aiutato” nel riuscire ad interpretare al meglio, il ruolo di assassino senza scrupoli. Il killer del quale non si conosce l’identità data la sua professione, dopo aver visto The Hit List di William Webb in compagnia di Courtney disse: ” non è così che uccidi le persone nella vita vera. Te lo mostro come si fa”. Courtney incuriosito e ignorante delle modalità che è solito applicare per uccidere qualcuno, racconta: “Sapete, c’è una sorta di efficienza furtiva nel modo in cui funziona un killer addestrato”. “I film tendono a diluire quella qualità con pause e dialoghi drammatici, che però un vero assassino nella vita reale non farebbe mai. È  quell’efficacia di cui mi parlò questo mio amico che ho voluto portare nella parte di Michael Myers.”

Prima foto tratta da Halloween (2018)

Jamie Lee Curtis ritorna sul grande schermo con il suo iconico ruolo di Laurie Strode, arrivando al suo ultimo confronto con Michael Myers, la figura mascherata dalla quale quaranta anni fa, era riuscita a scappare dopo averla perseguitata e tentato di uccidere la notte di Halloween. Insieme alla Curtis sono entrate a far parte del film Judy Greer che interpreta Karen Strode, la figlia del personaggio di Curtis, e Andi Matichak Orange is the new blackUnderground ) che interpreta Allyson, la nipote di Laurie Strode.

La Universal sta puntando molto su Halloween, ispirato al film di John Carpenter del 1978, tanto che recentemente ha pubblicato la colonna sonora aggiornata proprio dal suo primo regista ed ora è stata rilasciata questa clip, giusto per far salire l’ansia al pubblico, in vista dell’uscita al cinema del 19 ottobre 2018.

Halloween (2018) ignorerà la continuità di tutti i sequel, per far in modo di riuscire a raccontare la propria storia. La Curtis prima di questo nuovo capitolo, era già apparsa in quattro film della serie, tra cui, l’originale del 1978, il sequel del 1981, Halloween H20:  20 Years Later e  Resurrection .

John Carpenter sarà il produttore esecutivo e consulente creativo di questo film, unendo le forze con l’attuale produttore di film horror, Jason BlumGet Out ,  Split ,  The Purge ,  Paranormal Activity ). Ispirati al classico di Carpenter, il regista David Gordon Green e Danny McBride hanno realizzato una storia che traccia un nuovo percorso rispetto agli eventi del famoso film del 1978.

Halloween uscirà nelle sale il 25 ottobre.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari