Connettiti a NewsCinema!

News

Rogue One: A Star Wars Story, il regista ha rivelato alcuni dettagli sulla trama

Pubblicato

:

Il regista Gareth Edwards ( via Entertainment Weekly ) ha rivelato tutti i dettagli sul pianeta Jedha, che svolgerà un ruolo cruciale nella trama del prequel/ spin-off della Walt Disney Pictures e della Lucasfilm, Rogue One: A Star Wars Story.  “La Forza sostanzialmente in Star Wars è come una religione, e i personaggi stanno perdendo questa fede nel periodo iniziale del film”, ha detto Edwards del film che si svolge poco prima degli eventi dello Star Wars: Una Nuova Speranza del 1977.

“Stavamo cercando di trovare un luogo fisico nel quale poter andare a perdere la fede e fare la scelta tra lasciar vincere l’Impero o far vincere il male, e far prevalere il bene. Tutto questo è stato trasportato in un posto che abbiamo chiamato Jedha. Si tratta di un luogo dove le persone che credono nella forza sarebbero dovute andare in pellegrinaggio. Essenzialmente cosa che è stata ripresa dall’Impero. E’ un territorio occupato…per ragioni che probabilmente non si possono rivelare. C’è qualcosa di molto importante in Jedha che serve sia ai Jedi sia all’Impero. Sembra molto simile a qualcosa che potrebbe riguardare il mondo reale”.

I conflitti di petrolio del Medio Oriente sono il primo riferimento che salta subito in mente, anche se nel mondo di Star Wars, la preziosa risorsa in questione è rappresentata dai cristalli Kyber, le gemme preziose utilizzate per creare le spade laser sia per gli Jedi e i Sith negli anni passati, che possono essere sfruttati come una fonte di energia per le travi distruttive della Morte Nera.

AN1-FF-006_0

Scena tratta dal film Rogue One: A Star Wars Story

“In Jedha, anche se c’è il piede oppressivo dell’Impero che incombe su di loro, c’è una resistenza che non si arrende e i nostri personaggi devono andare lì per incontrare persone e cercare di proteggere una persona da questo gruppo” ha aggiunto Edwards. “In un livello più ampio, ci deve essere un sacco di gente che crede nei Jedi, nella forza. Se è davvero una religione antica, come diceva Obi-Wan Kenobi, ha avuto modo di esistere in migliaia o milioni di persone nella galassia. “

Rogue One: A Star Wars Story, racconta la storia di combattenti della resistenza che si sono uniti per rubare i piani della temuta Morte Nera. Felicity Jones porta il cast come Jyn al fianco di Mads Mikklesen che interpreta suo padre. Diego Luna (Milk) interpreta il capitano Cassiano Andor con Donnie Yen (Ip Man, Blade II) come il cieco guerriero spirituale Chirrut Imwe, Jiang Wen come suo pesantemente corazzato migliore amico Baze Malbus, , Alan Tudyk (Firefly) come il droide K-2SO, Riz Ahmed (Nightcrawler, Four Lions) come il ribelle pilota di Bodhi Rook, oltre a Forest Whitaker (L’ultimo re di Scozia) come Saw Gerrera, un personaggio introdotto in Star Wars: The Clone Wars, e Ben Mendelsohn (Bloodline, Mississippi Grind) come principale antagonista del film, il regista Orson Krennic. Diretto da Gareth Edwards, Rogue One: A Star Wars Story è previsto per il 16 Dicembre 2016.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

The Mandalorian, George Lucas visita il set di Jon Favreau

Pubblicato

:

Jon Favreau continua a condividere frammenti di materiale dietro le quinte dal set del suo imminente serie di Star Wars The Mandalorian. Il suo post più recente potrebbe mandare i fan in tilt, poichè il regista ha rivelato un ospite a sorpresa sul set, ovvero lo stesso George Lucas. La visita di Lucas sul set di The Mandalorian è avvenuta il giorno del compleanno di Favreau. In precedenza Lucas aveva già visitato i set di Rogue One e Solo, ma è bello vedere il creatore di Star Wars ancora molto coinvolto nel franchise.

The Mandalorian è attualmente in produzione. I registi della serie sono stati ufficialmente annunciati e includono Dave Filoni (Star Wars: The Clone Wars, Star Wars Rebels) che dirigerà il primo episodio. Altri episodi saranno diretti da Deborah Chow (Jessica Jones), Rick Famuyiwa (Dope), Bryce Dallas Howard (Solemates) e Taika Waititi (Thor: Ragnarok). The Mandalorian sarà prodotto da Jon Favreau, Dave Filoni, Kathleen Kennedy e Colin Wilson. Karen Gilchrist sarà il co-produttore esecutivo.

La prima stagione di 10 episodi avrà un budget combinato di $ 100 milioni, rendendo ogni episodio costato circa $ 10 milioni. È stato anche annunciato che Disney sta attualmente sviluppando serie multiple limitate con personaggi del Marvel Cinematic Universe per il loro prossimo servizio di streaming. The Mandalorian non ha ancora una data di rilascio, ma la piattaforma Disney Direct-to-Consumer verrà lanciata alla fine del 2019.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Birthday Surprise

Un post condiviso da Jon Favreau (@jonfavreau) in data:

Continua a leggere

Cinema

La llorona – le lacrime del male, il teaser trailer ufficiale

Pubblicato

:

Svelato il teaser trailer ufficiale italiano de LA LLORONA – LE LACRIME DEL MALE, horror firmato da Michael Chaves e atteso nelle sale italiane a partire dal 18 aprile 2018. Fate attenzione al gemito della Llorona, la donna che piange, un’apparizione imprigionata tra il Paradiso e l’Inferno, dopo aver annegato i figli in preda ad un rapsus. Negli anni ’70 La Llora si aggira per Los Angeles, di notte, a caccia di bambini. Un’assistente sociale non prende sul serio l’inquietante avvertimento di una madre sospettata di aver compiuto violenze sui figli, e presto sarà proprio lei, insieme ai suoi bambini, ad essere risucchiata in uno spaventoso regno soprannaturale. Sul set del film: Linda Cardellini, Raymond Cruz, Patricia Velasquez, Marisol Ramirez.

La llorona, sinossi ufficiale del film

La Llorona. La donna che piange. Un’apparizione terrificante, intrappolata tra il Paradiso e l’Inferno, quella di una donna segnata da un terribile destino che si è creata con le sue stesse mani. Il solo sentir menzionare il suo nome ha terrorizzato il mondo per generazioni. La sua colpa è stata quella di aver annegato i figli in preda ad un raptus di rabbia e gelosia, per poi gettarsi nello stesso fiume, disperata e piangente. Ora le sue lacrime sono eterne e letali, e coloro che sentono di notte il suo richiamo mortale sono condannati. La Llorona si insinua nell’ombra e va a caccia di bambini, nel disperato tentativo di sostituirli ai suoi. Con il passare dei secoli il suo desiderio è diventato sempre più vorace…e i suoi metodi sempre più terrificanti. Negli anni ’70 a Los Angeles, La Llorona si aggira nella notte alla ricerca di bambini. Un’assistente sociale non prende sul serio l’inquietante avvertimento di una madre sospettata di aver compiuto violenze sui figli, e presto sarà proprio lei, insieme ai suoi bambini, ad essere risucchiata in uno spaventoso regno soprannaturale. L’unica speranza di sopravvivere all’ira mortale della Llorona potrebbe essere un prete disilluso e la mistica che pratica per scacciare il male, dove la paura e la fede si incontrano. Attenzione al suo gemito agghiacciante…non si fermerà davanti a niente pur di attirarti nel buio.
Perché non c’è pace per la sua angoscia, non c’è misericordia per la sua anima.
E non si può sfuggire alla maledizione della Llorona.

Continua a leggere

Cinema

RFF 13: Isabelle Huppert, conferenza stampa

Pubblicato

:

Isabelle Huppert, l’immensa attrice francese in occasione del ritiro del premio alla carriera durante la terza giornata della Festa del cinema di Roma, durante la conferenza stampa ha parlato a cuore aperto della sua carriera e del suo modo di approcciarsi alla recitazione. Imperativo da seguire: mai avere paura!

Lei è una fonte di ispirazione per molti attori e attrici, interpretato ruoli importanti e coraggiosi. Dove ha trovato il coraggio per poterlo fare?

Non solo giovani attori mi fanno i complimenti. I ruoli che ho interpretato non mi hanno mai fatto paura, ma sono comunque complessi e coraggiosi. Può far paura avere difficoltà, conflitti nella vita, ma l’unica cosa importante è vivere e lavorare in armonia.

Ultimamente ha lavorato nella serie The Romanoffs, cosa può dirci a riguardo?

The Romanoff è stato un lavoro molto intenso ed ho imparato anche un po’ di russo. Avevo visto Mad Man di Matthew Weiner e ho voluto lavorare fortemente con lui. Spesso si dice che dietro i Romanoff ci sia un mistero. I componenti sono morti, ma Mattew ha pensato bene di speculare su questa storia, creando 8 episodi diversi tra loro. Il mio personaggio è quello di una regista molto nervosa e trovo che nel mio episodio c’e qualcosa di barocco.

Oggi riceverà il premio alla carriera, cosa ha pensato quando le è stato comunicato? Qual è stata la prova più difficile che ha dovuto affrontare nella sua carriera?

Il teatro è una situazione più stressante rispetto al cinema, ma sono contenta di essermi cimentata anche in questo campo. Le difficoltà che si incontrano nel cinema vengono risolte dalla regia. Come attrice pongo molta fiducia nel cinema. Ricevere questo premio per me è una grande soddisfazione. Ricordatevi di non avere mai paura dell’ignoto. Il fatto che in teatro non si riproduce mai la stessa cosa, non mi spaventa, anzi lo trovo una cosa molto stimolante. Negli ultimi tempi il cinema è diventato una finestra sul mondo, per gli spettatori e per me.

Qual è il personaggio alla quale è più legata?

Mi sento vicina e non vicina ai personaggi che interpreto. “Non” mi sento vicina perché quello che accade in scena non mi succede nella vita reale. Invece “mi” sento vicina, perché comunque in tutto quello che rappresento metto una parte di me. Divido le attrici – e non solo – in due categorie: quelle vicino alla realtà e quelle più vicine alla fantasia. Resta il fatto che si tratta comunque di fiction.

Nel corso della sua carriera ha interpretato più di cento film. Come è riuscita a mantenere la sua identità?

È il cinema che permette di farlo. Così come avviene nel teatro è un confronto con se stessi. Non ci sono diverse recitazioni e soprattutto non si deve mai avere paura di quello che si andrà a recitare. Come disse Truffaut in riferimento a quando si gira un film: “ Il treno è partito e il paesaggio scorre”. Dobbiamo sempre essere noi stessi, perché è il cinema che deve raccontare.

Come ben sa, il grande Vittorio Taviani è venuto a mancare qualche mese fa. In merito, cosa ci può raccontare del rapporto con i Fratelli Taviani?

Ho un bellissimo ricordo di loro due, quando abbiamo girato in Toscana. Siamo stati in luoghi bellissimi e ricordo una dolcezza e bravura unica di Paolo e Vittorio.Erano due persone con una sola testa.

Continua a leggere

Facebook

Film in uscita

Ottobre, 2018

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Recensioni

Nuvola dei Tag

Popolari

X