Connettiti a NewsCinema!

Eventi

Roma città aperta: il capolavoro di Roberto Rossellini torna nelle sale italiane

Pubblicato

:

Roma-città-aperta

cittaperta“Con Roma città aperta l’Italia ha riconquistato il diritto di guardarsi di nuovo in faccia.” Jean-Luc Godard. E’ questa la breve descrizione che compare sulla locandina del film, che dal 31 Marzo e per tutto il mese di Aprile sarà proiettato nei cinema di tutta Italia nella sua edizione restaurata. Considerato il film, simbolo della Resistenza di un’intera nazione, del suo popolo, dei suoi valori e di una nuova Italia che nasceva dal dolore della guerra, Roma città aperta, di Roberto Rossellini, arriva nelle sale in una nuova versione restaurata, anticipando così il 70° anniversario della Liberazione di Roma, avvenuta il 4 Giugno del 1944. Il restauro di questo grande film, appartenente al periodo Neorealista, è opera dell’Istituto Luce Cinecittà, verrà proiettato in settanta sale italiane e farà parte di un progetto dal titolo Il Cinema Ritrovato. Al cinema, iniziativa promossa dalla Cineteca di Bologna e da Circuito Cinema, al fine di riportare in prima visione, sul grande schermo, i classici restaurati.

Un restauro emblematico quello di Roma città aperta, il cui obiettivo è quello di salvaguardare il vastissimo patrimonio cinematografico nazionale, un restauro che rappresenta al tempo stesso il culmine del Progetto Rossellini, iniziativa fortemente voluta dall’ Istituto Luce Cinecittà, dalla Fondazione Cineteca di Bologna e da CSC-Cineteca NazionaleIl Cinema Ritrovato. Al cinema è un progetto che si propone il recupero dei principali titoli della filmografia di Roberto Rossellini, tra cui La macchina ammazzacattivi, India, Viaggio in Italia, Stromboli terra di Dio, L’amore, Paisà, Germania anno zero, presentati in questi anni al Festival di Cannes, alla Mostra del Cinema di Venezia, al Festival di Berlino, al Torino Film Festival, al Festival di Roma e al Festival Il Cinema Ritrovato di Bologna.

Roma_città_apertaE’ stato proprio Il Cinema Ritrovato ad aver ospitato, nell’estate del 2013, la prima assoluta del nuovo restauro del film, proiettando la pellicola in Piazza Maggiore a Bologna, incantando migliaia di persone ed anticipando soprattutto il grande ritorno al cinema della pellicola di Rossellini e i festeggiamenti in occasione del 70° anniversario della  Liberazione di Roma. Il restauro del film è stato realizzato dal laboratorio della Cineteca di Bologna, L’Immagine Ritrovata, partendo proprio dal negativo originale ritrovato nel 2004 e conservato poi nella Cineteca Nazionale. In un primo momento si pensò che il negativo originale del film fosse andato perduto, si racconta infatti che il film fosse stato girato su stock di pellicola trovata in giro per caso, una pellicola ormai scaduta, comprata addirittura al mercato nero. Quando però nel 2004, alla Cineteca Nazionale, venne ritrovato un negativo, la prima cosa che si fece fu quella di verificare immediatamente di che tipo di pellicola si trattasse e dopo un’attenta analisi da parte degli esperti arrivò la conferma sul fatto che si trattava proprio di quel famoso negativo, scoprendo così di essere tornati finalmente in possesso del film originale. Il lavoro di schedatura del negativo portò inizialmente ad un primo restauro, utilizzato poi come punto di riferimento per il successivo e definitivo restauro, realizzato stavolta con uno standard digitale di qualità ancora più elevata (4K).

10-film-per-ricordare-Anna-Magnani-da-Roma-città-aperta-a-Bellissima-videoUn film indimenticabile quello realizzato da Rossellini, commovente, drammatico e di straordinaria bellezza, con attori del calibro della grande Anna Magnani ed Aldo Fabrizi, interpreti intramontabili e dal talento indiscusso. Molti dei personaggi del film sono ispirati a figure reali, veramente esistiti durante il periodo dell’occupazione nazista di Roma (avvenuta dall’8 Settembre 1943 al 4 Giugno 1944). Tra questi la figura emblematica di Don Pietro Pellegrini (interpretato da uno straordinario Aldo Fabrizi) che nel soggetto iniziale del film era ispirata a Don Pietro Pappagallo ma che poi, in fase di sceneggiatura, venne realizzata invece su quella di Don Giuseppe Morosini (anch’egli impegnato in quel periodo ad aiutare la Resistenza), arrestato poi dalla Gestapo, torturato e fucilato il 3 aprile del 1944 a Forte Bravetta. Il personaggio di Pina invece (interpretato dalla grande Anna Magnani) è ispirato ad una popolana romana, Teresa Gullace, madre di cinque figli e in attesa di un sesto, barbaramente uccisa da un soldato nazista il 3 Marzo 1944, poiché protestava  a favore del marito, imprigionato alla caserma dell’81° Fanteria di Viale Giulio Cesare. La scena finale del film, che mostra proprio gli attimi dell’uccisione di Pina, è tra le più drammatiche e malinconiche del cinema neorealistico, con un’interpretazione davvero magistrale da parte della Magnani. Siamo nel Settembre del 1944, Roma è stata liberata dai nazifascisti da appena tre mesi e Roberto Rossellini è finalmente riuscito a convincere la contessa Chiara Politi, amministratrice delegata della Cis Nettunia, a produrre un film di ambientazione attuale di cui egli stesso sarebbe stato il regista. Nel Febbraio del 1945 il titolo iniziale della pellicola fu quello di Città aperta, dopo la metà di Aprile invece assunse quello, quasi definitivo, di Roma, città aperta. Le riprese del film terminarono nei primi giorni di Giugno, nel 1945, mentre la prima proiezione pubblica venne fatta invece  a Roma il 24 Settembre al Festival del Quirino.

 

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Pinocchio, i costumi del film di Matteo Garrone in mostra

Pubblicato

:

pinocchio recensione fiaba freak decadente matteo garrone v12 46569

In occasione del Natale 2019, il Museo del Tessuto di Prato inaugura una mostra dedicata al pluripremiato costumista cinematografico Massimo Cantini Parrini. La mostra presenta in anteprima assoluta il suo ultimo straordinario lavoro: oltre 30 costumi realizzati per il film “Pinocchio” di Matteo Garrone, in uscita nelle sale il prossimo 19 dicembre e distribuito da 01 Distribution.

Dei costumi in mostra, 25 sono stati realizzati dalla Sartoria Tirelli, 5  dalla Sartoria Costumi d’Arte Peruzzi, 2 da Cospazio 26, mentre le parrucche da Rocchetti e Rocchetti. Massimo Cantini Parrini è nato e si è formato a Firenze: dall’Istituto Statale d’Arte di Porta Romana, al Polimoda, fino alla Laurea in Cultura e Stilismo della moda presso l’Università di Firenze. Nel corso degli studi accademici vince il concorso al Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma, diventando allievo nel corso di costume del premio Oscar Piero Tosi. Il suo esordio nel cinema è come assistente costumista accanto a Gabriella Pescucci, anche lei premio Oscar, che lo chiama a collaborare per oltre dieci anni per grandi produzioni cinematografiche internazionali, teatro lirico e varie manifestazioni.

3 pinocchio5035

Costume di Pinocchio, disegno a cura di Massimo Cantini Parrini per il film Pinocchio di Matteo Garrone.

Massimo Cantini Parrini affianca alla sua professione di costumista una straordinaria passione per gli abiti d’epoca, che colleziona fin dall’età di tredici anni. Ad oggi la sua raccolta vanta più di 4.000 pezzi, che spaziano dal 1630 al 1990, tutti originali e di creatori e stilisti iconici, dai quali spesso trae spunto ed ispirazione per realizzare i suoi costumi. Massimo Cantini Parrini è l’unico costumista italiano ad aver vinto dalla prima nomination tre David di Donatello consecutivi (2016-2018), oltre ad altri numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali spiccano Nastri d’Argento, Ciak d’oro e premiazioni in importanti festival cinematografici. L’ultimo riconoscimento da lui ricevuto è l’EFA (European Film Award).
In curriculum ha più di 50 produzioni da costumista, molte delle quali per registi di fama internazionale. Emerge significativamente il sodalizio stabilito con Matteo Garrone, che – prima di Pinocchio – lo ha chiamato per realizzare i costumi dei film Il racconto dei Racconti (2015), Dogman (2018).

Il percorso della mostra sarà articolato in due sezioni: la prima dedicata al costumista, alle sue fonti d’ispirazione ed al suo lavoro creativo attraverso video, campionature di tessuti, capi d’abbigliamento storici del XVIII e XIX secolo provenienti dalla sua straordinaria collezione personale, utilizzati come fonti di ispirazione diretta per la creazione degli abiti del film. La seconda prevede invece l’esposizione di oltre trenta costumi dei principali personaggi del film, accompagnati da immagini tratte dal film stesso e da alcuni, simbolici oggetti di scena.

Museo del Tessuto –  Via Puccetti, 3 Prato. Tel. 0574/611503
www.museodeltessuto.it / facebook.com/museodeltessuto / twitter.com/museodeltessuto

E mail: info@museodeltessuto.it

Ingresso: Intero singolo: euro 10.00; ridotti euro 8.00; scuole: euro 4.00

Continua a leggere

CineComics

XXI Napoli COMICON: quattro giornate dedicate ai fumetti e alla musica dal 25 al 28 Aprile 2019

Pubblicato

:

comicon

Tra le molteplici iniziative del prestigioso Salone Internazionale del Fumetto di Napoli anche 4 giorni di musica dal vivo, k-pop battle crew e Cosplay contest.
Sul palco esterno, posizionato nei pressi della meravigliosa Fontana dell’Esedra della Mostra d’Oltremare i Comiconiani appassionati di cosplay, rock, j-pop e sigle di cartoni animati, dalle ore 13:30 alle ore 19:00, avranno modo di assistere ad oltre 20 eventi.

La ventunesima edizione di Napoli COMICON si svolgerà dal 25 aprile al 28 Aprile 2019. Come per le precedenti edizioni tutta la sezione Mercato, le Mostre, gli incontri con gli autori ospiti, insieme agli appuntamenti principali del Festival, i tornei di giochi e videogiochi e le proiezioni, avranno luogo nei funzionali spazi della Mostra d’Oltremare di Napoli. Tra le tantissime attività troverete anche Comicon Live! Stage, il palco dei concerti che in quattro giorni farà suonare 11 bands.
Rock, pop, metal, J-Pop, cartoon-cover i generi musicali che durante le intense giornate festivaliere faranno da colonna sonora alle molteplici attività del festival.

Tra i principali protagonisti troviamo il casto-divo Immanuel Casto, Giorgio Vanni il più importanti tra i performer di sigle di cartoni animati e i Loverin Tamburin, vere star per gli appassionati di anime e manga giapponesi.

Immanuel Casto sarà ospite in triplice veste. Personaggio di culto della scena alternativa, ha realizzato tre album, nove giochi da tavolo ed è al lavoro sul suo primo graphic novel come autore. Oltre alla carriera di musicista, infatti, è anche un game designer di celebri giochi come Squillo e Red Light, e parteciperà – in compagnia di Valentina Nappi– ad un panel dal titolo BodyPop: il corpo e le sue forme nella cultura pop, un incontro che si svolgerà venerdì 26 aprile alle 14.00 nell’Auditorium del Teatro Mediterraneo. Il Casto-Divo si esibirà in concerto il 27 aprile dalle ore 17:30 ed è molto attesa la sua performance musicale tra dance, elettro pop anni 80 e liriche spinte. Lo spettacolo dal titolo L’età del consenso è tratto dal titolo del suo ultimo album dedicato all’epoca del consenso sessuale in Italia.
Lo stesso giorno, insieme a Dario Massa, sarà protagonista in Sala Di Matteo alle ore 11:00, per raccontare la genesi del loro ultimo gioco Dogma: A Clash of religions.

Giorgio Vanni è un’artista conosciuto principalmente perché è la voce delle sigle dei cartoni animati che hanno accompagnato l’adolescenza della generazione degli anni novanta ad oggi. Il Re delle sigle alle ore 18 del 26 aprile presenterà un mini live show dal titolo Toon Tunz anteprima Tour e non mancheranno i brani di famose sigle come: Gormiti, Yu-Gi-Oh, Cavalieri dello zodiaco, Pokémon, Zoids, Holly e Benji , Dragon Ball, Beyblade, L’incredibile Hulk, Superman, Lupin.

I Loverin Tamburin sono giapponesi di Hiroshima ed è una cover band tra le più popolari per appassionati di anime e manga giapponesi. Sailor Moon, Dragonball Z, Pokemon, Saint Seiya sono solo alcuni degli anime di cui il gruppo ha cantato le sigle e le theme song, con talmente tanta emozione e sentimento da non considerarle più canzoni “di qualcun altro”, ma rendendole loro. La cantante ha anche pubblicato nel 2008 un album di cover delle soundtrack dei film di animazione dello studio Ghibli, film che hanno toccato profondamente il cuore dell’artista. La band tuttavia non si dedica solo alle cover, ma pubblica anche canzoni originali che stando alla cantante, nascono dalla quotidianità che la band vive ogni giorno.

Completano il cast di Comicon Live! Stage 2019:

comicon napoli

Nanowar of Steel, gruppo che suona happy-metal; HITT artista giapponese molto atipico, anche per gli standard del J-Rock. Cantante, compositore e musicista dal personalissimo stile, riesce a mescolare nella sua musica influenze varie, dai ritmi rock alle ballate jazz. Ha composto più di 150 canzoni per vari artisti; le Forward Crew che è un gruppo di ballo composto da quattro ballerine; invece Stefano Bersola è autore di brani che hanno fatto appassionare innumerevoli fan e sostenitori della casa Yamato Video; ed ha recentemente  presentato il suo secondo album Anime Duet, una raccolta di alcune tra le più famose sigle, in una veste completamente rinnovata insieme a Luigi Lopez; mentre Guiomar Serina è uno dei quattro pilastri dei Cavalieri del Re, cantante di Gigi la trottola, Ransie la strega, Mach 5 e altri successi; infine
Pietro Ubaldi è tra le voci più amate dei cartoni animati (doppiatore e cantante di molte sigle con Cristina D’avena).

Alcuni dei personaggi a cui ha dato la voce sono: Patrick Stella (Spongebob), il gatto Giuliano e Marrabbio (Kiss me Licia), Doraemon, Il Conte Dacula, Taz, Artemis (Sailor Moon), Geoffrey Rush nella saga “Pirata dei Caraibi” nel ruolo di Capitan Barbossa e tanti altri. Infine si esibirà l’artista francese Hoshi è un artista ventiquattrenne di Montpellier che si esibisce con un sound electro-pop in uno spettacolo in cui alterna le composizioni provenienti dal suo album Midnight Sun a canzoni K-Pop. Nel suo repertorio non manca la J-Music tratta da animazione e videogames, remixata in stile elettronico. Chiudono i napoletani X-35: spirito Brit, suoni Rock e melodie Pop sono gli ingredienti principali. Come da tradizione la musica dal vivo ha sempre uno spazio importante a Comicon che come una missione offre alle migliaia di appassionati di fumetti anche l’opportunità di conoscere nuovi talenti del panorama musicale non convenzionale.

Il COMICON Live! Stage 2019 è a cura di Freak Out & Ochacaffe’ Giappone, due partner che da diversi anni ormai portano a COMICON tantissima musica e una dirompente carica di allegria e buon umore!

Continua a leggere

Eventi

Coldplay, il trailer del docufilm dedicato alla band di Chris Martin

Pubblicato

:

Evento assolutamente da non perdere il documentario intitolato A head full of dream dedicato ai Coldplay. Intitolato come l’ ultimo album della band inglese guidata da Chris Martin, il prossimo 14 novembre 2018 arriverà nei cinema di tutto il mondo per raccontare la loro storia, dalle origini fino ad oggi, mostrando a tutto il pubblico la loro crescita artistica a livello mondiale.

Diretto da Mat Whitecross, già noto ai Coldplay per essersi occupato della regia di diversi videoclip, all’interno del docufilm verranno ripercorsi alcuni momenti cruciali della vita artistica iniziata nel 1997. Si vedranno immagini inedite del dietro le quinte, riprese durante il backstage dei loro concerti tratte proprio dall’ultimo tour A head full of dream.

Atteso da milioni e milioni di fan, questo film sarà proiettato in anteprima mondiale in collaborazione con Trafalgar Releasing, in oltre duemila cinema sparsi per tutto il mondo. Per avere maggiori informazioni potrete consultare il sito della nexodigital.it per vedere il vostro cinema più vicino e prenotare il vostro biglietto. Per coloro i quali, non dovessero riuscire ad acquistare il ticket, dopo due giorni, il documentario verrà distribuito dal servizio on demand di Amazon, Prime Video.

Siete pronti a cantare per la prima volta al cinema le canzoni dei Coldplay?

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Aprile, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Maggio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X