Connect with us
attenti a quelle due attenti a quelle due

Cinema

Attenti a quelle due, un remake dal sapore fin troppo superficiale

Published

on

Lonnie (Rebel Wilson) frequenta compulsivamente chat per incontri alla ricerca di un uomo, ma lo schema è sempre lo stesso e ogni volta il momento dell’appuntamento si rivela un attimo atroce di frustrazione di fronte alla delusione dei potenziali partner che non apprezzano il suo fisico “formoso”. Per reazione o forse proprio per vendetta, la squattrinata Lonnie ha così dato vita a una sorta di stratagemma per spillare soldi ai malcapitati, convincendoli a sganciare somme per sopperire alle spese e disgrazie (sempre diverse) di una presunta sorella ben più “gnocca” di lei. Uno stratagemma apparentemente vincente e che si basa sul concetto lampante di una razionalità maschile messa facilmente fuori gioco dalla debolezza innescata da una potenziale super-preda da conquistare.

due

Josephine (Anne Hathway) ha invece classe da vendere e tutti i numeri giusti (fisici e mentali) per raggirare ogni uomo facoltoso che si trovi sul suo cammino. Affinando tecniche e strategie, e con il supporto di due fidi “aiutanti” è diventata così una delle truffatrici più chic e ricche di sempre, con quattrini e gioielli di ogni tipo, senza contare la paradisiaca megavilla affacciata sulla costa azzurra. Finite per caso una sulla strada dell’altra, le due truffatrici proveranno a mettersi in affari, anche se poi il business del raggiro del prossimo – si sa – non ammette più di tanto il gioco di squadra.

Remake de I due figli di Frank Oz del 1988, a sua volta remake de I due seduttori del 1964 di Ralph Levy, Attenti a quelle due di Chris Addison pare purtroppo essere la versione impallidita (più che sbiadita) dell’idea del film originale. Nel passaggio dalla coppia David Niven e Marlon Brando alla coppia Michael Caine e Steve Martin per finire infine con questa rivisitazione tutta al femminile che vede come due protagoniste Anne Hathaway e Rebel Wilson, la connotazione ironica della storia sembra infatti essere in un certo senso ammodernata e “traviata”. Costruito su un divertissement assai greve e sboccato che si fonda in primis sulla discriminazione fisica tra le due protagoniste, che si riempie strada facendo di una serie di battutacce a sfondo sessuale e si chiude in un buonismo di pacificazione fuori tempo massimo, Attenti a quelle due ha in effetti il gravissimo problema di viaggiare su una superficialità a dir poco inconcludente.

due film

Nella mala-condotta, nei vizietti, e nel fondamentale sfruttamento della debolezza emotiva o del sentimento di compassione altrui, il film di Chris Addison opera infatti sul filo sottile dell’ironia del bullismo senza mai trovare un approfondimento di contenuti che possa (in qualche modo) generare una riflessione in più, una risata sincera o una partecipazione convinta di fronte alla storia.

Attenti a quelle due, un remake dal sapore fin troppo superficiale
2.5 Punteggio
Pro
Cast, Regia
Contro
Sceneggiatura greve, superficialità
Riepilogo Recensione
Remake tutto al femminile de I due figli di Frank Oz del 1988, Attenti a quelle due è commedia superficiale ed effimera, costruita tutta su dialoghi sboccati e gag legate a doppio filo alle debolezze umane, e che manca (infine) di trovare la giusta profondità per dare alle rocambolesche vicende narrate qualcosa in più della semplice ironia da “comari di cortile”.
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

In me la passione per il cinema non è stata fulminea, ma è cresciuta nel tempo, diventando però da un certo punto in poi una compagna di viaggio a dir poco irrinunciabile. Harry ti presento Sally e Quattro matrimoni e un funerale sono da sempre i miei due capisaldi in fatto di cinema (lato commedia), anche se poi – crescendo e “maturando” – mi sono avvicinata sempre di più e con più convinzione al cinema d’autore cosiddetto di “nicchia”, tanto che oggi scalpito letteralmente nell’attesa di vedere ai Festival (toglietemi tutto ma non il mio Cannes) un nuovo film francese, russo, rumeno, iraniano, turco… Lo so, non sono proprio gusti adatti ad ogni palato, ma con il tempo (diciamo pure vecchiaia) si impara anche ad amare il fatto di poter essere una voce fuori dal coro...

Cinema

Festival di Cannes | Annette di Leos Carax aprirà la prossima edizione

Published

on

La prossima edizione del Festival di Cannes è ufficialmente ancora confermata per luglio (nonostante si rincorrano le voci di un possibile rinvio). Il direttore Thierry Fremaux continua quindi come se niente fosse la preparazione della 74esima edizione, che si aprirà con Annette di Leos Carax, attesissimo film con protagonisti Adam Driver e Marion Cotillard. Si tratta del primo film inglese del regista di culto, che nel 2012 sconvolse la platea del festival francese con il suo Holy Motors

Annette apre il Festival di Cannes

Il film di Carax, che sarà in concorso, era uno di quei titoli già pronti lo scorso anno che hanno deciso di aspettare il 2021 (l’anno scorso, infatti, il Festival di Cannes è stato cancellato). Sarà distribuito in contemporanea nelle sale cinematografiche francesi, che puntano proprio sulla passione dei loro spettatori per questo tipo di cinema d’autore per rilanciare la stagione. La selezione ufficiale di Cannes 2021 verrà annunciata a fine maggio. La giuria internazionale di questa edizione, la 74esima, sarà presieduta dal regista Spike Lee.

Annette è un “musical romantico” con canzoni originali composte dagli Sparks, la rock band alternativa fondata nel 1971 da Ron e Russell Mael, a cui recentemente Edgar Wright ha dedicato un documentario presentato al Sundance. Vi proponiamo qui sotto il trailer originale, con sottotitoli in francese.

Annette – il trailer

Continue Reading

Cinema

Bud Spencer Museum | un museo dedicato all’attore nel cuore di Berlino

Published

on

Un mito come l’attore Bud Spencer, all’anagrafe Carlo Pedersoli non morirà mai. Una frase apparentemente banale ma che dentro di sé contiene una grande verità. A giugno saranno 5 anni da quando l’attore napoletano, noto per i suoi film in coppia con l’amico fraterno Terence Hill ambientati nel vecchio West e non solo. Proprio per celebrare la sua carriera a Berlino aprirà i battenti il Bud Spencer Museum.

Cosa verrà mostrato nel museo dedicato a Bud Spencer?

La famiglia Pedersoli composta dai tre figli Giuseppe, Christiana e Diamante sono stati i primi fautori alla realizzazione di questo museo dedicato al grande attore di origini napoletane. Scomparso all’età di 86 anni nel 2016, grazie alla realizzazione di questo museo sarà possibile mostrare tutti quei cimeli e ricordi del passato che hanno contribuito a renderlo uno degli attori più seguiti e apprezzati in tutto il mondo. Tra i suoi fan più accaniti, l’attore americano Russel Crowe, come dichiarato dallo stesso in un’intervista durante la presentazione del film Nice Guy.

Cosa verrà mostrato in questa mostra unica nel suo genere? È stata una delle prime domande poste dai chi è cresciuto con i suoi film e continua a farlo ancora oggi. Negli esclusivi spazi del palazzo Römischer Hof sul centralissimo boulevard Unter den Linden, per un anno saranno esposti centinai di oggetti privati e di scena che hanno fatto parte del suo percorso artistico.

Leggi anche: Addio Bud Spencer, l’ ultima parola del gigante buono è stata “Grazie”

Leggi anche: The Nice Guys, il folle buddy movie con Russell Crowe e Ryan Gosling

L’omaggio della famiglia Pedersoli

La mostra di Berlino dedicata a Bud Spencer verrà realizzata dopo la prima esposizione avvenuta al Palazzo Reale di Napoli verso la fine del 2019. Iniziativa che venne accolta dai fan italiani e internazionali con grande entusiasmo. Oltre alla presenza di oggetti che susciteranno nello spettatore ricordi e sorrisi, ci saranno anche ospiti internazionali e spettacoli unici nel loro genere.

Tutte le informazioni per accedere alla mostra su Bud Spencer

Dal 27 giugno fino al 30 giugno 2022, circa 500 m² saranno riempiti da foto inedite, locandine dei film, costumi originali e oggetti di scena di oltre 50 film. Di seguito, le informazioni utili per poter visitare il Bud Spencer Museum – Piedone a Berlino situato in Römischer Hof, Unter den Linden 10, 10117 Berlin.

Aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 20, sarà possibile chiedere informazioni e acquistare i biglietti ai seguenti indirizzi: bulldozer@budspencer-museum.com ; www.budspencer-museum.com . Il costo del ticket per accedere alla mostra è di 12 euro per gli adulti; 10 euro per i ridotti e 8 euro per i bambini.

Continue Reading

Cinema

Profeti | al via le riprese del nuovo film diretto da Alessio Cremonini

Published

on

Dopo tre anni dall’uscita del film Sulla mia pelle con Alessandro Borghi il regista Alessio Cremonini è pronto a tornare dietro la macchina da presa. Dopo aver raccontato la tragica morte di Stefano Cucchi nella sua opera prima, il nuovo progetto cinematografico intitolato Profeti sarà incentrato su una storia inventata.

Le riprese del nuovo film di Alessio Cremonini

Circa una settimana fa, sono iniziate ufficialmente le riprese del film Profeti scritto dalla sceneggiatrice Monica Zapelli e diretto dal regista Alessio Cremonini. La fotografia e il montaggio sono stati affidati rispettivamente a Ramiro Civita e Marco Spoletini.

Ambientato in Puglia, le riprese terranno impegnate la troupe e gli attori per circa sei settimane. Il film è stato prodotto da Cinema Undici e Lucky Red con Rai Cinema, con il contributo dell’Apulia Film Commission e con il sostegno della Direzione Generale Cinema e audiovisivo. Senza dubbio, notizie come questa fanno ben sperare in una ripresa dell’industria cinematografica italiana.

Leggi anche: Venezia 75, Sulla mia Pelle: la storia di Cucchi in un film asciutto con personaggi senza volto

Leggi anche: Venezia 75: Sulla Mia Pelle, Alessandro Borghi: “La storia di Stefano Cucchi è una ferita ancora aperta”

La trama di Profeti

A differenza del precedente film, questa è una storia di finzione incentrata sul rapimento di
una giornalista nel Medio Oriente e sul suo periodo di detenzione. Il ruolo di protagonista è stato affidato alla bravissima Jasmine Trinca, attrice diretta dal regista nel film Sulla mia pelle, interpretando la sorella della vittima, Ilaria Cucchi. Insieme a lei, a condividere la scena ci saranno anche Isabella Nefar e Ziad Bakri.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari