Connect with us
Daredevil - Il nuovo capolavoro della Netflix

Netflix

Daredevil: il nuovo capolavoro della Netflix

Published

on

Risale al 2003 lo scult diretto da Mark Steven Johnson e interpretato da Ben Affleck, Jennifer Garner e Colin Farrell che, con scarso successo, portò al cinema Daredevil, il celebre fumetto creato da Stan Lee e Bill Everett nel 1964; un film che, a dispetto dei 180 milioni di dollari incassati worldwide, non centrò l’essenza del primo e ultimo super-eroe non vedente della storia dei comics e dei cinecomics. Fortunatamente dodici anni dopo la Netflix e la Marvel, su ispirazione della nuova trilogia di Batman di Christopher Nolan, dedicano a Matt Murdock una serie televisiva caratterizzata da azione, ritmo e sfumature dark. Stiamo parlando di Daredevil, il brillante show creato da Drew Goddard e interpretato da Charlie Cox, Deborah Ann Woll, Elden Henson, Rosario Dawson, Stephen Rider e Vincent D’Onofrio che racconta la storia di Matt Murdock (Charlie Cox), un avvocato che di notte si trasforma in Daredevil, un supereroe che tenta di eliminare la corruzione che infesta la città di New York. Il telefilm ovviamente parte dalle origini, mostrandoci attraverso interessanti flashback l’adolescenza di Matt, il figlio di un pugile che, avendo perso improvvisamente la vista, sviluppa gli altri sensi per diventare il super-eroe che tutti conosciamo.

daredevil centro

La serie, composta da tredici episodi di un’ora, presenta alcuni aspetti vincenti come le incredibili scene di combattimento, gli effetti speciali degni dei cinecomics, l’uso non indifferente della violenza e finalmente un protagonista degno di interpretare un super-eroe fino a oggi poco considerato nell’universo Marvel: Daredevil è parte di un piano più grande – ha rivelato lo showrunner Steven S. DeKnightabbiamo parlato di alcune cose interessanti per la seconda stagione ma non posso dire di più. È fantastico lavorare a questa serie perché è più adulta e cruda rispetto ad altri lavori della Marvel; ma la violenza non è mai gratuita perché la storia non li richiede e lo show ne soffrirebbe se ci spingessimo oltre. E il pubblico e la critica mondiali hanno apprezzato questa versione 2.0 del celebre diavolo rosso che, almeno nelle prime puntate, lotta con un semplice costume nero: Alla fine indosserà il costume classico – ha continuato DeKnightnon sarebbe Daredevil senza di esso. Arrivare a quella meta è parte del divertimento.

La prima serie di Daredevil è disponibile su Netflix dal 22 ottobre 2015 mentre la seconda stagione debutterà nel 2016.

TRAILER

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Cinema

Ma Rainey’s Black Bottom | l’ultima apparizione di Chadwick Boseman

Published

on

mrbb 1200

La versione cinematografica dell’opera teatrale di August Wilson del 1982 segna l’ultima apparizione di Chadwick Boseman, giovanissimo attore tragicamente scomparso quest’anno a causa di un tumore. Il film è ora disponibile su Netflix.

Ma Rainey’s Black Bottom | razza e potere

Didascalico e teatrale, ma anche ferocemente e violento nella sua densissima narrazione: Ma Rainey’s Black Bottom, disponibile su Netflix, è un’opera di passione e dolore. Il film segue le vicissitudini di un gruppo di musicisti afroamericani in uno studio di Chicago di proprietà di ricchi industriali bianchi in una giornata soffocante negli anni ’20, in attesa che la leggendaria cantante blues Gertrude “Ma” Rainey si presenti con il suo entourage in modo da poter completare la sessione di registrazione del suo nuovo album. La traccia principale dell’album è anche il suo successo dal vivo, Black Bottom di Ma Rainey, quello per cui è conosciuta da tutti. Ma un trombettista invadente della band (Levee) insiste affinché venga registrata la sua versione del pezzo. Una discussione agguerrita su come arrangiare ed eseguire il brano diventa un confronto su razza, sesso e potere.

ma raineys black bottom t

L’addio a Chadwick Boseman

Impossibile, guardando il film, non pensare al fatto che quella in Ma Rainey’s Black Bottom sia l’ultima apparizione di Boseman sullo schermo: un glorioso spettacolo per congedarsi dalle scene. Lui e Viola Davis sono entrambi oggetti inamovibili del racconto e forze irresistibili della narrazione. Ironicamente, entrambi si preoccupano tantissimo dei propri piedi. Il povero Levee ha appena speso ogni centesimo per un paio di scarpe luccicanti e fiero le mette sempre in mostra, saltellando e ballando come un ragazzino. I piedi di Ma Rainey, invece, sono tutt’altro che a loro agio. La vediamo scendere le scale del suo hotel con grande difficoltà, eppure la sua andatura ondeggiante e pesante è ciò che impone la sua autorità sugli altri. Può indossare un paio di comode pantofole da interno in studio e si muove solo quando lo decide lei. 

Una situazione esplosiva

Ma rifiuta furiosamente la nuova versione, intuendo – accuratamente – che accettarla significherebbe mettersi in secondo piano e che Levee potrebbe così usare il prestigio guadagnato come trampolino di lancio per la propria celebrità. L’unico maschio che può permettersi di farsi bello con la sua musica è il nipote adolescente Sylvester (Dusan Brown), che lei capricciosamente vuole rendere showman, nonostante la balbuzie. Per aumentare la tensione, la splendida ragazza di Ma, Dussie Mae (Taylour Paige), è pericolosamente innamorata di Levee. Tutti elementi che determineranno una situazione destinata ad esplodere in uno splendido finale.

Nessuna recensione trovata! Inserire un identificatore per la recensione valido.

Continue Reading

Cinema

Mank | il nuovo film di David Fincher è il capolavoro tanto atteso di questo 2020?

Published

on

mank film

David Fincher, con il suo nuovo, attesissimo, Mank, disponibile su Netflix, descrive l’età dell’oro di Hollywood come un susseguirsi di cialtronerie e racconta la grande industria cinematografica statunitense come un covo di individui biechi a cui interessa pochissimo l’esito artistico o anche solo la realizzazione di qualcosa di buono.

Mank | il mito di Orson Welles

La nuova opera di David Fincher è capace di saltare tra presente e passato in modi strani e inattesi ma sempre significativi, di descrivere molto bene il potere nella sua forma più pura, di usare e sfruttare il mito di Orson Welles per la rinascita idealista di Hermann J. Mankiewic, il protagonista del film (e sceneggiatore di Quarto Potere). Ma è chiaro fin da subito che quella raccontata in Mank non è solo la storia della realizzazione del film più noto di Orson Welles e nello specifico di come il suo sceneggiatore abbia prima vissuto, poi messo in sceneggiatura (unendo finzione a realtà) i temi fondamentali di quel film passato alla storia, ma è anche pensata per somigliare nella struttura, nei richiami e in molte soluzioni ad esso (e per estensione al cinema di quell’epoca).

mank 1

Un’opera di straordinario artigianato

Senza alcun dubbio Mank è un’opera di straordinario artigianato. Lo scenografo Donald Graham Burt e la costumista Trish Summerville prendono spunto da Welles, evocando il glamour e la grinta della California degli anni ’30 e dei primi anni ’40 con il loro estro ormai consumato, decadente. La colonna sonora, mutevole e cangiante, composta da Trent Reznor e Atticus Ross si muove tra le influenze di Bernard Herrmann e la big band jazz di quegli anni. Le abili transizioni di scena e le dissolvenze del montatore Kirk Baxter sono un gustoso elemento nostalgico, così come il sound design monofonico d’epoca che completa il pacchetto “retrò deluxe”. Ma è Erik Messerschmidt (già direttore della fotografia per Mindhunter) a dominare il film. Mank, ripreso digitalmente con la tecnologica “Hi-Dynamic Range”, vive soprattutto grazie alle sue sontuose immagini in bianco e nero e all’attenzione posta da Fincher e dai suoi collaboratori nel richiamare anche visivamente il capolavoro di Welles (dal chiaroscuro alla messa a fuoco).

mank 04

Quella di David Fincher è un’operazione nostalgia portata al massimo livello di sofisticazione, un’imitazione del cinema anni ‘40 che tuttavia appare sempre falsa, perché per quanto possa emulare la pellicola con il digitale, usare le librerie di suoni dell’epoca, inquadrature dell’epoca, musiche d’epoca e luci dell’epoca, il film è pieno di soluzioni di scrittura contemporanee e retto da un tipo di recitazione modernissima.

Cosa manca?

La costante ossessione alla citazione diventa però facilmente attaccabile quando ci si rende conto che Mank non ha niente a che vedere con il film di Welles di cui racconta la genesi: non è l’indagine su un uomo grande, che il tempo e il sistema hanno svuotato di ogni ideale come modo per criticare un Paese che ne consente l’ascesa, ma semmai la storia di un uomo piccolissimo che ha fatto qualcosa di grande subendo pressioni e venendo continuamente sballottato dalle circostante, essendo incapace di controllarle. Mankiewicz qui è un sottoprodotto di Hollywood che, per una volta nella vita, decide di combinare qualcosa di vero e significativo, ed è disposto a distruggersi per rimanere in piedi fino all’ultima ripresa. Proprio questa evidente differenza tra i due lavori rende forse meno comprensibile (al di là del raffinato estetismo) la scelta di voler assomigliare così tanto a quel modello aureo. Anche perché Mank trova la sua meraviglia proprio in quei momenti in cui riesce a dire qualcosa di nuovo e, soprattutto, di diverso.

Nessuna recensione trovata! Inserire un identificatore per la recensione valido.

Continue Reading

Netflix

Anya Taylor-Joy | le insicurezze sulla sua bellezza nonostante il successo

Published

on

la regina degli scacchi2 newscinema compressed

Senza offendere nessuno, ma se c’è qualcuno che più di altre sta ottenendo un successo grandioso, questa è l’attrice Anya Taylor-Joy con la sua serie La regina degli scacchi disponibile sulla piattaforma Netflix. Eppure, nonostante stia raccogliendo elogi da parte di pubblico e critica, la dolce protagonista in una recente intervista ha dichiarato alcune cose sul suo aspetto fisico che non le permettono di godersi totalmente questo momento.

Le dichiarazioni di Anya Taylor-Joy

Come anticipato poco fa, Anya Taylor-Joy ha parlato a cuore aperto in merito al suo aspetto esteriore che le complica l’esistenza da anni. A quanto pare, la sua figura senza dubbio particolare e affascinante, per lei è motivo di dubbi, di incognite. In altre parole, non si trova bella e per tanto, ecco cosa ha dichiarato: “Non mi sono mai vista bella e credo che mai mi vedrò così. Non credo di essere abbastanza bella da recitare nei film. Sembra patetico e il mio ragazzo mi ha già avvisato che la gente potrebbe pensare che sono una stron*a a dire certe cose, ma credo di avere un aspetto strano.

Poi ha aggiunto: “Non mi piace andare al cinema a vedere i miei film, li guardo prima. La cosa bella di farlo da sola è che non sono costretta a guardarmi la faccia sul grande schermo.”

Leggi anche: La Regina degli Scacchi | la precoce consacrazione di Anya Taylor-Joy

la regina degli scacchi newscinema compressed

Leggi anche: Emma. | La recensione del film con Anya Taylor-Joy

Le difficoltà legate al film Emma

Riprendendo sempre delle dichiarazioni rilasciate dalla stessa, l’argomento ‘insicurezze’ si è ampliato ancora di più, quando è stato citato il film Emma. Vi consigliamo di leggere anche la recensione del film disponibile in digitale da qualche mese. “Ho avuto davvero un attacco di panico con Emma perché ho pensato: “Sono la prima Emma brutta e non posso farlo” perché la prima battuta che dice nel film è: “Sono bellissima, intelligente e ricca”.

Sicuramente questa sentirsi inferiore – almeno nell’aspetto fisico – rispetto ad altre colleghe è stato causato anche da alcuni episodi di bullismo, dei quali è stata protagonista da giovanissima. Fortunatamente per lei, grazie all’arrivo provvidenziale di Sarah Doukas, fondatrice dell’agenzia di moda Storm Model Management, la sua vita è cambiata radicalmente.

Prima di congedarsi, Anya Taylor-Joy ha dichiarato di apprezzare chi invece la reputa bella, nonostante la sua idea: “Mi sono costretta nella vita ad accettare i complimenti. Se qualcuno mi dice che oggi sono bella, gli dico grazie.”

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari