Il film di Diego Quemada-Díez, già premiato al Certain Regard dell’ultimo Festival di Cannes e prossimamente in Italia distribuito da Parthénos, ha vinto il Grifone d’oro come miglior film, il Grifone di alluminio – Premio CIAL per l’ambiente e il Grifone di cristallo – Banca della Campania. Grande successo a Giffoni per LA JAULA DE ORO: il film di Diego Quemada-Díez, che sarà distribuito in Italia da Parthénos, dopo aver vinto a Cannes il premio A Certain Talent Prize della sezione Un Certain Regard e il Premio Gillo Pontecorvo, conquista tre nuovi e prestigiosi riconoscimenti.

I giurati della sezione Generator +16 di Giffoni Experience 2013 hanno infatti assegnato all’opera prima di Quemada-Díez il Grifone d’oro come miglior film, a cui si aggiungono il Grifone di alluminio – Premio CIAL per l’ambiente (il regista – si legge nella motivazione – “grazie a riprese aeree mozzafiato porta lo spettatore in territori bellissimi e selvaggi”) e il Grifone di cristallo – Banca della Campania (“per la sensibilità ed il coraggio avuto nel raccontare un viaggio oltre ogni tipo di frontiera”). LA JAULA DE ORO racconta la storia di Juan, Sara e Samuel, tre adolescenti dei quartieri poveri del Guatemala che cercano di raggiungere gli Stati Uniti d’America, alla ricerca di una vita migliore. Lungo il loro cammino attraverso il Messico, incontrano Chauk, un indio del Chiapas che non parla lo spagnolo e gira senza documenti. Il viaggio è lungo, a bordo dei treni merci o seguendo a piedi i binari delle ferrovie, e porterà i ragazzi verso un’imprevedibile realtà.

Mi interessa girare film saldamente radicati nella nostra società contemporanea. Il realismo ha in sé tutto: la fantasia e la ragione, la sofferenza e l’utopia, la felicità e il dolore della nostra esistenza” (Diego Quemada-Díez)