Connettiti a NewsCinema!

News Teatro

Green Day’s American Idiot, il musical a Gennaio in Italia

Pubblicato

:

Dopo Broadway e Londra, nel 2017 arriva finalmente in Italia “Green Day’s American Idiot”, il musical scritto da Billie Joe Armstrong, con le musiche dei Green Day.

La produzione italiana di “Green Day’s American Idiot” con la regia di Marco Iacomelli, recitata in italiano, con band dal vivo e canzoni nella versione originale, debutterà a livello nazionale il 21 e 22 gennaio al Teatro Coccia di Novara e proseguirà dal 26 gennaio al 12 febbraio al Teatro Della Luna (Assago – MI).

Il musical “Green Day’s American Idiot”, una co-produzione STM – Scuola del Teatro Musicale, Fondazione Teatro Coccia e Reverse Agency, con il sostegno di Fondazione CRT, si inserisce nel rivoluzionario filone italiano del teatro musicale contemporaneo accanto a “Next To Normal”, sempre diretto da Marco Iacomelli nel 2015. “Green Day’s American Idiot”, unico nuovo musical in Italia nella stagione 2016/17 tratto da un successo discografico, è un prodotto teatrale innovativo che affronta tematiche distanti dalla tradizione italiana del teatro musicale dal momento che non presenta realtà edulcorate.

“Green Day’s American Idiot”, vincitore nel 2010 di due Tony Awards® e del Grammy Award come miglior Musical Show Album, è tratto dall’omonimo disco di platino del 2004 che, ad oggi, ha venduto oltre 15 milioni di copie nel mondo. Amore e ribellione secondo il più celebre gruppo punk rock statunitense: “Green Day’s American Idiot” racconta la crescita di tre giovani amici, Johnny, Will e Tunny, alla ricerca di un senso della loro vita in una società fortemente influenzata dai media, apatica e senza prospettive.

“Green Day’s American Idiot” è ispirato alla epica rock opera “Tommy” degli Who e per Billie Joe Armstrong rappresenta, dal giorno del debutto mondiale, non solo un modo per raccontare la sua vita e quella dei suoi due amici/colleghi Mike Dirnt e Tré Cool, ma anche un nuovo mezzo espressivo per proporre una lettura critica della società.

Nel settembre 2009 “Green Day’s American Idiot”, con la regia di Michael Mayer grazie alla quale ha vinto anche il Drama Desk Award, ha debuttato al Berkeley Repertory Theatre, nella città natale dei Green Day, diventando dopo 6 mesi uno spettacolo di successo a Broadway, al St. James Theatre. A Londra debutta nel 2015 all’Arts Theatre con la regia di Racky Plews. “Green Day’s American Idiot” è un ritratto del disagio giovanile post-adolescenziale, un “racconto di formazione” ambientato in un recente passato nella periferia suburbana di una grande città. Le tematiche affrontate sono senza tempo e senza luogo, ma hanno radici nella biografia dei componenti dei Green Day, nella contestazione della società americana dopo l’11 settembre, del governo Bush ieri, quando è stato pubblicato l’album, e della presidenza Trump oggi.

Per raccontare le vicende dei tre protagonisti di “Green Day’s American Idiot”, il regista Marco Iacomelli ha selezionato, tra oltre 700 candidati, giovani performer di talento, alcuni al loro debutto nel teatro professionale: per ritrarre la nuova generazione di giovani americani è stata scelta una nuova generazione di attori italiani. Ivan Iannacci è Johnny, il “Jesus of Suburbia”, specchio del leader dei Green Day, amico di Tunny, intepretato da Renato Crudo, e Will, interpretato da Luca Gaudiano. Mentre i tre ragazzi prendono decisioni coraggiose e si muovono in un mondo senza valori né certezze, sospinti dal ritmo elettrizzante dei Green Day, le loro strade si dividono: Tunny va in guerra, Will rimane a casa per affrontare responsabilità familiari, mentre Johnny incontra St.Jimmy, interpretato da Mario Ortiz, un alter ego seducente e pericoloso che lo avvicina alla lussuria e all’immoralità. Accanto ai ragazzi, Natascia Fonzetti è Whatsername, la ragazza di cui si innamora Johnny, Angela Pascucci è Heather e Giulia Dascoli è Extraordinary Girl.

Le coreografie sono di Michael Cothren Peña, coreografo per la Grande Apertura di Shangai Disney e coreografo associato nel 2014 per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali di Sochi, che dopo la produzione italiana di “Cats”, si misura con l’energia vibrante del punk rock dei Green Day nella creazione dei movimenti per “Green Day’s American Idiot”. Un viaggio emozionale nelle 13 canzoni dell’album “American Idiot”, con alcuni brani dall’album “21st Century Breakdown” pubblicato nel 2009 e una canzone d’amore inedita.

Lo spettacolo è un crescendo di canzoni memorabili e coinvolgenti, piene della potenza dei Green Day, da 21 Guns già videoclip con il cast e la band della versione italiana, Jesus of Suburbia, Boulevard of Broken Dreams, Wake Me Up When September Ends, Holiday e il titolo campione d’incassi American Idiot, oltre a Good Riddance, meglio conosciuta come Time of Your Life.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News Teatro

OPSIS in scena il 4 Maggio a Roma

Pubblicato

:

Lablack comedy “OPSIS”, scritta e diretta da Tommaso Arnaldi, dopo la rappresentazione presso il Teatro Cometa Off di Roma, lo scorso Marzo 2018, all’interno del concorso ShortLAB, torna in scena in occasione del contest “ConCorto 2018”. L’appuntamento è il 4 Maggio 2018 alle ore 21, al Teatro San Genesio di Roma.

Giunto alle semifinali di Short Lab 2018, lo spettacolo ha riscontrato un grande successo, soprattutto grazie a una regia attenta e una sceneggiatura brillante. Nel cast: Martina Corsi, Stella Mastrantonio, Enzo Mascie Raffaele De Vita. 

Sinossi: Sonia e Matteo s’incontrano, casualmente, dopo venti anni, a una cerimonia. Un viaggio attraverso i ricordi di un passato lontano, li porterà a rianalizzare la loro tormentata e passionale storia d’amore. Opsis: il tempo cura ogni ferita…o forse no.

ConCorto 2018: Dopo il successo della prima edizione conCorto torna dal 3 al 6 Maggio 2018 al Teatro San Genesio di Roma, presentando nove cortometraggi selezionati. Questo concorso nasce con lo scopo di promuovere nuovi linguaggi e nuovi autori, mettendo in palio un premio in denaro di 1000 euro e un premio della critica pari a 400 euro. Una giuria popolare è chiamata per giudicare i corti in concorso, mentre la giuria artistica è composta da: Michele Astori, Davide Frasnelli, Veronica Olmi, Renata Savoe Gabriele Tozzi.

Continua a leggere

News

AAA Cercasi Successo, Tommaso Arnaldi al Teatro Anfitrione dal 4 all’8 Aprile

Pubblicato

:

Tommaso Arnaldi è protagonista di AAA Cercasi Successo, la commedia diretta da Pietro Romano che debutta al Teatro Anfitrione di Romail 4 Aprile 2018. Insieme a lui un cast giovane e già attivo nel panorama televisivo e teatrale romano e nazionale: Marco Todisco(“Al posto tuo’’ regia di Max Croci e “Non c’è campo” di Federico Moccia, oltre ad una collaborazione di lunga data con Enrico Brignano); Angelica Perroniattiva in ambito musical con varie apparizioni televisive tra cui ‘’The Alba Show’’.

Tommaso Arnaldi, volto di ‘I Liceali 3 e ‘‘I Cesaroni 5’’, al cinema è stato parte del cast del film horror Hybris nel 2015 In AAA Cercasi Successo interpreta Attilio, un giovane ragazzo pigro e svogliato che vorrebbe fare il musicista. Vive alla giornata superando le difficoltà con la sua astuzia. Mente del gruppo, escogita un piano diabolico per cercare di arrivare al successo.

AAA Cercasi Successosi muove fra gag, situazioni divertenti e battute a ritmi serratissimi. Amore, astuzia, gelosia, sarcasmo e situazioni paradossali sono gli ingredienti di questo piatto che saprà lasciare gli spettatori con in bocca il sapore migliore del mondo: la risata. Una commedia che rappresenta lo spaccato di una generazione che sogna di cambiare il mondo e che, quando non ci riesce, fa fatica ad adattarcisi. Sullo sfondo di una situazione economica di estrema povertà, si muovono le vite dei personaggi di AAA Cercasi Successo.

SINOSSI

Tre ragazzi, uniti da tanta amicizia e pochi euro. Ognuno di loro aspetta solo l’occasione per entrare nel firmamento delle stelle dello spettacolo: c’è il bell’Antonio che sogna di diventare un grande modello e passa le giornate a parlare con i suoi bicipiti sperando che un giorno diventino famosi sui social, il furbo Attilio che si spaccia per musicista e che passa le giornate sognando di sposare una vecchia con tanti soldi per sistemarsi a vita e, infine, il buon Andrea che non sa ancora bene come, ma conta di smettere di fare l’oggetto di scena nelle fiction e di diventare presto un grande attore. Le giornate dei ragazzi sono scandite da un metronomo che oscilla tra l’allegria e lo sconforto, finché nell’appartamento vicino si trasferiscono due ragazze, Giulia e Michelle. La prima allegra, solare, spensierata e un po’ con la testa tra le nuvole è la classica ragazza della porta accanto, non a caso va ad abitare nell’appartamento a fianco a quello dei 3 protagonisti. Michelle, è la modella che condivide l’appartamento con Giulia. È una femme fatale che fa fare agli uomini ciò che vuole, come vuole e quando vuole. Ma forse una di loro può rappresentare l’occasione che i tre ragazzi stavano cercando.

Continua a leggere

News Teatro

Billy Elliot il musical, dal 6 al 22 Aprile al Teatro Sistina

Pubblicato

:

“Io non ho bisogno della mia adolescenza. Ho bisogno di ballare!”: torna a brillare sui palcoscenici italiani la stella luminosa di Billy Elliot, lo spettacolo diretto e adattato in italiano da Massimo Romeo Piparo, che, dopo il grande successo al Teatro Arcimboldi di Milano, torna a “casa” al Teatro Sistina di Romada venerdì 6 a domenica 22 aprile, per poi proseguire la tournée in altre città italiane.

Prodotto da PeepArrow Entertainment e da Il Sistina,“Billy Elliot il Musical” promette nuove emozioni grazie a un cast rinnovato: a vestire i panni del giovane e grintoso ballerino capace di realizzare il suo sogno di danzare sono infatti tre giovanissimi allievi dell’Accademia il Sistina, Tancredi Di Marco, Davide Fabbri e Matteo Valentini. I nuovi Billy Elliot, che durante i corsi dell’Accademia hanno già dimostrato il loro talento, sono pronti a portare sulla scena tutto l’entusiasmo e la creatività della loro giovane età.

Con loro tornano sul palco anche Sabrina Marciano, strepitosa nel ruolo di Mrs. Wilkinson, Elisabetta Tulli e per la prima volta Eleonora Facchini, tre artiste dal grande talento, protagoniste dell’acclamatissimo musical Mamma Mia!. Il pubblico ritroverà anche Luca Biagini nel ruolo del padre Jackie Elliot; Cristina Noci nel ruolo della nonna, Donato Altomare, nel fratello Tony e una strepitosa orchestra dal vivo, con un cast di 30 straordinari performer coreografati da Roberto Croce. Lo spettacolo, basato sull’omonimo film di Stephen Daldry, vanta le musiche pluripremiate di Elton John e vede alla direzione musicale il Maestro Emanuele Friello, alle scene Teresa Caruso, ai costumi Cecilia Betona e all’impianto luci Umile Vanieri.

@Antonio Agostini

La passione per la danza, la tenacia e la fiducia in se stessi sono i cardini di una storia straordinaria, che ha conquistato il cuore del pubblico di ogni età. Billy è un ragazzo che per amore della danza sfida anche l’ottusità di un padre e un fratello che vorrebbero diventasse pugile. A far da sfondo alla sua avventura, che ha nutrito sogni e speranze di intere generazioni di talenti, l’Inghilterra dell’era Thatcher, con le miniere che chiudono e i lavoratori in rivolta, ma anche il mondo della danza, fatto di poesia e di faticose ore di prove. Come in ogni grande storia, ad accendere le emozioni ci pensano grandi valori come l’amore, la determinazione, la voglia di farcela, ma anche l’amicizia tra adolescenti, che riesce a far superare ogni discriminazione di orientamento sessuale.

Basato sull’omonimo film di Stephen Daldry del 2000, Billy Elliot The Musical ha debuttato nel West End (Victoria Palace Theatre, Londra) nel 2005 ed è stato nominato per nove Laurence Olivier Awards – il massimo riconoscimento europeo per i Musical – vincendone ben quattro. L’incredibile successo conseguito ha fatto sì che lo spettacolo approdasse anche a Broadway nel 2008 dove ha vinto dieci Tony Awards – gli Oscar del Musical – e dieci Drama Desk Awards. Sul palcoscenico del Tempio della commedia musicale italiana, nella classe di danza di Billy, anche le allieve dell’Accademia Il Sistina, l’officina multidisciplinare per imparare l’arte del Musical, ideata e fondata nel 2016 da Massimo Romeo Piparo.

Continua a leggere

Facebook

Film in uscita

Ottobre, 2018

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Recensioni

Nuvola dei Tag

Popolari

X